Le schede di B/=\S: Samuel SOUPRAYEN

Pubblicato da andrea smarso domenica 19 luglio 2015 09:17, vedi , , , , , , , , , , , | Nessun commento

Nato a/il:Saint-Benoît Isole Réunion (FRA) il 18/02/1989
Nazionalità:Francese
Contratto:Definitivo fino a Giugno 2018
Ruolo:Difensore
Altezza:187 Cm
Peso:70 Kg
Posizione:
CARRIERA DA GIOCATORE +   -   =
 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Hellas Verona2016 - 2017B41 (+1CI)0 (+0) 
Hellas Verona2015 - 2016A20 (+2CI)0 (+0) 
Dijon2014-2015L230 (+2CN +2CL)1 (+0 +0) 
Dijon2013-2014L233 (+3CN +1CL)1 (+0 +0) 
Dijon2012-2013L227 (+1CL)0 (+0) 
Dijon2011-2012L134 (+2CN +2CL)0 (+0 +0) 
Stade Rennais2010-2011L116 (+6CFA +3CN +1CL)0 (+1 +0 +0) 
Dijon2009-2010L231 (+4CFA +1CN)0 (+0 +0) 
Stade Rennais B2008-2009CFA310 
Giovanili Rennes2002-2008--- 
Giovanili Rennes2002-2007--- 
Giovanili CASCOL Oullins1998-2002--- 
LEGENDA: CFA=Championnat de France Amateur (Torneo Squadre B Francese), L1=Ligue 1 (Serie A Francese), L2=Ligue 2 (Serie B Francese), CN=Coupe Nationale (Coppa Nazionale Francese), CL=Coupe de la Ligue (Coppa di Lega Francese), CI=Coppa Italia

NEWS E CURIOSITÀ +   -   = 19 Luglio 2015
Colpo totalmente a sorpresa questo difensore francese per il quale nessuna testata giornalistica su carta o su web aveva avanzato il minimo rumor ma si sa, BIGON possiede un feeling particolare con il mercato francese e non sono da escludersi altri colpi simili in quell'area...
Samuel ben strutturato e abile sui colpi di testa a spazzare l'area nasce come difensore centrale naturale ma essendo mancino di piede fa il suo anche a sinistra tanto che nelle ultime stagioni nella B francese viene impiegato sempre di più come terzino sinistro che come difensore centrale, una qualità che per MANDORLINI da sempre amante dei giocatori eclettici lo renderà presumibilmente ancora più prezioso.

GIOVANISSIMO AL CASCOL OULLINS POI LO STADE RENNAIS
Nato nelle Isole Réunion Samuel si trasferisce ben presto con la famiglia in provincia di LIONE a Oullins dove a 9 anni entra nella squadra locale e comincia a tirare i primi calci al pallone; 3 anni più tardi gli scout del RENNES lo portano all'accademia rossoblù e il ragazzo non delude: In pochi anni diventerà capitano della formazione Under 18 campione di Francia nel 2006–2007 nonchè vincitrice della Coppa Gambardella (torneo giovanile molto in voga oltralpe) nel 2008.
Nel Luglio di quell'anno lo STADE RENNAIS lo ingaggia come professsionista con un triennale ed in quella stagione viene assegnato alla prima squadra guidata da Guy LACOMBE col numero 4 però la prima presenza con la prima squadra arriverà solo solo due stagioni più tardi in Coupe de la Ligue (22 Settembre 2010 GUINGAMP 3-1 RENNES) mentre per giocare in Ligue 1 Samuel dovrà pazientare ancora un altro mese (23 Ottobre 2010 RENNES 0-1 MONTPELLIER), nel frattempo gioca regolarmente nella seconda squadra nel Championnat de France amateur arrivando ai play-off poi persi nelle semifinali contro i corrispettivi del LIONE.

PRESTITO AL DIJON FCO IN LIGUE 2 E RITORNO (SFORTUNATO) AL RENNES
Nella stagione 2009-2010 il 20enne SOUPRAYEN viene mandato in prestito al DIGIONE in cadetteria dove debutta da professionista (e da titolare) nella gara vinta contro il BASTIA e gioca da titolare per il resto dell'annata.
Per la stagione successiva mister ANTONETTI lo vuole a tutti i costi di ritorno allo STADE RENNAIS e gli fa prolugare il contratto per altri due anni portandolo al 2013 ma a cotanta fiducia dell'allenatore non corrisponderà un'adeguata fiducia sul campo: Un infortunio durante la preparazione estiva (e qualche incomprensione di troppo con l'allenatore) lo condizionerà a lungo facendogli preferire tale Kévin THÉOPHILE-CATHERINE e alla fine della stagione 2010-2011 saranno solo 16 le presenze in Ligue 1 e Samuel verrà ceduto, stavolta in maniera definitiva, al neopromosso DIJON che gli assicura un quadriennale fino al 2015.

CAPITANO AL DIJON, SORPRESA AL VERONA...
Samuel trova la sua dimensione in quel di DIJON e diventa un perno tattico della Côte-d'Or nella quale diventa anche capitano ma dopo 4 anni, 122 presenze e 2 gol era venuto tempo di cambiare: Ora la nuova avventura in Serie A con l'HELLAS...

Qui trovate la pagina Facebook ufficiale del calciatore...

[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.it]


ANEDDOTI & ALTRO DA RICORDARE +   -   =

Samuel Souprayen
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Caratteristiche tecniche
Terzino sinistro di notevole spinta, inoltre può giocare come centrale difensivo.

Carriera
Comincia la sua carriera in Ligue 1 al Rennes, poi passa al Digione dove diventa uno dei pilastri della squadra. Il 30 giugno 2015 l'Hellas Verona comunica di averlo ingaggiato a parametro zero indossando la maglia numero 69, fa il suo debutto in Serie A nella prima giornata contro la Roma, giocando da titolare sulla fascia sinistra.
Nella stagione successiva gioca sempre da titolare con gli scaligeri in Serie B.


Samuel Souprayen
From Wikipedia, the free encyclopedia

Samuel Souprayen (born 18 February 1989) is a French football player of Réunionais heritage who plays for French club Dijon in Ligue 2. He is a former France youth international having earned caps with the under-18, under-19, under-20, and under-21 teams. Souprayen played with the under-20 team at the 2009 Mediterranean Games. He plays as a centre back capable of playing on the left side of defense, as well.

Football career
Souprayen was born in Saint-Benoît, Réunion, but grew in the city of Lyon in the Rhône-Alpes region. He began his football career with CASCOL Oullins in the commune of Oullins. He later joined the youth academy of Stade Rennais. At Rennes, he was captain of both the youth sides that won the under-18 championship for the 2006–07 season, and the Coupe Gambardella in 2008. On 17 July 2008, he signed his first professional contract agreeing to a three-year deal through 2011. He was officially promoted to the senior team for the 2008–09 season and was assigned the number 4 shirt by manager Guy Lacombe.

Though on the first team, Souprayen only saw playing time with the club's Championnat de France amateur team appearing in 31 matches, starting 30 of them, helping the side finish 1st among professional clubs in their group, thus qualifying for the playoffs, where they lost to Lyon in the semi-finals. After playing with the reserves for the first four matches of the 2009–10 season, Rennes decided it would be best to send the player on loan to Ligue 2 club Dijon FCO for the entire season. At Dijon, Souprayen was assigned the number 19 shirt and made his professional debut on 11 September in the club's 1–0 win over Bastia playing the entire 90 minutes.

Following the season, on 15 May, Rennes manager Frédéric Antonetti confirmed that Souprayen would return to the team and that he would be heavily relied upon for the 2010–11 season. On 21 July, Rennes rewarded the player with a two-year contract extension tying him to the club until 2013. After featuring in only 16 league matches in the 2010–11 season, in June 2011, Souprayen signed a four-year contract with newly promoted first division club Dijon. The defender had previously spent the 2009–10 season on loan at the club.

International career
Souprayen has played with both the under-18 team and the under-19 team playing with the squad that fail to qualify for the 2008 UEFA European Under-19 Football Championship. On 26 May 2009, he was named to the under-20 squad to play in the 2009 Mediterranean Games. He participated in two of the team's four matches as France finished in 4th place position.

FONTE: Wikipedia.org


STAGIONE 2016-17 +   -   =
31.03.2017
INTERVISTE
Souprayen, dieci domande per la A «Trapani una tappa, ce la faremo...»
Samuel Souprayen, sempre presente, anche con il capo fasciato

Col Pisa il mister ha cambiato giocando a tre dietro con te e Romulo piu alti...come ti sei trovato?
Mi piace giocare sia a 3 che a 4, il mister fa le sue scelte ed io sono a disposizione. Pecchia mi chiede sempre di essere propositivo e questo è l’atteggiamento che devo tenere, al di là del modulo con cui scendiamo in campo.

Sei quello che ha giocato di più con Nicolas buon rendimento...senti la fiducia di Pecchia?
Ho giocato 32 partite e il mister mi aiuta e mi dà consigli per migliorare sia in fase difensiva che offensiva.

Con la Roma la prima di campionato un grande esordio poi ...
Per me era il primo anno che giocavo in un campionato diverso rispetto a quello francese, e in più abbiamo trovato delle difficoltà. Non era facile, perché fisicamente non stavo bene: ho stretto i denti, avevo un problema alla caviglia ma poi ho deciso di operarmi. Era febbraio, sono rientrato a fine marzo non è stato facile.

