Arrivato all'HELLAS in comproprietà dall'INTER per essere valorizzato in gialloblù (ma in ottica nerazzurra), MUTU conquista pure PASTORELLO che, fiutato l'affare, va alle buste e vince contro il Biscione! Poi quell'annata balorda, l'incredibile retrocessione e l'inevitabile rinuncia all'attaccante rumeno che partirà per il grandissimo calcio...

Pubblicato da andrea smarso mercoledì 15 marzo 2017 22:07, vedi , , , , , , , , , , , , , , , | Nessun commento

Adrian Mutu
Data di nascita:08/01/1979
Luogo di nascita:Călineşti (Romania)
Nazionalità:Romena
Ruolo:Attaccante
Altezza:180 Cm
Peso:74 Kg
Posizione:

CARRIERA DA DIRIGENTE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteRuolo 
Dinamo Bucarest2016 - 2017LI-Direttore Generale 

CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Târgu MureșGen. 2016 - 2016LI3 (+1CR)0 (+0) 
Pune City2015ISL10 (+1CLR +6EL)4 (+0 +2) 
Petrolul Ploiești2014 - Set. 2014LI6 (+1CLR +6EL)2 (+0 +2) 
Petrolul PloieștiGen. 2014 - 2014LI82 
Ajaccio2013 - Gen. 2014L190 
Ajaccio2012 - 2013L12811 
Cesena2011 - 2012A28 (+1CI)8 (+0) 
Fiorentina2010 - 2011A204 
Fiorentina2009 - 2010A11 (+2CI +6CL)4 (+4 +3) 
Fiorentina2008 - 2009A19 (+1CI +7CL +2CU)13 (+0 +2 +0) 
Fiorentina2007 - 2008A29 (+1CI +10CU)17 (+0 +6) 
Fiorentina2006 - 2007A33 (+2CI)16 (+0) 
Juventus2005 - 2006A32 (+4CI +8CL + 1SI)7 (+3 +1 +0) 
Juventus2004 - 2005A10 
ChelseaAgo. 2004PL20 
Chelsea2003 - 2004PL25 (+3FAC +1FLC +7CL)6 (+3 +0 +1) 
Parma2002 - 2003A31 (+1CI +4CU)18 (+0 +4) 
Hellas VeronaAgo. 2002B0 (+2CI)0 (+0) 
Hellas Verona2001 - 2002A32 (+2CI)12 (+0) 
Hellas Verona2000 - 2001A26 (+1CI)4 (+1) 
InterGen. 2000 - 2000A10 (+4CI)0 (+2) 
Dinamo Bucarest1999 - Gen. 2000DA18 (+3CR +3CU)18 (+3 +4) 
Dinamo BucarestGen. 1999 - 1999DA15 (+2CR)4 (+0) 
Argeș Pitești1998 - Gen. 1999DA15 (+6CU)7 (+3) 
Argeș Pitești1997 - 1998DA214 
Argeș Pitești1996 - 1997DA50 
Giovanili Argeș Pitești1992 - 1996--- 
LEGENDA: DA=Divizia A (Serie A romena), CU=Coppa UEFA, CR=Coppa Romania, CI=Coppa Italia, PL=Premier League (Serie A inglese), FAC=Football Association Cup (Torneo nazionale inglese), FAC=Football League Cup (Torneo di Lega inglese), CL=Champions League, SI=Supercoppa Italia, L1=Ligue 1 (Serie A francese), LI=Liga I (Serie A romena), CLR=Cupa Ligii (Torneo nazionale romeno), EL=Europa League, ISL=Indian Super League (Serie A indiana)

NEWS E CURIOSITÀ +   -   =
Letteralmente esploso nella DINAMO BUCAREST che alla fine del 1999 lo mette a confronto con un calcio più impegnativo di quanto il ragazzo di Călineşti abbia trovato fin lì, Adrian arriva all'INTER sulle ali dell'entusiasmo con una media gol spaventosa sia in Divizia A che in Coppa UEFA dove ha 'bollato' inesorabilmente ad ogni presenza così come nella Coppa di Lega romena.
Ma la Serie A è un'altra cosa (pensano a Milano) e dopo soli 6 mesi in nerazzurro il 21enne MUTU viene ceduto in comproprietà all'HELLAS di PASTORELLO che già fiuta l'affare...
In panchina PEROTTI ha preso il posto di PRANDELLI e anche se gli scaligeri per salvarsi dovranno affrontare a fine stagione il doppio spareggio con la REGGINA, il ragazzo ex INTER mostra grandi segni di miglioramento, viene perciò riscattato in toto e messo a disposizione come pezzo pregiatissimo a mister MALESANI per la stagione 2001-2002 insieme ai vari CAMORANESI, ADAILTON e FRICK oltre ovviamente a Michele COSSATO l'eroe di Reggio.
Un'annata in cui 'Sandokan' da all'attaccante una maglia da titolare ed in cui il VERONA, a metà Novembre è al quarto posto (primo derby in Serie A col CHIEVO capolista battuto per 3 a 2 con una fantastica rimonta!) e al giro di boa del campionato è ancora in zona Europa, poi un calo pressochè verticale (con ben 11 sconfitte) e l'incredibile epilogo: I gialloblù, all'ultimo posto solo all'ultima di campionato, vengono retrocessi!
Tifosi distrutti, patatrac (anche) finanziario ed il Barbabianca che vende il vendibile tra cui Adrian che già da tempo era seguito dal PARMA (società a quel tempo molto vicina al presidente che ingaggia l'attaccante a meno della metà di quanto valeva a Gennaio 2002).
La storia di MUTU a Verona termina quindi nell'arco di un paio di stagioni ma nessuno da queste parti ha dimenticato le movenze ed i numeri dello Zingaro che infatti in seguito ha dispensato calcistico genio financo al CHELSEA, alla JUVENTUS ed alla FIORENTINA dove il rumeno trascorrerà gli anni più esaltanti della sua carriera prima di raccoglierne gli ultimi spiccioli nell'improbabile calcio indiano e tornare in patria prima di appendere definitivamente gli scarpini al chiodo ed incominciare chissà una nuova carriera da dirigente alla DINAMO BUCAREST nella quale figura attualmente come Direttore Generale.

IN ROMANIA 'SBOCCIA' NELLA DINAMO BUCAREST...
Cresciuto nell'ARGEȘ PITEȘTI, dove Adrian esordisce in prima squadra poco più che 18enne e si distingue soprattutto nel fornire assist, è nella DINAMO BUCAREST che MUTU si rivela al mondo giocando e segnando in media ad ogni partita in campionato, Coppa di Romania e Coppa UEFA.

L'APPRODO IN ITALIA
A Gennaio 2000 sono in tanti a ronzare attorno al talento rumeno, alla fine la spunta l'INTER che però non ha tempo e pazienza per aspettare il ragazzo che viene dirottato al VERONA in comproprietà nell'estate successiva.
Con PEROTTI nella prima e MALESANI nella seconda stagione, il ragazzo di Călineşti dimostra grandi potenzialità, viene riscattato completamente e poi quasi regalato al PARMA nell'Agosto del 2002 quando gli scaligeri precipitano in Serie B e Adrian diventa un lusso non più alla portata delle esangui casse scaligere.
Non chiedono di meglio i 'ducali' che, dopo una lunga corte, riescono ad ottenere l'attaccante con un forte sconto ed i ringraziamenti del mercante PASTORELLO bravo ad intercettare grandi calciatori ma non altrettanto nel renderli 'produttivi' (almeno per quanto ha riguardato il progetto HELLAS).
18 gol in 31 partite da titolare al PARMA e la strada per un radioso futuro e bella che asfaltata: Arriva patròn ABRAMOVIČ che lo porta al CHELSEA.


IL BUIO PERIODO AL CHELSEA
MUTU parte a razzo con i Blues realizzando 3 gol nelle prime 4 gare poi il suo rendimento va progressivamente a calare e termina la prima stagione inglese con un totale di 6 gol in 27 presenze in Premier League.
Nel Settembre 2004 viene scoperto positivo alla cocaina dopo un paio di partite e squalificato per 7 mesi: Il club londinese lo licenzia in tronco e Adrian deve pure versare alla Football Association 20mila sterline di multa.

ALLA JUVE CON UN 'TRICK'...
A Gennaio 2005, dopo avergli fatto promettere di fare il bravo, la JUVENTUS lo ingaggia con un quinquennale ma lo 'parcheggia' al LIVORNO perchè lo slot di extracomunitari che arrivano dall'estero è già pieno per quella stagione: Per Adrian, squalificato fino al 18 Maggio 2005, fa poca differenza e intanto si mantiene in allenamento e riesce ad esordire con le Zebre all'ultima di Serie A del 2004-05.
Nella stagione successiva, disputata fra alti e bassi, MUTU riesce a mettere a segno 7 gol in 33 presenze ma non viene ritenuto un giocatore da JUVE e viene ceduto alla FIORENTINA a Luglio 2006.

LUNGO MATRIMONIO IN VIOLA
Alla FIORENTINA l'attaccante rumeno ritrova Cesare PRANDELLI che lo aveva valorizzato già al PARMA e Adrian mette a segno forse la sua miglior stagione in carriera: 16 gol in campionato (come TONI), un sacco di assist e, trascinando la FIORENTINA partita da -15 al quinto posto, viene eletto da 'Il Calcio', 'Datasport' e 'RAI' miglior giocatore della Serie A ottenendo al contempo la media voto migliore del campionato in tutti i quotidiani sportivi italiani!
Buona anche la seconda stagione in viola condita da 17 centri in campionato e 6 in Coppa UEFA dove i gigliati si fermano solo in semifinale.
La stagione 2008-2009 inizia male per l'attaccante sia fuori dal campo (la FIFA lo multa per più di 17 milioni di Euro per aver rotto il contratto con il Chelsea) che dentro: Tra i problemi al gomito e quelli al ginocchio l'annata è molto tormentata e tuttavia MUTU contro il BOLOGNA mette a segno la doppietta che gli vale i 100 gol totali in Serie A e a Febbraio 2009 arriva anche la prima tripletta in carriera.
A Luglio altre brutte notizie: il Tribunale Ammministrativo Sportivo di Losanna boccia il suo appello, Adrian dovrà sborsare i soldi per la multa comminata.
Altra squalifica il 10 gennaio 2010: Dopo il match col BARI l'attaccante romeno è trovato positivo ad un farmaco antifame, sospeso dalle gare di campionato in via cautelativa, il giocatore realizza una doppietta in Coppa Italia contro la LAZIO ma viene trovato ancora positivo allo stesso farmaco di 10 giorni prima.
Ad Aprile arriva la stangata dal comitato antidoping: 9 mesi di squalifica che protrarranno il fermo del calciatore sino al 29 Ottobre 2010.
Un mese più tardi la FIORENTINA lo esclude dalla rosa per aver lasciato l'allenamento in anticipo, lo reintegra ad inizio Febbraio e il 6 Marzo MUTU festeggia sotto la 'Fiesole' la prima doppietta stagionale che lo fa riappacificare coi tifosi.

FINE CARRIERA TRA CESENA, AJACCIO, L'INDIA E LA ROMANIA
A Giugno 2011 Adrian viene ingaggiato a parametro zero dal CESENA ma il biennale viene interrotto a fine Agosto 2012 quando i romagnoli retrocedono in Serie B e l'attaccante si accasa in Corsica all'AJACCIO in Ligue 1 dove, al termine del campionato avrà segnato 11 gol colpendo 8 tra pali e traverse!
A Gennaio 2014 il ritorno in ROMANIA al PETROUL PLOIEȘTI che trascina ai playoff di Europa League segnando sia all'andata che al ritorno contro il VIKTORIA PLZEN (memorabile il missile con cui fulmina il portiere avversario da 30 metri nell'1 a 4 della seconda gara).
A Settembre, rescisso il contratto coi compatrioti, cerca inutilmente di trasferirsi in India al PUNE (squadra affiliata alla FIORENTINA) ma a causa di problemi burocratici rimane svincolato.
Dopo aver annunciato a Gennaio 2015 l'addio al calcio per star vicino alla mamma malata, Adrian ci ripensa e firma finalmente per il PUNE dove però si sbloccherà solo a Novembre e alla fine dell'esotica esperienza metterà insieme 4 gol in 10 presenze in campionato.
A Gennaio 2016 il ritorno in Romania al TÂRGU MUREȘ: L'obiettivo è ottenere la convocazione agli Europei ma non ce la fa e a Maggio annuncia il definitivo ritiro dal calcio giocato.
Il 12 ottobre 2016 il patròn della DINAMO BUCAREST lo chiama con sé in società nominandolo Direttore Generale.

Questa la pagina Facebook ufficiale di Adrian mentre questo è l'account Twitter e qui trovate lo spazio su Instagram.

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =
  • Voleva il pazzo ma ha preso del matto! A metà Novembre Adrian rivela ai media che avrebbe voluto PAZZINI alla DINAMO ma che TONI gli avrebbe risposto un secco no! Mi sembra quasi di sentirlo il buon Luca al telefono Mo' sè! Mo' se sei matto vè! Il Pazzo da Verona non si muove...
  • Direttore Generale alla DINAMO BUCAREST Raccolti gli ultimi spiccioli di carriera nell'improbabile calcio indiano e tornato in patria al TÂRGU MUREȘ, MUTU appende definitivamente gli scarpini al chiodo quasi 37enne ed inizia una nuova carriera da dirigente alla DINAMO BUCAREST nella quale figura attualmente come Direttore Generale
  • Attore in un video di Snoop Dog a Maggio 2014: Adrian interpreta la parte di un pezzo grosso in un dancing club ovviamente circondato da bellissime ragazze
  • Recordmen in nazionale e in Serie A insieme al leggendario Gheorghe HAGI, MUTU è il giocatore che ha segnato più gol (35) con la nazionale di calcio romena ed inoltre, il quattro volte vincitore del premio calciatore rumeno dell'anno, è anche il calciatore rumeno più prolifico della Serie A con 103 gol
  • Tutto calcio, studio e... Famiglie Adrian ha ottenuto due lauree all'Università di Bucarest in 'Giurisprudenza' e 'Scienze dello Sport' e nella vita privata ha avuto due mogli con le quali ha fatto tre figli: Mario nato dalla prima unione con Alexandra Dinu dal dal 2001 al 2003 e poi Maya Vega e Adriana frutto dell'unione del calciatore con Consuelo, ex modella dominicana e figlia dell'ambasciatore dominicano presso la Santa Sede, con la quale è sposato dal 2005
  • Genio e sregolatezza Il fascino dei MARADONA e dei GARRINCHA, dei BEST e dei GASCOIGNE ma anche dei ZIGONI (per avere esempi più vicini al mondo gialloblù) è stato anche quello di non essere degli esempi fuori dal campo come fu il mitico PEÈ... Spesso il genio umano non è accompagnato dal pieno buonsenso e questo, in un certo qual modo, avvicina il campione alle debolezze della gente comune che lo 'adotta' e lo difende anche contro l'evidenza: A questa speciale categoria è appartenuto anche Adrian, calciatore eclettico, rapido e creativo ma per nulla costante anche a causa dei vari problemi fuori dal campo che ne hanno limitato in parte la carriera
  • Sfortunato in Ligue 1... Dopo un'annata al CESENA conclusa con la retrocessione dei romagnoli, MUTU trova osto all'AJACCIO in Ligue 1 francese dove supererà la doppia cifra ma al termine del campionato sarà anche il calciatore che avrà colpito più legni (8 tra pali e traverse!)
  • Come HAGI (o quasi) Anche nella nazionale rumena MUTU ha lasciato il segno in positivo (35 gol in gare ufficiali come il leggendario Gheorghe HAGI) ma anche e soprattutto in negativo facendosi escludere per ben 3 volte: La prima fu con LUCESCU cittì furioso dopo un 5 a 0 beccato dalla nazionale rumena (qualche notte prima MUTU era stato pizzicato in discoteca in compagnia di alcool e belle donne), vi fu poi quella a seguito di una nottata di fuoco nell'Agosto del 2011 e infine per aver deriso il cittì a Novembre 2013 pubblicando sul proprio profilo Facebook una foto che ritraeva il selezionatore romeno nelle vesti di Mister Bean...
  • Rissa a Firenze! Dopo una serata in discoteca con la moglie ed un amico Adrian è coinvolto in una rissa a causa di alcuni apprezzamenti, ritenuti 'di troppo' dal calciatore rumeno, alla moglie Consuelo
  • Altra squalifica: Stavolta per doping Il 10 gennaio 2010, dopo il match col BARI, l'attaccante romeno è trovato positivo ad un farmaco antifame: sospeso dalle gare di campionato in via cautelativa, il giocatore realizza una doppietta in Coppa Italia contro la LAZIO ma viene trovato ancora positivo allo stesso farmaco di 10 giorni prima. Ad Aprile arriva la stangata dal comitato antidoping: 9 mesi di squalifica che protrarranno il fermo del calciatore sino al 29 Ottobre 2010. Un mese più tardi la FIORENTINA lo esclude dalla rosa per aver lasciato l'allenamento in anticipo



Adrian Mutu
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Adrian Mutu (Călineşti, 8 gennaio 1979) è un dirigente sportivo ed ex calciatore romeno, di ruolo attaccante, presidente della Dinamo Bucarest.
Detiene il record insieme a Gheorghe Hagi di reti con la nazionale rumena, avendone realizzati 35.
Quattro volte vincitore del premio come calciatore rumeno dell'anno, è considerato come uno dei più forti calciatori rumeni di tutti i tempi. Con 103 reti è inoltre il calciatore rumeno più prolifico della Serie A.

