NAPOLI 3-0 VERONA: Partita che si conclude senza sorprese com'era prevedibile, troppo distanti i progetti, le ambizioni e le differenze tecniche tra le due compagini per poter sperare in qualcosa di diverso... Avanti con fiducia per terminare questo disgraziato campionato con l'onore che i nostri colori meritano!

Pubblicato da andrea smarso mercoledì 16 dicembre 2015 22:24, vedi , , , , , , , , , , , | Nessun commento


#NapoliVerona +   -   =

SARRI applica un mini-turnover nel quale vede il campo chi ha giocato meno come MAGGIO, VALDIFIORI, LOPEZ e CHIRICHES ma El Pipita HIGUAIN è regolarmente in campo ed insieme a lui MERTENS ed ALLAN segno che non vuole correre rischi contro un HELLAS molto 'debilitato' dagli infortuni e con la testa ad impegni di ben altra importanza in campionato.
Gialloblù imbottiti di novità a partire dal portiere dove COPPOLA esordisce in maglia scaligera e poi i giovani CHECCHIN e FARES alle prime prove su palcoscenici importanti; PISANO ancora a sinistra e BIANCHETTI 'forzato' a destra mentre al centro della difesa la coppia MORAS-HELANDER.
La prima punta è WSZOŁEK (che prima punta non è) davanti al terzetto JANKOVIĆ-FARES-SILIGARDI
Arbitra il signor Irrati della sezione di Pistoia.

LA GARA
Parte meglio il VERONA ma è il NAPOLI ad andare in vantaggio al 4°: MERTENS lancia HIGUAIN che scatta a sinistra tenuto in gioco da PISANO, arrivato sul fondo crossa rasoterra al centro dove EL KADDOURI tutto libero deposita in rete.
12° Gran gol di MERTENS che parte in dribbling superando prima BIANCHETTI poi MORAS ed entrato in area fulmina l'incerto COPPOLA con una rasoiata!
25° MERTENS pressa MORAS che nel contrasto scivola e lascia campo all'avversario, palla al ficcante HIGUAIN che si presenta a tu per tu con COPPOLA e prova una finezza di troppo cercando un colpo a cucchiaio che non gli riesce e favorisce l'intervento del portiere scaligero.
32° VALDIFIORI lancia a sinistra per MERTENS, BIANCHETTI tenta l'anticipo di testa ed il passaggio a COPPOLA ma la pimpinella cade troppo presto sull'esterno belga che fortunatamente di testa non riesce ad evitare l'uscita del guardiapali gialloblù.
40° Corner sui piedi di HALLFREDSSON appostato al limite, il destro al volo dell'islandese termina a lato.
42° Occasione gol HELLAS: WSZOŁEK appoggia piano sul vertice destro a CHECCHIN che prova il tiro a giro sul palo opposto cogliendo una clamorosa traversa! Sulla ribattuta FARES prova la conclusione di sinistro ma è in fuorigioco...
Dopo un minuto di recupero il signor Irrati termina la prima parte di gara.

0° Finalmente i 130 tifosi scaligeri vengono fatti entrare al San Paolo mentre DELNERI fa il primo cambio: GRECO sostituisce SILIGARDI e VERONA che vira verso il 4-3-3 con CHECCHIN in mezzo a HALLFREDSSON ed al neoentrato e tridente con JANKOVIĆ, FARES e WSZOŁEK.
LOPEZ lascia il posto a HAMSIK nelle fila napoletane.
8° Erroraccio di CHECCHIN che con un retropassaggio lento obbliga COPPOLA ad intervenire con le mani per anticipare HIGUAIN, inevitabile il fallo in favore dei padroni di casa con palla posizionata poco dopo il vertice sinistro dell'area scaligera; sulla punizione di seconda HIGUAIN prova ad aggirare COPPOLA sul palo lontano ma sbaglia.
15° CHECCHIN fa spazio a ZACCAGNI nelle fila scaligere.
16° Calcio d'angolo con blocco non rilevato da Irrati e palla sul destro di HIGUAIN che con una bordata centrale trova il muro di COPPOLA! Palla ancora in corner ed è ancora el Pipita a cercare senza successo la rete...
21° È il turno del giovane azzurro CHALOBAH di scuola CHELSEA, gli fa posto ALLAN...
26° Altro cambio nel NAPOLI, CALLEJON rileva HIGUAIN
29° L'imprendibile MERTENS salta netto FARES e punta la porta, il giovane gialloblù rientra sul belga in maniera nettamente fallosa causando il penalty: Batte HAMSIK spiazzando COPPOLA ma la palla colpisce in pieno il palo destro!
30° Palla dalle retrovie che favorisce l'inserimento a destra di EL KADDOURI, PISANO non riesce ad opporsi al marocchino ex Toro che poco dopo traversa in mezzo all'area dove a CALLEJON non resta che appoggiare in rete per il 3 a 0 comodo comodo dei padroni di casa.
32° Ultimo cambio HELLAS con MORAS che lascia il posto a WINCK: PISANO si sposta sulla fascia destra mentre FARES va a fare il terzino sinistro con BIANCHETTI in mezzo a far coppia con HELANDER mentre l'ex INTERNATIONAL fa l'esterno destro d'attacco...
35° Bella combinazione JANKOVIĆ-WINCK conclusa dal tacco del serbo in area per il brasiliano la cui conclusione non è purtroppo abbastanza potente e REINA blocca a terra.
36° Razzo-MERTENS ha ancora il fiato per penetrare in area circondato da quattro maglie scaligere: Interviene HALLFREDSSON da dietro con uno sgambetto che in altre circostanze il signor Irrati avrebbe forse punito con un altro calcio di rigore...
92° Gara che si chiude con 2 minuti di recupero, dopo questo 3 a 0 il NAPOLI incontrerà l'INTER ai quarti.


LE IMPRESSIONI
Partita che si conclude senza sorprese com'era nelle attese della vigilia, troppo distanti i progetti, le ambizioni e le differenze tecniche tra le due compagini per poter sperare in qualcosa di diverso che paradossalmente avrebbe potuto anche danneggiare un HELLAS tutto concentrato a cogliere i primi 3 punti in campionato, magari proprio Domenica col SASSUOLO.
Le buone notizie arrivano comunque dai giovani CHECCHIN e ZACCAGNI che hanno giocato con buona personalità e fatto vedere qualche dote interessante, continua anche l'ottimo lavoro del mister nel dare organizzazione e geometrie ad una squadra che fino ad un paio di settimane fa era appiattita su un 4-3-3 con palla lunga a TONI che ormai tutti gli avversari conoscevano a memoria (nonostante le numerose porte chiuse agli allenamenti a Peschiera)...
Avanti con fiducia per terminare questo disgraziato campionato con l'onore che i nostri colori meritano!