Il pubblico del Bentegodi mette pressione?
Verona è una piazza importante che pretende tanto, come è giusto che sia. Sono convinto che uniti sarà più semplice raggiungere l'obiettivo di tutti. Il Bentegodi che spinge è la nostra arma in più e un ostacolo enorme per gli avversari.

C'e' il rischio di andare ai play off...Cosa ne pensi?
La mia testa non pensa ai playoff. La classifica la guardiamo alla fine, ora ci restano 10 partite da affrontare al massimo. Al termine del campionato tireremo le somme e valuteremo quanto fatto. Ora conta solo fare più punti possibili.

Quanto di manca il gol?
Mi manca, ma non è la priorità per un difensore. Spero comunque di segnare il prima possibile per aiutare i miei compagni. Per adesso mi accontento di fare qualche assist.

Il compagno con il quale leghi di piu?
Momo Fares. E’ francese come me, all’inizio mi ha aiutato tanto con la nuova lingua e veniamo sempre insieme all’allenamento.

Ci racconti come sei arrivato al Verona?
Ero in scadenza con il Digione, c’erano delle squadre su di me tra cui anche il Verona. Ho sempre sentito parlare bene di questa piazza. Da qui sono passati grandi campioni come Luca Toni, Rafa Marquez e Javier Saviola. Senza parlare della città, semplicemente stupenda. Ho preso casa in centro, amo passeggiare tra bellezze e monumenti ricche di storia.

Parlaci del Souprayen privato...
Quando non solo sul campo faccio il papà a tutti gli effetti. Sono sposato con Imane e papà di tre bellissimi bambini: Ibrahim gioca nella Scuola Calcio del Verona e quando riesco vado a vedere i suoi allenamenti. Mia figlia Aliyah fa ginnastica alla fondazione Bentegodi e poi c’è la più piccola, Soumaya, la veronese di casa. E’ nata proprio qui infatti, all’ospedale di Borgo Trento, il 16 novembre 2015.

Trapani trasferta difficile e perche?
Noi dobbiamo pensare alla nostra prestazione, perché Trapani rappresenta una delle 10 tappe che da qui alla fine.
Gianluca Tavellin

FONTE: LArena.it


Souprayen: «Il risultato ci sta stretto, a Vercelli con fiducia»
13/MARZO/2017 - 22:40
Verona - Le principali dichiarazioni del difensore gialloblù Samuel Souprayen, rilasciate al termine di Hellas Verona-Ascoli (0-0), 30a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«Volevamo vincere questa partita con l'Ascoli, a mio avviso abbiamo giocato bene, con il giusto atteggiamento. Abbiamo pressato alto, creando tante situazioni per fare gol. Purtroppo non ci siamo riusciti, ci è mancato qualcosa nell'ultimo passaggio. Il calcio è fatto così e la Serie B è un campionato difficile. Dobbiamo continuare a lavorare, ci sono ancora tante partite e da domani torniamo al campo a preparare la trasferta con la Pro Vercelli. La mia prestazione? Cerco sempre di dare il massimo, ogni volta. Questo pareggio arriva dopo due vittorie, siamo in crescita e sono fiducioso per il futuro, anche se questo risultato ci sta stretto. Pazzini? Per noi è molto importante, ma oggi Cappelluzzo ha fatto il suo dovere, dobbiamo tutti migliorare. Su chi facciamo la corsa? Frosinone, SPAL, Benevento, Bari: dobbiamo fare attenzione a tutti»

BUON COMPLEANNO SOUPRAYEN
18/FEBBRAIO/2017 - 09:00
Tanti auguri Samuel!

La Società, lo staff tecnico e tutta la squadra

augurano buon compleanno a Samuel Souprayen.

Il difensore gialloblù compie oggi 28 anni.

FONTE: HellasVerona.it


MIXED-ZONE
Souprayen: Critiche? Fanno parte del gioco

29/01/2017 21:14
"E' stata una partita difficile, era importante vincere dopo la sconfitta di Latina. La Salernitana si è dimostrata un avversario difficile, ma abbiamo vinto e abbiamo consolidato il primo posto, siamo molto contenti, era importante per noi. Siamo entrati in campo con il giusto atteggiamento: durante la gara abbiamo affrontato delle situazioni difficili da gestire, ma ce l'abbiamo fatta lavorando come squadra". Queste le dichiarazioni di Samuel Souprayen dopo la vittoria contro la Salernitana.

Il terzino sinistro del Verona ha proseguito: "Il campionato è lungo, ci sta di venire criticati qualche volta, al termine di ogni gara rivedo e analizzo sempre la mia prestazione, confrontandomi anche con mister Pecchia che mi indica sempre dove posso migliorare. Sento la fiducia dell'allenatore e per questo mi impegno per fare sempre meglio. Boldor? E' molto giovane, sa che deve lavorare per crescere, mi trovo bene con lui, così come con il resto della squadra".
L.VAL.

FONTE: TGGialloBlu.it


Souprayen: «Vittoria importante, grazie al mister per la fiducia»
29/GENNAIO/2017 - 20:45
Verona - Le principali dichiarazioni del difensore gialloblù Samuel Souprayen rilasciate al termine di Hellas Verona-Salernitana (2-0), 23a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«E' stata una partita difficile, era importante vincere dopo la sconfitta di Latina. La Salernitana si è dimostrata un avversario difficile, ma abbiamo vinto e abbiamo consolidato il primo posto, siamo molto contenti, era importante per noi. Siamo entrati in campo con il giusto atteggiamento: durante la gara abbiamo affrontato delle situazioni difficili da gestire, ma ce l'abbiamo fatta lavorando come squadra. Il mio momento? Il campionato è lungo, ci sta di venire criticati qualche volta, al termine di ogni gara rivedo a analizzo sempre la mia prestazione, confrontandomi anche con mister Pecchia che mi indica sempre dove posso migliorare. Sento la fiducia dell'allenatore e per questo mi impegno per fare sempre meglio. Boldor? E' molto giovane, sa che deve lavorare per crescere, mi trovo bene con lui, così come con il resto della squadra. Ora arrivano gare importanti, vedremo dove riusciremo ad arrivare».

NEWS
Souprayen, che prestazione con la Ternana
Primo per passaggi riusciti e secondo in palle recuperate, oltre al rigore guadagnato

di Redazione Hellas1903, 04/10/2016, 11:44

Samuel Souprayen continua a proporre ottime prestazioni in campo.
Il terzino del Verona, infatti, ha il merito di aver sbloccato la partita con la Ternana: la sua incursione al 30' ha fatto guadagnare un rigore ai gialloblù, poi realizzato da Pazzini, e ha lasciato gli avversari in inferiorità numerica.
Oltre a questo, il francese è risultato il migliore della gara per passaggi riusciti (74), superando Bessa e, allo stesso tempo, ha offerto una buona prova in difesa, con 16 palloni recuperati – meglio ha fatto solo Bianchetti con 21.

La sintesi della sua prestazione si può trovare nelle nostre pagelle di Ternana-Verona:

SOUPRAYEN 7,5 – Imprendibile. Non lo fermano neppure con i botti. Quelli li fa lui, una sorta di Beep-Beep che fa uscire di testa Roadrunner. Un rullo.

Souprayen: «Sto sempre meglio, ora testa al Brescia»
01/OTTOBRE/2016 - 18:00
Terni - Ecco le principali dichiarazioni del difensore Samuel Souprayen, rilasciate al termine di Ternana-Hellas Verona (0-3), 7a giornata della Serie B ConTe.it.

«Sono molto contento di questa vittoria, oggi la squadra ha giocato molto bene, abbiamo fatto 3 gol e saputo gestire il risultato. Mi sento molto bene fisicamente e questa credo sia la cosa più importante. Giocare con Caracciolo? Non mi crea alcun problema, anzi; sto molto bene con lui, ogni giorno impariamo a conoscerci meglio dentro e fuori dal campo. E' la nostra seconda partita senza prendere gol, questo è un altro dato importante. La Serie B è un campionato lungo e difficile ma sappiamo quello che vogliamo fare. Il 3 a 0 finale? Credo di aver dato una mano con quel rigore e l'espulsione diretta, ma tutta la squadra ha giocato al meglio. Ora testa al Brescia, un altro appuntamento difficile ma ci faremo trovare pronti».

FONTE: HellasVerona.it


NEWS
Verona, Souprayen il più preciso della B
76 passaggi riusciti nella trasferta di Salerno: nessuno come lui

di Redazione Hellas1903, 06/09/2016, 22:10

Il campionato di Serie B 2016/2017 è appena iniziato, ma Samuel Souprayen vanta già un piccolo primato: secondo le statistiche calcolate da Panini Digital, il terzino sinistro francese risulta essere il giocatore più preciso della Serie B.
Dopo aver ottenuto questo singolare risultato anche al termine della prima giornata contro il Latina, domenica sera, nella trasferta di Salerno, l’ex Rennes e Digione si è (ri)confermato grazie all’ottimo numero di 76 passaggi riusciti.
Continuando così, per Souprayen, 27 anni e reduce da una stagione travagliata, questo può essere l’anno del riscatto.