Biografia
È laureato in Giurisprudenza all'Università di Bucarest ed anche in Scienze dello Sport. Dal 2005 è sposato con Consuelo, ex modella dominicana, figlia dell'ambasciatore dominicano presso la Santa Sede, da cui ha avuto due figlie, Maya Vega e Adriana. Inoltre ha un altro figlio, Mario, avuto da un precedente matrimonio con Alexandra Dinu durato dal 2001 al 2003.

Caratteristiche tecniche
Calciatore rapido e creativo, nella zona offensiva può giocare sia come seconda punta, sia come ala, e anche come trequartista. Dotato di buona tecnica, era un valido tiratore di calci di punizione e di calci di rigore, dove era solito eseguire il gesto del cucchiaio. Ha avuto però un rendimento poco costante, causato da problemi fuori dal campo, che ne hanno limitato in parte la carriera.

Carriera
- Club
Gli esordi
Cresciuto calcisticamente nell'Argeș Pitești, il suo debutto in campionato avvenne il 15 marzo 1997. Nelle successive due stagioni segna 11 gol in 41 partite e sforna molti assist.
Nel 1998 venne acquistato dalla Dinamo Bucarest, in cui giocò 33 partite segnando 22 gol vincendo, a 18 anni, la Coppa e il campionato rumeno (ottenute dopo il trasferimento di Mutu).

Inter e Hellas Verona
Nel 2000 arriva in Italia, tesserato dall'Inter. Con i nerazzurri segnò due reti, entrambe in Coppa Italia. A fine stagione venne ceduto in comproprietà al Verona.
A Verona segnò quattro gol contro Lazio, Napoli e Bari (doppietta). Nella stagione successiva segnò 12 gol, ma la squadra retrocesse in Serie B.

Parma
Tornato in B, il Verona lo cedette al Parma, dove il romeno segnò 18 gol in 31 partite.
Giocò in coppia con Adriano. Il Parma finisce la stagione al quinto posto a pochi punti dal quarto. In Coppa UEFA disputò 3 partite segnando 3 gol.
Dopo un solo anno, il Parma cedette all'offerta del Chelsea di Roman Abramovič.

Chelsea
Il 1º agosto 2003 venne acquistato dal Chelsea. Nelle prime 4 partite segnò 3 gol, inclusa una doppietta in trasferta contro il Tottenham, ma progressivamente i gol diminuirono: furono solo 6 a fine stagione in 27 presenze più uno in Champions League contro la Lazio. Con il Chelsea arrivò alla semifinale di UEFA Champions League.
Nel settembre del 2004, dopo appena due presenze alla seconda stagione con la maglia del Chelsea, venne scoperto positivo alla cocaina. Venne quindi licenziato il 29 ottobre dal club londinese e ricevette una squalifica di 7 mesi (fino al 18 maggio 2005) e una multa di £20.000 dalla Football Association.

Livorno e Juventus
Dopo l'avventura con il Chelsea firmò un contratto quinquennale con la Juventus il 12 gennaio 2005. In realtà, con un artificio di mercato che sfruttava le lacune delle normative, non fu inizialmente tesserato dalla Juventus ma dal Livorno, in quanto i bianconeri non potevano tesserare un extracomunitario proveniente dall'estero avendo già esaurito i posti a disposizione, e quindi "ceduto" dai toscani ai piemontesi. Con i toscani non scese mai in campo, mentre debuttò solo all'ultima giornata di campionato con la maglia della Juventus a causa della lunga squalifica per doping che doveva scontare. Nella stagione successiva in bianconero riuscì a ritagliarsi qualche spazio. Totalizzò dunque 33 presenze con 7 gol. Alla fine del campionato Mutu viene ceduto alla Fiorentina il 7 luglio 2006.

'Scherzi a parte' il 12 marzo 2009

Fiorentina
Alla Fiorentina Mutu ritrova Cesare Prandelli come allenatore, che lo aveva allenato anche a Parma. Alla prima stagione realizza 16 gol in campionato al pari di Toni, e fornisce molti assist: la Fiorentina, partendo con una penalità di 15 punti a causa di Calciopoli, riesce a finire la stagione al 5º posto (3º senza penalizzazione). Dopo ogni rete segnata, Mutu esulta facendo un inchino alla curva Fiesole. Mutu viene eletto da "Il Calcio", da "Datasport" e dalla "RAI" miglior giocatore del campionato e ottiene la media migliore del campionato in tutti i quotidiani sportivi italiani.
Nella stagione 2007-2008 realizza 17 gol in campionato (5 su calcio di rigore) e 6 in Coppa UEFA, raggiungendo la semifinale di Coppa UEFA e il quarto posto, occupato dalla Fiorentina con due punti di vantaggio sul Milan.
Nell'estate 2008 è stato molto vicino alla Roma ma poi la società viola decise di tenere il giocatore.
Il 14 agosto è stato multato dalla FIFA per 13,68 milioni di sterline (17,17 milioni di euro) per aver rotto il contratto con il Chelsea, dopo che è risultato positivo alla cocaina, facendo di questa multa la più alta di tutti i tempi.
Un infortunio subito nel precampionato mentre era in ritiro con la nazionale rumena, ne ha rallentato la preparazione, e Mutu ha giocato sotto tono le prime partite della stagione 2008-2009. Il problema al gomito era in via di guarigione ma verso la metà del mese di ottobre, nuovamente nel ritiro della nazionale, Mutu subisce un versamento al ginocchio che fa temere un possibile intervento chirurgico. Tornato a Firenze, i medici sociali del club viola ne scongiurano l'ipotesi. Altri due infortuni tormentano il primo quarto di stagione. Dopo aver saltato il match con l'Inter, gioca col Bayern Monaco, contro cui realizza un gol, ma è costretto a un nuovo stop di 15 giorni.
È stato nominato miglior giocatore romeno del 2008.
Durante la partita Fiorentina-Lecce, si procura nuovamente una lussazione al gomito dopo un violento scontro di gioco. Ritorna in campo contro il Bologna, dove sigla una doppietta raggiungendo il traguardo dei 100 gol complessivi con squadre italiane.
Il 15 febbraio 2009, in Genoa-Fiorentina (3-3), segna la sua prima tripletta in carriera.
Il 31 luglio 2009 il TAS di Losanna respinge il suo appello. Il 21 ottobre dello stesso anno il tribunale federale elvetico sospende però il pagamento della multa di 17 milioni di euro fino alla fine del 2009.
Nell'inizio della stagione 2009-2010 segna un gol alla prima giornata di campionato a Bologna. Nel doppio confronto di Champions League contro gli ungheresi del Debrecen segna due gol in Ungheria e il gol del vantaggio nella partita di ritorno. Durante la partita di Firenze contro il Debrecen il giocatore si infortuna al menisco del ginocchio, costringendolo ad una nuova operazione. Rientra in campo nel 2010 siglando 3 gol in 3 partite contro Siena, Bari e Bologna. Nelle partite di Coppa Italia segna due gol negli ottavi di finale in Fiorentina-ChievoVerona vinta per 3-2, e una successiva doppietta nei quarti di finale, Fiorentina-Lazio (3-2). Anche se la Fiorentina non vince la competizione, Mutu, con 4 gol, sarà capocannoniere della Coppa Italia, a pari merito con Alain Pierre Baclet del Lecce e Rachid Arma della Spal.
Il 10 gennaio 2010, nei campioni prelevati dalla commissione antidoping del C.O.N.I. dopo la partita contro il Bari, viene riscontrata la presenza di metaboliti della sibutramina, uno stimolante che annulla gli effetti della fame. Sospeso subito in via cautelativa, in seguito viene trovato positivo alla stessa sostanza anche nelle analisi effettuate dopo la partita del 20 gennaio contro la Lazio in Coppa Italia, incontro in cui il romeno realizzò una doppietta. Il 19 aprile 2010 il comitato antidoping nazionale decide una squalifica di 9 mesi, a decorrere dalla sospensione cautelativa; la Procura aveva richiesto un anno. La squalifica termina il 29 ottobre 2010, 2 giorni prima della partita di campionato Catania-Fiorentina.
Dal 7 gennaio 2011 è fuori dalla rosa della squadra viola per aver inadempiuto ai suoi obblighi contrattuali, lasciando l'allenamento in anticipo.
Il 3 febbraio dello stesso anno la società comunica tuttavia che verrà reintegrato nella rosa a partire dal giorno seguente. Il 6 marzo 2011, in Fiorentina-Catania (3-0), realizza la sua prima doppietta stagionale, con tanto di esultanza sotto la curva Fiesole, a suggellare la riappacificazione con la tifoseria viola.
Il 23 giugno 2011 la Fiorentina comunica la sua cessione a titolo definitivo al Cesena.

Cesena
Il 23 giugno 2011 il Cesena comunica di aver acquistato a titolo definitivo l'attaccante romeno a parametro zero che firma un biennale con opzione per il terzo anno. Ha realizzato il primo gol con i bianconeri nella sfida persa contro la Lazio (1-2) del 21 settembre 2011. Ha realizzato la prima doppietta contro il Genoa.

Ajaccio
Il 28 agosto 2012 l'Ajaccio ufficializza l'acquisto dell'attaccante rimasto svincolato dopo la rescissione del contratto con il Cesena a seguito della retrocessione in Serie B. Segna il suo primo goal nel campionato di Ligue 1 il 28 ottobre 2012 nella sfida in trasferta contro il Lorient finita 4-4. Successivamente segna nella trasferta di Nancy (1-1), contro lo Stade de Reims (2-0), contro il Rennes (2-4), contro il Valenciennes (1-1), una doppietta rifilata al Lione il 3 febbraio 2013, contro il Tolosa (2-3), una doppietta in casa del Saint-Etienne (4-2), in casa dello Stade de Reims (1-1). Conclude il campionato segnando 11 reti ed inoltre è stato il giocatore che ha colpito più legni, ben 8.

Petrolul Ploiești, Pune City e ritorno in Romania al Târgu Mureș
Il 13 gennaio 2014 torna in Romania, dopo 14 anni, firmando un contratto con il Petrolul Ploiești, dopo aver rescisso il contratto con l'Ajaccio. Segna il suo primo gol ufficiale con la maglia del Petrolul il 28 aprile 2014 nelle partita casalinga contro il Botosani segnando il 2-0 su calcio di rigore. Nella sfida contro il Viktoria Plzen valida per il 3º turno preliminare di Europa League segna sia all'andata (1-1) e ritorno (1-4) trascinando la sua squadra ai Play-off con un eurogol da quasi 30 metri. Il 26 settembre rescinde il contratto con la squadra rumena per firmare un contratto con la squadra indiana del Pune (affiliata alla Fiorentina) ma alla fine per alcuni motivi burocratici non ha potuto, rimanendo svincolato.
Nel frattempo ritrova il peso forma e si allena con un personal trainer a Bucarest.
L'8 gennaio 2015 giorno del suo 36º compleanno annuncia l'addio al calcio giocato per stare vicino alla madre malata dopo essere stato vicino al club indiano Pune e ad un vicinissimo clamoroso ritorno alla Fiorentina. Ritorna però sui suoi passi firmando con la squadra indiana.
Dopo un inizio di stagione da spettatore, trova il primo gol con la squadra indiana l'8 novembre 2015 nel match contro il Goa (2-2), segnando in extremis la rete che porta al definitivo pareggio con una bella torsione di sinistro, da antologia. Avendo più spazio, il 19 novembre trova il secondo gol su un calcio di punizione nella trasferta persa con il Delhi Dynamos (3-1). Segna anche nelle ultime due partite perse in trasferta dal Pune, il 27 novembre trova il terzo gol contro l'Atlético de Kolkata (4-1), dopo aver superato nell'area avversaria ben 3 giocatori in appena 30 cm di spazioe il 2 dicembre trova il quarto gol contro il NorthEast United (3-2). Nella sue esperienza indiana segna quattro gol in nove presenze.
Il 18 gennaio 2016 ritorna in Romania dopo un anno nelle file del Târgu Mureș che milita nella massima serie romena, dove firma un contratto semestrale con l'obiettivo di essere convocato in nazionale agli europei. Dopo aver collezionato solo cinque presenze, il 20 maggio annuncia il ritiro.

- Nazionale
È stato tra gli elementi più rappresentativi della Romania, dopo il ritiro di Gheorghe Hagi: il suo esordio avvenne il 29 marzo 2000 in amichevole contro la Grecia.Fu decisivo per la qualificazione della sua Nazionale al campionato d'Europa 2008: nella seconda giornata del gruppo C, segnò una rete all'Italia e si fece parare un calcio di rigore da Gianluigi Buffon.
L'11 agosto 2011, in seguito a una nottata di baldoria e alcol insieme al compagno Gabriel Tamaş durante il ritiro due giorni prima dell'amichevole contro il San Marino, il C.T. Victor Piţurcă li esclude definitivamente dalla nazionale. Tuttavia il 30 settembre viene richiamato in nazionale per le sfide di qualificazione agli Europei 2012. Il 22 marzo 2013 nella sfida contro l'Ungheria (2-2) valida per le Qualificazioni ai mondiali 2014, segna un calcio di rigore ed eguaglia con 35 reti il record di Gheorghe Hagi.
Viene nuovamente escluso a vita dalla sua nazionale il 21 novembre 2013 all'indomani della mancata convocazione per i playoff mondiali contro la Grecia quando, per protesta, posta sul suo profilo Facebook un fotomontaggio che ritrae il selezionatore Piţurcă nelle vesti di Mr.Bean. Né lui, né la Federazione romena gradiscono, comunicando al giocatore l'esclusione il giorno successivo.

Curiosità
È stato vittima del programma Scherzi a parte il 12 marzo 2009 dello scherzo ("L'ergastolano nel bagagliaio") su Canale 5.

Dopo il ritiro
Il 12 ottobre 2016, è stato nominato presidente della Dinamo Bucarest dal proprietario della squadra, Ionuț Negoiță.

Palmares
- Club
Campionato rumeno: 1 Dinamo Bucarest: 1999-2000
Campionato italiano: 1 (revocato) Juventus: 2004-2005

- Individuale
Calciatore rumeno dell'anno: 4 2003, 2005, 2007, 2008
Guerin d'oro: 1 2007
Capocannoniere della Coppa Italia: 1 2009-2010 (4 gol, a pari merito con Alain Baclet e Rachid Arma)


Adrian Mutu
From Wikipedia, the free encyclopedia

Adrian Mutu (Romanian pronunciation: [adriˈan ˈmutu]; born 8 January 1979) is a Romanian former professional footballer who played mainly as an attacking midfielder or as a forward. Despite his talent, his career included several setbacks, in part due to two long-term suspensions for failed drugs tests. He is currently the general manager of Dinamo București.

Mutu started his career in Romania, playing two years for Argeș Pitești and half a year for Dinamo București, before joining Internazionale midway through the 1999–2000 Serie A. After only 10 games there he left for Verona and then Parma, for which he scored 39 goals in the next three years. His excellent form brought him a €22.5 million transfer to Chelsea. Due to breach of contract for failing a (recreational) drug test, he was released and returned to Serie A to join Juventus. After the 2006 Italian football scandal and the relegation of Juventus to Serie B, Mutu decided to join Fiorentina, where he played consistently for five years. He then had a season at Cesena and French club Ajaccio before returning to Romania with Petrolul Ploiești in 2014. After two more brief spells with Pune City and ASA Târgu Mureș, Mutu retired from professional football in 2016.