I VOTI

  • COPPOLA Qualche incertezza nel secondo gol quando il pallone gli passa sotto le gambe ma si rifa alla grande sul missile di HIGUAIN dal limite... Nel complesso una gara sufficiente per lo 'scugnizzo' nello stadio che lo ha lanciato, voto 6
  • BIANCHETTI Da terzino destro soffre le pene dell'inferno contro un MERTENS scatenato che lo ridicolizza ad ogni 1 contro 1, quando si sposta al centro ormai la partita è finita da tempo... Voto 5
  • MORAS Solita gara autorevole da 'boss' della difesa ma oggi il compito era di quelli impossibili... Voto 6 (gli subentra WINCK al 77°: Inspiegabilmente non trova mai posto nemmeno quando la rosa è in emergenza ma sfrutta il poco tempo a disposizione al massimo delle sue capacità e questo prima o poi lo premierà, riesce pure ad andare al tiro: voto 6)
  • HELANDER Sta crescendo con la guida di Lele ma la strada è ancora lunga... In ogni caso Filip si distingue in qualche contrasto particolarmente ben riuscito: Voto 6
  • PISANO Solita sofferenza quando viene infilato dai veloci contropiedi avversari mentre in fase di spinta è praticamente nullo, voto 5,5
  • CHECCHIN Meglio nel primo tempo quando addirittura coglie una traversa clamorosa, nel secondo cala e quell'errore nel retropassaggio a COPPOLA è gravissimo per uno che ambisca alla Serie A ma il ragazzo c'è e si farà... Voto 6 (gli subentra ZACCAGNI al 60°: Si lancia su tutti i palloni e verso la fine parte come un razzo dopo aver intercettato palla a HAMSIK... Personalità da vendere, mezzi tecnici interessanti, il futuro del VERONA potrebbe passare anche da lui: Voto 6)
  • HALLFREDSSON Dovrebbe essere la fantasia in mezzo al campo ed in effetti ogni tannto il talento islandese si accende con qualche fiammata delle sue anche se non è questa la gara in cui si esige il miglior Emil che sicuramente starà scaldando i motori per Domenica, voto 6
  • JANKOVIĆ Spostato a destra a sinistra o al centro il risultato è sempre il medesimo: Bosko continua a vagare per il campo in cerca di sè stesso senza essere mai minimamente produttivo, voto 5
  • FARES Il giovane talento scaligero è al rientro da mesi di sofferenza dopo la frattura subita ad inizio campionato e anche lui è alla ricerca del sè migliore che nella Primavera ha già ampiamente mostrato, anche lui è da aspettare con fiducia: Voto 6
  • SILIGARDI Vale più o meno quanto detto per JANKOVIĆ con la sola differenza che Luca da l'impressione di impegnarsi un pizzico di più, voto 5,5 (gli subentra GRECO al 46°: Un tempo senza lasciare traccia, voto 5)
  • WSZOŁEK Cerca di rendersi utile ma gli riesce raramente, mai una fiammata ne un dribbling ad effetto ma negli schemi del mister potrebbe rendersi utile avendo corsa e numeri che ancora non ha peraltro fatto vedere, voto 5
  • DELNERI Mette in campo un 11 ricco di novità nell'intento di fare un passo avanti nella conoscenza della squadra, di chi ha giocato meno e dei giovani ottenendo qualche risposta positiva e qualche triste conferma... La vera sfida è la prossima di campionato (e le altre 21), voto 6
[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.com]



DICONO +   -   =

Mister SARRI tecnico del NAPOLI «Son contento perché la squadra ha avuto un ottimo approccio, nonostante lo stadio fosse deserto. Era una gara ad eliminazione diretta per cui, in queste situazioni non è mai facile. L’attenzione deve essere massima». Così Maurizio Sarri, in conferenza stampa, nel post-match di Coppa Italia contro il Verona. Prosegue l’allenatore partenopeo: «Lottare su tutti e 3 i fronti? La società se lo riterrà opportuno ricorrerà al mercato, ma anche se non dovesse farlo, il nostro impegno non mancherà. Se non ci saranno rinforzi, vorrà dire che molti giocatori che abbiamo ora, giocheranno di più. Dovranno esprimersi nel miglior modo possibile e sarà mio compito farli crescere. Problemi in attacco? Nessuno! Il Napoli ha fatto 34 gol in casa, 3 di media a partita per cui non sfidiamo la matematica, lanciando allarmismi inutili» TGGialloBlu.it

Mister DELNERI «Esperienza positiva per i giovani, che hanno giocato con grandi campioni. Noi abbiamo fatto quello che potevamo, è comunque un'esperienza positiva al di là del risultato. La trasferta di Napoli era una missione non impossibile ma complicata, dobbiamo recuperare alcuni giocatori importanti, non possiamo permetterci di perdere giocatori oggi in vista della gara col Sassuolo. Abbiamo sofferto il giusto, giocando contro una grande squadra. Sono contento per Sarri che è un tecnico che stimo molto, ha idee fresche e dinamiche, al Napoli il mio più grande in bocca al lupo in vista della corsa scudetto. La sosta ci permetterà di recuperare le energie, poi ci sarà il mercato. Ma ora testa al Sassuolo» HellasVerona.it

Dries MERTENS il migliore in campo questa sera «Sapevamo che la Roma avesse perso, così come il Carpi, pertanto eravamo ancora più concentrati per vincere. Abbiamo dimostrato di voler vincere tutte le partite. Sono contento per il gol e per la prestazione. Inter? E' una squadra forte, ma se hai un obiettivo devi dare tutto per raggiungerlo. Atalanta? Andremo lì per i tre punti e per avvicinarci alla vetta» TuttoMercatoWeb.com

VALDIFIORI centrocampista del NAPOLI «Ci tenevamo a portare la partita sui binari giusti, avevamo la testa pronta ed eravamo vogliosi di fare bene. Anche in campionato stiamo facendo questo lavoro, ma con la Roma non siamo riusciti a segnare. Personalmente, sto lavorando per farmi trovare pronto. Sono contento di far parte di questo progetto» TuttoMercatoWeb.com



LE ALTRE IN COPPA ITALIA +   -   =

A parte il 3 a 0 dell'INTER sul CAGLIARI grosse sorprese in questi ottavi: L'ALESSANDRIA vince al Marassi col GENOA e se la vedrà ai quarti con lo SPEZIA che all'Olimpico ha battuto la ROMA ai rigori! Colpo gobbo anche del CARPI che sbanca il Franchi ed elimina la FIORENTINA.
In serata derby della Mole in JUVENTUS-TORINO, domani LAZIO-UDINESE e SAMPDORIA-MILAN.



RASSEGNA STAMPA +   -   =
16/dic/2015 20.42.47
Colpo di scena al 'San Paolo': tifosi del Verona a Napoli dopo quasi nove anni.
All'inizio della ripresa di Napoli-Verona, hanno fatto il loro ingresso sugli spalti i tifosi veneti, tornati al 'San Paolo' dopo quasi nove anni nonostante l'accesa rivalità.


Quella tra i tifosi di Napoli e Verona è sicuramente una delle rivalità più accese del calcio italiano, che va oltre ogni interesse calcistico ed ha radici, purtroppo, in motivazioni ben più importante di interesse culturale e razziale.
Sono stati diversi gli episodi che testimoniano come i tifosi di queste due squadre non vadano decisamente d'accordo: nel 2007 ci furono scontri dopo la vittoria dei partenopei in Veneto, che li avvicinò ancor di più alla Serie A al contrario dei gialloblù che invece sprofondarono in classifica verso l'allora Serie C1.

Oggi però, si è assistito ad un evento che possiamo tranquillamente definire storico: all'inizio della ripresa del match di Coppa Italia tra le squadre infatti, i 132 supporters ospiti hanno fatto nuovamente ritorno sugli spalti del 'San Paolo' dopo quasi nove anni, nei quali si era presa la decisione di escluderli dalle gare in Campania proprio per motivi di ordine pubblico.
Una notizia più che positiva, un piccolo ma grande segnale verso una auspicata riappacificazione tra queste tifoserie che nel corso del tempo se ne sono dette di tutti i colori: o almeno si spera.

