Le schede di B/=\S: Giuseppe PUGLIESE

Giuseppe Pugliese
Data di nascita:04/11/1983
Luogo di nascita:Bari (BA)
Nazionalità:Italiana
Ruolo:Difensore/Terzino sinistro
Altezza:178 Cm.
Peso:75 Kg.
Posizione:

CARRIERA DA GIOCATORE:

SquadraStagioneSeriePartiteGoal
Hellas Verona2012 - 2013B00
Hellas Verona2011 - 2012B120
Varese2010 - 2011B381
Hellas Verona2009 - 20101^ Divisione330
Hellas VeronaDa Gen. 2009 - 20091^ Divisione141
Monopoli2008 - Gen. 2009C2210
Monopoli2007 - 2008C2290
Monopoli2006 - 2007C2341
Monopoli2005 - 2006D301
Noicattaro2004 - 2005D334
Noicattaro2003 - 2004D334
Noicattaro2002 - 2003D273
Giovanili NoicattaroFino al 2002---

NEWS E CURIOSITÀ +   -   = 20 Febbraio 2009
E' arrivato al mercato di Gennaio firmando un triennale a titolo definitivo per coprire una 'mancanza' abbastanza evidente sulla corsia sinistra della difesa scaligera. FICCADENTI ha puntato sull'ex capitano del MONOPOLI per accontentare REMONDINA che da sempre afferma di necessitare di due terzini che garantiscano spinta nelle rispettive fasce oltre che un'adeguata copertura cosa che a MANCINELLI era finora riuscita (almeno in parte) e che a MORACCI (e LOSETO), probabilmente a causa della giovane età non riusciva a venire con continuità. L'ex CEO in particolare alternava partite incoraggianti ad altre desolanti motivo per cui l'arrivo di PUGLIESE (di nome e di fatto visto che è nato a Bari) ha portato un po' di garanzie in più da quel lato.

Il difensore 25enne va a 'rimpolpare' la nutrita schiera di baresi a VERONA composta da SIBILANO, BELLAVISTA, LOSETO ed ANACLERIO e se il buongiorno si vede dal mattino direi che finalmente abbiamo trovato un terzino affidabile aspettando i vari MORACCI, LOSETO e CAMPAGNA. Qualche golletto l'ha pure realizzato il buon Giuseppe anche se chiaramente non è il suo mestiere ma, sopratutto al NOICATTARO, qualche volta ha 'bollato' ed il record stagionale è di 4 reti realizzate nel 2003-2004 e poi nella stagione successiva sempre in Seconda Divisione; nel MONOPOLI s'è un po' fermato da questo punto di vista e allora tutti gli auguriamo che la maglia gialloblù gli porti fortuna anche in questo senso...


[Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: HellasVerona-BS.BlogSpot.it]

Al rientro dopo 6 mesi di infortunio, in seguito all'arrivo di AGOSTINI e nonostante la partenza di FATIC per Lecce, non ha trovato posto in squadra e, non registrato dalla società scaligera per la Serie B, si trova attualmente sul mercato...




Giuseppe Pugliese
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Pugliese (Turi, 4 novembre 1983) è un calciatore italiano, difensore dell'Hellas Verona.

- CARRIERA
I primi campionati in Serie D
È cresciuto nelle giovani del Noicattaro, una società che affonda le sue radici nella provincia di Bari, la città natale del giocatore.
Nei primi anni della sua carriera gioca in campionati dilettantistici con la maglia del Noicattaro prima e del Monopoli poi, un'altra società barese. A Monopoli inizia a fare il terzino sinistro e non più il centrocampista arretrato come a Noicattaro. Nel 2005-2006 il suo Monopoli arriva secondo nel girone H e vince i play-off; Pugliese realizza tra l'altro la rete decisiva contro i torinesi dell'Orbassano nella semifinale d'andata degli spareggi promozione.

Dal Monopoli all'Hellas Verona
I primi tre anni da professionista di Pugliese vengono giocati tutti con la maglia del Monopoli, dove diventa un vero e proprio beniamino della tifoseria bianco verde, giocando oltre 80 partite in tre campionati e diventando capitano.
Nel gennaio del 2009 Pugliese lascia il Monopoli e arriva alla corte del Verona, in Prima Divisione. Segna il suo primo gol con la casacca scaligera dopo poche partite, contro la Pro Sesto al Bentegodi. Divenuto uno dei giocatori fondamentali della squadra, gioca 33 delle 34 partite del campionato 2009-2010 con la maglia del Verona. Anche qui diventa un beniamino dei tifosi, vincendo a fine anno il premio Mastino del Bentegodi, riservato al miglior giocatore della stagione secondo il pubblico.

In prestito al Varese e il ritorno al Verona
Durante il calciomercato estivo del 2010 passa al Varese. Qui il barese è titolare per tutto l'anno con la maglia dei lombardi. Gioca 38 partite di campionato e sigla una rete contro l'AlbinoLeffe, mettendo a segno il suo primo gol nella serie cadetta. Anni dopo dichiarerà che questa col Varese è stata la sua migliore stagione. A fine stagione fa ritorno al Verona, che nel frattempo ha conquistato la promozione in Serie B.

Nella stagione 2011-2012 è sempre in Serie B. Il trentacinquenne laterale Massimiliano Scaglia, gli viene però preferito dal tecnico Andrea Mandorlini come terzino sinistro. Esordisce da titolare all'undicesima giornata contro la Nocerina. Alcune settimane dopo torna titolare contro il Bari nello Stadio San Nicola. Colleziona in totale 12 presenze, tutte partendo da titolare.