From his international debut in 2000, Mutu played 77 matches for the Romanian national team and scored 35 goals, a joint record alongside Gheorghe Hagi. He was included in the country's squads at the European Championship in 2000 and 2008. A four-time winner of the Romanian Footballer of the Year award, only Gheorghe Popescu and Gheorghe Hagi have won the award more times, with six and seven wins respectively.

Club career
Argeș Pitești
Mutu began his professional career with his home club Argeș Pitești. He made his debut on 15 March 1997 against Oțelul Galați and went on to score 11 goals in 41 games before sealing a transfer to Dinamo București.

Dinamo București
Mutu didn't spend long time playing in the Romanian capital. He scored 22 goals in 33 games in total and played an important role in Dinamo's league and Romanian Cup success. However, by the time that Dinamo lifted these trophies, Mutu had already left to play for Internazionale.

Internazionale
Having joined Inter midway through the season, Mutu made an immediate impact on his debut for the Italian side, in the Coppa Italia scoring within nine minutes of his appearance against derby rivals A.C. Milan to help Inter to a 3–2 victory. However, Mutu failed to replicate his form in Serie A, playing only ten games for the Nerazzurri without scoring, partially due to 3+2 non-EU quota.

Verona
In 2000, Mutu was sold to Verona in co-ownership deal, for 7,500 million lire (€3,873,427). The Veneto side has also signed Mauro Camoranesi (later teammate at Juventus) and young rising star Alberto Gilardino (later teammate at Fiorentina) that season, but narrowly avoided relegation through winning the relegation tie-breaker playoffs. In June 2001, Verona bought Mutu outright, for 5,100 million lire. (€2,633,930)

The quota system was abolished during the season.

Parma
In the 2002–03 season, Mutu was loaned to Parma with the option to purchase him outright, following Gilardino, who arrived in June 2002. At Parma, he met coach Cesare Prandelli (also at La Viola) and partnered Adriano Leite Ribeiro to form a deadly striking duo. He also met Sébastien Frey, Marco Marchionni and Alberto Gilardino who all later played for Fiorentina.

Chelsea
In August 2003, Chelsea paid Parma €22.5m (around £15.8m) for Mutu's transfer as part of new owner Roman Abramovich's spending spree, He started with four goals in three matches, including two in a 4–2 victory over London rivals Tottenham Hotspur, but Mutu scored fewer goals as the season progressed.

In the 2004–05 season, Mutu had a difficult relationship with the club's new manager José Mourinho, with each accusing the other of lying about whether the player was injured for a 2006 World Cup qualifying match against the Czech Republic. In September 2004, he failed a drugs test for cocaine and was released on 29 October 2004. He also received a seven-month ban and a £20,000 fine from the FA. The ban ended on 18 May 2005.

Breach of contract saga
Chelsea started to seek compensation from Mutu in early 2005. The Football Association Premier League Appeals Committee decided that the player had committed a breach of his contract without just cause which made Chelsea eligible to claim the compensation. Mutu started his first appeal to the Court of Arbitration for Sport (CAS) but the case was dismissed. On 11 May 2006, Chelsea applied to FIFA for an award of compensation against Mutu. In particular, the club requested that the FIFA Dispute Resolution Chamber (DRC) award compensation to the club following Mutu's breaching the employment contract without just cause. However, on 26 October, the DRC decided that it did not have jurisdiction to make a decision in the dispute and that the claim by the club was therefore not admissible. On 22 December, Chelsea lodged a new appeal before the CAS seeking the annulment of the DRC’s decision. On 21 May 2007, a CAS panel upheld the club’s appeal, set aside the DRC’s decision, and referred the matter back to the DRC, “which does have jurisdiction to determine and impose the appropriate sporting sanction and/or order for compensation, if any, arising out of the dispute” between the Club and the Player,"

On 6 August 2007, on the basis of the Second CAS Award, Chelsea filed with the DRC a "Re-amended application for an award of compensation", seeking damages to be determined on the basis of various factors, "including the wasted costs of acquiring the Player (£13,814,000), the cost of replacing the Player (£22,661,641), the unearned portion of signing bonus (£44,000) and other benefits received by the Player from the Club (£3,128,566.03) as well as from his new club, Juventus (unknown), the substantial legal costs that the Club has been forced to incur (£391,049.03) and the unquantifiable but undeniable cost in playing terms and in terms of the Club’s commercial brand values", but "at least equivalent to the replacement cost of £22,661,641". On 14 September, Mutu submitted to the DRC a brief requesting the rejection of Chelsea's plea, and asking FIFA to open an investigation against the club for having used and/or dealt with unlicensed agents. But Mutu failed to suspend the arbitration and his claim for use of unlicensed agents was found not to be supported.

On 7 May 2008, the FIFA Dispute Resolution Chamber ordered Mutu to pay €17,173,990 in compensation to his former club, Chelsea FC, for breach of contract. This included €16,500,000 for the unamortised portion of the transfer fee paid to Parma, €307,340 for the unamortised portion of the sign-on fee (received by Mutu), and €366,650 for the unamortised portion of the fee to the Agent, but was not to take into account the determination of the damages for the amounts already paid by the club to the player (consideration for services rendered) or the remaining value of the employment contract (valued at €10,858,500). Mutu had to pay within 30 days after being informed of the decision in August 2008. Mutu lodged an appeal with the Court of Arbitration for Sport for the second time, but on 31 July 2009, that court dismissed his appeal, and Mutu was ordered to pay Chelsea the amount plus interest of 5% p.a. starting on 12 September 2008 until the effective date of payment; the matter was submitted to the FIFA Disciplinary Committee for its determination. In addition, Mutu had to pay the costs of arbitration for both parties, including CHF 50,000 to Chelsea. The fine was the highest ever levied by FIFA.

Mutu may be banned from football by FIFA if he does not pay, although some lawyers have disputed this. Mutu started his third appeal, this time to the Federal Supreme Court of Switzerland, in October 2009, but on 14 June 2010 this appeal was also dismissed with Mutu again being ordered to pay Chelsea €17m in damages. Mutu then submitted an appeal to European Court of Human Rights.

In 2013, FIFA DRC decided in a new ruling that Livorno and Juventus were also jointly liable to pay compensation; both clubs immediately appealed to the Court of Arbitration for Sport. On 21 January 2015 The Court of Arbitration for Sport annulled the FIFA DRC ruling; Mutu remained the sole party to pay the compensation.

A-ROMA feat. SNOOP DOGG & ORRY JACKSON [Official video]Mutu, in ultimul videoclip al lui Snoop Dogg

Juventus
Mutu signed a five-year contract with the Italian club Juventus on 12 January 2005, despite still being banned from football until 18 May. As Juventus had no available room to buy another non-EU player from abroad, the move also involved fellow Serie A club Livorno, who signed the player and contemporaneously sold him to Juventus. He made his first appearance on 29 May 2005, coming on as a substitute in the 57th minute of the last match of the season which was a 4–2 win over Cagliari. During the 2005–06 season, he scored seven goals in his 20 league match and 12 substitute appearances for Juventus. In the UEFA Champions League he made three starts and five substitute appearances and scored against Rapid Wien.

Fiorentina
On 8 July 2006, Fiorentina announced that they had signed Mutu for €8 million from relegated Juventus which both clubs involved in the 2006 Italian football scandal. This reunited Mutu with his former manager at Parma, Cesare Prandelli. Mutu formed a productive partnership with Luca Toni and between them the pair scored 32 goals in the 2006–07 season. He was named the best player of the season by “Il Calcio”, due to his 16 goals and eight assists in 33 games.

In July 2008, A.S. Roma made a reported €18 to 20 million offer to sign him outright, but Mutu hinted that he may remain in Florence and eventually signed a new contract reported last to 2012. On 30 November 2008, at his 200th match in Serie A, Mutu was chosen to captain Fiorentina in the game against Roma. On 2 February 2009, he scored his 100th and 101st Serie A goals against Bologna. On 15 February 2009, Mutu scored his first hat-trick with Fiorentina. After going 3–0 down against Genoa, Mutu converted a penalty, a free kick, and scored again in the final second of extra time, bringing the final score to 3–3. Despite a difficult elbow injury, Mutu managed to finish the 2008–2009 season with 14 goals, along with Gilardino they were one of the top ten single season striker partnerships in Viola history with 33 goals between them.

On 29 January 2010, it was reported that Mutu failed a doping test after a Coppa Italia match against Lazio match nine days earlier, in which he scored twice in to help Fiorentina win 3–2. The INOC was requested to hand Mutu a one-year ban by the Italian anti-doping prosecutor. He eventually received a nine-month ban on 19 April, which was later reduced to six months and ended on 29 October. After the ban finished, Mutu was suspended by the club due to breach of contract (AWOL) on 7 January 2011. After such events, Mutu publicly apologised to the club and parted company with his agent Victor Becali; on 3 February 2011 Fiorentina announced the player was reinstated into the first team with immediate effect.
Later career
On 23 June 2011, it was officially announced that Cesena had signed Mutu on a two-year contract. On 15 January, Mutu scored two goals versus Novara and took his tally to 101 goals in Serie A. After a couple of unconvincing games, on 11 April, Mutu scored a goal against Genoa, to eventually earn a draw for Cesena.

In the summer of 2012, after Cesena relegated from Serie A, the two parties ended the contract by mutual consent.

After his release from Cesena, Mutu signed a new contract with AC Ajaccio of the French Ligue 1 on 28 August 2012. He said that he favoured the Italian culture on Corsica, dismissed claims that he was preparing for retirement, and stated that he would score more goals than Zlatan Ibrahimović of Paris Saint-Germain. Club president Alain Orsoni said that Mutu was the highest-profile player to come to Corsica since Johnny Rep joined SC Bastia in 1978. He scored two goals in their 3–1 home victory over Lyon on 3 February 2013, and finished the 2012–13 season with 11 goals in 26 league games.

After his previous season's goal haul was enough to keep Ajaccio in Ligue 1, Mutu's second season saw him play just 9 games and not score, before terminating his contract on 14 January 2014 alongside compatriot Ștefan Popescu.

Later that day he was presented at Petrolul Ploiești in front of 10,000 fans. He was signed by his former international teammate, Cosmin Contra. In the summer of 2014, Mutu scored both home and away against Viktoria Plzeň in the UEFA Europa League third qualifying round, a double which Petrolul impressively won 5–2 on aggregate.

On 26 September 2014, Petrolul announced that the club had ended the contract between the two parties.

On 30 July 2015, Mutu signed as the marquee player of Indian Super League club FC Pune City.

International career
Mutu made his international debut against Greece on 29 March 2000. He represented Romania at Euro 2000, his first major tournament where they beat England 3–2, and drew 1–1 against Germany. Romania were eliminated in the quarter-finals by Italy. Mutu has played for Romania 72 times, scoring 34 goals, 23 of which have come in qualifying games. Romania has only lost once when Mutu has scored for them, which was in a 2004 European qualifying game against Denmark. He was the vice-captain of Romania. His performances (games, goals) with the Romanian national team earned him the Romanian Footballer of the Year award. He equalized the all-time record of 35 goals set by Gheorghe Hagi for the national team in the 2–2 draw 2014 World Cup Qualifier against Hungary .

Euro 2008
Mutu scored Romania's only goal of Euro 2008 in the 55th minute of their second match against Italy, however in the same match he had a second-half penalty saved by Italian goalkeeper Gianluigi Buffon, which could have sent Italy out of the competition and would have guaranteed Romania a spot in the quarter finals. The game finished 1–1.

Since 2009, Romania's national team coach Răzvan Lucescu has had reservations about calling him up, because Mutu was revealed to be consuming alcohol after a match with Serbia in World Cup 2010 Qualifications. Because of poor results and fan pressure, Răzvan Lucescu was forced to call him up again. Mutu scored a brace in his first game back, a 3–1 win over Luxembourg on 29 March 2011, Romania's first win of the qualifiers. He also scored once in the next game, a 3–0 win over Bosnia and Herzegovina on 3 June 2011. After the retirement of Cristian Chivu he has become the undisputed captain of Romania.

International ban
On 11 August 2011, Mutu and his teammate Gabriel Tamaş were excluded from the Romanian national team after they were found drinking at a bar on the night of 10 August, while their teammates were playing in a friendly match against San Marino. However, after only three games, their suspension was lifted. On 21 November 2013, Mutu was barred from playing on the national team after he posted an image of manager Victor Piţurcă as Mr. Bean on Facebook.

Style of play
A highly skilful and creative player, with an eye for goal, who has been troubled by off-field issues, however, Mutu is capable of playing in several offensive positions, as a supporting forward, as a striker, as a winger, and also as an attacking midfielder, due to his ability to both score and assist goals. Often compared to compatriot Gheorghe Hagi, in his prime, Mutu was a quick and mobile player, with excellent technical skills and dribbling ability, and was also an accurate set-piece and penalty-kick taker. Despite his talent, he has often been prone to injury and accused of inconsistency throughout his career, and is notorious for his poor work-rate, temperamental character, and behaviour on the pitch; because of this, he is often regarded as not having lived up to his true potential.

Personal life
Mutu was born in Călineşti, Romania. In 2001, he married Romanian TV presenter Alexandra Dinu, but they divorced two years later, with Alexandra being awarded custody of their son Mario.

He has since been married to Dominican model Consuelo Matos Gómez; the couple have two daughters together.

In 2014, Mutu acted in a music video released by hip hop artist Snoop Dogg.

Honours
- Club
Juventus Serie A: 2004–05, 2005–06 (both revoked due to the Calciopoli scandal)

- Individual
Guerin d'Oro: 2007
Romanian Footballer of the Year: 2003, 2005, 2007, 2008
Coppa Italia Top-scorer: 2009–10
Fiorentina All-time XI

FONTE: Wikipedia.org


NATO OGGI...
Adrian Mutu, il Fenomeno viola: con tanti problemi fuori dal campo
08.01.2017 05.00 di Lorenzo Di Benedetto Twitter: @Lore_Dibe88
Un talento cristallino, capace di decidere le partite da solo, con una carriera che, a causa delle bravate fuori dal campo, non è stata come avrebbe potuto essere. Adrian Mutu ha trascorso la maggior parte della sua vita calcistica in Italia, partendo dall'Inter, nel 2000, e passando dopo appena sei mesi al Verona. Con i gialloblu ha messo a segno 17 reti in 63 partite e si è fatto conoscere dalle grandi, con il Parma che nell'estate del 2002 lo acquistò. In Emilia la sua stagione migliore, dal punto di vista realizzativo, con 18 gol in 31 presenza in Serie A, cifre che attirarono l'attenzione del Chelsea di Roman Abramovich. A Londra, durante la sua seconda stagione, fu però squalificato perché trovato positivo alla cocaina e questo fu il fatto che ne ha frenato la carriera. Al termine del periodo di stop fu la Juventus a tesserarlo, prima della sentenza di Calciopoli che lo spinse alla Fiorentina, dove diventò presto l'idolo della curva Fiesole. In viola mise a segno 69 reti in 143 gare totali. Prima di trasferirsi al Cesena e lasciare la Serie A la stagione successiva. Oggi Mutu compie 38 anni.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Adrian Mutu: la “Top 10” dei goal nostalgici
8 January 2017, Scritto da Redazione
Adrian Mutu ha sempre avuto addosso il classico fascino del giocatore dell’est, incostante, continuamente al di fuori delle regole, ma allo stesso tempo genio puro in grado di spaccare la partita in un qualsiasi momento. Nella sua carriera troppe volte è passato dal paradiso all’inferno, ma ogni volta che accendeva la luce, noi ne restavamo incantati aspettandone la definitiva consacrazione. Nel periodo nostalgico Mutu ha vestito le maglie di Inter, con cui segnò all’esordio in un derby di Coppa Italia, Hellas Verona, Parma e Chelsea.

Amato da tutti gli appassionati di fantacalcio per il suo notevole rendimento, nel cuore di noi nostalgici resterà per sempre il tandem con Adriano con cui al Parma formò una delle coppie d’attacco più prolifiche del campionato 2002/2003.

Oggi in occasione del suo compleanno abbiamo deciso di dedicargli la “Top 10” dei goal nostalgici.