FONTE: Hellas1903.it


Souprayen: «Questo Verona mi piace»
17/LUGLIO/2016 - 20:05

Racines (Bolzano) - Le principali dichiarazioni del difensore gialloblù, Samuel Souprayen, rilasciate al termine del test match Hellas Verona-Top 22 Calcio Dilettante: «L'anno scorso ho avuto qualche problema ma adesso sono pronto e spero di fare bene. La squadra è forte e pronta per salire, tutto dipende da noi. La mia crescita? Voglio dimostrare tutte le mie qualità e dare il massimo per questa squadra. Il mio ruolo? Ho parlato con il mister in francese (ride) e lui vuole che spinga sulla fascia. Il caso di Nizza? É gravissimo. Io sono musulmano ma non riconosco come tali chi commette questi crimini».

FONTE: HellasVerona.it


STAGIONE 2015-16 +   -   =

Comunicato medico: Samuel Souprayen
29/APRILE/2016
Verona – L’Hellas Verona FC informa che gli accertamenti diagnostici a cui è stato sottoposto in mattinata al CEMS il calciatore Samuel Souprayen hanno evidenziato una lesione distrattiva all’adduttore lungo della gamba destra. Stagione conclusa quindi per il calciatore francese, che a prescindere inizierà domani l’iter riabilitativo.

Souprayen operato alla caviglia
Postata il 02/02/2016 alle ore 10:46
Verona - L’Hellas Verona FC informa che il calciatore Samuel Souprayen è stato sottoposto questa mattina a un intervento chirurgico per la risoluzione di un conflitto posteriore alla caviglia destra. L’operazione, eseguita dal professor Claudio Zorzi e dal dottor Venanzio Iacono presso l’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, è perfettamente riuscita. La diagnosi per il ritorno all’attività sarà stabilita in base all’evoluzione del quadro clinico. Il difensore francese sarà dimesso domattina dall’ospedale.

Comunicato medico: Samuel Souprayen
Postata il 11/12/2015 alle ore 15:10

Verona - Gli accertamenti diagnostici a cui è stato sottoposto il calciatore Samuel Souprayen presso il CEMS (Centro Medico Specialistico) di Verona hanno evidenziato una elongazione del flessore della coscia destra. I tempi di recupero saranno valutati in base all'evoluzione del quadro clinico.

FONTE: HellasVerona.it


SERIE A
Parametro zero - Souprayen, punto fermo di Mandorlini per risalire
17.11.2015 16.30 di Marco Frattino Twitter: @MFrattino
Tra i migliori del Verona nonostante l'ultimo posto in classifica, così come è stata ottima l'intuizione del sodalizio scaligero durante la scorsa estate di prelevarlo a parametro zero. Samuel Souprayen (26) s'è fatto già conoscere al pubblico italiano viste le dodici presenze in campionato: mai assente, dunque, nelle gare disputate finora dalla compagine di Andrea Mandorlini. L'ottimo impatto del francese in Italia non è però bastato all'Hellas per risollevarsi in Serie A, con la speranza di cambiare registro subito dopo la sosta per le Nazionali. L'ex Dijon rappresenta una delle poche certezze dell'Hellas in questa prima parte di stagione a dir poco sciagurata, Mandorini sa che potrà fare affidamento sull'esterno classe '89 per tentare la scalata in classifica. Con l'ingaggio di 180mila euro a stagione e un simile rendimento sul terreno di gioco, non è difficile prevedere che Souprayen possa essere tra gli esterni mancini più contesi in sede di mercato nel giro dei prossimi mesi.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Benvenuta Soumaya Souprayen
Postata il 16/11/2015 alle ore 18:42

Verona – Fiocco rosa in casa Souprayen. Alle 15:31, presso l’ospedale di Borgo Trento, Imane Souprayen, compagna dell’esterno francese, ha dato alla luce la piccola Soumaya. Mamma e bimba stanno benissimo. E allora da tutto l’Hellas Verona FC le più sentite congratulazioni a Sam e famiglia!

FONTE: HellasVerona.it


SERIE A
Il miglior colpo - Verona, Souprayen: sempre titolare e tra i migliori gialloblù
11.11.2015 14.00 di Lorenzo Di Benedetto Twitter: @Lore_Dibe88
Samuel Souprayen è una delle poche note positive dell'avvio di stagione del Verona. Il terzino francese, arrivato in estate dal Digione, si è subito messo in mostra fin dalla prima giornata quando l'Hellas affrontò la Roma al Bentegodi. Da quel momento in poi il suo tecnico Andrea Mandorlini non ha più fatto a meno di lui. Il Verona non ha raccolto neanche una vittoria nel campionato in corso, ma nonostante questo le prestazioni di Souprayen sono sempre state positive, tanto da risultare in ogni gara uno dei migliori. La sua squadra già a partire dalla prima gara dopo la sosta contro il Napoli dovrà cercare di invertire la rotta e ancora una volta il francese proverà a metterci del suo, per quello che può sicuramente essere considerato come il miglior acquisto dell'estate della società scaligera.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Fantallenatore a Souprayen: “Gioca più alto, che ti ho al Fantacalcio”
Divertente siparietto con un tifoso durante un ask and question su Facebook

15 ottobre 2015 20:04 - Giuseppe Crescente
LaPresse/Spada

Samuel Souprayen si è rivelato una della sorprese più gradite di questo difficile inizio stagione dell’Hellas Verona: giocatore di qualità e sostanza che si è subito imposto all’interno della squadra di Mandorlini.
I tifosi lo hanno subito adottato, ma qualcuno vorrebbe qualcosa in più da lui: i bonus per il fantacalcio.
Durante l’ask and question organizzato dalla società su Facebook, un tifoso gli ha rivolto questa domanda: “Se il mister ha mai pensato di spostarti qualche metro più avanti (magari punta esterna) per sfruttare al meglio la tua corsa e i tuoi cross e magari avvicinandoti di più alla porta potrebbe arrivare anche qualche gol…visto che ti ho dato fiducia anche nella mia squadra del fantacalcio”.

La risposta del terzino francese non si è fatta attendere: “Questa domanda bisognerebbe farla al mister. Ora sto bene nel mio ruolo, va bene così. Se il mister decide di mettermi in attacco, lo faccio volentieri”.

FONTE: CalcioWeb.eu


#AskSouprayen, ecco le risposte di Samuel!
Postata il 15/10/2015 alle ore 17:30
Verona – Di seguito le risposte di Samuel Souprayen all'#ask proposto sulla nostra pagina ufficiale di Facebook. Grazie a tutti per le domande, pubblichiamo le 2 che ci sono piaciute di più, quelle di Luca Maccadanza e quelle di Carlo e Alberto Massacci, quest'ultime arrivate via WhatsApp alla redazione di 'Questo è il Verona' (329 5323893). I video pubblicati in questa pagina sono online anche su Facebook.

Marco Naraini: Pronti via e hai guadagnato fin da subito una maglia da titolare! Ti aspettavi di essere così importante per questa squadra in poco tempo?
«Non so se sono importante, però avevo fiducia in questo Club e sono venuto per giocare. Sapevo che potevo essere titolare, non sono sorpreso perché lavoro molto e sodo, ho fiducia nelle mie capacità».

Luca Maccadanza: Ciao Samuel, ti faccio i complimenti perché sei una delle poche note positive fino ad ora in questo inizio difficile dell'hellas, poi volevo chiederti se il mister ha mai pensato di spostarti qualche metro più avanti (magari punta esterna) per sfruttare al meglio la tua corsa e i tuoi cross e magari avvicinandoti di più alla porta potrebbe arrivare anche qualche gol...visto che ti ho dato fiducia anche nella mia squadra del fantacalcio
«Questa domanda bisognerebbe farla al mister. Ora sto bene nel mio ruolo, va bene così. Se il mister decide di mettermi in attacco, lo faccio volentieri (ride, ndr)».

Souprayen: «Siamo sulla buona strada»
Postata il 15/10/2015 alle ore 15:30

Verona - Le dichiarazioni del difensore Samuel Souprayen, rilasciate durante la conferenza stampa in vista di Hellas Verona-Udinese.

CON L'UDINESE UNA SFIDA IMPORTANTE
«La sfida all'Udinese? Sappiamo che è un momento delicato e difficile, questo è un incontro importante e dobbiamo fare il massimo per il futuro. Siamo una buona squadra e uniti possiamo vincere la sfida contro l'Udinese. L'assenza di Luca Toni e il rientro di Pazzini? Toni è un bravissimo attaccante, Pazzini ci da profondità. Siamo felici di recuperare Pazzini, sicuramente gli farà assist affinché domenica possa segnare. E perché no, magari potrei farlo anch'io. Come stiamo lavorando a Peschiera? I nazionali sono tornati, siamo un buon gruppo e una buona squadra, saremo pronti per domenica».

IL MIO MOMENTO
«Sono molto contento, quando sono arrivato ero cosciente delle mie qualità e delle mie capacità. Ho molta fiducia in me e l'ha avuta anche il mister. All'inizio della mia carriera giocavo come difensore centrale, poi mi sono spostato sulla fascia dove posso sfruttare la mia velocità».

SULL’INIZIO DI CAMPIONATO DICO CHE…
«In queste partite non abbiamo avuto fortuna, hanno fatto la differenza i dettagli ma sono fiducioso. Magari per i tifosi si poteva far meglio, ma noi meritiamo una posizione più alta in classifica. Se pensiamo alla sfida con la Lazio non meritavamo di perdere. Se ci manca la vittoria? La nostra situazione è difficile, come lo è per tutti. Dobbiamo vincere domenica e noi abbiamo tutte le carte in regola per farlo e andare avanti con serenità. Il gol di Castro nel derby? Ogni gol è evitabile, dovevo concentrarmi di più su di lui per evitare quella rete. Eravamo e siamo delusi da questo pareggio, ci sentivamo in forma. Siamo una buona squadra e domenica cercheremo a tutti di dimostrarlo».