Nella prima amichevole della nuova stagione, contro la Fiorentina, rimedia un grave infortunio con frattura che gli fa saltare quasi tutto l'intero campionato scendendo in campo solo nel finale con la formazione primavera.

Cittadella
A fine stagione il Verona non gli rinnova il contratto e resta svincolato. Si allena con la squadra del cuore il Bari per circa un mese.[16] Il 3 ottobre 2013 dopo un periodo di prova il difensore firma un contratto annuale con il Cittadella in Serie B.

FONTE: Wikipedia.org


COPERTINA
L'amore per la maglia di Pugliese: sul suo braccio anche quella del Monopoli
21.02.2017 12:11 di Dennis Magrì Twitter: @MagriDen
Un amore, quello per la maglia biancoverde, mai tramontato. Così forte addirittura da tatuare sul proprio corpo, come quelle delle altre squadre in cui ha militato. Giuseppe Pugliese, ex difensore tra le altre di Monopoli ed Hellas Verona, attraverso il proprio profilo Facebook ha pubblicato una foto del suo braccio su cui ha deciso di rappresentare il suo passato da calciatore.

La prima quella del Noicattaro, con cui ha giocato quattro stagioni per un totale di 117 presenze e 13 reti realizzate. Segue quella del Gabbiano, di cui è stato leader dal 2005 al 2009, indossando pure la fascia di capitano. “Ho tantissimi ricordi della mia esperienza al Monopoli – sono alcune delle parole che Pugliese rilasciò ai nostri microfoni qualche mese fa –. Lì sono diventato a tutti gli effetti un calciatore: la promozione in C2 dalla D, prima di essere acquistato dall'Hellas, la fascia di capitano... Mi è servito tutto come gavetta. Inoltre è una città bellissima: ne sono innamorato, tanto che ho comprato casa lì”. Poi Hellas Verona, Varese, Cittadella e Monza.

Gesto che avrà fatto molto piacere ai tifosi delle sue ex squadre, visto anche i tanti Mi piace ricevuti...

FONTE: TuttoCalcioPuglia.com


LE INTERVISTE
Il ritorno di Gepy Pugliese: "Arrivo al Cittadella con grande entusiasmo"
04.10.2013 23:30 di Ronni Benigno
C'è anche il neo acquisto Gepy Pugliese tra i convocati del tecnico del Cittadella Foscarini per la sfida di domani pomeriggio in casa del Carpi. Il terzino sinistro barese, reduce da un lungo periodo di stop per infortunio, è ormai pronto al rientro come ribadito anche al portale di informazione sportiva LocaSport: "Mi sento abbastanza bene fisicamente anche se mi manca la partita visto che l'ultima l'ho giocata sedici mesi fa - ha spiegato l'ex difensore del Verona - Non so ancora se sarò in campo, in panchina o in tribuna. Per il momento è già una gioia immensa essere tra i convocati e vivere il clima prepartita". Il Cittadella è dunque per lui il punto di una nuova partenza: "Mi approccio a questa nuova avventura con grande entusiasmo e ho una gran voglia di tornare a giocare". E quando gli chiedono se ha rimpianti per una serie A solo sfiorata con la maglia scaligera, Pugliese non si nasconde: "Dopo cinque anni gialloblu, sarebbe di certo stato fantastico disputare la serie A a Verona". Ma il presente si chiama Cittadella e la determinazione per tornare a macinare chilometri sulla fascia sinistra sembra proprio essere quella dei giorni migliori.

FONTE: TuttoB.com


SERIE B
UFFICIALE: Cittadella, firma Pugliese
03.10.2013 19.06 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc
Con una nota sul proprio sito ufficiale il Cittadella rende noto l'acquisto di Giuseppe Pugliese. Difensore mancino classe '83, ha disputato le ultime due stagioni a Verona.

SERIE B
ESCLUSIVA TMW - Bari, continua il periodo di prova per Pugliese
04.09.2013 22.41 di Antonio Vitiello Twitter: @AntoVitiello
Giuseppe Pugliese continua il suo periodo di prova al Bari. Il difensore ex Verona non ha ancora firmato con i galletti e continua ad allenarsi con la squadra. Svincolato sul mercato dopo lo scorso 1 luglio, Pugliese è tornato nella sua Bari trovando disponibilità da parte della dirigenza e dello staff tecnico. Al momento però nessuna novità sul futuro.

SERIE B
ESCLUSIVA TMW - Pugliese: "Bari è un sogno, piazza ideale per rilanciarmi"
05.08.2013 21.16 di Antonio Vitiello Twitter: @AntoVitiello
Oggi Giuseppe Pugliese ha svolto il primo allenamento con il Bari. Il terzino dopo l'esperienza al Verona è svincolato sul mercato e la redazione di TuttoMercatoWeb.com lo ha contattato dopo questa prima sessione di allenamento con la nuova maglia: "Non ho ancora firmato, sono qui ad allenarmi e speriamo che le cosa vadano per il meglio. Oggi è il primo giorno di allenamento, abbiamo fatto doppia seduta. Ho trovato un gruppo giovane e motivato. Già l'anno scorso il direttore sportivo Angelozzi voleva portarmi qui solo che poi l'infortunio ha bloccato tutto. Ora avevano bisogno di un terzino ed essendo svincolato hanno pensato a me, le cose si sono evolute così. Il Bari per me è una squadra speciale, sono cresciuto andando allo stadio San Nicola e giocare qui mette i brividi. Spero veramente di poter firmare perchè Bari è la piazza ideale per rilanciarmi dopo 5 anni a Verona, una società molto stimolante per me".