Ora basta chiacchere, godiamoci questa bella carrellata:
10) Hellas Verona-Bari 3-2 2000/2001: Apriamo la classifica con il fantastico goal del 3-1 siglato al Bari. Astuzia e caparbietà in un solo goal che rendono bene l’idea del valore di un giovanissimo Adrian Mutu. (min 1.05)

9) Parma-Atalanta 2-1 2002/2003: Non poteva di certo mancare in classifica un goal su calcio piazzato. Un’autentica prodezza con la palla che si insacca sotto l’incrocio dei pali, nonostante il volo di un nostalgico Massimo Taibi. (min 1.25)

8) Verona-Perugia 1-1 2001/2002: Finta ubriacante su Ze Maria e tiro a giro sul palo opposto, per quello che possiamo semplicemente definire un goal alla Del Piero.

7) Torino-Parma 0-4 2002/2003: Nel netto successo del Parma a Torino per 0-4 non poteva di certo mancare la sua firma. Ancora un altro calcio piazzato, stavolta con la palla che scavalca la barriera e si infila nell’angolino basso alla destra del portiere. (min. 2.15)

6) Chelsea-Leicester City 2003/2004: Passato al Chelsea nell’estate del 2003, si presenta all’esordio con questo goal che fa impazzire di gioia tutto lo Stamford Bridge

5) Parma CSKA 3-2 2002/2003: Una rete a tempo quasi scaduto, che regala al Parma la qualificazione al secondo turno della Coppa Uefa. Un goal che ancora a distanza di anni ci fa capire quanto potesse essere decisivo. (min. 3.45)

4) Leicester City-Chelsea 2003/2004: “Mutu is back”, nella poco fortunata esperienza oltremanica, Adrian Mutu si conferma capace di realizzare prodezze come questa con la quale sigla la rete dello 0-3 chiudendo il match contro le Foxes. (min 0.50)

3) Fiorentina-Verona 0-2 2001/2002: Sul gradino più basso del podio troviamo questa autentica gemma. Un goal da vedere e rivedere nel quale Mutu dopo avere vinto due contrasti con i difensori viola, trova una perfetta conclusione a giro sulla quale Manninger non può nulla. (min 0.27)

2) Verona-Milan 1-2 2001/2002: In un match delicatissimo per entrambe le squadre alla disperata ricerca di punti, il Verona passa in vantaggio grazie al suo giocatore di maggior talento, che umilia letteralmente la difesa del Milan prima di trafiggere Abbiati con un gran destro dalla distanza. Un goal che illuderà gli scaligeri, che torneranno in Serie B dopo aver disputato un girone d’andata sontuoso, respirando le zone d’alta classifica e che potevano vantare in rosa giocatori del calibro di Massimo Oddo e Mauro German Camoranesi.

1) Piacenza-Parma 1-1 2002/2003: Un fantastico coast to coast lungo la fascia destra concluso con uno splendido piatto sinistro con il quale beffa l’uscita di Guardalben.

Mutu che in Serie A ha vestito successivamente le maglie di Juventus, Fiorentina e Cesena ha messo a segno ben 103 reti nel nostro campionato. Meritano sicuramente una citazione i suoi anni in maglia viola, dove giocando in coppia prima con Toni e poi con Gilardino ha portato la Fiorentina a disputare la fase finale della Champions League. Un giocatore unico, un attaccante moderno ed universale, che tuttavia ha fatto vedere solo a sprazzi il suo immenso talento. Ma Adrian non preoccuparti, un posto nella nostalgia per te ci sarà sempre.

FONTE: MaCheNeSanno.it


17 NOV 2016
Mutu: ”Volevo Pazzini”
''Ma Toni mi ha dato del pazzo'' le parole dell'ex attaccante gialloblù.

Adrian Mutu ha cercato di portare Pazzini alla Dinamo Bucarest.

A rivelare l'indiscrezione di mercato è lo stesso ex giocatore rumeno ora dirigente del club rumeno: "Ho chiamato Luca Toni, gli ho chiesto di Pazzini e mi ha detto che sono matto – le parole dell'ex punta dell'Hellas Verona -. Percepisce 800mila euro l'anno ed ha un contratto anche per le prossime tre stagioni", ha detto a igiSport.ro.

Pecchia può così ancora godersi il 'Pazzo' che dovrà riportare gli scaligeri alla vittoria dopo la dura sconfitta interna ad opera del Novara.

FONTE: SPortal.it


Mutu, UFFICIALE: nuovo dg della Dinamo Bucarest

del 12 ottobre 2016 alle 12:34
L'ex attaccante di Chelsea, Juventus e Fiorentina Adrian Mutu, classe '79, è diventato nuovo direttore generale della Dinamo Bucarest, come riporta lo stesso club sulla sua pagina Facebook ufficiale.

FONTE: CalcioMercato.com


EX VERONA
Ex Verona: Mutu nuovo presidente della Dinamo Bucarest
Ritorno alle origini per l’ex attaccante. Domani la presentazione ufficiale

di Raffaele Campo, 11/10/2016, 17:31

Adrian Mutu, all’Hellas nel biennio 2000/2002, non vuole abbandonare il mondo del calcio, dopo che, alla fine dello scorso maggio, ha appeso le scarpe al chiodo.
Come riporta in esclusiva il portale romeno “Dolce Sport”, l’ex attaccante, in attesa di diventare allenatore, sarà il nuovo presidente della Dinamo Bucarest, club dove ha militato da giovane prima di approdare all’Inter a gennaio del 2000.
Domani verrà presentato ufficialmente e inizierà a lavorare col tecnico dei “cani rossi” Ioan Andone. Mutu svolgerà un ruolo esecutivo.

Queste le sue dichiarazioni: “Negoita (il proprietario del club, ndr) ha fatto tutto ciò che gli è stato possibile. Va apprezzato per gli investimenti che ha fatto, non gli si poteva chiedere di più. La Dinamo ha una politica corretta che garantisce stabilità. In questo momento è il massimo che si può fare, non ci si può spingere oltre”.

NEWS
Mutu: “Io al Verona, grandi ricordi”
L’ex attaccante gialloblù: “All’Hellas sono divenuto una stella”
di Raffaele Campo, 29/09/2016, 23:50

Nel corso di una lunga intervista rilasciata al portale romeno Dolce Sport, Adrian Mutu ha ripercorso la tappe principali della sua carriera da calciatore, che lo ha visto indossare numerose maglie.
Impossibile quindi dimenticare le due stagioni (2000/2002) trascorse all’Hellas.
Queste le parole dell’ex attaccante: “Ho davvero un grande ricordo del Verona, dove sono divenuto una stella. Dopo il primo anno volevo andare via, ma poi sono tornato e ho dato tutto per la maglia gialloblù”.


FONTE: Hellas1903.it


Si ritira Adrian Mutu: "La Luce" della Romania
Si è conclusa la carriera di Adrian Mutu: riviviamo le sue gesta

Di Rocco Calandruccio - 26 maggio 2016
Adrian Mutu

Adrian Mutu nasce a Calinesti in Romania l’otto gennaio del 1979, è stato uno dei più forti e rappresentativi giocatori romeni di sempre insieme ad un altro guru come Gheorghe Hagi, con cui condivide lo stesso numero di presenze in Nazionale. Per quattro volte in carriera è stato nominato giocatore dell’anno in Romania, inoltre Mutu è l’attaccante romeno che ha totalizzato più reti (103) nel campionato italiano, grazie alla sua tecnica e abilità nei calci da fermo ed è stato soprannominato "El Bruliantul", cioè "La Luce".

Gli inizi di carriera del giovane attaccante partono dall’Arges Pitesti, dove percorre tutto il settore giovanile fino a fare l’esordio in prima squadra con cui gioca per due stagioni collezionando 41 presenze e 11 reti. Nell’estate del ’98 Mutu passa ad uno dei club più prestigiosi della Romania, la Dinamo Bucarest, ci resta per due stagioni, totalizzando 22 reti in 33 presenze, vincendo infine un campionato.

Nella sessione del mercato invernale, per Mutu arriva la grande occasione di giocare in uno dei campionati più importanti del mondo con la maglia di un grande club, infatti è l’Inter diMarcello Lippi a puntare su di lui. In nerazzurro l’attaccante rumeno totalizza solo dieci presenze, ma fu decisivo con una doppietta in un derby di Coppa Italia contro il Milan. La società nerazzurra decide di far fare esperienza al giovane Mutu, cedendolo in comproprietà alla neopromossa Hellas Verona, con gli scaligeri gioca per due stagioni, venendo riscattato a titolo definitivo dopo il primo anno. I due anni con l’Hellas Verona, valorizzano le doti tecniche dell’attaccante rumeno, specie nella seconda stagione, dove realizza 12 reti in 27 presenze, non sufficienti a evitare la retrocessione degli scaligeri in Serie B.

Nella stagione 2002-03 Mutu rimane in Serie A, approdando al Parmadove ritrova come tecnico Cesare Prandelli, il quale lo aveva già allenato a Verona, quel campionato però consacra il forte attaccante grazie alle sue 18 reti come uno dei migliori in Europa, riuscendo a formare una grande coppia goal con il brasiliano Adriano e portando il club ducale inCoppa Uefa, classificandosi in quinta posizione. Dopo la grande stagione vissuta a Parma, Mutu suscita l’interesse di grandi club europei, su tutti ci credono gli inglesi del Chelsea, che gli danno anche la possibilità di giocare la Champions League, arrivando fino alle semifinali.

L’esperienza di Mutu ai “Blues” inizia molto bene a suon di goal per poi avere un calo, che lo porta al termine della stagione a realizzare un magro bottino di 6 reti in 27 gare giocate. All’inizio della stagione successiva, il campione rumeno viene trovato positivo alla cocaina, subendo un licenziamento da parte del club inglese, in più una squalifica di 7 mesi da scontare fino al maggio 2005, con multa di £ 20.000 fatta dalla Football Association. Durante la squalifica, nel gennaio 2005 la Juventus lo riporta in Italia facendogli firmare un contratto di cinque anni, ma i bianconeri avendo tutte le caselle occupate per tesserare un nuovo giocatore extracomunitario, Mutu inizialmente viene tesserato dal Livornosenza mai giocare. Nella Juventus l’attaccante rumeno riuscirà a giocare, ritagliandosi il suo spazio solo dopo il termine della squalifica, conquistando sul campo uno scudetto e segnando 7 reti in 33 presenze.

Alla fine della stagione in bianconero, Mutu si trasferisce alla Fiorentina,ritrovando ancora come tecnico, Cesare Prandelli, con i viola l’attaccante gioca per cinque stagioni, dove fa goal con continuità sia in campionato che in Europa, per la precisione 54 in 112 presenze. L’ultimo anno in viola vede Mutu protagonista ancora in negativo, venendo trovato positivo all’antidoping al termine della gara contro il Bari e successivamente a distanza di dieci giorni contro la Lazio. Il comitato antidoping squalifica l’attaccante per nove mesi, facendolo tornare a giocare a fine ottobre del 2010 nella sfida del “Massimino”, contro il Catania. L’ultima stagione di Adrian Mutu in viola, è caratterizzata da alcuni contrasti con la società, che nel gennaio del 2011 viene messo fuori rosa per non aver rispettato i suoi obblighi contrattuali, ma a poco meno di un mese viene reintegrato in squadra, ricucendo anche a suon di goal il rapporto con la tifoseria inclinatosi dopo le varie vicende.

Dopo cinque stagioni a Firenze, Mutu rimane nel campionato italiano affrontando una nuova sfida, quella di lottare per la salvezza con ilCesena. In Emilia, Mutu ci rimane per una sola stagione segnando otto reti in 28 gare, un ruolino non sufficiente per salvare il Cesena dalla retrocessione in Serie B.

Finita l’esperienza nel calcio italiano, Mutu si svincola dal Cesena e si trasferisce in Francia per giocare in Ligue 1 con la maglia dell’Ajaccio,realizzando in due stagioni 37 presenze accompagnati da 11 segnature. Adrian Mutu a distanza di 14 anni dopo un girovagare per l’Europa decide di tornare in Romania, andando a giocare con il Petrolul Ploiesti, con cui realizza 4 reti in 14 partite disputate. Al termine di quella stagione, l’attaccante rumeno rescinde con il suo club per andare a giocare con gli indiani del Pune, segnando 4 reti in dieci di gare.

Nel gennaio del 2015, all’età di 36 anni annuncia il suo ritiro per stare vicino alla madre malata, ma dopo un anno torna sui suoi passi e riprende a giocare nel suo paese con la casacca del Targu Mures, firmando un contratto di sei mesi e scendendo pochissime volte in campo. L’obiettivo di questa scelta era legata al fatto di poter provare a giocarsi le sue chance di essere convocato agli Europei in Francia dalla Nazionale rumena. I risultati purtroppo per lui non sono stati dei migliori e decide a 37 anni di appendere le scarpette al chiodo, dopo una carriera sicuramente molto movimentata, che lo ha reso comunque uno dei migliori giocatori europei nel suo ruolo, consentendogli di dare lustro al suo paese soprattutto per quello che ha dato sul campo, in Nazionale e in giro per l’Europa.

FONTE: StadioSport.it


LA STRAORDINARIA MANIA PER IL PALLONE
Blog per calciofili, nottambuli e flâneur della rete
Da Hagi a Mutu, la Top 11 dei rumeni in Serie A
[...]

Mutu, genio & sregolatezza

Adrian Mutu (Inter 00, Verona 00-02, Parma 02-03, Livorno 05, Juventus 05-06, Fiorentina 06-11, Cesena 11-12) – Se ogni nazione ha il suo George Best, di certo quello romeno è Mutu. In carriera ha segnato quasi 200 reti, potendo contare su una tecnica e su una potenza fuori dal comune. Peccato che abbia fallito gli appuntamenti importanti (con il Chelsea e con la Juventus) a causa di qualche irregolarità fuori dal campo: tra squalifiche e polemiche ha perso parecchi treni, pur potendo vantare una carriera di tutto rispetto. L’Inter di Moratti lo porta in Italia ma ovviamente non crede in lui (erano anni bui per i nerazzurri). Mutu esplode a Verona e diventa campione a Parma, inducendo Abramovich a portarlo a Londra, dove però resta invischiato in una squalifica per cocaina. Dopo una stagione in chiaroscuro alla Juventus passa ai rivali della Fiorentina, dove complessivamente segna 69 reti ma rimedia un’altra squalifica, stavolta per doping. Il feeling con la società si incrina e per Mutu inizia la parabola discendente. Dopo un’ultima stagione discreta a Cesena passa all’Ajaccio ed in seguito al Petrolul Ploiesti, prima di ritirarsi a 36 anni. In nazionale ha segnato 35 gol in 77 partite, disputando due Europei. Peccato che il suo palmares sia abbastanza ridotto, avendo militato poco nei top club. 172 presenze e 103 reti in Serie A. Voto: 8,5

[...]

FONTE: IvanovMattioli.Wordpress.com


NEWS VIOLA
Mutu: “Addio al calcio, grazie Fiorentina e Romania. Ho vinto ciò che sognavo”
Questa lettera, postata su Facebook da Adrian Mutu, comunica al mondo dei social l’addio al calcio del campione romeno.

di Redazione VN, 21/05/2016, 18:29
Mutu ha sempre dimostrato un grande attaccamento a Firenze, tanto che dopo un gol alla Roma mostrò una maglietta con i colori della città

Con questa lunga lettera su Facebook Adrian Mutu comunica al mondo dei social la fine della sua carriera. Ve la riproponiamo, in maniera integrale, sulle pagine di ViolaNews.

E’ arrivato il momento di chiudere la mia carriera. Ho vissuto un sogno bellissimo e voglio quindi lasciare un segno della mia immensa riconoscenza a tutti quelli che mi hanno aiutato nella vita e nella mia professione. Un sogno che è stato possibile grazie a tante squadre, dalla Dinamo Bucarest all’Inter, dal Verona al Parma, dal Chelsea alla Juventus, ma principalmente voglio ringraziare la Fiorentina e la Nazionale rumena perché è grazie a loro che mi sono trovato uno spazio all’interno del paradiso dei calciatori.
Non è certo questo il giorno di ricordare i momenti neri, ma quello di condividere con tutti voi i momenti straordinari, giganteschi della mia carriera. E’ stato un volo nel cielo del calcio, in cui ho incontrato tifosi splendidi e – appunto – due realtà, la Fiorentina e la Romania, che mi hanno trattato come un principe.