FONTE: HellasVerona.it


SERIE A
La rivelazione - Hellas Verona, Souprayen: iniezione di velocità in squadra
07.10.2015 23.30 di Simone Lorini Twitter: @Simone_Lorini
Velocità, piede delicato, ma anche fisicità importante: Samuel Souprayen, difensore dell'Hellas Verona, è infatti nato come centrale di difesa, salvo poi spostarsi sulla sinistra in virtù di una tecnica di base eccellente e dell'esigenza del Dijon di trovare un'alternativa in quel ruolo. E' stata la sua fortuna, perché questo francese dal nome particolare, ha dato un'iniezione di velocità e fisicità importante alla difesa gialloblù in queste prime sette giornate. Sempre titolare, con una sola eccezione: la gara contro l'Inter, quando Mandorlini gli ha concesso un turno di riposo complice la gara infrasettimanale, per poi inserirlo nella ripresa. Presenze di cui, a partire dall'esordio contro la Roma, non si è mai pentito.

SERIE A
Serie A, i volti nuovi: Souprayen, dalla B francese a Gervinho
08.09.2015 18.42 di Andrea Losapio Twitter: @losapiotmw
Samuel Souprayen è la rivelazione di questo primo scorcio di campionato per l'Hellas Verona. Scelto come titolare - pure un po' a sorpresa - da Mandorlini nella prima gara contro la Roma, marcando, e anche bene, Gervinho. Ed è stato un ottimo exploit per questo ventiseienne difensore arrivato dal Digione, società di Ligue 2, dopo avere rischiato la promozione nella massima serie francese. Rimane però una discreta scommessa per l'Hellas Verona, finora vinta. Nella seconda gara ha dimostrato meno rispetto alla gara con i giallorossi, mettendo in difficoltà - nelle sue discese - pure Issa Cissokho.
Uno degli ultimi difensori a essere passati dalla Ligue 2 francese alla Serie A italiana è stato Mehdi Benatia, prima di essere lanciato verso palcoscenici ancora migliori. Per Souprayen è ancora molto, troppo presto. Bigon però avrebbe voluto portarlo anche al Napoli e lo aveva segnalato prima ancora di firmare con il Verona. Qualcosa vorrà pur dire.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Fantacalcio Serie A 2015/16: alla scoperta di… Samuel Souprayen
Scritto da Francesco Cucinotta il 18 agosto 2015 alle 20:00.
Samuel Souprayen, terzino sinistro francese e volto nuovo dell’Hellas Verona di Mandorlini, è uno con le idee chiare e carico di ambizioni: “Non vedo l’ora di sfidare Juve, Roma e Milan”, queste le sue parole il giorno della presentazione alla stampa. Nato come difensore centrale, ma adattato con successo sulla corsia mancina per sfruttarne appieno le qualità offensive (“in quella posizione posso salire e partecipare all’azione”), Souprayen dice di ispirarsi al suo idolo Abidal ed effettivamente rivela una certa somiglianza con l’ex blaugrana anche dal punto di vista fisionomico. Giocatore molto alto (1.87 m) e bravo di testa, ma allo stesso tempo agile e veloce. Non è ancora certo un suo impiego da titolare nella squadra scaligera (in quel ruolo il Verona ha preso anche Albertazzi), anche se nella prima uscita ufficiale, contro il Foggia in Coppa Italia, Mandorlini ha preferito il francese all’ex milanista.

Cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Rennes, Souprayen ha sposato la causa rossonera per diversi anni, firmando il suo primo contratto professionista nel 2008. Ma l’esordio in prima squadra arriva soltanto nella stagione 2010/11, dopo un campionato giocato in prestito al Dijon in Ligue 2. Tuttavia, dopo un solo anno, il francese fa il suo ritorno al Dijon, che nel frattempo ha guadagnato la promozione nella massima serie transalpina (salvo poi retrocedere immediatamente). Qui Souprayen disputa quattro stagioni da protagonista: 132 gare e due gol. Ora per lui una scommessa che si chiama Serie A e ha il volto gialloblù dell’Hellas Verona.

È un prospetto da prendere a Fantacalcio? Sì, se acquistato dopo cinque, sei giocatori sicuri del voto e utili in termini di bonus. Come dicevamo, infatti, il francese deve ancora vincere il ballottaggio a sinistra con Albertazzi, in più storicamente è uno poco incisivo in zona bonus (solo due gol e tre assist in sette stagioni fra i professionisti). Insomma, usate la testa e non fatevi ammaliare troppo.

FONTE: MondoPallone.it


12.08.2015
Souprayen va di corsa «So già tutto dell'Hellas»
«Quando mi hanno detto che interessavo al Verona ho cominciato a seguire in tv le gare di Toni e compagni Una grande occasione per me, non posso sbagliare»

La presentazione di Samuel Souprayen nella sede dell'Hellas. Avrà la maglia numero 69 FOTO EXPRESS

Con l'under 21 di Francia non era proprio in cattiva compagnia. In quella difesa, con Samuel Souprayen, c'erano Mangala, Sakho e Yanga Mbiwa. Uno al Manchester City ora, uno al Liverpool, uno alla Roma. E adesso uno all'Hellas. Era giovane Souprayen, tutti lo scrutavano con interesse perché sapersi districare in più ruoli è sempre un valore aggiunto. E lui ci riusciva bene. È cresciuto nel mito di Abidal, il terzino che ha vinto tutto col Barcellona e sconfitto anche un tumore nella vita. Corsa e lavoro, la ricetta di Souprayen è semplice. Pronto ad azzerare in fretta il gap fra la seconda lega francese e la Serie A. «Sono nato centrale, ma adesso mi sento più un terzino sinistro. È stata un'evoluzione naturale del mio ruolo. Non solo un difensore, mi piace partecipare al gioco e spingermi in avanti. Mandorlini mi sta chiedendo per ora soprattutto di tenere la posizione, ma tutto poi cambierà di partita in partita», il pensiero chiaro di Souprayen, traduttrice francese alla sua destra nella sede dell'Hellas e il direttore sportivo Riccardo Bigon ad ascoltare appena fuori dalla porta della sala stampa. Un giocatore si valuta anche davanti a un microfono.

SUDORE E TATTICA. Sulla carta il Verona ha fatto un affare. Souprayen era a fine contratto col Digione, ha alle spalle convocazioni con tutte le nazionali giovanili francesi dall'under 18 alla 21 più cinquanta presenze di Ligue 1 col Rennes ma soprattutto col Digione con cui nel 2012 è retrocesso in seconda divisione, dimostrando di avere una certa padronanza di palleggio e belle argomentazioni anche oltre la metà campo, requisito confortante per qualsiasi tipo di modulo. Souprayen ha già avuto modo di scontrarsi con la complicata realtà italiana, fatta di codici e movimenti rigidi. «È la più grande differenza che ho notato rispetto al campionato francese, in Italia c'è grande attenzione per la tattica ma si lavora molto anche dal punto di vista fisico», la fotografia di Souprayen, costretto da una tendinite a vedere il campo più tardi di molti altri ma altrettanto sicuro nel dire che tutto è ormai alle spalle. «Ho avuto qualche problema fisico all'inizio della preparazione ma adesso sto bene. Voglio essere utile il più possibile a questa squadra. Non vedo l'ora arrivino le partite con Roma, Juve e Milan. Sarà bello confrontarsi con squadre di questo livello. Era quel che volevo».

DEBUTTO ALLE PORTE. Con la Roma, fra dieci giorni, varcherà i confini di una A che finora Souprayen ha visto in tv ma anche studiato, perché l'idea di giocare in Italia non è nata di punto in bianco. L'Hellas ci crede parecchio, Bigon l'operazione l'ha chiusa prima di tante altre tanto che il ragazzo era al suo posto, a Peschiera, già il giorno del raduno. Anche per avere il tempo di comprendere il più possibile quel che l'aspetta e quel che Mandorlini pretende da lui. «Il Verona è una grande opportunità per confrontarmi con grandi calciatori. Come Toni e Pazzini, anche per questo sono molto contento di essere qui. Sono due campioni, da loro non puoi che imparare. Ed è quel che sta succedendo anche a me. Sono rimasto molto colpito da come sono stato accolto, è chiaro che al Verona c'è bel progetto ed io sono contento di farne parte. Voglio che quella con l'Hellas sia un'esperienza valida e formativa per la mia carriera».
Alessandro De Pietro

12.08.2015
Avrà la maglia numero 69 Una «targa» sulle spalle
Maglia numero 69, coerente con l'orientamento di altri calciatori francesi. Il numero scelto da Samuel Souprayen è la sigla del dipartimento di cui è originario. Saint Benoit, dove il nuovo mancino dell'Hellas è nato il 18 febbraio di 26 anni fa, si trova infatti nella microregione di Reunion, proprio la numero 69 delle 101 province francesi fra le 96 metropolitani e le cinque d'oltremare. Souprayen, che al Digione aveva la maglia numero 19, ha seguito l'esempio di altri suoi connazionali che giocano in Italia e che, una volta varcato il confine, hanno voluto sulle spalle l'etichetta della zona natia. Come un segno identificativo.