FONTE: Goal.com


Napoli-Verona 3-0 | I tifosi: «Stasera è stata una partita di allenamento»

di Oscar De Simone
Il Napoli batte il Verona per tre reti a zero allo stadio San Paolo, con una prestazione decisa e convincente fin dai primi minuti di gioco. Gli azzurri entrano in campo con lo spirito giusto e si portano subito in vantaggio, non lasciando spazi ai veronesi.

"Questa è stata una partita di allenamento per ragazzi di Sarri" commentano i tifosi in strada. "Mertens ormai è una certezza e ci dispiace solo che non giochi spesso perché ha grandi numeri e riesce a dimostrarlo ogni qualvolta entra possesso di palla.
Ora dobbiamo solo pensare a fare bene in campionato, così come stiamo facendo in coppa. Noi crediamo ancora che questo possa essere l'anno buono ed ora più di prima, resteremo vicino alla squadra che ha bisogno del nostro sostegno partita dopo partita".

I supporter partenopei, lasciano lo stadio prima della fine della partita sicuri del risultato e convinti che le soddisfazioni arriveranno.
"Il Napoli quest'anno ho trovato la sua dimensione" concludono, "e già dalla prossima partita di campionato torneremo a vincere, riconquistando presto le prime posizioni della classifica".

FONTE: Sport.IlMattino.it


8 anni dopo i tifosi veronesi tornano a Napoli, ma entrano nel secondo tempo
16 dicembre 2015Redazione Sportiva

Era dal lontano 2007 che i tifosi del Verona non si presentavano allo stadio San Paolo per assistere alla trasferta della propria squadra. Motivi di ordine pubblico dopo gli scontri con la polizia dei tifosi del Napoli in quel giorno che segnò per l’ultima volta l’arrivo degli ultras scaligeri a Fuorigrotta.

132 veronesi, che dopo aver macinato chilometri per questo appuntamento sono stati costretti ad entrare nell’impianto soltanto ad inizio del secondo tempo. Motivi di ordine pubblico. Ma ne valeva la pena? Per i tifosi veronesi sicuramente sì, l’ultrà per la sua squadra farebbe qualsiasi cosa. Ma ci chiediamo se non poteva organizzarsi la trasferta in maniera diversa in modo da consentire ai tifosi ospiti di entrare fin dall’inizio.

FONTE: VesuvioLive.it


ZTC: Napoli – Hellas Verona 3-0: Tutto troppo facile per gli uomini di Sarri, ai quarti c’è l’Inter

da Roberto Chito 9:07 pm dicembre 16, 2015
Il Napoli non tradisce. Dopo i ko di Fiorentina e Roma, gli azzurri battono 3-0 l’Hellas Verona e volano ai quarti di finale. Tutto troppo facile per la formazione di Sarri che è stata brava ad aprire e chiudere il match già nel primo tempo. Napoli che ha mostrato la sua superiorità anche in Tim Cup, ed ora si candida come favorita per la vittoria finale.

PRIMO TEMPO – Parte fortissimo il Napoli che dopo pochissimi minuti passa in vantaggio. Già dopo quattro minuti. Verticalizzazione improvvisa di Mertens per Higuain, che scatta sul filo del fuorigioco sull’out di sinistra. Segue l’azione El Kaddouri al centro dell’area, il Pipita arriva sul fondo a gran velocità e appoggia proprio al marocchino, che tutto solo non può non segnare e spinge il pallone in rete. Al 7’ Higuan si vede annullare una rete, ma poco dopo arrivare il raddoppio. Mertens si mette in proprio. Parte da centrocampo, manda al bar due avversari con la sua classica serpentina in grandissima velocità, entra in area di rigore e scarica la conclusione vincente con Coppola che non è perfetto. L’Hellas Verona, colpito a freddo prova la reazione: ci prova Siligardi, ma la sfera è fuori. Al 25’, il Napoli si divora il tris: Mertens vede il corridoio per servire Higuain nello spazio, l’ex Real Madrid si ritrova da solo avanti a Coppola ma tenta la soluzione più difficile, quella del pallonetto. Il risultato non è buono, Coppola blocca. Nel finale di tempo, i veronesi colpiscono la traversa: palla per Wszolek appoggia a Checchin, che col piatto destro prova un tiro a giro a scavalcare Reina. Il pallone si stampa sulla traversa.

SECONDO TEMPO – Il Napoli gestisce bene il doppio vantaggio, ma è Higuain del tutto scatenato. Al 61’: calcia in maniera decisa, ma Coppola devia. Dopo pochissimi minuti ci riprova. Nuovo calcio d’angolo per la formazione di Sarri: alla battuta il solito Valdifiori, che pesca Higuain al centro, bravo ad anticipare l’avversario e colpire di testa. Palla fuori non di molto. Al 74’ gli azzurri beneficiano di un rigore. Sul dischetto si presenta Hamsik: lo slovacco sceglie l’angolo alla sinistra di Coppola, ma il pallone si stampa sul palo. È il preludio al tris che arriva qualche secondo dopo. Altro gran lancio di Valdifiori, una parabola di quaranta metri. Buona giocata di El Kaddouri, che supera l’avversario sulla destra, lo mette al centro, basso e forte, dove Callejon lo spinge in rete. Prova la reazione l’Hellas Verona con Greco e Winch che provano la reazione, ma senza rendersi pericolosi.

IL COMMENTO – Match mai in discussione. Partenopei che vincono ed approdano ai quarti di finale. Tutto troppo facile per la squadra di Sarri che ha interpretato la partita nel modo giusto come voleva il proprio allenatore. Ora, il Napoli se la vedrà contro l’Inter ai quarti di finale in una Tim Cup che finora ha veramente sorpreso.

IL TABELLINO
RETI: al 4’ El Kaddouri (N), al 12′ Mertens (N), al 75′ Callejon (N).

NAPOLI (4-3-3): Reina, Maggio, Koulibaly, Chiriches, Strinic; Allan (dal 67′ Chalobah), Valdifiori, David Lopez (dal 50′ Hamsik); El Kaddouri, Higuain (dal 71′ Callejon), Mertens. A disposizione: Gabriel, Rafael, Hysaj, Henrique, Jorginho, Dezi, Insigne, Ghoulam, Luperto. Allenatore: Sarri.

VERONA (4-2-3-1): Coppola, Bianchetti, Moras (dal 77′ Winck), Helander, Pisano; Checchin (dal 61′ Zaccagni), Hallfredsson; Jankovic, Siligardi (dal 46′ Greco), Fares; Wszolek. A disposizione: Rafael, Gollini, Sala, Guglielmelli, Tupta. Allenatore: Delneri.

ARBITRO: Irrati (Pistoia).