Un cronista una volta mi ha chiamato “Principe Nero”, io dico solo che sono stato un uomo fortunato perché ho trovato tifosi che mi hanno voluto bene, un bene immenso, pieno di affetto e di amicizia. A tutti loro voglio regalare il mio ultimo inchino per chiudere dentro il cuore qualcosa di fantastico.

Potevo vincere di più? Non mi importa, ho vinto quello che sognavo, l’amore di gente unica, impagabile. Per un attimo voglio mettere in un angolo gli errori che ho commesso e per i quali ho pagato il mio dazio alla vita, in questo momento sono un’immagine sbiadita dell’immensa felicità di una carriera piena d’amore.

A tutti i tifosi viola voglio poi regalare due immagini che mi porterò dentro a vita: il gol allo Slavia Praga che ha aperto la porta alla prima Champions Leaguye dell’era Della Valle ed il gol segnato in Olanda contro il PSV, l’una vita la mia segnata dall’amore della gente.

Grazie,
con immenso amore
Adrian Mutu

FONTE: ViolaNews.com


20:36 | venerdì 20 maggio 2016
Ufficiale, Mutu si ritira dal calcio giocato
L'ex Fiorentina e Juventus appende gli scarpini al chiodo a 37 anni

UFFICIALE RITIRO MUTU ADDIO CALCIO - Adrian Mutu si ritira dal mondo del calcio giocato. L'ormai ex attaccante rumeno classe 1979 in questa stagione ha giocato per l'ASA Targu Mures, squadra in passato allenata da Cristiano Bergodi.

LE ULTIMISSIME - Mutu quest'oggi ha comunicato l'intenzione e la volontà di chiudere con il calcio giocato: in passato ha rivestito le maglie di Inter, Verona, Juventus, Fiorentina, Chelsea, Parma e Cesena.

FONTE: CalcioNews24.com


ALTRE NOTIZIE
Mutu saluta Toni: "Un onore aver gioito insieme a te per la Fiorentina"
04.05.2016 22.34 di Luca Bargellini Twitter: @barge82
Anche Adrian Mutu, ex attaccante di Fiorentina e Juventus, ha voluto rendere omaggio a Luca Toni nel giorno dell'addio al calcio comunicato dal centravanti del Verona: "Domenica sarà l'ultima partita di Luca Toni. Il tempo purtroppo non perdona nessuno ed è un peccato non vedere più in campo un attaccante del genere, una grande persona e sopratutto un grande amico. Per me è stato un privilegio giocare al suo fianco, soffrire e sopratutto gioire insieme in tante partite per la Fiorentina. Più di 100 gol fatti insieme per una squadra #Fiorentina ,che non ti dimenticherà mai. Amico mio in bocca al lupo nella tua vita e spero di rivederti presto!!! #lucatoni"

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Bun venit, Adrian Mutu!
Articol postat in 17.01.2016
Conducerea clubului ASA Tîrgu-Mureș anunță că a ajuns la o înțelegere cu jucătorul Adrian Mutu, acesta urmând să îmbrace tricoul formației noastre în partea a doua a campionatului.

În cariera sa, Mutu a evoluat pentru echipele FC Argeș, Dinamo București, Inter Milano, Hellas Verona, Parma, Chelsea, Juventus, Fiorentina, Cesena, Ajaccio, Petrolul Ploiești și, ultima dată, la formația indiană Pune City.

Are 77 de prezențe în tricoul României și 35 de goluri înscrise, fiind, împreună cu Gheorghe Hagi, cel mai bun marcator din istoria naționalei. În patru rânduri a fost declarat cel mai bun fotbalist al țării (2003, 2005, 2007 și 2008).

Pe această cale, îi urăm lui Adrian Mutu bun venit la ASA Tîrgu-Mureș și, împreună, să ne îndeplinim obiectivele din acest sezon !

FONTE: ASATirguMures.ro


SERIE A
Nato oggi - Mutu, fenomeno viola con una carriera non sfruttata al massimo
08.01.2016 05.00 di Lorenzo Di Benedetto Twitter: @Lore_Dibe88
Un talento cristallino, capace di decidere le partite da solo, con una carriera che, a causa delle bravate fuori dal campo, non è stata come avrebbe potuto essere. Adrian Mutu ha trascorso la maggior parte della sua vita calcistica in Italia, partendo dall'Inter, nel 2000, e passando dopo appena sei mesi al Verona. Con i gialloblu ha messo a segno 17 reti in 63 partite e si è fatto conoscere dalle grandi, con il Parma che nell'estate del 2002 lo acquistò.

In Emilia la sua stagione migliore, dal punto di vista realizzativo, con 18 gol in 31 presenza in Serie A, cifre che attirarono l'attenzione del Chelsea di Roman Abramovich. A Londra, durante la sua seconda stagione, fu però squalificato perché trovato positivo alla cocaina e questo fu il fatto che ne ha frenato la carriera.

Al termine del periodo di stop fu la Juventus a tesserarlo, prima della sentenza di Calciopoli che lo spinse alla Fiorentina, dove diventò presto l'idolo della curva Fiesole. In viola mise a segno 69 reti in 143 gare totali. Prima di trasferirsi al Cesena e lasciare la Serie A la stagione successiva. Oggi Mutu compie 37 anni e nell'ultimo anno ha vestito la maglia del Pune, club indiano affiliato alla Fiorentina.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Adrian Mutu, GOL FABULOS în India. Este al patrulea în ultimele 5 meciuri
Adrian Mutu a marcat din nou, miercuri, pentru FC Pune City.

Publicat: Miercuri, 02 Decembrie 2015 18:16 // Actualizat: Miercuri, 02 Decembrie 2015 18:16 // Sursa: romaniatv.net
Autor: Filip Stan


Adrian Mutu e de neoprit la Pune City. A reusit sa marcheze pentru a patra oara in ultimele 5 meciuri din Indian Super League. Mutu a inscris din nou pe final, cu Northeast United, cand echipa sa era condusa cu 3-1. Mutu a marcat cu un sut din lovitura libera de la 20 de metri, in minutul 86.

FC Pune City a pierdut cu 2-3 şi are 15 puncte din 13 meciuri, fiind la cinci puncte de locul 4, ultimul care asigură prezenţa în play-off.

FONTE: RomaniaTV.net


India, Mutu non molla: gol su punizione con il Pune City
Adrian Mutu continua a segnare a 36 anni: prodezza su punizione nel campionato indiano

Di Luigi Trapani Lombardo 22:29 19.11.15

Il Pune City ha perso 3-1 in casa dei Delhi Dynamos nell’undicesimo turno del campionato indiano e il gol della bandiera è stato realizzato da una vecchia conoscenza del calcio italiano. Adrian Mutu continua a segnare, nonostante i 36 anni, e ha realizzato un gol su calcio di punizione allo scadere. L’ex calciatore anche di Juve, Fiorentina, Parma non ha intenzione di appendere le scarpe al chiodo.

FONTE: CalcioWeb.eu


Adrian Mutu a marcat primul său gol în India. A înscris în prelungiri şi a fost decisiv
Adrian Mutu a marcat primul său gol de când joacă la echipa indiană Pune City, golul lui, reușit în minutul 90+4, aducând un punct pentru formația sa în meciul cu FC Goa, încheiat cu 2-2.

Publicat: Duminică, 08 Noiembrie 2015 19:45 // Actualizat: Duminică, 08 Noiembrie 2015 19:45 // Sursa: romaniatv.net
Autor: Daniel Spătaru


Adrian Mutu a fost titular și integralist pentru Pune City, echipă care se afla pe locul doi în campionatul indian de fotbal, la un punct de FC Goa, menținându-se astfel aproape de formația din fosta colonie portugheză.

Citeşte şi Adrian Mutu, în TOPUL marilor talente care şi-au irosit CARIERELE

Acesta este primul gol al lui Mutu într-un meci oficial după 15 luni. Ultima reuşită venise într-un CSMS Iaşi - Petrolul, scor 1-5.

FONTE: RomaniaTV.net


Mutu: “Fiorentina? Solo da spettatore. Ho ancora un contratto con il Pune”
Di redsport - 31/05/2015 17:33
MutuDopo il presunto ritorno in maglia viola, Adrian Mutu ha parlato ai media rumeni riguardo alla sua situazione contrattuale con il Pune e di un possibile ritorno a Firenze: “Ancora non riesco a pensare all’addio al calcio. Ho ancora 3 mesi di contratto con il Pune, quindi giocherò in India. Poi vedremo. Per adesso penso solo a rispettare il mio accordo. Il ritiro con il Pune avrà inizio nel mese di luglio e due mesi dopo inizierà il campionato. Se vedo che posso ancora giocare bene e sostenere il ritmo, a gennaio mi trasferirò in un altro importante club. In caso contrario appenderò le scarpette al chiodo. Ritorno a Firenze? Al massimo da spettatore. Da giocatore in nessun caso”.

FONTE: Fiorentina.it


GLI EROI BIANCONERI
Gli eroi in bianconero: Adrian MUTU
Pionieri, capitani coraggiosi, protagonisti, meteore, delusioni; tutti i calciatori che hanno indossato la nostra gloriosa maglia
09.01.2015 10:09 di Stefano Bedeschi
Rumeno di Calinesti, classe 1979, cresciuto nell’Arges Pitesti, poi alla Dinamo Bucarest, arriva in Italia a vent’anni, nel 1999, acquistato dall’Inter, in cerca di talenti da far sbocciare. Dopo 14 partite e qualche goal, inizia un lungo viaggio che lo porta a prima a Verona e poi a Parma: «L’Inter era una squadra con tanti campioni. Il primo giorno che sono arrivato nello spogliatoio ero seduto vicino a Vieri. Poi c’erano Baggio, Ronaldo, Zamorano, Blanc, Zanetti, Panucci. Pensavo che non avrei mai giocato. Non avevo pazienza, volevo mettermi subito alla prova. Una volta, in allenamento, Lippi mi prese per l’orecchio e mi disse: “Ragazzino, sei giovane, non bruciare le tappe perché avrai il tuo spazio!”.

Mancavano 14 partite alla fine del campionato e ne giocai sei da titolare, ma c’era tanta pressione. Ho fatto fatica perché per me l’Inter, a quell’età, era un po’ troppo. Lippi preferiva giocatori con maggiore esperienza e capii che dovevo fare la gavetta prima di costruirmi un nome. Ero giovane, ma quando dissi a Lippi che volevo andare a Verona per giocare con continuità, lui rispose che potevo restare e far parte dei quattro attaccanti della rosa per vedere come andava. Mi sono guardato intorno, ho visto chi avevo davanti e gli dissi che sarei andato a Verona. Anche lì fu difficile. Il primo anno segnai 4 goal, di cui 2 nelle prime 3 partite. Ho avuto una crisi e sono tornato in Romania, a casa. Credevo di non farcela, di non essere abbastanza forte mentalmente. Poi, arrivò Malesani e ci fu la svolta. Non avevo un bel rapporto con l’allenatore che c’era prima di lui: mi faceva giocare in un modo che non era adatto a me, mi sentivo ingabbiato. Lo dissi a Malesani e lui mi rispose di giocare come volevo. Con lui avevo un rapporto speciale. Dopo Prandelli, è quello che mi ha capito come persona. Con lui feci 12 goal e giocai bene anche se poi siamo retrocessi. Ad agosto, poi, passai al Parma e lì si è instaurato subito il feeling con Prandelli. Fu un anno molto bello, non solo calcisticamente. A Parma sentivo l’affetto dei tifosi. Realizzai 24 goal stagionali, tra Campionato e Coppa Uefa».

Con gli emiliani, in coppia con Adriano, sfonda, rivelandosi attaccante imprevedibile, veloce e dotato di eccellente tecnica. Adrian ha una classe cristallina, salta l’uomo con dribbling essenziali e stordenti e sa calciare le punizioni come i grandissimi. Riesce pure farsi valere di testa, nonostante la statura non eccelsa, in virtù di un tempismo che ha pochi eguali.

Se ne accorge il Chelsea, che spende una fortuna per assicurarselo. Storia tutt’altro che felice, quella del Mutu londinese, ma il calcio c’entra poco; infatti, subisce una lunga squalifica per uso di droga: «Quando cominci ad esagerare fuori, in campo il fisico non regge. Sbagliare è normale, fa parte della vita, però, quando sei un personaggio pubblico è più facile che la gente ti punti il dito contro. La cosa importante è trarre dalle critiche le conclusioni migliori.Era facile sbagliare: ero molto famoso, a Londra andavo dappertutto e mi trattavano da re. Sono stato ingenuo, sono stato un pollo. Qualche mese prima di arrivare a Londra, avevo divorziato da mia moglie, avevo anche un figlio e la cosa fu pesante. Poi, come quando arrivai per la prima volta in Italia, la gente, la lingua, era tutto nuovo. Sono andato un po’ in depressione. All’inizio questo non lo sentivo perché con il calcio andava tutto benissimo. Poi, ho avuto la pubalgia per tre mesi e sono iniziati i guai. Nella maggior parte dei casi, le squadre ti danno una seconda occasione, invece lì in due mesi mi hanno licenziato. Parlavo poco inglese, non capii nemmeno molto. Ci rimasi male perché avrebbero dovuto darmi una seconda possibilità. Non era giusto lasciarmi da solo perché il problema era più della persona che del giocatore. Mi hanno licenziato, non mi hanno pagato, mi hanno squalificato come era giusto che fosse e ora sono in attesa di conoscere l’ultima sentenza».

Arriva a Torino a gennaio 2005, ma deve restare fermo fino a maggio per la squalifica inflittagli dalla federazione inglese; trova il tempo comunque, in extremis, di mettere anche la sua firma sulla vittoria in campionato, giocando con autorevolezza, l’ultima e festosa sfida con il Cagliari, al Delle Alpi.
La stagione successiva, da punta o da esterno, vede Mutu ergersi spesso a protagonista. In campo sin dalla trasferta di Empoli, alla seconda giornata, Adrian segna il suo primo goal in campionato a Lecce, ottava di andata, nel rotondo 3-0 a spese dell’undici di Baldini. Si ripete tre giorni dopo, nel turno infrasettimanale contro la Sampdoria e, stavolta, il suo è un goal d’autore, a coronamento di un contropiede magistrale e rapidissimo.
Ancora a segno con il Treviso alla tredicesima, il rumeno ha la sua notte di maggior gloria il 7 gennaio a Palermo; sua la doppietta che stende i rosanero e consegna alla Juventus un fondamentale successo esterno. Ormai, del suo talento la squadra non può più fare a meno ed anche il suo contributo in reti diventa importante; segna a Messina e corona una stagione d’autore il 30 aprile a Siena, finalizzando una delle più belle azioni d’attacco bianconere dell’intero campionato.

«Alla Juventus hanno fatto di tutto, non mi hanno fatto mai sentire escluso. Subito dopo la squalifica, mi hanno fatto esordire, ho vinto uno scudetto giocando solo un pezzo dell’ultima partita e ho anche quasi segnato negli unici trenta minuti di quella stagione. Poi, l’anno dopo, ho giocato una stagione da protagonista: 32 partite, 22 da titolare, 10 goal giocando da centrocampista. Era una Juve fortissima e infatti mi viene da ridere quando dicono che abbiamo rubato. Era come l’Inter di oggi, con qualche giocatore in più. Quegli scudetti li sentiamo nostri. Qualunque giocatore di quella squadra si sente addosso gli scudetti che sono stati revocati».

Nonostante la stagione ampiamente positiva, viene ceduto alla Fiorentina, non senza qualche rimpianto: «Arrivò Calciopoli e non sapevo come comportarmi. Ero a Miami con la mia famiglia, mi chiamò Secco e mi disse che nessuno mi obbligava ad andare via ma c’era la Fiorentina che aveva fatto un’offerta. Considerando che c’era Prandelli e quali erano le ambizioni della Fiorentina, dissi subito di sì. Poi, però, appena arrivai, vidi che anche la Fiorentina era coinvolta nello scandalo, però c’era Prandelli e mi volevano fortemente. Poi, per fortuna ce l’abbiamo fatta a rimanere in A».

FONTE: TuttoJuve.com


Ufficiale: Adrian Mutu si è ritirato dal calcio giocato
Di redsport - 08/01/2015 21:09
MutuAdesso la notizia è ufficiale, Adrian Mutu si è ritirato. E’ stato lo stesso giocatore a rendere nota la notizia con alcune dichiarazioni rilasciate al sito Digisport.ro: “Non voglio parlare di calcio, mi sono ritirato”.
Un breve messaggio sul suo cellualare, perché lo stesso attaccante non era dell’umore giusto per parlare direttamente con i colleghi. Dopo essere stato vicino al Pune e poi al ritorno in viola, Mutu ha deciso di non proseguire e di interrompere a 36 anni compiuti di lasciare il calcio.