SERIE A
ESCLUSIVA TMW - Pugliese: "Ringrazio per sempre Verona, ora nuova avventura"
15.07.2013 18.48 di Antonio Vitiello Twitter: @AntoVitiello
Dopo un anno di calvario a causa di un brutto infortunio, Giuseppe Pugliese, difensore 30enne, ex Verona e Varese ed ora svincolato, è pronto a rimettersi in gioco, aspettando la chance migliore durante l'attuale finestra di mercato.

Come stai, l'infortunio è ormai alle spalle?
"L'infortunio è superato. Orami è passato un anno e adesso sto bene. I primi sei mesi sono stato fermo poi da gennaio scorso sono tornato ad allenarmi prendendo sempre più confidenza. Ormai il peggio è passato".

Come mai il Verona non ha deciso di rinnovare?
"E' una domanda da sottoporre alla società. Ho passato 5 anni bellissimi ma purtroppo l'infortunio mi ha tagliato le gambe nel periodo migliore. Dopo anni di sacrificio, facendo tanta gavetta, ero riuscito a giocare con continuità al Verona e proprio nell'anno del passaggio in A mi sono infortunato. Diciamo che era destino".

In che rapporti ti sei lasciato?
"Ottimi rapporti, sia con i compagni che con la tifoseria. Buonissimi anche con il ds Sogliano che mi ha seguito tanto in questi anni facendomi andare anche al Varese dove forse ho giocato la mia miglior stagione, 38 presenze e un gol. Auguro sempre il meglio al Verona".

L'anno della promozione in Serie A come l'hai vissuto da dietro le quinte?
"Giocare è sicuramente un'altra cosa, ha tutt'altro sapore. Però quella maglia me la sentivo addosso fin dai tempi della serie C, poi la promozione in B. E anche se quest'anno non l'ho vissuta da protagonista, non ero li per caso. E' stato bellissimo festeggiare nello spogliatoio con gli amici e il carro in città...".

Hai ricevuto richieste?
"Il mio agente sta lavorando, ci sono diverse richieste, stiamo valutando la squadra migliore per rilanciarmi dopo quest'anno sfortunato".

Un progetto in serie B?
"Sono arrivate delle richiese, ho contatti in serie B. Ho tantissima voglia di rimettermi in gioco, aspetto solo quella società che punterà di più su di me, riparto con tantissimo entusiasmo. D'altronde ho sempre fatto il titolare nella mia carriera, e non vedo l'ora di iniziare una nuova avventura, un anno senza giocare è stato veramente durissimo".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Pugliese ufficialmente senza squadra
Scritto da La Redazione
Mercoledì 10 Luglio 2013 16:28
Il sogno di giocare in seria A per Giuseppe Pugliese è rimandato. Infatti l’Hellas Verona, neopromossa nella massima serie, non ha rinnovato il contratto del ventinovenne terzino turese, in scadenza a fine giugno. Di fatto Gepy è un giocatore è libero e non sa ancora quale casacca indosserà nella prossima stagione. Ci sono delle voci che lo danno vicino al Padova in serie B, ma per ora è tutto fantacalcio. Nella scorsa stagione Gepy non ha collezionato alcuna presenza in prima squadra a causa del terribile infortunio al malleolo capitatogli in pre-campionato contro la Fiorentina.

La conferma sulla panchina gialloblù nella prossima stagione del tecnico Mandorlini avrà molto probabilmente influito sulla scelta della società di non dare fiducia al giocatore che rimane comunque un idolo per i tifosi del Verona. Quando nel gennaio del 2009 Gepy arrivò nella città scaligera, che allora giocava in Lega Pro, con l’umiltà e la dedizione di sempre, ha conquistato la maglia da titolare e l’anno successivo ha sfiorato con i suoi compagni la promozione in serie B, sfumata ai play-off. In quell’anno il terzino numero 33 ha ricevuto l’ambito premio del “Mastino del Bentegodi” che viene assegnato al giocatore che riceve più voti dai tifosi. Nella stagione successiva ha avuto l’opportunità di andare a giocare a Varese in serie B e non se l’è fatta scappare. Il tecnico Sannino lo ha accolto a braccia aperte e lo ha fatto giocare con costanza. La difesa del Varese è risultata a fine campionato la meno perforata della serie B. Il ritorno a Verona nella stagione successiva non è stata una scelta felice per Gepy, perché Mandorlini non lo considererà mai più la prima scelta. L’estate scorsa il Bari aveva sondato il terreno per arrivare al giocatore turese, ma l’infortunio ha poi bloccato tutte le trattative.

Gepy si trova attualmente a Verona dove dovrebbe incontrare nei prossimi giorni il direttore sportivo Sogliano. Nel frattempo si sta allenando per ritrovare la forma migliore per poter essere pronto per le amichevoli d’estate. Il mercato è piuttosto fermo. Sono poche le squadre attive in questa fase ma tra un paio di settimane quando inizieranno i ritiri si entrerà nel vivo del calciomercato e sapremo finalmente la prossima squadra del campione turese.