FONTE: ZonaCalcio.net


IL MISTER NEL POST-MATCH DI COPPA
Delneri: Eliminati ma l'obiettivo è un altro
16/12/2015 22:15
«Non potevamo inserire un 11 titolare differente, molti giocatori li recupereremo per domenica prossima, in una gara che per noi, con tutto il rispetto per la Coppa Italia, è molto più importante di questa». Esordisce così l’allenatore del Verona, Gigi Delneri, al termine di Napoli-Verona 3-0, Ottavo di Finale di Tim Cup. Prosegue il tecnico di Aquileia: «Avrei preferito che questo match non ci fosse, ma lo teniamo buono per i giovani. Almeno per i nostri ragazzi è stata comunque un’esperienza di cui dovranno far tesoro. Ho schierato la formazione più logica possibile. Se avessi messo tutti i ragazzini, non avrebbe avuto molto senso. Testa al Campionato? Diciamo che nei nostri pensieri la Coppa Italia è passata in secondo piano. Sappiamo benissimo quali siano i nostri obiettivi. Vincere col Sassuolo è prioritario per poi focalizzarci sulle altre gare. Se battessimo i neroverdi il problema non sarebbe risolto. Dobbiamo fare risultato anche negli altri match. Stasera il campo è stato tenuto bene e qualche volta mi è parso di aver avuto più energie di loro. Nella maggior parte delle volte però arrivavamo sempre secondi sul pallone. Ecco, se vogliamo salvarci, dobbiamo fare esattamente il contrario, consapevoli che possiamo giocarcela sempre. Ci vuole più decisione ma come mentalità siamo già avanti. Eravamo anche senza punte. Toni e Pazzini li dobbiamo recuperare e Gomez s’è fatto male a San Siro. Il Napoli ha giocato serenamente e ha trovato due gol immediatamente. La loro superiorità è stata netta ed il risultato non fa una piega, anzi, potevamo prenderne altri due. Ma se nel primo tempo, anziché cogliere la traversa, avessimo fatto gol, forse nella ripresa sarebbe stata una gara diversa. Giocare al San Paolo non è mai facile, molti qui hanno preso anche 5 gol. Napoli tricolore? È una delle candidate. Non so se vincerà lo scudetto ma lotterà fino alla fine».

Sulle note positive: «Mi ha gratificato il coraggio visto proprio dai giovani. Inoltre siamo riusciti a giocare alti, ma ci sono ancora molti aspetti che dobbiamo migliorare. Son sicuro che quando li riaffronteremo in Campionato saremo diversi e li faremo soffrire. Col Sassuolo, sarà importante recuperare alcune pedine».

Un giudizio sui singoli: «Fares ha fatto molto bene. Mi ha impressionato perchè ha qualità e passo giusto. Ma mi è piaciuto anche Wszolek. Ha lottato contro Maggio e ha cercato l'uno contro uno. Come tutti deve migliorare. Anche Siligardi l'ho visto bene, ma poi l'ho tolto perchè non volevo rischiare di perderlo per domenica».
ANDREA FAEDDA

IL MISTER PARTENOPEO NEL POST MATCH DI COPPA
Sarri: Con stadio vuoto, gara secca è difficile
16/12/2015 22:12
«Son contento perché la squadra ha avuto un ottimo approccio, nonostante lo stadio fosse deserto. Era una gara ad eliminazione diretta per cui, in queste situazioni non è mai facile. L’attenzione deve essere massima». Così Maurizio Sarri, in conferenza stampa, nel post-match di Coppa Italia contro il Verona. Prosegue l’allenatore partenopeo: «Lottare su tutti e 3 i fronti? La società se lo riterrà opportuno ricorrerà al mercato, ma anche se non dovesse farlo, il nostro impegno non mancherà. Se non ci saranno rinforzi, vorrà dire che molti giocatori che abbiamo ora, giocheranno di più. Dovranno esprimersi nel miglior modo possibile e sarà mio compito farli crescere. Problemi in attacco? Nessuno! Il Napoli ha fatto 34 gol in casa, 3 di media a partita per cui non sfidiamo la matematica, lanciando allarmismi inutili».
ANDREA FAEDDA

FONTE: TGGialloBlu.it


Coppa Italia: Napoli, una formalità contro il Verona

16 dicembre alle 14:47
Napoli avanti nelle scommesse sugli ottavi di finale di Coppa Italia contro il Verona: si gioca al San Paolo dove gli azzurri sono imbattuti in questa stagione (9 vittorie e 2 pareggi) e partono da favoriti anche per la gara di domani. Il successo del Napoli è dato a 1,25 volte la scommessa su iZiplay.it. Si sale a 5,85 per il pareggio e a 11,00 per il blitz del Verona che non vince al San Paolo dal 1983.

Napoli-Verona 3-0. Ora l'Inter ai quarti

16 dicembre alle 20:59
Il Napoli non imita la Roma e centra la qualificazione. La squadra di Sarri affronta con il massimo dell'impegno la sfida contro il Verona di Coppa Italia e, senza problemi, si porta ai quarti di finale dove affronterà l'Inter. Non va a segno Gonzalo Higuain, schierato ancora una volta titolare dall'ex allenatore dell'Empoli. Il 3-0 azzurro porta le firme di El Kaddouri, Mertens e Callejon, che continua a segnare nelle coppe, ma deve ancora trovare la prima gioia in campionato. Erroe dal dischetto, poco prima del 3-0, di Marek Hamsik. Il Napoli vola. E vuole puntare in alto.

FONTE: CalcioMercato.com


Napoli - Hellas Verona 3-0 | Mertens e soci buttano fuori i gialloblu dalla Coppa Italia
Non ci ha messo neppure un quarto d'ora di gioco la formazione di casa a guadagnarsi il doppio vantaggio su una squadra, quella di Del Neri, volenterosa ma ancora troppo disattenta, soprattutto in copertura

La Redazione 16 Dicembre 2015
L’avventura in Coppa Italia dell’Hellas Verona termina allo stadio San Paolo di Napoli, dove la formazione di casa s’impone con un sonoro 3-0, guadagnandosi il diritto di affrontare l’Inter ai quarti.
Troppo forte la squadra di Sarri per un Verona rimaneggiato, privo di una punta centrale e sceso in campo con undici inedito e ricco di giovani. Gli scaligeri si sono resi autori di un buon inizio gara sotto il profilo della voglia e dell’impegno, ma le solite disattenzioni hanno permesso ai partenopei di mettere subito le mani sul match, andando sul 2-0 dopo neppure un quarto d’ora di gioco.
Da lì in poi i padroni di casa hanno dato vita ad un giro palla che ha costretto i ragazzi di Del Neri a serrare le linee per non subire un passivo ancora più pesante. L’Hellas ha provato a spingersi in avanti e a pungere ma la sua manovra offensiva non ha convinto: poche idee e troppi errori tecnici per riuscire ad impensierire Reina e l’assenza di un vero terminale offensivo non ha di certo aiutato gli ospiti.
Del Neri avrà sicuramente preso appunti sulle buone prestazioni di giovani della Primavera come Checchin e Zaccagni, che potrebbero tornare utili anche in campionato.

PRIMO TEMPO - Partono forte i padroni di casa: al 5' Higuain scatta in posizione regolare, entra in area di rigore da sinistra e trova El Kaddouri che da due passi non sbaglia. In area di rigore al 7', Allan cerca e trova Higuain che da dentro l'area piccola fa 2-0: tutto annullato però per fuorigioco. Al 12' Mertens punta la difesa ed entrato in area lascia partire un sinistro che s'infila sotto le gambe di Coppola. Wszolek al 14' mette in mezzo per Siligardi che calcia col mancino, ma trova solo l'esterno della rete. Nonostante un inizio promettente sotto il profilo della voglia, la formazione ospite paga subito le sue sviste. Checchin al 25' perde un sanguinoso pallone e Mertens ne approfitta per servire Higuain, il Pipita però si lascia ingolosire dal pallonetto e Coppola blocca. Mertens al 32' approfitta di un ingenuo retropassaggio di testa di Bianchetti e per ben due volte prova a superare Coppola che si rifugia in corner. Al 42' Wszolek prende palla sulla destra si accentra e scarica su Checchin che di prima calcia dal limite e coglie la traversa.