Il ‘ritocchino’ porta il nome di Adrian Mutu. Da Palermo Vasquez..e ritorno di Ilicic..
Di redsport - 22/12/2014 00:47
[...]

Secondo quanto raccolto da Fiorentina.it all’interno della società viola il giocatore che la dirigenza gigliata vorrebbe dare a Montella (il qualche deve essere ancora convinto dalla dirigenza viola) è Adrian Mutu. L’idea è nata poco meno di due mesi fa, quando s’iniziò a l’parlare di Mutu al Pune per giocare nel primo campionato indiano. Sulle qualità tecniche di Mutu nessun può certo discuterle, semmai i problemi principali sono due: l’età (il prossimo 8 gennaio compirà 36 anni) e alcuni suoi comportamenti fuori dal campo. Sicuramente per la Fiorentina non sarebbe un costo esoso dal punto di vista economico e in casa viola si spera di ripetere quanto già accaduto quando Luca Toni è tornato per la seconda volta in viola.

Vedremo se nei prossimi giorni ci saranno sviluppi ma in pratica resta da convincere solo Montella.

[...]

Mutu, rescisso il contratto con il Petrolul: l'ex Fenomeno sempre più vicino al Pune
di redSport - 26/09/2014 14:38
Si avvicina sempre più al Pune City Adrian Mutu. L’ex Fenomeno viola, infatti, ha rescisso il proprio contratto con il Petrolul: lo ha annunciato lo stesso presidente del club rumeno. Adesso, la prossima tappa della carriera di Mutu sarà l’India, con il Pune City in prima fila per accaparrarsi il giocatore. Mutu dovrebbe tornare quindi presto a vestire la maglia viola, seppur quella del Pune che, tra tre settimane, prenderà parte alla nuova Indian Super League. Con Mutu e Trezeguet si prospetta un attacco niente male per Franco Colomba…

FONTE: Fiorentina.it


IL PAGELLONE DELL’INUTILITÀ
DI ANDREA ROSSETTI
I voti alle notizie più assurde ed inutili della settimana appena trascorsa, raccontate con ironia e sarcasmo, sperando di prendervi, anche questa volta, in contropiede.

[...]

Voto 9 ad Adrian Mutu attore in un videoclip con Eva Henger. In campo sapeva fare grandi cose, peccato fosse un ragazzo particolarmente incline al vizio. Parliamo al passato però perché, seppur ufficialmente giochi ancora nello sconosciuto Petrolul Ploiesti, ufficiosamente Adrian Mutu ha intrapreso una nuova carriera. Da oggi infatti il fantasista romeno è un attore. «Adrian ha un grande potenziale come attore. Secondo me ha un futuro nel mondo dello spettacolo»: ad affermarlo è tal Massimo Carletti, regista del videoclip della canzone “Acrobat”, ultima fatica del rapper A-Roma coadiuvato da Snoop Dog e Orry Jackson. Al fianco della nuova star c’è niente popò di meno che Eva Henger ed una masnada di fanciulle particolarmente accaldate. Adrian interpreta il ruolo dell’incallito fumatore di sigari all’interno di un night club ove incontra l’ex pornodiva e ne rimane incantato dal sobrio fascino. Seppur il ruolo non sia facile, lui riesce a districarsi egregiamente tra le maglie del copione, quasi come fossero quelle delle difese avversarie. Se vogliamo dirla tutta questo video è al 10% recitazione ed al 90% “belle donne” e “bella vita”. Insomma, sostituendo il calcio alla recitazione otteniamo il riassunto della carriera di Adrian Mutu. Forse per questo l’ex Fiorentina pare così a proprio agio.

[...]

Voto 1 alla svastica disegnata con le auto dai tifosi dell’Hellas. C’è chi ama fare passeggiate, chi bersi una birra in compagnia e chi disegnare enormi svastiche con le auto parcheggiate. Del resto i passatempi uno mica se li sceglie. Che una buona parte degli ultras dell’Hellas Verona non siano proprio moderati, del resto, è fatto oramai noto e così non ha stupito più di tanto sapere di questa manifestazione pubblica compiuta durante la festa della Curva scaligera la settimana scorsa, immortalata da un passante. Ma oltre alla profonda ignoranza e stupidità del gesto il vero rischio è che ora la moda dilaghi. A Livorno si stanno già controllando gli spiazzi onde evitare di ritrovarsi una falce e martello disegnata con auto. Che tra l’altro, se riuscisse, tanto di cappello. Facile fare la svastica, ma provate voi a disegnare con le auto falce e martello. Meriterebbero almeno un plauso gli eventuali ideatori. A quelli di Verona, invece, offrirei un’indifferenza carica di pietà, e tanto basta.

9 GIUGNO 2014 DI ANDREA ROSSETTI

FONTE: Contropiede.IlGiornale.it


Football
Mutu banned from Romania team for Mr Bean photo
ESPN staff
November 21, 2013
Adrian Mutu edited a picture of Romania coach Victor Piturca to look like Mr Bean © CEN

Adrian Mutu has been banned from playing for the Romanian national side ever again after comparing coach Victor Piturca to Mr Bean.

Former Chelsea striker Mutu felt the wrath of the Romanian FA after he posted a photo on his official Facebook page, which depicted Piturca as the popular British television character played by Rowan Atkinson.

However, the authorities caught wind of Mutu's actions - posted after he was left out of the squad for the World Cup qualifying match with Greece - and, according to reports in the Metro, informed the player via a letter that he would not be considered for national selection again.

Mutu, 34, currently plays for French side Ajaccio in Ligue 1. The offending photo has since removed from the site.

FONTE: En.ESPN.co.uk


ADRIAN MUTU EST ARRIVÉ

Adrian Mutu est arrivé dans la cité impériale, aujourd'hui (lundi) à 18 heures.

Le Président Orsoni, de nombreux sympathisants acéistes et 250 supporters ont accueilli l'attaquant roumain à l'aéroport Napoléon Bonaparte.

Plusieurs journalistes et photographes locaux, roumains et italiens étaient déjà présents.
Les supporters ont entonné un chant de bienvenue et l'ont chaleureusement applaudi. Puis Adrian Mutu n'a pas hésité à aller à leur rencontre pour signer des autographes et même... prendre des photos d'eux ainsi que des journalistes présents. "Adrian est très heureux. Il ne s'attendait pas à un tel accueil" a confié l'un de ses proches.

Le médiatique Adrian Mutu devrait apporter tout son savoir-faire avec les Rouge et Blanc dès la réception d'Evian Thonon-Gaillard, le samedi 1er septembre, à 20h au Stade François Coty.

Demain, l'international qui a notamment évolué à la Juventus, la Fiorentina, ainsi que Chelsea, signera son contrat après la visite médicale. Il sera officiellement présenté à la presse à 15h.
Publiée le 27/08/2012.

FONTE: AC-Ajaccio.Corsica


CAMPIONATO
Adrian Mutu e il gossip rumeno
21.07.2012 09:29 di Redazione Tuttocesena.it
Anche se ai margini del Cesena, Adrian Mutu non smette mai di far parlare di sé, per lo meno in patria. La rivista sportiva Fanatik, nei giorni scorsi, avrebbe infatti attribuito all'attaccante un tentativo di approccio via sms con la popstar rumena Antonia Iacobescu. Secondo quanto rivela la rivista, i due si sarebbero incontrati in passato in qualche evento benefico e Mutu le avrebbe scritto che sarebbe presto stato in Romania, proponendole di prendersi insieme un caffé. La notizia ha fatto il giro dei media rumeni in quanto, sia Mutu sia Antonia, sono sposati. La cantante avrebbe infatti dichiarato di non credere che l'sms fosse realmente di Mutu, pensando ad una sorta di candid camera. Stessa linea portata avanti anche dallo stesso Mutu, che ieri sera ha risposto su twitter alla rivista Fanatik. "Mi piacciono gli scherzi, ma non i brutti scherzi e le persone incompetenti! - ha commentato in una serie di tweet - Che il giornale Fanatik ha scritto che avrei telefonato ad Antonia mi ha lasciato senza parole. Qualcuno probabilmente ha voluto fare uno scherzo ma io non l'ho mai chiamata né incontrata. Ho una bella famiglia che amo e che cerco di difendere da storie come questa e, soprattutto, dalle persone meschine. Si dovrebbe avere più rispetto per me e per Antonia, che è sposata come me!"

FONTE: TuttoCesena.it


BENUSSI: “Attenti a Mutu, se mi fa il cucchiaio…”
09/12/2011, 09:35
Intervistato dal “Corriere dello Sport”, il portiere del Palermo Francesco Benussi ha anche parlato del Cesena, prossimo avversario dei rosanero, e del suo giocatore più pericoloso, lattaccante rumeno Adrian Mutu. “Lui è uno che può sempre tirarti lo scherzetto. Se mi battesse un rigore col cucchiaio? Mi arrabbierei, lo vedo come una mancanza di rispetto. Una volta me lha fatto Totti ed ha segnato. Va bene lequilibrio, ma quando ci vuole ci vuole…”.

FONTE: MediaGol.it


28 NOVEMBRE 2011
Mutu: prima il cucchiaio, poi le scuse a Frey

Il gesto di fair play dopo il colpo irriverente: Adrian Mutu abbraccia il portiere avversario Frey dopo il calcio di rigore messo a segno per il Cesena contro il Genoa. Subito dopo essere stato festeggiato dai suoi compagni, l'attaccante romeno si è avvicinato al portiere avversario, che sino a qualche mese fa era suo compagno di squadra nella Fiorentina dove sono stati insieme per 5 anni, e l'ha abbracciato. Frey, sorridente nonostante la rete appena incassata, non si è sottratto all'abbraccio

FONTE: Video.Repubblica.it


Sorrentino, temevo cucchiaio di Mutu
Portiere Chievo ha parato il rigore tirato dall'asso romeno

Domenica 02 Ottobre 2011
(ANSA) - CESENA, 2 OTT - ''Era importante dare continuita' dopo i due successi in tre giorni. Abbiamo fatto una buona prestazione contro un Cesena che non merita sicuramente la classifica che ha e che se continua a giocare come oggi non avra' problemi a salvarsi''. Cosi' il portiere del Chievo Sorrentino. ''Avevo paura che Mutu potesse fare il cucchiaio, cosa che ogni tanto fa, ma sapevo che altrimenti poteva tirare sulla mia destra e cosi' e' stato'' ha poi aggiunto parlando della parata su penalty del romeno.

FONTE: CorriereDelloSport.it


Adrian Mutu banned for life by Romania for night of drinking with West Brom's Gabriel Tamas
Troubled striker Adrian Mutu has been expelled from the Romanian national team for life after spending a night drinking with a team-mate ahead of a friendly against San Marino, coach Victor Piturca said.

Troubled star: Adrian Mutu has courted controversy throughout his footballing career Photo: AFP

By Telegraph staff and agencies 3:30PM BST 11 Aug 2011
The expulsions come less than a month before Romania resume their European Championships qualifying campaign, against Luxemburg on September 2 and France four days later.
Nicknamed the "Brilliant" by Romanian fans, Mutu was suspended for taking cocaine in 2004 and still owes 17.2 million euros in damages to Chelsea, his club at the time.
In January 2010 he was banned for nine months by Italian club Fiorentina after he failed anti-doping tests.
When he returned in October, he was involved in a bar brawl and was almost forced to leave Fiorentina during the winter due to his poor attitude in training.
Last month he joined the modest Italian club of Cesena, saying he had come "to set an example and help the team progress".
After six qualifiers Romania are currently fourth in Group D, five points behind leaders France.

FONTE: Telegraph.co.uk


Avances a moglie, rissa per Mutu
L'episodio all'uscita da un locale

16 Aprile 2010
Foto tratta dal web

Periodo decisamente 'no' per Mutu, fermo in attesa del verdetto del tribunale nazionale antidoping sulla sua positività alla sibutramina. All'uscita da un locale di Firenze in compagnia della moglie Consuelo e due amici, il gioielliere libanese Fawaz Gruosi e l'imprenditore fiorentino Tommaso Buti, due sconosciuti si sarebbero avvicinati alla sua consorte rivolgendole avances esplicite. Da qui è nata una rissa, col libanese che ha avuto la peggio.
Mutu, Buti e Gruosi sarebbero intervenuti per allontanarli, ma i due avrebbero colpito Buti con uno schiaffo e Gruosi con un pugno dandosi poi alla fuga prima dell'arrivo della polizia.

Consuelo è una ex modella dominicana, figlia dell'ambasciatore dominicano in Vaticano. E' sposata con Mutu dall'estate 2005. La coppia ha due figlie, Maya Vega e Adriana. Adrian ha un altro figlio, Mario, avuto nel precedente matrimonio.

Doping: Mutu,chiesto 1 anno di stop
Viola trovato positivo a due controlli

31 Marzo 2010
Adrian Mutu

Un anno di squalifica: è la richiesta della Procura al Tribunale nazionale antidoping del Coni per Adrian Mutu, deferito in giornata. L'attaccante della Fiorentina era risultato positivo alla sibutramina, uno stimolante che annulla gli effetti della fame, in due test successivi: il primo del 10 gennaio scorso, al termine della gara di campionato Fiorentina-Bari; il secondo il 20 gennaio, in occasione del match di Coppa Italia Fiorentina-Lazio.
Il procuratore Ettore Torri, chiedendo un anno, ha ritenuto quella di Mutu una prima violazione nonostante il romeno abbia un precedente di doping: nel 2004 fu squalificato per sette mesi dopo essere risultato positivo alla cocaina, in Inghilterra, ai tempi in cui militava nel Chelsea.

In quell'occasione però il controllo fu fuori competizione e privato, cioè voluto dal club inglese e venne recepito dalla Fifa solo sul piano comportamentale, ma non come violazione di norme antidoping. Inoltre nel 2004 la Federazione internazionale non aveva ancora recepito il Codice Wada. Pertanto Mutu, sul piano dei precedenti, non ha violazioni a suo carico nè per la Fifa nè per la Wada. La data da cui parte la squalifica è il 28 gennaio 2010.

"CONTENTI NON CI SIA RECIDIVITA'"
"Non ho ancora letto le motivazioni ma da quello che si capisce non viene contestata la recidività, altrimenti i parametri sarebbero stati diversi". Paolo Rodella, legale di Adrian Mutu, commenta con ovvia soddisfazione la richiesta della Procura Antidoping del Coni di un anno di squalifica per la positività dell'attaccante rumeno ai metaboliti di Sibutramina in occasione dei controlli a cui è stato sottoposto al termine delle gare contro Bari (campionato, 10 gennaio) e Lazio (coppa Italia, 20 gennaio). "Cercheremo di ridurre la squalifica - aggiunge - siamo contenti di aver evitato la spauracchio della recidività. Adesso aspettiamo l'udienza".

Doping, Mutu positivo ai controlli
Fiorentina, rischia stop da 1 a 4 anni

28 Gennaio 2010
Mutu

Brutta tegola per la Fiorentina. Mutu è risultato positivo alla sibutramina, uno stimolante che annulla gli effetti della fame, a un test disposto dalla commissione antidoping del Coni ed effettuato il 10 gennaio dopo Fiorentina-Bari: finì 2-1 per i viola e il romeno realizzò un gol. Mutu è recidivo (fu squalificato 7 mesi per cocaina in Inghilterra ai tempi del Chelsea) e rischia una squalifica da 1 a 4 anni. Il giocatore chiederà le controanalisi.
Mutu è stato messo al corrente della notizia durante l'allenamento della squadra dal team manager Roberto Ripa. Il romeno ha abbandonato il campo interrompendo la seduta di lavoro ai "Campini" e rifugiandosi all'interno dello stadio "Franchi". Della notizia è stato messo al corrente anche il ds Pantaleo Corvino, impegnato a Milano per gli ultimi giorni di calciomercato.

IL COMUNICATO DELLA FIORENTINA
La posizione della Fiorentina riguardo alla vicenda Mutu viene espressa in un comunicato pubblicato sul sito ufficiale: "Preso atto della comunicazione del CONI di positività dell'atleta Adrian Mutu ad un metabolita della sibutramina, farmaco 'antifame', l'ACF Fiorentina, pur confermando ogni contrarietà all'assunzione di qualsiasi sostanza vietata dal regolamento antidoping, integratori non certificati compresi, ma credendo anche alla buona fede dell'atleta, cercherà di fare al più presto assoluta chiarezza sulle dinamiche della vicenda".