FONTE: TuriWeb.it


GEPY PUGLIESE FINE CONTRATTO
02/07/2013 16:06
Ci sarà anche lui tra i giocatori che cercano una squadra il prossimo campionato. E' finita l'avventura tra Pugliese e il Verona.
Gepy è arrivato al capolinea. Fine contratto. Un'avventura che è stata costellata da un grave infortunio (quello patito lo scorso anno, durante l'amichevole estiva) e da un mancato trasferimento al mercato di gennaio (si parlava dell'Honved Budapest).
Pugliese è stato uno dei simboli del Verona di Martinelli. Primo acquisto del presidente di Castelnuovo, Gepy arrivò con una valigia carica di entusiasmo.
Era stato Massimo Ficcadenti, allora consulente di mercato di Martinelli, a segnalarlo. Un acquisto azzeccato. Pugliese si mise in evidenza e alla fine risultò uno dei più positivi della stagione (il Verona di Remondina fallì i play-off) tanto che se ne andò a Varese, in serie B dove Sannino lo accolse a braccia aperte. Non partecipò quindi alla grande cavalcata in B e quando tornò non trovò più spazio nella squadra di Mandorlini che a sinistra gli ha sempre preferito altre soluzioni.

FONTE: TGGialloBlu.it






Primavera, ko in amichevole con il Legnago Salus
Postata il 09/05/2013 alle ore 15:11
I padroni di casa vincono con un gol allo scadere del secondo tempo dopo aver salvato sulla linea un tiro di Speziale. Buona la prova dei gialloblù e del rientrante Pugliese
LEGNAGO - La Primavera di Pavanel si arrende sul gong. Nell'amichevole disputata contro il Legnago Salus i gialloblù vengono sconfitti da un gol ospite segnato allo scadere del secondo tempo. La partita, organizzata per preparare i prossimi impegni (Trofeo Giglio e il Torneo di Rijeka), si gioca a ritmi non altissimi a causa del caldo, ma mette in evidenza un buon Verona. Nella squadra di Pavanel parte titolare Giuseppe Pugliese, al rientro dopo il grave infortunio subito in estate contro la Fiorentina. La sfida è condotta dai gialloblù che creano senza però trovare il gol. Al termine della partita gli episodi chiave: il Legnago salva sulla linea un gol fatto e sulla ripartenza sigla l'1-0.

LEGNAGO SALUS-HELLAS VERONA 1-0
Marcatore: 40' st Manfrin.

Primo Tempo
1' Partiti
19' In mischia Zerbato riesce a calciare, Sluga blocca senza problemi
23' Speziale si libera al limite e tira, palla fuori di poco
26' Azione personale di Speziale che serve Alba dentro l'area, l'attaccante viene però anticipato al momento della conclusione
38' Calvetti da fuori area manda alto sopra la traversa
39' Zerbato si libera, sembra in maniera fallosa, di Huston e mette al centro per Manfrin, Sluga respinge di piede
41' Il numero uno gialloblù si rende ancora protagonista con un'uscita provvidenziale che frena El Garraovi lanciato a rete
45' Termina a rete inviolate la prima frazione

Secondo Tempo
1' Iniziata la ripresa
10' Ceccarelli al centro per Verdun che però calcia debolmente
14' Speziale parte in contropiede e serve Ballarini che viene però anticipato da un difensore
39' Alba trova Speziale in profondità, l'attaccante salta il portiere e conclude, ma un avversario libera sulla linea
40' GOL Manfrin in contropiede si trova a tu per tu con Coffani e lo supera

LEGNAGO (4-3-3): Pancera; Piccoli, Foroni, Trevisani, Babuin; Falchetto, Nicolis, Zerbato; Michelotto, Sersa (dal 24' pt Manfrin), El Garraovi.
A disposizione: Costella, Dupi, Farinazzo, Peroni, Olivieri, Soave.
All.: Di Loreto.

HELLAS VERONA (4-2-3-1): Sluga (dal 31' st Coffani); Calandra, Varricchio (dal 29' st Belfanti), Huston, Pugliese (dal 30' st Pugliese); Arzamendia, Calvetti (dal 12' st Ballarini); Formigoni (dal 1' st Ceccarelli), Verdun (dal 19' st Salifu), Alba; Speziale.
A disposizione: Rossi, Matias Brancalhao, Maiorana, Quemal.
All.: Pavanel.

Arbitro: Cucco di Legnago
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it


SERIE B
ESCLUSIVA TMW - Hellas Verona, Pugliese vuole giocarsela
08.01.2013 20.30 di Claudio Sottile Twitter: @ClaSottile
È in scadenza di contratto, è reduce da un grave infortunio, e nel suo ruolo il radar segnala parecchi movimenti.
Ma Giuseppe "Gepy" Pugliese (29) dell'Hellas Verona non ha nessuna intenzione di mollare. Non lascia e rafforza la posizione.
Come afferrato in ESCLUSIVA da TMW vuole caparbiamente mettersi a disposizione della squadra gialloblù nel girone di ritorno del campionato, tirando la volatona verso la Serie A assieme ai propri compagni. Alla ripresa degli allenamenti giovedì 10 gennaio, (e soprattutto in vista del mini ritiro alla Borghesiana che partirà il 13) si riaggregherà per la prima volta al gruppo, ormai clinicamente (e agonisticamente) ristabilito dopo l'incidente alla caviglia sinistra patito in un'amichevole del 27 luglio scorso contro la Fiorentina.