SECONDO TEMPO - Del Neri prova a mischiare le carte nella ripresa mettendo dentro Greco per Siligardi. Coppola al 53' tocca con le mani il retropassaggio azzardato di Checchin: punizione a due in area. Ci prova Higuain che però va lontano dalla porta. Sugli sviluppi di un corner al 62', Valdifiori trova Higuain che, dal dischetto del rigore, calcia al volo, ma trova la gran risposta di Coppola. Un minuto l'argenti ci prova sempre dal corner ma stavolta di testa: palla fuori. Il Napoli ora sembra amministrare il match, mentre gli scaligeri non riescono a portare pericoli alla porta di Reina. Fares al 74' stende Mertens in area: rigore. Sul dischetto va Hamsik che coglie il palo. Un minuto dopo El Kaddouri da destra si libera di Pisano e serve Callejon che da due passi insacca. A lato la punizione dal limite battuta da Greco al 77'. Tacco in area di Jankovic per Wink al 80' ma Reina blocca a terra il suo destro.

NAPOLI - HELLAS VERONA 3-0
MARCATORI: El Kaddouri (N) al 4', Mertens (N) al 12', Callejon (N) al 75'

NAPOLI (4-3-3): 25 Reina; 11 Maggio, 21 Chiriches, 26 Koulibaly, 3 Strinic; 5 Allan (dal 67' 94 Chalobah), 6 Valdifiori, 19 David López (dal 50' 17 Hamsik); 77 El Kaddouri, 9 Higuaín (dal 71' 7 Callejón), 14 Mertens.
A disposizione: 4 Henrique, 8 Jorginho, 1 Rafael Cabral, 22 Gabriel, 24 Insigne, 20 Dezi, 96 Luperto, 2 Hysaj, 31 Ghoulam. Allenatore: Maurizio Sarri.

HELLAS VERONA (4-4-2): 37 Coppola; 22 Bianchetti, 18 Moras (dal 77' 41 Claudio Winck), 5 Helander, 3 Pisano; 13 Wszolek, 97 Checchin (dal 61' 20 Zaccagni), 10 Hallfredsson, 16 Siligardi (dal 46' 19 Greco), 93 Fares; 7 Jankovic.
A disposizione: 35 Tupta, 1 Rafael, 74 Guglielmelli, 26 Sala, 95 Gollini. Allenatore: Luigi Del Neri.

ARBITRO: Massimiliano Irrati di Pistoia

FONTE: VeronaSera.it


12:56 | giovedì 17 dicembre 2015
Hellas Verona, Delneri: «Salvezza? Abbiamo tempo fine a maggio»
L'allenatore scaligero: «Concentriamoci sul campionato adesso»

di Andrea Bartolone - twitter: @andreabartoloneFoto: ©Imagephotoagency.it

HELLAS VERONA DELNERI - Luigi Delneri, allenatore della formazione dell'Hellas Verona, è stato intervistato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli per commentare la sconfitta in Coppa Italia agli ottavi di finale contro il Napoli: «Abbiamo perso meritatamente per via della qualità degli avversari. Il Napoli è una squadra molto forte che pratica un calcio che a me piace molto, ci sono i movimenti di diversi calciatori di qualità e hanno gli ingredienti giusti per fare ottime cose».

LE DICHIARAZIONI - Prosegue Delneri parlando della sconfitta di ieri sera contro il Napoli al San Paolo: «Adesso dobbiamo metterci alle spalle questa sconfitta in Coppa e riconcentrarci pienamente sul campionato: per quanto riguarda la lotta salvezza, infatti, davanti a noi ci sono tante squadre che viaggiano bene e stanno ottenendo punti, ma abbiamo tempo fino a maggio per rimanere agganciati. Il Napoli ha giocatori con qualità importanti, ci tenevano a passare il turno e lo hanno ampiamente meritato».

20:55 | mercoledì 16 dicembre 2015
Napoli, 3-0 all'Hellas: ai quarti affronterà l'Inter
La cronaca dell'ottavo di finale di Tim Cup al San Paolo

di Andrea Bartolone - twitter: @andreabartoloneFoto: ©Imagephotoagency.it

NAPOLI HELLAS VERONA TIM CUP - Dopo le tante sorprese del pomeriggio, su tutte la cocente eliminazione della Roma dagli ottavi di finale di TIM Cup ad opera dello Spezia e la successiva debacle interna della Fiorentina contro il Carpi, il Napoli non fa fede al detto "non c'è due senza tre" ed elimina senza pietà l'Hellas Verona, attualmente ultima in campionato di Serie A e sicuramente ben più concentrata sulla lotta salvezza che non su un ottavo di finale di Coppa Italia. I partenopei, padroni del match dall'inizio alla fine, regolano per 3-0 la formazione di Gigi Delneri e si qualificano così agli ottavi di finale.

LA PARTITA - Sarri scende in campo con il consueto 4-3-3, dando spazio a Maggio e Strinic sulle corsie laterali, mentre a centrocampo c'è una maglia da titolare anche per Valdifiori e David Lopez, con El Kaddouri e Mertens ad agire da supporto offensivo ad Higuain. 4-2-3-1 per il Verona di Delneri che mette in campo quasi tutti i "non titolari", con il quartetto offensivo composto da Jankovic, Siligardi, Wszolek e Fares. Non c'è storia fin dal primo minuto di gioco, con il Napoli di Higuain che trova nell'attaccante argentino anche un'inedita versione da uomo-assist. Al primo affondo azzurro, infatti, il Napoli va in gol: Higuain scatta sul filo del fuorigioco al quinto minuto e disegna un assist sotto le gambe dell'avversario per l'accorrente El Kaddouri che a porta vuota insacca per l'1-0. Napoli che continua ad attaccare, sia sulla destra con l'asse El Kaddouri - Maggio che a sinistra con Strinic e Mertens. Proprio il belga, al minuto 12, chiude la partita e il discorso qualificazione: gol pregevole siglato dall'attaccante del Napoli, autore di una splendida serpentina che si conclude con un tiro mancino che si insacca alle spalle di Coppola. Al 26' Higuain prova il gol con un pallonetto, trovando un attento Coppola e ci prova anche nel secondo tempo con una punizione a due in area di rigore che si perde alta sulla traversa. La sua partita finisce al 71', lasciando il posto a Callejon, che pochi minuti dopo troverà la rete del definitivo 3-0, ma prima del tris era arrivato il calcio di rigore per il Napoli, fallito da Hamsik al 74', colpendo il palo. Qualificazione per il Napoli, prossimo appuntamento i quarti di finale al San Paolo contro l'Inter.

FONTE: CalcioNews24.com


SERIE A
Napoli, Valdifiori: "Felice di far parte di questo progetto"
17.12.2015 10.24 di Raimondo De Magistris Twitter: @RaimondoDM
Mirko Valdifiori, centrocampista del Napoli ha così commentato il 3-0 contro l'Hellas Verona nella sfida valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia: "Ci tenevamo a portare la partita sui binari giusti, avevamo la testa pronta ed eravamo vogliosi di fare bene. Anche in campionato stiamo facendo questo lavoro, ma con la Roma non siamo riusciti a segnare. Personalmente, sto lavorando per farmi trovare pronto. Sono contento di far parte di questo progetto".

RASSEGNA STAMPA
Napoli, Mertens regala l'Inter ai partenopei
17.12.2015 09.48 di Lorenzo Di Benedetto Twitter: @Lore_Dibe88
L'edizione odierna di Tuttosport si concentra anche sulla gara del Napoli di ieri sera, con i partenopei che hanno battuto il Verona per 3-0. "Mertens regala l'Inter al Napoli" il titolo scelto. Un anno dopo ai quarti di finale di ripeterà la sfida tra partenopei e nerazzurri con il belga che grazie alla grande prestazione di ieri sera si candida a una maglia da titolare anche in campionato.