È stato così anche per Thomas Mangani, centrocampista al Chievo la scorsa stagione fino a gennaio prima di trasferirsi all'Angers con cui è stato promosso in Ligue 1, che a Veronello si prese la numero 84 corrispondente al dipartimento di Carpentras di cui è originario. Anche una stella come Jérémy Menez, attaccante del Milan e prima ancora della Roma ma anche del Paris Saint Germain, ha confermato la tradizione prendendosi dal 2009 la numero 94, esattamente il dipartimento di Valle della Marna, nella banlieu di Parigi, presente pure sulle targhe automobilistiche, in basso a destra, come da preciso ordinamento. Al posto delle due lettere com'era in Italia ci sono i due numeri del relativo dipartimento.

In Francia è così. Fedele alla tradizione dei giocatori transalpini emigrati in Italia pure M'Baye Niang del Milan, che nel 2013 s'è diretto verso la maglia numero 78 perché nato a Meulan-en-Yvelines, catalogato con la stessa sigla. Nel Cesena il francese Gregoire Defrel, passato al Sassuolo, al Cesena indossava il 92, il numero dell'arrondissement di Boulogne-Billancourt dove è nato. «È come giocare con una targa sulle spalle per far capire a tutti da dove veniamo», rispose un giorno Defrel a precisa domanda. Non è un numero deciso a caso, il 69 di Souprayen. È semplicemente casa sua.
A.D.P.

FONTE: LArena.it


Souprayen: «Verona la mia grande opportunità»
Postata il 11/08/2015 alle ore 15:40

Verona - Le dichiarazioni del centrocampista gialloblù, Samuel Souprayen, rilasciate durante la conferenza stampa di presentazione.

HELLAS VERONA, CHE GRANDE OPPORTUNITA'
«Il mio arrivo a Verona? Sono arrivato qui dopo aver terminato il contratto con il Digione, squadra delle Serie B francese. L’Hellas Verona per me rappresenta una grande opportunità per confrontarmi con grandi calciatori come Toni e Pazzini, sono molto contento di essere qui. Un commento su di loro? E’ sempre interessante conoscere campioni dai quali si impara sempre molto quotidianamente in ogni allenamento. La mia condizione? Ho avuto dei problemi ma mi sto riprendendo, sarà pronto per sabato. So bene di aver fatto un salto importante salto dalla Serie B francese alla Serie A italiana, l’unico modo è lavorare e mi farò trovare pronto. Che Verona sta nascendo? Sono molto colpito di come sono stato accolto, vedo che c’è buon progetto e sono contento di farne parte. Il mio calciatore di riferimento? Abidal. Quali saranno gli avversari più duri? Voglio confrontarmi con Juve, Roma e Milan, ma non temo nessun avversario in particolare. Cosa conosco della città? L’anno scorso ho seguito un po’ della Serie A, so che a Verona ci sono due squadre. Ho visto alcune partite del Verona e l’anno scorso la squadra ha terminato il campionato con un buon piazzamento».

ECCO COSA SO FARE
«Le mie caratteristiche? Nasco come centrale difensivo ma mi sono adattato a giocare a sinistra, è stata un’evoluzione naturale. Ritengo di essere un buon difensore, rapido. Difesa a tre o quattro? Non ho preferenze, mi adatto molto bene ad entrambe. Mi piace anche partecipare alla fase offensiva, ma sono venuto qui a fare il difensore. Starà a Mandorlini decidere di volta in volta come sfruttare le mie qualità, fermo restando che ogni partita è a sè e dipenderà dagli avversari che dovremo affrontare di volta in volta».

IL VERONA CHE STA NASCENDO
«Un commento sullo staff? Ho trovato una squadra molto competente, gli allenamenti sono molto intesi ma li apprezzo perché penso siano un’esperienza valida e altamente formativa. La preparazione è coerente con gli obiettivi, incentrata su fisico e tattica. La prima cosa che ho imparato? Riguarda soprattutto la tattica, questo aspetto mi ha colpito molto. Il Verona è da tre anni nella massima serie e c’è un ottimo progetto alla base».

FONTE: HellasVerona.it


05.07.2015
Bigon cerca gli ultimi tasselli per l'Hellas
Resta calda la pista che porta a Caldirola e Bonera Non si può escludere il ritorno di Taxi. Pazzini? Il sogno

[...]

A sinistra quella di Souprayen pare una scelta definitiva, il francese è stato protagonista in Ligue 2 chiudendo al quarto posto col Digione, di cui è stato anche capitano, a tre punti dall'Angers terzo promosso in Ligue 1 con Troyes e Ajaccio. Souprayen ha giocato 28 partite di cui 23 a sinistra e cinque da centrale, posizione a cui può anche adattarsi e in cui è stato impiegato ai tempi dell'Under 21 in coppia con Sahko, giocatore ora del Liverpool

[...]
Alessandro De Pietro

FONTE: LArena.it


Scheda tecnica: SAMUEL SOUPRAYEN
BY REDAZIONE · 2 LUGLIO 2015

Ogni Fantallentore che si rispetti, non si limita a tenere in considerazione solo nomi di prima o seconda fascia per comporre la propria rosa, ma è abitudine dei più appassionati andare a spulciare ogni singolo nome strano da poco sbarcato in Serie A: per questo oggi noi vi presentiamo Souprayen.

Difensore francese classe ’89, è l’ultimo innesto del Verona. Di ruolo terzino sinistro (ma può anche essere impiegato come centrale sia a destra che a sinistra), comincia la carriera nel 2008, quando entra a far parte della squadra B del Rennes, arrivando a sollevare da capitano la prestigiosissima (????) “Coppa Gambardella“, trofeo che gli vale nel 2009 il fugace passaggio in prima squadra, dato che nello stesso anno verrà mandato in prestito al Dijon, per poi tornare con i bretoni nel 2010.
Nel 2011 ritorna al Dijon e lì vi rimane fino a quando il Verona non lo acquista per un milione di euro.

Difensore prestante fisicamente, forse non fortissimo (1,87 cm x 70 kg), sembra da ciò che viene riferito dagli addetti ai lavori, bravo di testa ed abbastanza agile.Terzino sicuramente atipico dal punto di vista fantacalcistico (solamente due gol e tre assist in 183 partite in carriera), tuttavia vanno a suo favore i pochi cartellini ricevuti in carriera (34 gialli e 2 soli rossi) ; è il classico giocatore che nei listoni spunterà con una valutazione non superiore ai 5-6 milioni, da prendere come 7^/8^ elemento nella vostra fantadifesa, sperando magari in qualche infortunio dei titolari.

FONTE: FantArdore.it


FANTACALCIO 2015-2016: SAMUEL SOUPRAYEN
Nome: Samuel Souprayen
Luogo e data di nascita: Saint-Benoit, 18 Febbraio 1989
Nazionalità: francese
Ruolo: Difensore sinistro
Piede: mancino
Altezza: 187 cm
Peso: 70 kg
Squadra: Hellas Verona

Difensore polivalente, Souprayen è abile a giocare sia esterno sinistro che centrale difensivo grazie alle ottime doti aerobiche ed il fisico longilineo. In effetti nelle giovanili del Rennais nasce come difensore centrale ma la sua adattabilità gli permette non solo una rapida scalata nel vivaio ma anche di inserirsi nelle rappresentative giovanili francesi dall’Under 18 all’Under 21. L’esordio tra i professionisti avviene nel 2009 quando viene ceduto in prestito al Digione giocando con continuità. Il rientro al Rennais a fine stagione dura appena un anno, giocato da comprimario, perché il richiamo de Les Rouges della Cote-d’or è molto forte anche se giocano in Ligue2. Vi rimane fino alla fine della scorsa stagione giocando 137 partite segnando 2 gol senza però brillare mai per la sua propensione offensiva (appena 1 assist) ma per la sua applicazione e solidità difensiva.

CONSIGLI FANTACALCIO
Ricordiamo tutti benissimo Antonio Luna, terzino spagnolo diventato in brevissimo tempo da nome interessante a meteora. Il rischio che si ripeta con Souprayen c’è, dipenderà da Mandorlini, ma può diventare un utile elemento per completare la difesa. .La seconda incognita è sui bonus: la propensione è veramente scarsa ma, ripetiamo, servirebbe a completare non a puntarci su.

FONTE: IConsigliDelFantacalcio.it


Ufficiale, Souprayen diventa gialloblù
Postata il 30/06/2015 alle ore 20:33
Verona - L’Hellas Verona FC informa di aver raggiunto l’accordo per il tesseramento dal 1° luglio del calciatore francese classe 1989 Samuel Souprayen. Il calciatore, a fine contratto, è reduce dall’esperienza nel Dijon Football Côte-d'Or, dove militava dal 2011.

FONTE: HellasVerona.it


PRIMA DI VERONA +   -   =
5 giu 2015
Utrecht make offer for Samuel Souprayen
According to France Football, Dutch side Utrecht have made a concrete offer for the services of Dijon defender Samuel Souprayen, who has expressed a desire to leave the Ligue 2 outfit this summer.

According to the article, the player also has several other options.