Sull'out mancino non lo spaventano la concorrenza -Fatic (24), Martinho (24) e Albertazzi (22), con gli ultimi due adattati alla mansione, essendo rispettivamente esterno alto e difensore centrale- e l'avvenuto acquisto di Agostini (33): troppo forte la voglia di Bentegodi (che lo ha eletto suo "Mastino" al termine della stagione 2009/2010) e di ripagare la società che lo ha curato ed aspettato nel momento più critico della carriera.

L'interessamento del Bari nei suoi confronti era reale in estate ed è reale tuttora, alimentato dall'ingaggio con termine giugno 2013 e la vacanza in quella zona di competenza dell'organico di mister Torrente.
Pugliese, tifoso biancorosso nonché natio proprio della provincia barese, è lusingato da questa corte ma non premerà direttamente per una cessione, assolutamente determinato nel tornare a vestire da protagonista la maglia scaligera.
Il quadro sarebbe diverso qualora l'establishment veronese dovesse manifestargli la volontà di tagliarlo dalla rosa, ipotesi allo stato dell'arte attuale assolutamente non contemplata.
A mister Mandorlini non resta che mettere la freccia a sinistra.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


mercoledì, novembre 7, 2012 7:43 pm
Gepi Pugliese torna ad allenarsi
Finalmente Giuseppe Pugliese. L’esterno gialloblù, infortunatosi nell’amichevole con la Fiorentina in estate, ha terminato il lungo periodo riabilitativo all’Isokinetic. Per la prima volta è tornato ad allenarsi al campo. Per lui lavoro differenziato con corsa leggera e palestra.
Ufficio Stampa

06.10.2012 11:00
Pugliese: "L'infortunio? Ci sono cose peggiori"
Queste alcune dichiarazioni rilasciate durante"Vighini Show", trasmissione televisiva su TeleNuovo, da Giuseppe Pugliese, reduce da un infortunio al malleolo che lo costringerà ancora a diverse settimane di stop: "Ci sono cose peggiori nella vita, l'importante è guardare sempre avanti. Mi sto curando svolgendo tutti i giorni 6 ore di allenamento sia in palestra che in piscina all'Isokinetic di Arbizzano. Non vedo l'ora di rientrare ma ci vorrane almeno altri due mesi. Un mio grande dispiacere è vedere poco i miei compagni, quando si gioca in casa li vado a salutare ma non posso vivere la realtà di squadra come vorrei. Il campionato? Siamo partiti in sordina, la squadra è stata rivoluzionata ma adesso i valori cominciano ad uscire allo scoperto. Non sarà affatto facile ma il percorso imboccato è quello giusto. Il mio futuro? Non importano le indiscrezioni di mercato, io voglio restare a Verona"
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it


sabato, settembre 29, 2012 1:00 pm, Scritto da Redazione
Gepi Pugliese: “Peccato non giocare Verona-Bari”
Era il 1995, era il Bari di Bigica, Protti e Tovalieri, e sulle tribune dello stadio “San Nicola“, insieme a papà, zio e amichetto (che come lui aveva il calcio che gli scorreva nelle vene) c’era un bambino di poco più di dieci anni determinato ad inseguire un sogno. Oggi, dopo una lunga trafila, sacrifici, impegno e lavoro, quel sogno è realtà e, poco male se, al momento è fermo per un brutto infortunio alla caviglia. Lui è Giuseppe Pugliese, per tutti “Gepi“, terzino sinistro di Turi, attualmente sotto contratto con l’Hellas Verona. E questo pomeriggio al Bentegodi va in scena proprio Verona-Bari, una sfida dal sapore particolare per il ventinovenne difensore: “Sicuramente per me è una gara diversa rispetto alle altre, ma oggi, purtroppo, sarò solo uno spettatore“.

Colpa del brutto infortunio e di quel contrasto con Cerci che gli è costato la frattura di perone e malleolo, anche se ora il peggio sembra passato: “Il recupero procede abbastanza bene. Secondo le previsione dovrei tornare disponibile per Natale, ma personalmente spero di fare prima“. Prima dell’incidente, per Pugliese si era anche parlato di un interessamento del Bari: “Sì, c’è stata una trattativa ma alla fine non è andata in porto. Per me, tifoso del Bari sin da bambino, sarebbe stato bellissimo indossare la maglia biancorossa. Purtroppo il destino non ha voluto, però, chissà, per il futuro, mai dire mai“. La prima parte della stagione ha messo in mostra un Verona e un Bari da alta classifica. Per Pugliese si avvererebbe un sogno se andassero in serie A a braccetto: “Me lo auguro. Il mio desiderio è quello, ma credo sia ancora troppo presto per tirare le somme. Certo la squadra di Torrente è partita davvero bene…“.

Nella carriera del terzino turese tanta gavetta nelle categorie inferiori, ma anche tante soddisfazioni come la conquista del premio “Il Mastino del Bentegodi“, assegnato grazie alle votazioni settimanali del popolo gialloblu e vinto in passato da gente come Mutu e Behrami, e l’orgoglio di essere diventato in poco tempo un idolo della tifoseria. Il tutto condito dall’umiltà e dalla professionalità di un ragazzo semplice che dalla Promozione alla Prima Divisione si è sempre allenato con la stessa voglia: “Per raggiungere certi traguardi non ci sono particolari segreti. Serve solo passione, impegno e tanti, tanti sacrifici“.