SERIE A
Dall'Europa alla Coppa Italia: Sarri si gode la crescita del Napoli 2
17.12.2015 08.45 di Antonio Gaito Twitter: @antonio_gaito
Il Napoli raccoglie la sedicesima vittoria stagionale che vale i quarti di finale di Coppa Italia contro l'Inter in gara unica al San Paolo. Nell'ultima gara al San Paolo del 2015, la squadra di Sarri batte 3-0 un Verona tutt'altro che irresistibile e imbottito di giovani, ma - dopo le sorprendenti eliminazioni di Genoa, Roma e Fiorentina, contro addirittura Alessandria, Spezia e Carpi - le risposte più importanti arrivano dall'approccio alla partita e la capacità di mantenere immutati i principi di gioco anche a fronte di sette cambi nell'undici titolare in vista della sfida delicata di Bergamo.

Sarri non sottovaluta il match ad eliminazione diretta e, come già accaduto in Europa, conferma un titolare per reparto (in questo caso sceglie Reina, Koulibaly, Allan e Higuain), ma i discorsi sul minutaggio contano fino ad un certo punto perchè dopo neanche un quarto d'ora la gara è già in mano con le reti di El Kaddouri e Mertens. Nella ripresa dentro Hamsik, per un cambio forzato per un leggero risentimento a Lopez, ma poi Sarri risparmia gli ultimi 25' ad Allan inserendo Chaloah, e gli ultimi 20' ad Higuain inserendo Callejon (che fino a questo momento è stato il giocatore che ha giocato di più nelle Coppe, sopperendo all'assenza di Gabbiadini).

Tante le note positive per il tecnico azzurro che sfrutta il match per portare a sedici il numero di giocatori sopra i 700' (che si avvicinano agli oltre 1200' dell'undici base). Se giocatori come Mertens, El Kaddouri e Chiriches non fanno più notizia, nel post-partita ci sono state altre menzioni speciali. Sarri ha elogiato la crescita di Maggio e soprattutto di Strinic dal punto di vista tattico, quella di Mirko Valdifiori come condizione e per la prima volta quella di Chalobah quando gli è stato chiesto del mercato: "Il mio compito è far crescere le alternative, non di bussare in sede. Poi se la società ha ambizioni maggiori..."

RASSEGNA STAMPA
Corriere di Verona: "Meno di un quarto d'ora e l'Hellas saluta la Coppa"
17.12.2015 08.13 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc
"Meno di un quarto d'ora e l'Hellas saluta la Coppa" è il titolo scelto dal Corriere di Verona che dà spazio alla Coppa Ialia. Gli scaligeri sono usciti dalla competizione perdendo 3-0 contro il Napoli, che ha chiuso la pratica segnando due reti nei primi 14 minuti.

RASSEGNA STAMPA
Napoli, Corriere del Mezzogiorno: "Mertens re di Coppa"
17.12.2015 08.03 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc
"Mertens re di Coppe" è il titolo scelto dal Corriere del Mezzogiorno che pone l'accento sul successo per 3-0 del Napoli contro il Verona negli ottavi di finale di Coppa Italia. Il belga è stato assoluto protagonista ieri sera: "dimostra che sarebbe pronto per un posto da titolare" viene evidenziato. Trovano spazio le parole del tecnico Maurizio Sarri: "noi ambiziosi, il club sa cosa fare. Il mio compito è lavorare e far crescere i nostri giocatori. Non è compito mio invece bussare alla porta della società".

RASSEGNA STAMPA
Il Mattino sulla Coppa Italia: "Napoli, ancora l'Inter"
17.12.2015 07.33 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc
"Napoli, ancora l'Inter" è il titolo scelto da Il Mattino per la propria pagina sportiva. Gli azzurri hanno superato agli ottavi di finale di Coppa Italia il Verona per 3-0 e affronteranno ai quarti la squadra di Roberto Mancini. "E adesso serve un forte segnale in campionato" si legge nell'editoriale di Francesco De Luca.

SERIE A
Napoli, Sarri su Valdifiori: "Ha giocato una delle sue migliori partite"
16.12.2015 22.23 di Marco Conterio Twitter: @marcoconterio
Dopo la vittoria per 3-0 sull'Hellas Verona in Tim Cup, Maurizio Sarri ha parlato anche di Mirko Valdifiori. "Ha fatto una delle sue migliori partite e cresce man mano che gioca. Ma tutti stanno facendo bene. Abbiamo a sei sette gol tanti giocatori d'attacco, due gol El Kaddouri, prima si diceva che segna solo Higuain. Abbiamo fatto 34 gol in casa, 3 di media a partita e si parla di problemi realizzativi in casa. Qualcuno sta sfidando la matematica".

SERIE A
LIVE TMW - Napoli, Sarri: "Mercato? Il mio lavoro è far crescere le alternative"
16.12.2015 21.37 di Antonio Gaito Twitter: @antonio_gaito
21.39 - Termina la conferenza stampa

Su Higuain: "Voleva giocare ed io volevo dare un segnale a tutti che si trattava di una gara importantissima". Lopez infortunato? "Non dovrebbe essere nulla di grave, ma l'abbiamo tolto appena ha sentito il dolore".

Mertens la sta mettendo in imbarazzo? "Ma quale imbarazzo, è rientrato giocando quattro partite su quattro, due da titolare, quindi s'è ritrovato nelle rotazioni delle gare di coppa, poi nelle prossime potrà accadere il contrario. Non conta solo il campionato, stasera era una gara secca pericolosa, non è che chi non gioca il campionato è un coglione".

Valdifiori in crescita. "Sì, è una delle sue migliori partite e cresce man mano che gioca. Ma tutti stanno facendo bene. Abbiamo a sei sette gol tanti giocatori d'attacco, due gol El Kaddouri, prima si diceva che segna solo Higuain. Abbiamo fatto 34 gol in casa, 3 di media a partita e si parla di problemi realizzativi in casa. Qualcuno sta sfidando la matematica".

21.33 - Per continuare su tre competizioni a questo livello, avete già concordato il reparto da rinforzare? "Io non devo concordare nulla, faccio un altro mestiere. La società farà quello che si può fare, se non ci saranno soluzioni faremo crescere giocatori come Strinic e Maggio che si stanno adattando, Chalobah sta migliorando nell'ordine tattico e quindi io faccio il mio lavoro facendo crescere, non bussare in sede ogni giorno, poi se la società ha ambizioni superiori si muoverà".

Ha mai pensato ad una catena di sinistra con Strinic e Ghoulam a sinistra? "Ghoulam è forte in attacco se arriva lanciato, se parte già lì fa fatica a saltare l'uomo. Mi ha sorpreso però il secondo tempo di Strinic che sta crescendo, prima non giocava mai ed ora gioca in Coppa ed in una gara ad eliminazione diretta, si ritaglierà spazio anche in campionato".

La squadra ha avuto un ottimo approccio nonostante lo stadio semi-deserto. Henrique escluso? "Volevo dare un segnale forte a chi è entrato, scegliendo quattro titolari, poi ho fatto delle scelte".

Sui duelli a centrocampo e le palle inattive: "Abbiamo fatto 34 gol in casa in 12 partite e la prima domanda è su cosa non funziona. Noi questi siamo, ma ci mettiamo una pezza su alcune situazioni prevedibili".