BECALI E' OTTIMISTA
"Ho sentito Adrian, è chiaro che sia un po' preoccupato, ma siamo ottimisti". Così Victor Becali, uno dei manager di Mutu, intervenendo a Radio Toscana. Il procuratore romeno ha ribadito per cinque volte di essere ottimista, in attesa anche della presa di posizione della società viola.

MEDICO FIORENTINA SI DIFENDE
"Noi non somministriamo farmaci vietati ai nostri giocatori". Lo ha detto il dottor Paolo Manetti, responsabile sanitario della Fiorentina, riguardo alla positività al doping riscontrata su Adrian Mutu. Ora il rumeno ha sette giorni di tempo per richiedere le contro analisi.

FONTE: SportMediaset.Mediaset.it


Fiorentina, Mutu si deve fermare: ko il menisco del ginocchio destro. Un mese il tempo di recupero?
Mutu si deve fermare ancora. Il ginocchio dell'attaccante viola da ancora problemi e, dopo l'operazione al menisco della gamba sinistra di aprile, il romeno dovrà essere tornare nuovamente sotto i ferri per il ginocchio destro. Il nuovo stop è dovuto ad un infortunio patito durante la partita di Champions con il Debrecen, dove Mutu ha giocato sopra il dolore prima di arrendersi.

Il comunicato ufficiale della Fiorentina dice: "La Fiorentina comunica che il calciatore Adrian Mutu ha subito una lesione del menisco mediale al ginocchio opposto a quello precedentemente operato, nel corso della gara di ieri sera (mercoledì ndr). L'atleta sarà sottoposto ad intervento di regolarizzazione chirurgica nei prossimi giorni".

I tempi di recupero sono ancora tutti da valutare, solo dopo l'operazione si potranno fare stime più chiare. Si parla comunque di un mese circa, anche se le speranze sono in un recupero lampo per la gara contro l'Inter del 29 novembre.
Pubblicato il 6 novembre 2009

FONTE: ValDElsa.net


Adrian Mutu's £17m Chelsea compensation payment delayed after Swiss Federal Court ruling
By Sportsmail Reporter UPDATED: 16:32 GMT, 21 October 2009
Change of fortune: Adrian Mutu in action for Fiorentina in the Champions League

Adrian Mutu has won the latest stage of his long court battle with former club Chelsea, which he owes more than £17million after being fired for using cocaine.
The Swiss Federal Court said on Wednesday that the Romanian forward should not pay anything until it rules on his appeal against the Court of Arbitration for Sport, which had said he must pay Chelsea compensation. The verdict is expected later this year.
Mutu took his case to the federal court as his final appeal route because CAS is based in Switzerland. CAS ruled in July that FIFA was right to award Chelsea compensation because Mutu breached his contract in 2004.

Chelsea fired Mutu for failing a drug test, then got nothing when he served a seven-month ban and rebuilt his career in Italy. Mutu joined Juventus as a free agent then was sold after one season for £8 million to Serie A rivals Fiorentina.
The 30-year-old forward has enjoyed the most successful period of his career at the Florence club. Mutu scored twice in a Champions League game Tuesday as Fiorentina won 4-3 at Hungarian champion Debrecen.

FONTE: DailyMail.co.uk


Calcio
Fiorentina: Mutu ci ricasca! Alcol, droga e belle donne in Romania
Di Ivan Parlongo - 13 ottobre 2009
Continua il momento no per Adrian Mutu, dopo l’infortunio della scorsa stagione che gli impedisce ancora di esprimersi al meglio e sopratutto per la multa affibiatagli dal tribunale di giustizia sportiva che per il momento lo vede costretto a risarcire il Chelsea di Abramovic di 17 milionii di euro. Adesso L’attaccante della Fiorentina e della Romania è stato paparazzato dal giornale locale ‘Libertatea‘ in una discoteca a Bucarest mentre, insieme al compagno di squadra Cristea, beveva vodka e e vino si intratteneva con delle ragazze fino a notte fonda a pochi giorni dalla figuraccia contro la Serbia (0-5): immagini che hanno fatto imbufalire il ct Lucescu, determinato a non convocare più l’ex viola. L’attaccante però che si sente perseguitato in questo momento ha smentito tutto dicendo che era solo in giro a salutare qualche amico senza però abusare di alcol e di droghe

FONTE: IlPallonaro.com


ALTRE NOTIZIE
Ct Romania: "Mutu non lo convoco più"
12.10.2009 21.25 di Riccardo Mancini
Fonte: ansa
Il commissario tecnico della nazionale romena, Razvan Lucescu, non ha digerito il comportamento di Adrian Mutu, pizzicato in una discoteca di Bucarest qualche giorno prima della pesante sconfitta per 5-0 con la Serbia di sabato scorso, a bere vino rosso e vodka in compagnia di alcune ragazze. Intervistato dal quotidiano Libertatea, il tecnico ha dichiarato: "Fino a quando saro' ct, Mutu non sara' piu' convocato".. Più chiaro di così.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Aug 29, 2009 20:20:13
Adrian Mutu Unlikely To Be Banned - Italian Lawyer
Two Italian lawyers have offered their legal views on the Mutu - Chelsea compensation case..


Fiorentina striker Adrian Mutu is unlikely to receive a ban from football in relation to the €17million compensation he has to pay Chelsea, according to two prominent Italian lawyers who have been following the case.
Earlier, press reports in Italy had claimed Chelsea could apply to FIFA for a ban on the striker, if he failed to pay the sum by Monday. Goal.com contacted Chelsea, and they claimed the sentence was "vindicated."

One Italian lawyer Mino Auletta, who has been following the case and who, according to La Repubblica, works on behalf of Fiorentina, claims Mutu is unlikely to be banned from the game.
"Considering the actual situation, the possibilty of a ban that could force Mutu to retire are slim. I think it seems like a remote possibility," Auletta told Radio Blu.

Mattia Grassani, another lawyer with close links to Mutu, is less than certain though. Grassani believes a ban is possible, but it will take time before it comes into effect, if a ban is called for by the authorities dealing with the case.
"Even if Mutu cannot pay, I don't think the ban would be enforced straight away," claimed Grassani.
"There are plenty of beaurocratic avenues to go through before reaching that stage. It would take between 60-90 days from the moment Mutu fails to pay," he concluded.
Salvatore Landolina, Goal.com

FONTE: Goal.com


Mutu: ''La droga a Londra? Sono stato un pollo''
Pubblicato il 5 Giugno, 2009 - 15:49 da Anonimo
Stasera, su Sky Sport 1, alle ore 23.00, torna “I Signori del calcio“. Protagonista di questa puntata Adrian Mutu. Ecco un estratto dell’intervista.
La tua prima esperienza in Italia nell’Inter. Cos’hai pensato quando ti hanno detto di fare le valigie per andare a Milano?
«Non vedevo l’ora. Era una squadra con tanti campioni. Il primo giorno che sono arrivato nello spogliatoio ero seduto vicino a Vieri. Poi c’erano Baggio, Ronaldo, Zamorano, Blanc, Zanetti, Panucci. Pensavo che non avrei mai giocato. Non avevo pazienza, volevo mettermi subito alla prova. Una volta, in allenamento, Lippi mi prese per l’orecchio e mi disse: “Ragazzino, sei giovane, non bruciare le tappe perché avrai il tuo spazio!“. Mancavano 14 partite alla fine del campionato e ne giocai 6 da titolare, ma c’era tanta pressione. Ho fatto fatica perchè per me l’Inter, a quell’età, era un po’ troppo. Lippi preferiva giocatori con maggiore esperienza e capii che dovevo fare la gavetta prima di costruirmi un nome».

Hai peccato di superbia?
«Può essere, perchè ero giovane, ma quando dissi a Lippi che volevo andare a Verona per giocare con continuità, lui rispose che potevo restare e far parte dei 4 attaccanti della rosa per vedere come andava»

Il passaggio al Chelsea. Sei stato il rumeno più costoso di tutti i tempi?
«Era un’offerta che non si poteva rifiutare. Che rapporto avevi con Abramovich? Molto buono, ero il giocatore preferito del figlio».

Sei stato trovato positivo alla cocaina. Pensi di essere caduto in una trappola?
«Una trappola fatta di sbagli di gioventù, non certo qualcosa organizzato dal Chelsea per mandarmi via. Era facile sbagliare: ero molto famoso, a Londra andavo dappertutto e mi trattavano da re. Sono stato ingenuo, sono stato un pollo».

FONTE: Sostanze.info


Page last updated at 11:38 GMT, Friday, 31 July 2009 12:38 UK
Mutu loses Chelsea damages appeal
Adrian Mutu must pay Chelsea £14.65m after losing his appeal against a Fifa ruling for a breach of contract.

The striker, who cost the Blues £15m in 2003, was sacked a year later after he tested positive for cocaine and given a seven-month worldwide football ban.
Fifa issued the ruling last year but Mutu described it as "inhumane and unjust" and said he would appeal.
However, the Court of Arbitration for Sport (Cas) has ruled against the 30-year-old, who now plays for Fiorentina.
"The Cas panel concluded that the appeal brought by the player was to be dismissed and the measure of damages, as awarded by Fifa's Dispute Resolution Chamber (DRC), was to be confirmed," said a Cas statement.

"Adrian Mutu must therefore pay 17,173,990 euros to Chelsea FC."
The compensation figure, based on lost earnings, was calculated on the length of time Mutu's contract had left to run, and was the highest ever handed down by Fifa.
After being sacked by Chelsea and serving his ban, the Romanian joined Juventus in January 2005, and at the end of the following season he moved to his current side, Fiorentina.
When Fifa announced its verdict, Chelsea welcomed it, calling it "a very significant decision for football".
The Chelsea statement continued: "Not only did the Dispute Resolution Chamber make us a very significant monetary award, it also recognised the damaging effect incidents involving drugs have on football and the responsibility we all have in this area."

The latest ruling is third time that Cas has been involved in the case.
"In 2005, Cas confirmed the decision of the Football Association Premier League Appeals Committee finding that, because of a positive doping test, Mutu had committed a breach of the employment contract without just cause," added the Cas statement.
"In 2007, Cas set aside a first decision by the DRC denying jurisdiction and referred the matter back to Fifa to determine and impose the appropriate sporting sanction and/or order for compensation arising out of the dispute."

Page last updated at 14:58 GMT, Friday, 5 September 2008 15:58 UK
Mutu lodges appeal over damages
Former Chelsea striker Adrian Mutu has filed an appeal against Fifa's ruling that he must pay the club £13.68m in damages for breach of contract.

Mutu, who cost the Blues £15m in 2003, was sacked a year later after he tested positive for cocaine, and was given a seven-month worldwide football ban.
The Court of Arbitration for Sport (CAS) said it is likely to give its decision within the next four months.
"It is an unjust and inhumane sentence," said Mutu, 29, last month.
"This sanction is not right, because I don't think I have committed a crime that merits such an amount."

After being sacked by Chelsea and serving his ban, the Romanian joined Juventus in January 2005, and at the end of the following season he moved to his current side, Fiorentina.
When Fifa announced its verdict, Chelsea welcomed it, calling it "a very significant decision for football".
The Chelsea statement went on: "Not only did the Dispute Resolution Chamber make us a very significant monetary award, it also recognised the damaging effect incidents involving drugs have on football and the responsibility we all have in this area."
The fine, based on lost earnings, was calculated on the length of time Mutu's contract had left to run, and was the highest ever handed down by Fifa.
International players' union FIFPro said last month it would back Mutu's appeal, alleging Mutu was discriminated against on the grounds of his nationality.

"When the same offence would have been committed by a player in possession of an English passport, then this player wouldn't have had to pay any damages at this dismissal, since the FA Premier League rules do not provide this," said a FIFPro statement.
"For this reason this can be considered as discrimination based on nationality.
"It is extremely strange that a player who is dismissed by a club must pay damages based on the transfer amount previously paid for him, whilst he has had no control whatsoever on the amount of this fee."

Last Updated: Friday, 13 May, 2005, 12:19 GMT 13:19 UK
Mutu contests compensation ruling
Adrian Mutu has appealed against the Premier League's decision to allow Chelsea to seek compensation following his positive drugs test.

Mutu was sacked in October after a positive cocaine test and was handed a seven-month worldwide football ban.
The disgraced Romanian striker, 26, has since joined Juventus and the Blues are hoping to recover £8m of the £15.8m they paid to Parma in August 2003.
But Mutu has now taken the matter to the Court of Arbitration for Sport.
A CAS statement said: "Mutu requests CAS to reverse the determination of the Appeals Committee and to rule that the facts of this case do not give rise to a 'unilateral breach of the contract without just cause' by the player."

Chelsea had been given the green light by the Premier League appeals committee to seek compensation, arguing that Mutu broke his contract by persistent misconduct.
At the time of the Premier League ruling Chelsea issued a statement which said: "We are obviously pleased that the Appeals Committee has vindicated the club's position and opened the door for a compensation claim and sporting sanctions before Fifa's Dispute Resolution Chamber.
"Chelsea will continue to pursue the case vigorously as the principle is an important one."

Mutu rehab at Adams clinic
Although Mutu is Chelsea's opponent in the case, if any damages were awarded, they would be payable by Juventus.
The matter will now be referred to Fifa, and it is possible Chelsea could even take the matter to a civil court.
Mutu was dismissed last October for gross misconduct after the positive test.
Following a Football Association hearing in November, he was fined £20,000 and suspended from all football for seven months.

Chelsea were anxious to block Mutu signing for another club on a free transfer at the end of his suspension but he signed for Juventus in February and has been training for them since.
A statement from the Premier League read: "The appeals committee concluded that the conduct of the player in taking banned drugs was gross misconduct which entitled the club to treat the player's contract as at an end and amounted to a unilateral breach without just cause or sporting just cause.
"The club is therefore entitled to proceed to seek compensation and sporting sanctions from the dispute resolution chamber (DRC) of Fifa."

Last Updated: Wednesday, 6 October, 2004, 02:23 GMT 03:23 UK
Mutu hits out at Mourinho
Out-of-favour Chelsea striker Adrian Mutu has accused coach Jose Mourinho of saying he is injured to prevent him playing in a World Cup qualifier.


Mutu insists he is fit and has flown out for Romania's tie against the Czech Republic on Saturday.
"I am in an open conflict with Mourinho who forbade me to go to my national team and said I was injured.
"It is not true - I have been in good condition for five days and he knew that," Mutu told The Sun.
The 25-year-old may face a fine when he returns to Stamford Bridge, and believes he may now have to find another club.
"I don't care about being fined. I want everyone to know that the national team is the most important thing for me," he added.

Mutu's absence from Chelsea's squad in their 1-0 win over Liverpool on Sunday was attributed to a knee injury.
But Mutu said: "I told Mourinho I was fit. He disagreed and showed me a piece of paper from the medical staff claiming I wasn't. But I know I am fit.
"Mourinho has promised me that I would play in the first team for some games.
"Then I wasn't even in the squad and I don't understand why.
"Probably the only solution, even if I don't want it, is to find another team."

Last Updated: Tuesday, 12 August, 2003, 16:15 GMT 17:15 UK
Mutu completes Chelsea switch
Adrian Mutu has completed his move from Parma to Chelsea with the Romanian waiting only for his work permit.

The 24-year-old passed a medical on Tuesday, completing the formalities of his £15.8m move.
Mutu has signed a five-year deal and Chelsea are confident his work permit application will be approved.
Chief executive Trevor Birch even predicted the striker could face Liverpool in the opening game of the season.
Birch told the club's official website: "A work permit for a player of his pedigree should not take too long and I would not be surprised if he is available to face Liverpool on Sunday."

Mutu is the newest recruit to Roman Abramovich's Chelsea revolution and his transfer takes Abramovich's spending to almost £75m.
Mutu revealed he was swayed after talking to his friend and former Blues defender Dan Petrescu.
The 24-year-old Romanian playmaker earlier said: "Dan talked about Chelsea in a good way and I couldn't refuse the offer they made me
"I asked my club to consider it and I have to thank the officials.
"After practically launching me they have now given me the possibility to go to England.
"From a human point of view it hasn't been an easy choice. But now it's done so let's think of Chelsea."