FONTE: LocaSport.it


28.07.2012 15:30
Infortunio per Pugliese: sarà operato lunedì
Giuseppe Pugliese, infortunatosi nel corso dell'amichevole di venerdì sera con la Fiorentina, disputata a Moena, ha riportato la frattura scomposta del malleolo peroneale sinistro. Lunedì il difensore sarà operato dall'equipe del Dottor Zorzi, assistita dal Dottor Iacono. I tempi di recupero saranno valutati successivamente dallo staff medico gialloblù.
Ufficio stampa

FONTE: HellasVerona.it




Il Bari è la priorità di Pugliese, esterno mancino del Verona
Pugliese, il Bari è la priorità. Se non c'è rinnovo col Verona, è fatta
Nonostante gli interessamenti di Juve Stabia e Ternana, la priorità dell'esterno mancino del Verona Giuseppe Pugliese è il Bari. In caso di mancato rinnovo con gli scaligeri, l'accordo sarebbe ad un passo

di Francesco Maisano - 21 luglio 2012
Il Bari ha individuato(e in qualche modo anche bloccato) il suo prossimo terzino sinistro: l'identikit corrisponde a quello di Giuseppe Pugliese, 28enne nativo di Turi attualmente in forza al Verona. In scadenza di contratto nel giugno del 2013, Pugliese sembra aver già trovato un accordo di massima con il Bari: in caso di mancato prolungamento di contratto con gli scaligeri, l'arrivo al San Nicola del mancino classe 1983 sarebbe ad un passo.

Ieri, infatti, il giocatore ha incontrato a pranzo il direttore sportivo biancorosso Angelozzi e, dopo un rendez-vous durato circa tre ore, le parti sarebbero pronte a siglare l'accordo: biennale a circa 100mila euro a stagione. Per Pugliese le alternative non mancano: sul giocatore, infatti, si registrano anche gli interessamenti di Juve Stabia e Ternana ma il mancino barese, per ora, non prende in considerazione altre offerte visto che la sua priorità, qualora non arrivasse una proposta di prolungamento dal ds veronese Sogliano, è solo quella di giocare nella sua città.

A questo punto restano da capire le intenzioni della società gialloblu: l'anno scorso il tecnico veneto Mandorlini ha utilizzato solo in tredici occasioni Pugliese preferendogli il più esperto Massimiliano Scaglia. La situazione quest'anno potrebbe essere la stessa, seppur con interpreti diversi: Scaglia, infatti, sembra essere in trattativa con la Pro Vercelli ma il Verona si è già cautelato prelevando in prestito dai 'cugini' del Chievo il montenegrino Fatic. Qualora, quindi, si profilasse un nuovo anno da rincalzo per Pugliese a Verona, per il mancino di Turi si aprirebbero definitivamente le porte del San Nicola. Salvo clamorosi colpi di scena...

FONTE: BariToday.it

PUGLIESE ILLUMINA IL SAN NICOLA
Scritto da Fabrizio Heinkel Mercoledì 09 Novembre 2011 11:16
Nella settimana del suo ventottesimo compleanno Giuseppe Pugliese si regala una prestazione da incorniciare nella sua seconda gara da titolare con la maglia del Verona in campionato. E lo ha fatto giocando al San Nicola di Bari, stadio in cui alcuni anni fa’ ci andava con i suoi amici per tifare i colori biancorossi. Chissà cosa avrà pensato il campione turese quando il suo allenatore Mandorlini gli ha comunicato che sarebbe partito titolare! Chissà se è riuscito a chiudere occhio dopo un emozione così grande, anche perché sulla sua pagina facebook intorno alle due di notte è comparso questo commento: "E’ inutile nasconderlo, non era una gara come le altre! Giocare al S.Nicola, dopo essere andato per anni e anni solo da tifoso, è stata una grandissima soddisfazione…”.

IMG 6300Mentre tutti i suoi amici tifosi del Bari vorrebbero vederlo con la maglia biancorossa, Gepy sa di avere un conto in sospeso con il Verona. Il suo impegno negli allenamenti è sempre costante, nonostante il suo allenatore abbia preferito nelle prime gare Scaglia nel suo ruolo. Gepy è arrivato nel calcio che conta grazie all’Hellas Verona, dove ha ricevuto due anni fa’ il prestigioso premio del Mastino del Bentegodi (premio assegnato dai tifosi). L’obiettivo della società è di ritornare in serie A in tempi brevi, e quando Gepy decise l’anno scorso di vestire la maglia del Varese in serie B, lo ha fatto con la consapevolezza di tornare al Verona per cercare di riportarlo nel calcio che conta.

La prestazione del numero 33 contro il Bari è stata assolutamente positiva, soprattutto nel secondo tempo, con innumerevoli discese sulla fascia sinistra. Dopo un primo tempo speso a contenere gli avversari, riuscendo anche a salvare il risultato ad inizio gara con un grande intervento d’anticipo, nella seconda parte della gara Gepy ha macinato chilometri, mettendo spesso e volentieri in difficoltà la difesa barese. Anche la stampa lo ha premiato con voti al di sopra della sufficienza. Ora spetta al tecnico Mandorlini decidere a chi affidare la fascia sinistra della difesa veronese. Di sicuro Pugliese non è tornato a Verona per fare la seconda linea.