FONTE: GetFootballNewsFrance.com


Info FM : libre, Souprayen a la cote
Publié le : 29/05/2015 - 23 h 28
Après quatre saisons passées au Dijon FCO, Samuel Souprayen va changer d’air. Libre comme l’air au 30 juin, le défenseur central ou latéral gauche de 26 ans va quitter le club quatrième du dernier championnat de France de Ligue 2. Reste maintenant à savoir pour aller où.
Selon nos informations, l’ancien international Espoirs tricolore (4 capes) dispose de touches avec des clubs évoluant en Angleterre, en France, en Turquie, et en République Tchèque. Mais, toujours selon nos informations, le joueur formé au Stade Rennais préfère se donner le temps de la réflexion avant de trancher. Avis aux amateurs.

FONTE: FootMercato.net


FOOTBALL. LIGUE 2
Souprayen, la force tranquille du DFCO
Notez cet article : le 19/09/2014 à 05:00 | J.-Y. R.
Cinquième saison, 128 matches au compteur, Samuel Souprayen fait figure d’incontournable aujourd’hui au DFCO. Sur le côté gauche de la défense ou parfois dans l’axe, le joueur formé au Stade rennais est un maillon essentiel du système défensif dijonnais mis en place par Olivier Dall’Oglio.

« Je ne suis pas vieux », blague-t-il. Mais il reconnaît : « cela fait quelques années que je suis ici. J’ai un vécu, une expérience aussi bien en Ligue 2 qu’en Ligue 1, et j’essaie toujours d’apporter le meilleur de moi-même. »
Vice-capitaine derrière Cédric Varrault, Samuel Souprayen n’est le genre à tirer la couverture à lui. Altruiste, il considère les bons résultats actuels du DFCO comme la somme d’un travail collectif avant tout. « La défense, c’est la base d’une équipe. Mais le fait que nous ne prenions pas de but, ne dépend pas uniquement des quatre défenseurs mais de toute l’équipe. Nous avons besoin de tout le monde. »
L’autre facteur prépondérant selon lui, est le vécu de ce groupe pratiquement inchangé depuis quelques saisons. « C’est vrai que c’est une force. Chaque joueur connaît l’autre. Chacun connaît les qualités et les défauts des autres. C’est une vraie force. » Il continue : « Il existe beaucoup d’affinités entre les joueurs et on vit bien à Dijon. »

« Conserver le même état d’esprit »
En ce début de saison, tout semble sourire à cette équipe dijonnaise, mais pourtant Samuel veut la jouer sobre avant un déplacement toujours compliqué en terre corse. « Forcément lorsqu’on est leader, il y a un peu plus de pression sur nous. Mais personnellement, je le vis assez bien. On sait que ce sera compliqué mais tous les matches de Ligue 2 sont compliqués. À nous de conserver le même état d’esprit affiché jusqu’à maintenant pour continuer sur notre lancée. Pas exemple, l’an dernier, nous avions un problème à l’extérieur, nous ne ramenions pas de points. » Tout le contraire de cette saison.

Et face au promu corse, Samuel Souprayen a bien l’intention de tout donner, d’autant plus qu’il aura le temps de souffler ensuite un peu plus que ses coéquipiers, étant suspendu pour la venue de Créteil, mardi prochain à Gaston-Gérard.

FONTE: FootMercato.net


Le FC Nantes toujours sur Samuel Souprayen
Article rédigé par teamfcn le 26 fév 2015
A l’approche de la fin de saison, les clubs de Ligue 1 commencent à se positionner en vue du prochain marché des transferts. Selon une information de Foot Mercato, le FC Nantes s’intéresserait à Samuel Souprayen, défenseur évoluant à Dijon.
Cadre inamovible d’une équipe de Dijon qu’il a rejoint définitivement en 2011, après avoir été prêté une saison par le Stade Rennais, l’arrière gauche aux 20 matches de L2 comme titulaire cette saison sera libre de tout contrat à l’été 2015. Le staff nantais s’était déjà intéressé à son cas au dernier mercato d’hiver.
Mais le nom de Samuel Souprayen (26 ans) résonnerait également dans les travées du Stade Louis II. Des clubs anglais et allemands sont également sur les rangs.

FONTE: Mirror.Co.uk


Foot: DFCO, Samuel Souprayen suspendu
ECRIT PAR ANATOLE B. LE 16 JANVIER 2014 À 23:29

La Commission de Discipline de la LFP était réunie ce jeudi 16 janvier. Parmi les décisions prises par la commission, le défenseur et capitaine actuel du Dijon Football Côte-d’Or Samuel Souprayen a écopé d’un match ferme de suspension suite à un troisième avertissement reçu dans une période incluant 10 matchs officiels. La sanction prend effet à partir du mardi 21 janvier 2014 à minuit.

FONTE: Dijon-SportNews.fr


Publié le 28/05/2013
SAMUEL SOUPRAYEN : « JOUER LE HAUT DE TABLEAU »
Avant le dernier entraînement de la saison 2012/2013, Samuel Souprayen a tiré un bilan positif et fixé des objectifs élevés pour 2014.


Un mot sur le dernier match à Guingamp (défaite 2-0) où le DFCO aurait mérité mieux…
Nous ne sommes pas allés au Roudourou pour faire un match d’entraînement. Tout le monde a joué le jeu. Nous avons réalisé un bon match collectivement et offensivement, mais il nous a manqué de la rigueur défensive. Nous nous sommes trop projetés vers l’avant et nous avons oublié de faire les efforts défensifs. C’était la fête chez eux, le stade était plein, c’était un beau match de football.

Comment jugez-vous votre saison ?
J’ai connu un début de saison un peu compliqué en raison de pépins physiques, et la descente de Ligue 1 en Ligue 2 a été difficile à digérer. J’ai été pas mal embêté par mon genou, mais je suis bien revenu dans le coup jusqu’à la fin de la saison. J’ai eu du temps de jeu, donc je suis satisfait.

Le DFCO termine finalement en 7eme position au classement. Quel bilan peut-on tirer ?
J’estime que nous avons réalisé une bonne saison. En descendant de Ligue 1, il n’est pas toujours simple de bien figurer dans ce championnat. Nous allons partir en vacances quelques jours et préparer au mieux la saison prochaine où l’objectif sera la montée en Ligue 1. Mon seul désir est de jouer le haut de tableau.

Vous n’avez pas tardé à rentrer aux vestiaires au coup de sifflet final…
Oui ! (rires) Nous avons essayé d’éviter l’envahissement du terrain ! Personnellement, j’étais proche de la sortie donc j’ai pu éviter la foule.

Comment se sont passées les dernières heures d’entraînement aux Poussots ?
Cela fait toujours quelque chose de partir en vacances, puis de revenir sans forcément revoir tous les potes. Mais beaucoup de joueurs sont encore sous contrat donc j’espère en revoir un maximum à la reprise. Mais ça, c’est le football…

Samuel Souprayen face à Arles-Avignon (photo Vincent Poyer)

Aurélien Gaudriot

FONTE: Mirror.Co.uk


Hot Soup!: West Ham table a bid for versatile French defender
Dijon's Souprayen can play at both left-back and centre-half and has also turned out for Les Bleus at Under-21 level

22:29, 11 JUNE 2012 BY FOOTBALL SPY
He's mustard: Dijon star Souprayen could be Upton Park-bound (Getty)

West Ham have tabled a £1.2million bid for highly-rated Dijon left-back Samuel Souprayen.
The 23-year-old, a former France Under-21 international, is also able to play at centre back.
Manager Sam Allardyce's bid for the former Rennes defender spells out his intention to bolster his back four ahead of West Ham’s return to the Premier League in August.

FONTE: Mirror.Co.uk


vendredi 5 août 2011 - 11:16
Souprayen : « Aucune rancœur »
Transféré du Stade rennais à Dijon cet été, Samuel Souprayen aborde sans esprit de revanche particulier les retrouvailles avec son club formateur, dimanche pour le premier match de Ligue 1 de l’histoire dijonnaise.

Le latéral gauche, interrogé par le média d’information dijonnais Gazette Info, reconnaît que son équipe ne part pas favorite, mais affirme qu’elle jouera sur ses qualités.
Non conservé par le club après une première saison moyenne en Ligue 1, le défenseur réunionnais n’en veut pas à son club formateur, ni à Frédéric Antonetti. « J’ai beaucoup appris auprès de [lui], affirme Souprayen. S’il en est là, ce n’est pas pour rien. Il connaît bien le football et j’ai beaucoup progressé avec lui. Je ne sais pas s’il souhaitait mon départ où qu’il s’agissait seulement de la volonté du club... ». Auteur de prestations en dents de scie sous le maillot rennais, le joueur était pourtant régulièrement la cible des foudres de son entraîneur pendant ses matchs.

« Je n’ai aucune rancœur envers Rennes, continue Souprayen. Ce sera un match particulier pour moi car j’ai passé de belles années à Rennes : j’y suis formé, j’ai gagné la Coupe Gambardella et je me suis fait de bons amis. M’Vila, Brahimi, Camara ou Théophile-Catherine. Ce sera une joie de les retrouver ». À Dijon, où il a toute la confiance de Patrice Carteron, Souprayen devrait trouver en tout cas le terrain idéal pour s’affirmer.

jeudi 9 juin 2011 - 19:51
Transferts : Souprayen signe à Dijon
Comme nous vous l’annoncions hier soir (voir le fil infos transferts), Samuel Souprayen jouera bien à Dijon la saison prochaine.