The 24-year-old is regarded as one of the hottest properties in Italian football.
He began his career at Arges Pitesti before moving to Romanian giants Dinamo Bucharest.
He was brought to Italy by Inter Milan, and then moved to Verona before joining Parma last August.
Parma coach Cesare Prandelli said: "He was the best player in Italy last year and he has all the qualities to be a great player in the Premiership.
"He's got an exceptional left foot and at 24 he can go on to be a top-class player."

Last Updated: Monday, 11 August, 2003, 11:44 GMT 12:44 UK
Mutu key to Chelsea hopes
Chelsea's move for Parma striker Adrian Mutu is unlikely to be the club's last major signing, but it could prove the key to their hopes of challenging for honours this season.

By Andrew McKenzie
The one position the Blues have struggled to fill since the arrival of new billionaire Russian owner Roman Abromavich is up front.
Arsenal forward Thierry Henry was said to be their number one target, with speculation claiming they were willing to pay £50m for the Frenchman.
Inter Milan star Christian Vieri has been regularly linked with a move to Stamford Bridge, while they were reported to have had a £71.4m bid for Real Madrid's Raul turned down.

Chelsea's shopping list
After being linked with some of the biggest hitters in the game the £15.8m signing of Mutu could come as something of a disappointment to some Chelsea fans.
But while the Romanian international is a relative unknown in English football, he has emerged as one of the most highly-rated forwards on the continent.
He scored 18 times in Serie A last season for Parma and struck up a lethal combination with Brazilian striker Adriano that produced 33 goals.

After speculation linking him with a move to Lazio and Chelsea, the Italians last month claimed the player was going nowhere and made him their club captain.
But with the player keen on a move and the club looking to lower their wage bill, Parma boss Cesare Prandelli admitted they had no choice but to accept Chelsea's offer.
Mutu began his career as a 17-year-old with Romanian side Arges Dacia Pitesti before making his name with Dinamo Bucharest.

A ratio of a goal a game during his five months with Dinamo saw him earn his first cap for his country and a move to Inter Milan.
But with the likes of Ronaldo, Vieri and Alvaro Recoba at the San Siro, Mutu found opportunities hard to come by with the Italian giants.
He was sold to Verona in 2001 and in his second season he became the club's leading scorer, but his 12 goals failed to save them from relegation.
Last summer Parma paid £6m for Mutu and he responded with the best season of his career as they finished fifth in Serie A.

Mutu has been compared to Chelsea great Gianfranco Zola, who achieved so much success after making his own move from Parma to London.
Mutu is much more than an out-and-out goalscorer and played on the left as well as up front for Parma last season.
He is also something of a dead ball specialist, with many of his goals coming from free-kicks or from the penalty spot.
With both Jimmy-Floyd Hasselbaink and Eidur Gudjohnsen not enjoying their best seasons last year, much will be expected of the man known as the Romanian bomber.

FONTE: News.BBC.co.uk


CALCIOMERCATO: COMUNICATO UFFICIALE
31/AGOSTO/2002 - 13:34
L’Hellas Verona F.C. ha ceduto al Parma A.C. l’attaccante Adrian Mutu. Il contratto prevede la cessione a titolo temporaneo con diritto di riscatto della metà.

Il centrocampista Emiliano Salvetti è stato ceduto al Bologna F.C. in prestito con diritto di riscatto.

Contestualmente dalla società felsinea arriva il difensore Alessandro Gamberini, classe 1981.
Il calciatore, che fa parte della rosa dell’Under 21 di Claudio Gentile, si trasferisce a Verona in prestito.

Il difensore Anthony Seric si trasferisce al Brescia Calcio con la formula del prestito con diritto di riscatto.

Venerdì pomeriggio, intanto, il club scaligero ha ceduto l’attaccante Mario Frick alla società Ternana Calcio.
L’accordo raggiunto tra i due club prevede la cessione del calciatore a titolo temporaneo.

BUON ALLENAMENTO A ZEVIO: 8-1 CONTRO LO SHABAAB. CINQUINA DI ADRIAN MUTU
29/AGOSTO/2002 - 20:44
Una buona sgambata, questo il senso dell'amichevole di Zevio contro i volenterosi arabi dello Shabab. Ecco di seguito le azioni più salienti della partitella. Primo tempo:2` Abbruscato, azione sulla sinistra, che con un tiro in diagonale batte Hassan.22` punizione di Adailton dal vertice sinistro dell`area che costringe il portiere avversario ad una difficile deviazione sopra la traversa. 26` gol di De Angelis che calcia una punizione da fuori area nel sette. 30`: primo tiro nello specchio per la formazione araba, da un cross sulla destra Del Waleed Il Ali indirizza centralmente un pallone di testa, facilmente parato da Doardo. 34` percussione centrale di Del Waleed che da fuori area batte Doardo con un preciso rasoterra a fil di palo. 40` cross dalla sinistra di Abbruscto e gol di De Angelis che di testa in tuffo supera Hassan.

Nella ripresa, al 3` lancio filtrante di Italiano che pesca Mutu solo in mezzo all`aera avversaria, per il rumeno un gioco da ragazzi metterla in gol. 13` gol di Adrian su rigore concesso per un fallo di mano in area. 23` lancio da sinistra di Pisanu per Mutu che dalla trequarti beffa Hassan con un preciso pallonetto. 30` gol del rumeno con gran tiro in area che si infila sotto la traversa. 43` e ultima fatica di Adrian. Su respinta corta del portiere mette in gol da pochi passi

PRIMA USCITA UFFICIALE, PAREGGIO A ROVERETO CONTRO LA FIORENTINA
27/LUGLIO/2002 - 21:09
Finisce 1-1 l'amichevole tra Hellas Verona e Fiorentina giocata allo Stadio Comunale di Rovereto (TN).
Prima frazione di gioco ben gestita dalla formazione di Alberto Malesani, che si è resa pericolosa di un più di una occasione, soprattutto con Adrian Mutu.
Schierata con il 4-4-2, la compagine gialloblù si è mossa con una certa disinvoltura, mostrando una buona organizzazione di gioco, arricchita da alcuni spunti personali di Mutu, Matteassi e Melis.

L'Hellas è passato in vantaggio al 22' minuto del primo tempo con Luca Matteassi (FotoExpress), che ha appoggiato facilmente in rete un pallone d'oro servitogli da Adrian Mutu, autore anche contro i viola di una prova straordinaria, senza dubbio il migliore in campo.

Nella ripresa, le due squadre si sono ripresentate sul terreno di gioco con molte novità, Malesani in particolare ha operato sei sostituzioni. Da segnalare alcune buone opportunità di raddoppiare per Mutu e Adailton. Buono il movimento in generale della squadra e, nello specifico delle punte.
La Fiorentina raggiunge il pareggio al 29' della ripresa con Massaro su calcio di rigore, peraltro non nettissimo.

La gara ha avuto un epilogo spiacevole, in quanto alcuni tifosi viola hanno reagito ad un brutto gesto di Mijatovic, tentando di sfondare la rete di recinzione e un cancello. Fortunatamente le forze dell'ordine sono riuscite a ristabilire la calma, evitando episodi spiacevoli.

Non hanno partecipato alla gara Biasi, Cassetti, Comazzi, Cossato, Frick, Pegolo, VanStrattan.

Il tabellino
HELLAS VERONA F.C.
Primo tempo: Nigmatullin, Diliso, Filippini, Gonnella, Seric, Matteassi, Colucci, Italiano, Melis, Mutu, Abbruscato
Secondo tempo: Doardo, Diliso, Filippini, Turati, Seric, Pisanu, Colucci, Mazzola, Melis (21'st Dossena), Mutu (21'st De Angelis), Adailton
All. Malesani

FIORENTINA A.C.
Primo tempo: Cassano, Ceccarelli, Adani, Tarozzi, Di Livio, Cois, Amaral, Palombo, Agostini, Mijatovic, Vakouftsis
Secondo tempo: Taglialatela, Adani, Pierini, Alcaraz, Tarozzi, Palombo, Rossitto, Amoroso, Brancaccio, Massaro, Mijatovic.
All. Fascetti

Arbitro: Sig. Bevilacqua di Monfalcone (TS)
Assistenti: Semolic, Marcon
Spettatori: 3.000 circa

LAVARONE, DOPPIO ALLENAMENTO PER MUTU E COMPAGNI
24/LUGLIO/2002 - 18:04
Nella giornata di mercoledì, doppio allenamento per Adrian Mutu e compagni presso il centro sportivo di Lavarone, sede del ritiro gialloblù. Seduta mattutina caratterizzata, come di consueto, da un lavoro atletico-tecnico con i preparatori Malatrasi e Nadal.
Nel pomeriggio, dopo un breve riscaldamento, il tecnico scaligero Alberto Malesani ha concentrato l’attenzione sull’aspetto tattico.
A riposo Carlo Teodorani, mentre Martin Adailton ha svolto un lavoro differenziato.

[...]

MUTU, IL RE DEI GOLEADOR STRANIERI DELL'HELLAS IN UNA SINGOLA STAGIONE DI SERIE A
27/MARZO/2002 - 23:50
Con la rete segnata domenica scorsa nel derby contro il Chievo, Adrian Mutu ha raggiunto quota 11 marcature nella serie A 2001/02.
Con sei partite ancora da disputare, il rumeno va a caccia del record di miglior marcatore stagionale nella storia in serie A dell’ Hellas, stabilito da Bui nel 1968/69 con 15 reti ed eguagliato nel 1982/83 da Penzo.
Mutu, tuttavia, con 11 reti già realizzate in singola stagione, è comunque già diventato lo straniero dell’ Hellas Verona che ha messo a segno il maggior numero di reti in un campionato di serie A, superando il precedente record di Briegel (1984/85) ed Elkjaer Larsen (1985/86), tutti autori di 9 reti. Chiusura con un altra curiosità: le 15 reti finora firmate da Mutu in serie A con la casacca dell’ Hellas gli valgono l’ undicesimo posto assoluto nella classifica dei marcatori di tutti i tempi del Verona in massima divisione: al prossimo gol Mutu entrerà nella top ten eguagliando Antonio Di Gennaro.

TANTI AUGURI AD ADRIAN MUTU!
08/GENNAIO/2002 - 11:28
L'attaccante rumeno dell'Hellas Verona, Adrian Mutu, festeggia martedì 8 gennaio il suo 23° compleanno. Il 2001/2002 per lui è cominciato nel migliore dei modi, poichè sta disputando la sua migliore stagione da quando gioca nel campionato italiano, con 4 reti all'attivo in 17 gare disputate in Serie A TIM.

Al nostro campione i migliori auguri di buon compleanno!

FONTE: HellasVerona.it


Archivio Storico
Mutu è tutto del Verona, Maccarone dell'Empoli
Pubblicato nell'edizione del 1 luglio 2001
[...]

C'erano tre nomi grossi abbastanza della serie A, ieri, nelle buste aperte in Lega per la risoluzione delle comproprietà non risolte dalle società. E tutti e tre hanno riservato delle sorprese. Adrian Mutu, 21enne attaccante romeno in comproprietà tra Inter e Verona, è stato riscattato dalla società gialloblù per 5 miliardi e 100 milioni. Che sommati ai 7 miliardi e 500 milioni che Pastorello aveva sborsato l' anno scorso per la metà del cartellino, fanno 12 miliardi e 600 milioni. Un' operazione con cui l' uomo mercato dell' Inter Lele Oriali ha rimpinguato le casse della società di via Durini, visto che nel dicembre ' 99 il romeno era stato acquistato dalla Dinamo Bucarest, su segnalazione di Mircea Lucescu, per soli 4 miliardi.

[...]

FONTE: RaiSport.Rai.it


APERTE LE BUSTE: MUTU GIALLOBLU'
30/GIUGNO/2001 - 15:13
Grande attesa per l'apertura delle buste relative alle comproprietà rimaste in sospeso nei giorni scorsi. L'Hellas Verona doveva risolvere la questione riguardante l'attaccante rumeno, Adrian Mutu, che era in compartecipazione con l'Inter. La comproprietà si è conclusa a favore della squadra gialloblù, che detiene ora l'intero cartellino del giocatore. Grande soddisfazione della dirigenza scaligera che, a mercato ufficialmente ancora chiuso, ha già messo a segno importantissimi colpi, mirati all'acquisizione di giocatori giovani e di grandi prospettive. Tali operazioni sono ancora una volta in linea con la politica di mercato intrapresa dall'Hellas Verona, volta a scoprire ogni anno calciatori di grande avvenire, come Camoranesi, Gilardino, Giuseppe Colucci, Seric e Teodorani, per poi valorizzarli e lanciarli nel panorama calcistico della Serie A.

FONTE: HellasVerona.it


MUTU-VERONA: FIRMA PER COMPROPRIETA'
09/07/2000 - 18:35
MILANO - A Bucarest è stato ufficializzato il trasferimento di Adrian Mutu a Verona, in comproprietà. Assistito dal procuratore Becali, il giocatore si è accordato con il club veneto che l'anno scorso è stato trammpolino di lancio per Sebastian Frey. Per l'Inter è la soluzione più gradita: Mutu sarà seguito da vicino, in prospettiva nerazzurra.

FONTE: Inter.it


Dopo il derby di Coppa Italia
Ecco Mutu
Il giovane romeno, ventenne dal gol facile, non si e' affatto spaventato dell'aria di San Siro


Appiano Gentile (Como), 13 gennaio 2000
Silenzio, alla pinetina parla Mutu. Miracolo o apparente contraddizione?

Scherzi a parte, quella dopo il 3-2 nel derby e' la giornata del giovane romeno, Adrian Mutu, ventenne dal gol facile e dal coraggio sufficiente a non aver paura ne' di San Siro, ne' del Milan, ne' del capitano della nazionale italiana, Paolo Maldini, mandato a quel paese nel finale del derby.

"Perche' avrei dovuto aver paura? - ha commentato oggi con candore il giovane Adrian, capocannoniere il Romania nell'ultimo campionato -. Con la paura non fai niente. E' vero, ho avuto un battibecco con Maldini, ma cosa c'e' di strano? Lui e' un grande giocatore ma in campo e' normale litigare".

In un italiano piu' che comprensibile, imparato in sole due settimane di permanenza all'Inter, Mutu si e' detto entusiasta della sua nuova vita nerazzurra. "Sono contento di avere segnato il mio primo gol con questa maglia - ha spiegato - e doppiamente felice perche' e' stato realizzato nel derby. Dopo la rete ero emozionatissimo: mi ero reso conto di aver segnato a San Siro giocando contro grandi giocatori come quelli del Milan. Emozioni forti, ma in negativo, le ho provate quando ho sbagliato un gol subito dopo. Prima del match con il Perugia avevo promesso di entrare in campo nel secondo tempo e di segnare un gol. Poi non ci ero riuscito, quindi sono in ritardo di due partite".

Cresciuto nelle giovanili della Dinamo Bucarest, Adrian Mutu e' approdato all'Inter 15 giorni fa, su consiglio di Mircea Lucescu. "Il mio ruolo preferito - ha confessato oggi il giovanotto, per nulla emozionato di trovarsi per la prima volta protagonista tra tanti campioni - e' quello di seconda punta. Il mio piede preferito e' il destro. Sognavo da bambino di arrivare a giocare nella Dinamo, e ce l'ho fatta. Una volta ingaggiato cominciai a fantasticare su una avventura all'estero. Ma non pensavo che potesse arrivare cosi' presto. Nella Dinamo avevo segnato 18 gol in 18 partite. Qui all'Inter - ha aggiunto sorridendo - sono sotto alla media".

Prima di lasciare Bucarest per l'Inter, Adrian ha potuto contare anche sui consigli di una grande come Hagi: "Mi ha detto di stare tranquillo e di non montarmi la testa. Mi ha spiegato quanto e' difficile campionato italiano". Hagi giocava in quella Steaua che il Milan anniento' nella finale della Coppa dei Campioni dell'89. E alcuni di quei giocatori, allora vittoriosi, sono stati sconfitti ieri nel derby. "Sinceramente di quella gara mi ricordo solo Van Basten e Gullit". Ora Mutu spera di restare all'Inter: "Sono pronto a giocarmi tutto qui". L'unico intoppo e' legato agli extracomunitari. Mutu e' il numero 5 della lista: quando rientreranno Ronaldo e Jugovic, che succedera'? "Vorra' dire che per ovviare al problema mi sposero' con un'italiana".

FONTE: RaiSport.Rai.it

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






Daniele VERDE commenta la doppietta contro l'AVELLINO

HELLAS VERONA 3-1 AVELLINO

Wallpapers gallery