FONTE: TuriWeb.it


SERIE B
ESCLUSIVA TMW - Verona, Pugliese: "Un sogno giocare a Bari"
Dalla mixed zone dello Stadio San Nicola di Bari.

07.11.2011 23.35 di Claudio Sottile
Giuseppe "Gepy" Pugliese (28), terzino sinistro del Verona fresco di successo a Bari, si guarda attorno felice come in un Luna Park. Lui, barese di Turi, tifoso dei galletti, che davanti a tutta la sua famiglia gioca titolare, riuscendo a portare anche a casa la posta finale. In ESCLUSIVA per TMW tutta la gioia del tifosissimo biancorosso cresciuto con il poster di Zambrotta (34) in camera.

Gepy, seconda da titolare proprio nello stadio di casa, visto che sei nato a pochi km da Bari. Cosa si prova?
"È la prima volta che gioco al San Nicola in partite ufficiali, onestamente non era una partita come le altre. Sono un ragazzo di Turi che veniva a vedere il Bari di Conte, da tifoso del Bari. Il sabato vedevo loro e la domenica giocavo per il Monopoli. Sono felicissimo, è un sogno giocare qui".

Il mister ha voluto premiarti facendoti giocare proprio al San Nicola, dopo tanto stare ai margini?
"Non lo so, aspettavo da tanto questa chance. Io mi alleno sempre al meglio delle mie possibilità, all'inizio dell'anno avevo un po' di pubalgia, adesso sto meglio, l'ho curata, spero di trovare continuità".

Questo Verona può pensare in grande?
"Pensiamo alla salvezza e rimaniamo umili, tutti gli altri discorsi sono da rimandare. Il campionato è lungo, siamo una neopromossa, arriviamo a cinquanta punti e poi vediamo se possiamo fare altro".

Hai recentemente allungato il tuo contratto, ormai sei parte integrante del progetto gialloblù.
"Già, il Presidente mi ha rinnovato di un anno, fino al 2013, spero di ripagare la fiducia della società. Sto bene, sono molto contento".

La prossima da titolare in casa contro il Bari al ritorno?
"Sì, torno titolare tra tre mesi (ride). A parte gli scherzi, spero che il mister mi dia fiducia, anche se l'importante è che il Verona vinca".

Anche se non hai segnato tu, a chi dedichi questa vittoria?
"La dedico a me stesso, non è facile fare panchina e tribuna e tornare in campo di colpo. Ho giocato, abbiamo vinto, è stata una giornata perfetta".

L'anno scorso eri titolare nel Varese strabiliante di Sannino che sfiorò la A, come lo valuti in questo campionato da anno zero?
"Lo reputo un'ottima squadra, sono partiti male perché non è facile carburare dopo aver cambiato allenatore, Direttore e mezza rosa. Adesso, da quello che mi dicono i miei ex compagni, le cose sono cambiate in meglio perché Maran è un ottimo allenatore. Stanno facendo benissimo, credo possano fare un ottimo campionato e glielo auguro".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


PRIMO PIANO
PUGLIESE: "TORNO AL VERONA PER GIOCARMELA"
28.07.2011 10:30
Il ritorno di Giuseppe Pugliese è stato ben accolto da tutto l'ambiente gialloblù. Ora il difensore non vede l'ora di ricominciare la propria storia all'Hellas: "Sono tornato per giocarmela. Non c’è stato mai un momento in cui non abbia pensato al’Hellas - ha rivelato a Leggo -. E’ sempre stato il primo risultato che guardavo alla domenica. Sono andato a Varese perché il mio sogno era giocare in serie B e perché avevo la sensazione che il tecnico (all'epoca era Giannini, ndr) avesse puntato su altri giocatori. Verona è sempre stata in testa ai miei pensieri, è sempre stata la mia prima scelta. Ho sempre saputo che sarei tornato perché avevo un patto con il presidente Martinelli, che aveva messo una cifra molto alta per il mio riscatto. E immaginavo che il Varese non avrebbe tirato fuori quei soldi". Che il secondo matrimonio abbia inizio...

FONTE: Leggo.it


Hellas Verona, Pugliese: "Felice per il mio ritorno"
25.07.2011 18.44
"Sono felice di essere tornato in riva all'Adige. Questa è una piazza che merita la Serie B, avendo i sostenitori sofferto molti anni. Sono contento per i tifosi e per il presidente, una persona che merita tutto ciò". Dopo essere stato protagonista in Lombardia, Gepy Pugliese è rientrato alla base per rilanciarsi in gialloblù.

Il clima è ben diverso rispetto a quello respirato a Fosse prima di lasciare l'Hellas: "Le sensazioni attuali non possono che essere positive, aver fatto una cavalcata del genere partendo dalla zona play-out garantisce grande carica all'ambiente. Ora pensiamo ad un campionato tosto come quello che ci aspetta. Nessuno ti regala niente, rimettiamoci subito in carreggiata. La cadetteria è molto diversa dalla Lega Pro, possiamo ben figurare come il Varese ed il Novara, che hanno mantenuto l'ossatura dell'anno precedente".
L'esterno mancino farà tesoro dell'esperienza acquisita nel 2010/2011: "Per me quella appena passata è stata una stagione molto positiva, spero di ripetermi. Non conosco molto Mandorlini ma vedo che lavora molto con la palla, tutti i tecnici con personalità alla fine raggiungono risultati importanti grazie ad organizzazione ed ambizione".