L’entraineur dijonnais Patrice Carteron a confirmé auprès de l’AFP que le latéral gauche formé au Stade rennais avait signé un contrat de quatre ans en faveur du club bourguignon, ce jeudi.
Le défenseur réunionnais est loin d’être un inconnu à Dijon, puisque c’est là qu’il avait été prêté lors de la saison 2009-2010. Les performances de Souprayen avaient alors largement satisfait le staff technique de Carteron, ce qui avait également convaincu Frédéric Antonetti de lui faire confiance pour la saison suivante.

Débutant la saison 2010-2011 comme titulaire potentiel sur le côté gauche, Souprayen s’était blessé durant la préparation estivale, laissant le champ libre à Kévin Théophile-Catherine. Peu convaincant lorsque l’entraîneur stadiste aura fait appel à lui (vingt apparitions au total, toutes compétitions confondues), Souprayen devra donc continuer sa carrière ailleurs pour espérer percer au plus haut niveau.

dimanche 23 janvier 2011 - 13:43
Vaux-en-Velin - Rennes : Souprayen revient chez lui
Né à la Réunion, Samuel Souprayen a grandi dans l’agglomération lyonnaise. C’est là qu’il a fait ses premiers pas de footballeur, d’abord à l’AS Lyon-Duchère, puis brièvement à Oullins, avant de rejoindre le centre de formation du Stade rennais.

Forcément, le déplacement à Lyon, pour jouer qui plus est dans le stade de Balmont où évolue Lyon-Duchère, est particulier. « C’est un beau stade de National, fermé avec une piste d’athlétisme, explique le défenseur rennais au quotidien régional Le Progrès. Ça me fait évidemment plaisir de revenir à Balmont. Ma famille et mes amis seront là ».
Un match qui devrait se dérouler dans une chaude ambiance. « Je m’attends à ce qu’il y ait beaucoup de monde au stade, affirme Souprayen. Ça va être une fête pour eux et pour nous, un match à prendre au sérieux. S’ils doivent sortir à ce stade de la compétition, ils ont dit qu’ils le feraient tête haute... On y va pour gagner et on va gagner ! Il y aura une belle ambiance. Ils vont être motivés, à fond derrière leur équipe. J’ai déjà affronté Vaulx-en-Velin avec La Duchère en 13 ans et c’étaient toujours des matchs chauds ! Quand j’y jouais, il y avait une vraie rivalité entre les deux clubs ».

jeudi 16 décembre 2010 - 16:02
Infirmerie : Souprayen touché
Selon Ouest-France, Samuel Souprayen s’est blessé à la cuisse mercredi matin. Le défenseur du Stade rennais a « ressenti une vive douleur au niveau des adducteurs », selon ses propres mots.
Ajoutant qu’il ne « pensait pas que ce soit très grave », le Réunionnais a affirmé qu’il devrait cependant faire attention d’ici à samedi. Déjà privé de Kévin Théophile-Catherine, l’éventuel forfait du latéral gauche serait problématique pour Frédéric Antonetti.

[...]

What hierarchy in defence?
Saturday 6 November 2010 - 02:30 - Translated by Bastien

[...]

The substitutes
Samuel Souprayen. Left or centre back. After a good Ligue 2 season in Dijon, he had to cope with the success of his Academy team-mate Kévin Théophile-Catherine. The former centre-back really struggled against Guingamp in the Coupe de la Ligue, but he should be given his chance this Saturday. One of the only left-footed players in the defensive sector is now to prove his worth at the highest level.

[...]

Baptism of fire for Souprayen
Ligue 1, Stade rennais 0 - 1 Montpellier.First game in Ligue 1 for Souprayen, end of streak for Rennes and a first Montpellier victory since ten years at the Route de Lorient. Read all the echoes and declarations after Stade Rennes’ defeat to Montpellier on Saturday.
Wednesday 27 October 2010 - 10:49 - Translated by Bastien

[...]

Souprayen discovers the Ligue 1 :
Entered ten minutes before the final whistle to replace Sylvain Marveaux, Samuel Souprayen played his first minutes in Ligue 1. An important moment for the young man from Reunion Island, who had failed top experience top-flight football since he turned pro. This Premiere could have happened three weeks earlier during the game against Toulouse (3-1). Waiting for the ball to come out of play, Souprayen was about to enter the pitch when the game’s referee whistled… for the end of the game.

[...]

jeudi 5 août 2010 - 21:24
Sélections, Espoirs : trois Rennais avec les Bleuets
En marge de la présentation de la liste de Laurent Blanc (voir par ailleurs) aujourd’hui, Erick Mombaerts présentait celle des 22 Espoirs qui affronteront la Belgique, la semaine prochaine dans le cadre des éliminatoires de l’Euro 2011.
Trois joueurs de l’effectif de Frédéric Antonetti figurent dans cette liste : le gardien de but Johann Carrasso, le défenseur Samuel Souprayen, et le milieu de terrain franco-algérien Yacine Brahimi.
La rencontre se déroulera mercredi prochain à 18h15 au stade de la Rabine à Vannes.

FONTE: Stade-Rennais-OnLine.com


How are the new recruits doing at the Stade Rennais ?
After six games in as many preparation weeks, Frédéric Antonetti knows his squad. With eleven new players, he will know have to pick the best elements to prepare the Ligue 1 restart next Saturday

Sunday 1 August 2010 - 22:23 - Translated by Bastien

[...]

Searching for their best level
The second player coming back from Ligue 2, firmly waited by Frédéric Antonetti, is Samuel Souprayen. The rangy man from the Reunion is expected to be Carlos Bocanegra’s replacement at left back. Since the pre-season started, the young defender plays it like the American used to, limiting his attacking runs to focus on his defence work. “There’s a position to take there, I do my best to take it. My goal has always been to play in Ligue 1”, the young defender explains.

FONTE: Rennes.LeMensuel.com


Contracts : Souprayen, the new wonderkid
The defender signed a three-year contract extension with Rennes

Wednesday 21 July 2010 - 17:11 - Translated by Bastien
Contracts : Souprayen, the new wonderkid
A few weeks before the league restarts, Samuel Souprayen has extended his contract for Rennes by 3 more years, being now tied to the club until June 2014. A strong vote of confidence offered by Rennes’ staff towards his young defender from Reunion Island.

Souprayen extends his contract until June 2014
This is what you call brilliant news! One year before his contract expires, Souprayen and Rennes’ management agreed on a three year extension. The young defender is now tied to Rennes until June 2014.

Trained at Rennes, Souprayen has to be considered as one of the best defenders having visited the Academy over the last ten years. Clever in his moves, in his ability to read the game, the player has impressed by his serenity in the various youth teams of the club. His implication and his versatility convinced all of his coaches, as the player can be lined up as a centre back or a left back with no effect on his good performances.

In 2007, he wins the U18 French League title before the consecration. At the end of an ideal journey in the competition, the Young Rennais win the Gambardella Cup, beating Bordeaux in the final at the Stade de France (3-0). Captain of this young 1990 generation, a squad of young players as applied as serene, he proved himself as the boss in central defence - his best position – not conceding a single goal during the competition.

Two months after this success, the first trophy for Rennes since another Gambardella won by players such as Jimmy Briand, Jacques Faty or Yoann Gourcuff in 2003, “Soupape” signed his first three-year professional contract. The following season, the Reunion Island man was a regular starter in Laurent Huard’s Reserve team, playing 31 games during the 2008-2009 season.

A profitable loan
Eager to play as much as possible, and possibly at a level matching his ambition, Souprayen was loaned to Dijon (Ligue 2) the following season. The right choice visibly, as his spell in the Côte d’Or was a real boost to his learning curve.

Under Patrice Carteron’s management, himself a former right back in Rennes, in the 90’s, he joined a team playing arguably the most exciting football in the French second league. Playing as a left back, Souprayen soon confirmed all the ability guessed during his Academy years in Rennes.

During this season, he was a starter in 31 occasions, and was noticed for his solidity as well as his high work rate on the left flank, often joining the attacking lines to make the difference. Informed of Souprayen’s good performances Erick Mombaerts picked him in several occasion in his France U21 Squad, for a first game in November against Tunisia (1-1)

Back from his loan, he comes back to Brittany with more guarantees in regards to his future with the “Rouge et Noirs”. Comforted by Frédéric Antonetti’s declaration, expressing his desire to make Souprayen his first-choice left back for the 2010-2011 season, Souprayen comes back in Rennes with the aim to take over the position. While a recruitment was considered at the club, Carlos Bocanegra was transferred to Saint Etienne, leaving the position to be taken by the young player.

Another mark of confidence towards Souprayen, who has started all pre-season games so far with the first team. At 21, Rampillon’s former pupil should gradually take his marks in the Stade Rennais defence, and soon become a key member of the team. Serenely, as always.

FONTE: Stade-Rennais-OnLine.com


Le 20/07/2010 à 19:35:00 | Mis à jour le Foot - L1 - Rennes
Souprayen prolonge de deux ans
Prêté la saison dernière à Dijon (L2), Samuel Souprayen a prolongé, ce mardi, de deux ans son contrat avec le Stade Rennais. Le défenseur de vingt et un ans, international Espoirs, est désormais lié au club breton jusqu'en juin 2014.

FONTE: LEquipe.fr


In Rennes, the first recruits are coming
Loaned in Ligue 2, Brahimi, Souprayen, Oniangue and co. are coming back to Rennes this summer. Frédéric Antonetti is relying on them to impose themselves next season.