21.28 - Arrivato Sarri in conferenza stampa

Gentili lettori, benvenuti alla diretta testuale della conferenza stampa di Maurizio Sarri dopo il match degli ottavi di finale di Coppa Italia vinto contro il Verona

ALTRE NOTIZIE
Le pagelle del Verona - Checchin il migliore, malissimo i terzini
Risultato finale: Napoli-Verona 3-0

16.12.2015 21.27 di Pierpaolo Matrone
Coppola 5 - Una clamorosa ingenuità su un retropassaggio di Checchin, quando prende il pallone con le mani. Non dimostra grande sicurezza ed è costretto a prendere per tre volte il pallone dalla propria rete.

Bianchetti 5 - Qualche medicinale per il mal di testa gli servirà sicuramente. Mertens trasforma la sua serata in un incubo: il belga sfreccia sulla sua fascia, lui può solo vederlo. Fermarlo mai.

Moras 5,5 - L'attacco del Napoli è eclettico, veloce, le pedine si scambiano a vicenda le posizioni. Lui va in difficoltà, ma alla fine è il migliore della linea. Dal 77' Winck s.v.

Helander 5 - Poco attento, non riesce mai a pronosticare i movimenti avversari e le verticalizzazioni di Valdifiori. Higuain, come Mertens quando passa al centro, è incontenibile per lui.

Pisano 5 - Dimostra bassa concentrazione fin dai primi minuti, quando mette in difficoltà Coppola con un retropassaggio a dir poco rischioso e troppo lento. Oltre questo, tante sbavature. E contro quest'attacco non puoi permettertelo.

Checchin 6,5 - E' il migliore dei suoi. Bene in fase di costruzione, almeno in parte, ma anche nelle incursioni. Colpisce una traversa sul finale di primo tempo con un bel tiro a giro che avrebbe potuto riaprire la partita. Dal 61' Zaccagni 6 - E' intraprendente, prova ad inserirsi il più possibile. A pochi minuti dal suo ingresso in campo subito un tiro.

Hallfredsson 5,5 - Perde troppi palloni a centrocampo, specie nel primo tempo, quando è solo in tandem con Checchin. Nella ripresa meglio, prova anche il tiro in un paio di occasioni.

Jankovic 5,5 - Parte spesso largo a destra, prova a puntare gli avversari o a dileguarsi con degli scambi coi compagni, ma difficilmente crea pericoli.

Siligardi 6 - Delneri gli concede un solo tempo, forse più per presevarlo in vista del campionato. Perché la sua prestazione non è male. Intraprendente, veloce nei movimenti. Non si può dire che non ci provi. Dal 46' Greco 6 - Dà maggiore equilibrio al Verona, tenta di dare il suo contributo in entrambe le fasi e ci riesce.

Fares 5 - Premessa: le potenzialità sembrano esserci, a sprazzi qualcosa di buono l'ha mostrato. Nell'intervento su Mertens che gli costa il rigore mostra tutta l'immaturità dei suoi 19 anni.

Wszolek 5,5 - Combatte prima al centro dell'attacco, poi si sposta sulla fascia. E' troppo isolato, specie nel secondo tempo.

ALTRE NOTIZIE
LIVE TMW - Verona, Delneri: "Risultato giusto, la differenza è stata evidente"
16.12.2015 21.23 di Antonio Gaito Twitter: @antonio_gaito
21.25 - Termina la conferenza stampa

Sul Napoli: "E' una delle candidate al titolo, non so se lo vincerà, ma darà fastidio insieme a Juventus ed Inter. Anche con la Roma ha avuto sette palle gol, non riuscendo a trovare il gol".

Verona senza la testa giusta in campo? "I duelli li vinceva sempre il Napoli. Se vogliamo salvarci dobbiamo essere più decisi, ma comunque eravamo senza punte, sono rimaste a casa perchè Pazzini e Toni dobbiamo recuperarli e Gomez s'è fatto male a Milano".

21.22 - Evitata l'imbarcata, ha temuto? "Non so, potevamo prenderne anche altri due, ma il primo tempo poteva finire anche 2-1 con la traversa. Non è facile giocare qui, molte squadre hanno preso cinque gol".

Le note positive quali sono? "Il coraggio dei giovani, abbiamo giocato molto alti, anche se bisogna imparare a farlo. Al ritorno saremo una squadra diversa e li faremo soffrire un pò di più. Ora pensiamo a recuperare i giocatori".

Troppo forte il Napoli o qualche rammarico? "Il Napoli ha giocato con tranquillità, trovando subito il gol. Il 3-0 è giusto, la differenza è stata netta. Noi non potevamo mettere in campo una formazione diversa perchè molti li recuperiamo proprio per domenica. Se non ci fosse stata la gara sarebbe stato meglio. Facciamo tesoro di quest'esperienza, soprattutto per i giovani".

21.18 - Arrivato Delneri in conferenza stampa

Gentili lettori, benvenuti alla diretta testuale della conferenza stampa di Luigi Delneri dopo il match degli ottavi di Coppa Italia perso per 3-0 contro il Napoli

ALTRE NOTIZIE
Napoli, Mertens: "Buona prestazione, eravamo concentrati a vincere"
"Inter? Squadra forte, ma se vuoi conquistare un obiettivo lo fai"

16.12.2015 21.04 di Pierpaolo Matrone
Dries Mertens, migliore in campo nel match col Verona, ha parlato dopo il fischio finale ai microfoni di Rai Sport: "Sapevamo che la Roma avesse perso, così come il Carpi, pertanto eravamo ancora più concentrati per vincere. Abbiamo dimostrato di voler vincere tutte le partite. Sono contento per il gol e per la prestazione. Inter? E' una squadra forte, ma se hai un obiettivo devi dare tutto per raggiungerlo. Atalanta? Andremo lì per i tre punti e per avvicinarci alla vetta".

ALTRE NOTIZIE
Le pagelle del Napoli - Mertens ed El Kaddouri ispiratissimi, bene Valdifiori
Napoli-Verona 3-0

16.12.2015 21.03 di Antonio Gaito Twitter: @antonio_gaito
Reina 6 - Leggermente fuori tempo, viene salvato dalla traversa a fine primo tempo. Per il resto il Verona non tira mai nello specchio e non è mai chiamato in causa.

Maggio 6 - Attento in fase difensiva e diverse progressioni interessanti fino alla fine di fondo, anche se con risultati altalenanti al cross ed all'ultimo passaggio.

Chiriches 6,5 - L'atteggiamento dell'avversario gli fa vivere una serata tranquilla, ma conferma le sue qualità in fase d'impostazione, non buttando mai il pallone ed uscendo sempre dal pressing.

Koulibaly 6,5 - Sarri lo conferma tra i titolari, vive novanta minuti di grande tranquillità limitandosi all'ordinaria amministrazione, ma restando sempre concentrato sul match.

Strinic 6 - Non corre particolari rischi in fase difensiva ed accompagna l'azione senza strafare, facendo sempre la cosa giusta.

Allan 6,5 - Sarri non rinuncia al brasiliano che si fa sentire a centrocampo che si esalta nei duelli e sostiene sempre l'azione. Non si risparmia mai e viene risparmiato nel finale in vista dell'Atalanta. (dal 21'st Chalobah 6 - Entra bene in partita, recuperando diversi palloni e smistando velocemente il gioco)

Valdifiori 6,5 - Ancora un passo avanti rispetto alle gare d'Europa League. Ha spazio per pennellare a suo piacimento per gli esterni. In crescita di condizione, vincendo tanti duelli anche nella parte finale di gara.