Thursday 20 May 2010 - 12:31 - Translated by Bastien
Petter Hansson is off to Monaco, Rod Fanni and Jimmy Briand are ready to leave, Mickaël Pagis is retiring… What will the 2010-2011 squad look like? Frédéric Antonetti expects three “quality” signings to mentor the younger players. His first recruits? The players returning from their season long loan in Ligue 2 . « I count very much on our loaned players. Yacine Brahimi and Samuel Souprayen will be back this summer. I’m waiting to see Prince Oniangue and Abdoul Camara too», explains Frédéric Antonetti, Rennes’manager.

Souprayen in the starting blocks
« Did he say that ? » On the phone, Samuel Souprayen sounds ecstatic. Just as the other loaned players, he did not have much contact with the club during the season. However, Samuel Souprayen’s evolution with Dijon was closely watched by the Stade Rennais. Stronger, more athletic, the former captain in the Gambardella Cup winning team played 31 games over the season. «Pierre Dréossi told me to go and get games in Ligue 2. To me, it was a leap into the unknown. I quickly managed to prove my skills on the training field, and I remained in the starting squad for the rest of the season», he explains. « I can play centre or left back, my versatility will certainly serve me », continues the 21 years old Reunion island man, convinced he can get make himself a place in Rennes’ professional squad. Especially in the wake of his “mate” Yann M’vila’s season in Rennes: «If you show Frederic Antonetti you are the best at your position, he can give you a place in the starting eleven»

[...]

FONTE: Rennes.LeMensuel.com


Jeunes en prêt : qui sera la surprise de la saison prochaine ?
En début de saison, le Stade Rennais décidait de prêter huit éléments de son effectif dans le but qu’ils s’aguerrissent au plus haut niveau. Stade Rennais Online fait le point sur leurs saisons respectives tout en évoquant leurs perspectives.

mardi 27 avril 2010 - 18:57 - par Duhault


Samuel Souprayen
- Prêté à Dijon

- 28 matchs, dont 28 titularisations*

- 1 passe décisive*

- Sous contrat jusqu’en juin 2011

- Saison 2009-2010
International espoirs, le jeune défenseur du Stade Rennais est un titulaire régulier au sein de l’arrière-garde dijonnaise. Evoluant dans une des équipes qui possèdent l’un des plus beaux collectifs de Ligue 2, Souprayen (photo) a été utilisé au poste de latéral gauche. Intelligent dans ses déplacements et dans la lecture du jeu, il s’est aussi distingué par son activité dans son couloir en apportant souvent le surnombre aux phases offensives de sa formation.

- Son avenir ?
Qu’on se le dise, Souprayen aura une carte à jouer l’an prochain à Rennes. Précieux dans le domaine aérien et disposant d’une bonne relance, il est sûrement un des défenseurs les plus doués qui soient passés au centre de formation lors de cette dernière décennie. Toutefois, le club ne cache pas ses velléités de recruter un latéral gauche lors du prochain mercato estival. Capitaine de l’équipe rennaise victorieuse de la Coupe Gambardella en 2008, Souprayen avait laissé entrevoir une sérénité impressionnante à un poste de défenseur central.

Samuel Souprayen prêté à Dijon
Le défenseur rennais, vainqueur de la Gambardella en 2008, a été prêté pour une saison à Dijon. A 20 ans, Samuel Souprayen va rejoindre le club bourguignon pour acquérir du temps de jeu en Ligue 2.

C’est le huitième prêt rennais de l’intersaison après ceux de Prince Oniangue (Angers), Maxime Lemarchand (Le Havre), Abdoul Camara ( Vannes), Yohann Lasimant (Sedan), Yacine Brahimi (Clermont), Bira Dembele (Boulogne) et Julian Esteban (Servette de Geneve).

jeudi 17 juillet 2008 - 12:56
Samuel Souprayen passe pro
Après Damien Le Tallec, Yann M’Vila, Yacine Brahimi et Abdoul Razzagui Camara, un cinquième joueur vainqueur de la Coupe Gambardella 2008 est passé professionnel, signale le site officiel du Stade Rennais, confirmant une information du quotidien L’Équipe parue dimanche.

Il s’agit de Samuel Souprayen, 19 ans, capitaine de cette même équipe et solide espoir du Stade Rennais. Originaire de la Réunion mais ayant grandi en région lyonnaise, Souprayen a connu un grosse progression ces deux dernières saisons, qui lui ont permis d’intégrer l’équipe de France de sa génération.

Défenseur central de formation, également capable d’évoluer sur le flanc gauche, Souprayen a signé un premier contrat professionnel de 3 ans, et est donc désormais lié au Stade Rennais jusqu’en 2011. Il tentera d’obtenir du temps de jeu en équipe première cette saison.

Samuel Souprayen
Originaire de la Réunion, Samuel Souprayen grandit dans la région de Lyon, où il est repéré puis recruté par le Stade rennais, dont il intègre le centre de formation en 2004. Défenseur, capable d’évoluer au centre comme à gauche, il est le capitaine de l’équipe qui remporte la Coupe Gambardella en 2008, démontrant de belles qualités. Calme, jouant avec sobriété, on lui prête alors un bel avenir, d’autant que le poste d’arrière gauche peine à trouver un titulaire durable en l’équipe première.
Passé professionnel suite au succès en Gambardella, Souprayen fait d’abord ses gammes en CFA, avant d’être prêté à Dijon, en L2, pour gagner du temps de jeu lors de la saison 2009-2010. Une bonne pioche car, sous la houlette de Patrice Carteron, le jeune défenseur multiplie les titularisations. À l’été 2010, il réintègre l’effectif pro rennais de Frédéric Antonetti, avec une place de titulaire en vue côté gauche.

Malheureusement, le Réunionnais se montre alors fébrile quand il est fait appel à lui, provoquant les critiques courroucées du technicien corse. Ce dernier décide finalement de replacer le solide Kévin Théophile-Catherine, pourtant droitier, côté gauche, laissant Souprayen à un statut de remplaçant. Au terme de la saison 2010-2011, il retourne à Dijon, cette fois sous la forme d’un transfert définitif, alors que le club bourguignon vient d’acquérir sa promotion en L1. Progressivement, il devient l’un des cadres du groupe bourguignon, et est promu capitaine par Olivier Dall’Oglioaprès la relégation du DFCO en L2.
En juin 2015, après quatre saisons sous les couleurs dijonnaises, Souprayen donne une nouvelle impulsion à sa carrière en s’expatriant en Italie, et signe avec l’Hellas Vérone, un club de Série A.

(A central defender, equally able to play as a left full back, Samuel Souprayen is one of the most promising young Rennes players at his position. Captain of the 2008 Gambardella Cup Winning squad, simple, efficient, down to earth, Samuel Souprayen has all it takes to make it to the highest level. He will now have to keep on improving, in order to make his way into Frédéric Antonetti’s tactics.)

Nom: Souprayen
Prénom: Samuel
Surnom: Soupape
Nationalité: Française
Date de naissance: 18/02/1989
Lieu de naissance: Saint-Benoît (La Réunion)
Taille: 1,87 m
Poids: 70 kg
Poste: Défenseur central, arrière gauche
Numéro: 13
International: Équipe de France (Espoirs : 4 sélections ; 20 ans ; -19 ans ; -18 ans)

Carrière:
Joueur:
AS Lyon-Duchère
CASCOL Oullins (juin 2003 - juin 2004)
Stade rennais FC (juin 2004 - juin 2011, passe pro en juin 2008)

- Prêté au Dijon FCO (août 2009 - juin 2010)
Dijon FCO (juin 2011 - juin 2015)
Hellas Vérone (Italie, depuis juin 2015)

Palmarès:
Vainqueur de la Coupe Gambardella en 2008 avec Rennes Champion de France des 18 ans en 2007 avec Rennes

Statistiques:
- Premier match avec Rennes : Guingamp - Rennes (3-1, Coupe de la Ligue), le 22 septembre 2010

- Premier match en Ligue 1 (avec Rennes) : Rennes - Montpellier (0-1), le 23 octobre 2010 (remplace Sylvain Marveaux à la 81e)

- Saison 2006-2007 (amateur)
CompétitionMatchesTitul.ButsMinutes
CFA30058
Gambardella330?

- Saison 2007-2008 (amateur)
CompétitionMatchesTitul.ButsMinutes
CFA131301142
Gambardella770?

- Saison 2008-2009 Aucun match avec l'équipe première.
CompétitionMatchesTitul.ButsMinutes
CFA313002693

- Saison 2009-2010: Prêté à Dijon
CompétitionMatchesTitul.ButsMinutes
CFA440360

- Saison 2010-2011:
CompétitionMatchesTitul.ButsMinutes
Ligue 116140211235
Coupe de France31000147
Coupe de la Ligue1100090
Total20160211472

CompétitionMatchesTitul.ButsMinutes
CFA661540

Transferts : à quelques heures de la fin du mercato
lundi 31 août 2009 - 10:43 - par Nils

[...]

Par ailleurs, Ouest-France affirme que Samuel Souprayen pourrait lui aussi être prêté. La destination du défenseur breton, vainqueur de la Coupe Gambardella en 2008 et titulaire à 30 reprises avec la réserve la saison dernière, reste encore inconnue.

[...]

FONTE: StadeRennais.com

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






Mercato Hellas il punto di Vighini
#Primiero 2017, tutti i dettagli

Wallpapers gallery