Lopez 6 - Si fa sentire nei duelli e smista il pallone senza correre troppi rischi. Esce nella ripresa per un problema muscolare (dal 4'st Hamsik 6 - Momento tutt'altro che fortunato dopo l'errore sotto porta con la Roma e la parata di Szczęsny: ha la chance di sbloccarsi dal dischetto ma manda sul palo a portiere ormai spiazzato)

El Kaddouri 7 - Conferma di meritare la fiducia di Sarri. Sblocca il match sfruttando l'assist di Higuain e gioca sempre per la squadra. Nella ripresa sfonda sulla destra e pennella un pallone che Callejon deve solo spingere in rete.

Higuain 6,5 - Non trova il diciassettesimo gol stagionale, ma disputa una buona prova non risparmiandosi anche nel difendere palla e smistare il gioco. Spacca la gara servendo l'assist per il gol dell'1-0 di El Kaddouri (dal 25'st Callejon 6,5 - Si inserisce puntualmente, su progressione di El Kaddouri sulla destra, e mette comodamente in rete il sesto gol in stagione)

Mertens 7 - Fantastico il gol del raddoppio facendo fuori Bianchetti in velocità, infilandosi tra due per poi battere Coppola. Scatenato anche nella ripresa, procurandosi il rigore che Hamsik sbaglia e mandando in tilt più volte la difesa gialloblù.

SERIE A
Tre gol per regalarsi l'Inter: Napoli vola ai quarti di Coppa Italia
16.12.2015 20.57 di Marco Frattino Twitter: @MFrattino
Il Napoli non cade nel tranello degli ottavi di Coppa Italia. Vittoria doveva essere contro il Verona e il successo al San Paolo non è mancato, con gli azzurri che non hanno 'imitato' Roma e Fiorentina nel pomeriggio in cui la Tim Cup ha visto cadere le big della Serie A. Nessun problema per la squadra di Maurizio Sarri, che non ha risparmiato i titolarissimi Reina, Koulibaly, Allan e Higuain dal 1'. Il tutto nonostante l'Hellas in formazione rimaneggiata, con Luigi Delneri che ieri ha presentato come un "impiccio" l'impegno di questa sera. Sono bastati pochi minuti al Napoli per mettere le cose in chiaro, con Omar El Kaddouri e il Pipita che hanno praticamente archiviato la pratica già al 12'.
Pochi brividi a Fuorigrotta, in relazione al pubblico presentatosi per il match che non ha affascinato la città vista la scarsa affluenza tra curve e tribune. Bassa l'intensità del gioco dopo i primi due gol azzurri e Napoli che ha successivamente tirato i remi in barca, con qualche emozione legata al pestone che Higuain ha rimediato da Wszolek e la traversa di Checchin verso il finale di frazione. Nella ripresa Sarri ha mischiato le carte, riservando spazio a Marek Hamsik al posto di David Lopez e con Higuain che ha cercato a più riprese la personale doppietta fino al momento di lasciare il campo in favore di Josè Callejon. Proprio lo spagnolo, poco dopo l'ingresso, ha siglato la terza marcatura partenopea sfruttando il perfetto assist di El Kaddouri. Giochi praticamente chiusi, anche se qualche secondo prima Hamsik ha fallito un calcio di rigore: il palo colpito dallo slovacco testimonia l'annata storta sotto il profilo delle marcature.
Tre gol nel freddo del San Paolo per regalarsi il quarto di finale più tirato ed equilibrato della Coppa Italia: l'appuntamento è fissato al 20 gennaio a Fuorigrotta contro l'Inter. La corsa alla sesta coppa per gli azzurri, dunque, è partita.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


16.12.2015
Napoli-Verona 3 a 0
L'Hellas è fuori dalla Coppa Italia

Giocatori del Napoli e dell'Hellas in campo al San Paolo (FotoExpress)

Il Verona è fuori dalla Coppa Italia, battuto 3-0 al San Paolo dal Napoli negli ottavi. Di El Kaddouri la prima rete, al 4', un facile tocco sottoporta sull'assist di Higuain scattato sul filo del fuorigioco. Già al 12' il raddoppio con un'iniziativa personale di Mertens conclusa con un rasoterra appena dentro l'area. Al 42' pericoloso l'Hellas con una staffilata di Checchin finita sulla traversa. Senza Albertazzi, Gomez Taleb, Ionita, Marquez, Matuzalem, Pazzini, Romulo, Souprayen, Toni e Viviani, Delneri ha schierato inizialmente Coppola in porta, Bianchetti, Moras, Helander e Pisano in difesa, Checchin ed Hallfredsson centrali di metà campo con Wszolek, Fares, Siligardi e Jankovic in avanti. Nella ripresa, al 32', il Napoli ha sbagliato un rigore fischiato per un fallo di Fares su Mertens e calciato sul palo alla sinistra di Coppola da Hamsik. Un minuto dopo il comodo tris di Callejon servito da El Kaddouri.
Alessandro De Pietro

FONTE: LArena.it


Delneri: «Ora testa al Sassuolo»
Postata il 16/12/2015 alle ore 21:35

Napoli - Ecco le principali dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Gigi Delneri, rilasciate al termine di Napoli-Hellas Verona (3-0): «Esperienza positiva per i giovani, che hanno giocato con grandi campioni. Noi abbiamo fatto quello che potevamo, è comunque un'esperienza positiva al di là del risultato. La trasferta di Napoli era una missione non impossibile ma complicata, dobbiamo recuperare alcuni giocatori importanti, non possiamo permetterci di perdere giocatori oggi in vista della gara col Sassuolo. Abbiamo sofferto il giusto, giocando contro una grande squadra. Sono contento per Sarri che è un tecnico che stimo molto, ha idee fresche e dinamiche, al Napoli il mio più grande in bocca al lupo in vista della corsa scudetto. La sosta ci permetterà di recuperare le energie, poi ci sarà il mercato. Ma ora testa al Sassuolo».

TIM Cup: Napoli-Hellas Verona 3-0
Postata il 16/12/2015 alle ore 21:00
Napoli - Il Verona esce dalla TIM Cup, nella sfida da dentro o fuori con il Napoli. Al 'San Paolo' finisce 3-0, reti di El Kaddouri (5' pt), Mertens (12' pt) e Callejon (31' st). Da segnalare il ritorno in prima squadra di Momo Fares, in campo per tutta la durata della sfida.

NAPOLI-HELLAS VERONA 3-0
Marcatori: 5' pt El Kaddouri, 12' pt Mertens, 31' st Callejon.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Maggio, Chiriches, Koulibaly, Strinic; Allan (dal 22' st Chalobah), Valdifiori, David Lopez (dal 4' st Hamsik); El Kaddouri, Higuain (dal 26' st Callejon), Mertens.
A disposizione: Gabriel, Rafael, Hysaj, Henrique, Jorginho, Dezi, Insigne, Ghoulam, Luperto.
All.: Sarri.

HELLAS VERONA (4-2-3-1): Coppola; Bianchetti, Moras (dal 32' st Winck), Helander, Pisano; Checchin (dal 15' st Zaccagni), Hallfredsson; Jankovic, Siligardi (dal 1' st Greco), Fares; Wszolek.
A disposizione: Rafael, Gollini, Sala, Tupta, Guglielmelli.
All.: Delneri.

Arbitro: Irrati di Pistoia
Assistenti: Manganelli e Tasso.
NOTE. Ammonito: Coppola.

FONTE: HellasVerona.it

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#Primiero 2017, tutti i dettagli

Hellas Verona premiato in Piazza dei Signori

Wallpapers gallery