FONTE: HellasVerona.it


ALTRO CALCIO ITALIA
Varese, Pugliese: "Sannino è un allenatore bravissimo"
19.05.2011 12:30 di Francesco Gatti
Giuseppe Pugliese, difensore del Varese, vuole tenersi stretto il suo tecnico anche in caso di un'inaspettata promozione in Serie A e dichiara ai microfoni di Tuttomercatoweb: "Sannino è un allenatore bravissimo nel gestire lo spogliatoio e anche in campo, ti sta sempre addosso, cura in modo maniacale la fase di non possesso. Paura di perderlo? Leggo le voci, non so come finirà. Speriamo di andarci noi in Serie A, poi se lui la giocherà con qualche altra squadra sicuramente se lo sarà meritata. Il mister cura molto la fase difensiva, coinvolge centrocampisti e attaccanti. Nel calcio la prima cosa è la difesa, chi prende meno gol ottiene risultati migliori".

FONTE: SportsBook24.net


HELLAS VERONA NEWS
Pugliese: "A Verona tornerei di corsa"
06.05.2011 17:29 di Alberto Pecchio
Nella città di Romeo e Giulietta ha lasciato un pezzo di cuore. Giuseppe Pugliese sta vivendo una grande annata a Varese, squadra che coltiva un sogno chiamato play-off. L'anno e mezzo passato a Verona non lo dimentica "Gepi", che al quotidiano L'Arena afferma: "A Varese sto bene, Sannino è un allenatore da serie A ma quel che succederà ancora non lo so. Non credo però che la società vorrà o potrà prendermi definitivamente".

Le porte per lui sarebbero sempre aperte, ed il terzino pescato nel Monopoli sarebbe felicissimo di tornare ad indossare i colori gialloblù: "Sento di avere un debito di riconoscenza nei confronti dell'Hellas e di Martinelli, il primo a scommettere su di me quando ancora non ero nessuno. Tornerei, certo. Anche in Prima Divisione, non è una questione di categoria. Mi viene spesso in mente il Verona, quando in certe trasferte trovo stadi con mille spettatori o sento di società inadempienti. E tutto questo mi fa ancora più rabbia". Il fluidificante trova anche il tempo per spiegare i motivi del suo addio: "Con Giannini ho capito subito come sarebbe finita. Mi ha mandato tanti messaggi chiari, bastavano gli allenamenti per capire che non facevo parte del suo progetto".

FONTE: TuttoHellasVerona.it


GIOVEDÌ 02 SETTEMBRE 2010 06:00 REDAZIONE
Pugliese: "A Varese si respira un'aria diversa"
Sean Sogliano l'ha cercato per tutta l'estate e lui voleva fortemente venire a Varese. Di mezzo, però, c'era il Verona, che non voleva saperne di cedere il suo gioiello. Solo dopo l'ufficialità del ripescaggio in Serie B della Triestina, proprio ai danni dei gialloblù, la società scaligera ha deciso di privarsi (in prestito...), con buona pace dei tifosi di cui era un idolo, di Giuseppe Pugliese. Ora il forte terzino sinistro è intenzionato a ben figurare in Serie B con la maglia del Varese: Datemi il tempo di conoscere meglio i compagni, l'allenatore e tutto l'ambiente e poi vedrete tutte le mie qualità. Se il buongiorno si vede dal mattino...

Sean Sogliano l'ha cercato per tutta l'estate e lui voleva fortemente venire a Varese.
Di mezzo, però, c'era il Verona, che non voleva saperne di cedere il suo "gioiello". Solo dopo l'ufficialità del ripescaggio in Serie B della Triestina, proprio ai danni dei gialloblù, la società scaligera ha deciso di privarsi (in prestito...), con buona pace dei tifosi di cui era un idolo, di Giuseppe Pugliese. Ora il forte terzino sinistro è intenzionato a ben figurare in Serie B con la maglia del Varese: "Datemi il tempo di conoscere meglio i compagni, l'allenatore e tutto l'ambiente e poi vedrete tutte le mie qualità". Se il buongiorno si vede dal mattino...

Pugliese soddisfatto delle prime settimane in biancorosso?
"Per il momento si. Sono arrivato in un gruppo nuovo, in una categoria in cui non avevo mai giocato, quindi non posso lamentarmi. Qui si respira un'aria diversa rispetto a quella che c'era negli spogliatoi delle altre squadre in cui ho militato: la squadra è unita e penso che non sia un caso che abbia vinto due campionati di fila".

Cosa pensa di Sannino?
"L'ho conosciuto quando sono arrivato a Varese e mi ha subito fatto un'ottima impressione. E' una persona in gamba, motivata, che ti sa dare una grande carica. Se uno vince quattro campionati negli ultimi cinque anni un motivo ci sarà".

Quattro punti nelle prime due partite. Se l'aspettava?
"Dico la verità; quando ho visto che il calendario ci aveva riservato prima Torino e poi Atalanta non credevo che avremmo fatto risultato in tutte e due le gare. Siamo tutti contenti di questo inizio, però non dobbiamo montarci la testa perché il campionato è appena cominciato".

E domenica arriva l'Empoli...
"La prima cosa che dobbiamo fare è dimenticarci di Toro e Atalanta. Poi entriamo in campo concentrati e giochiamo con lo stesso spirito, rimanendo umili, perché solo così si possono ottenere grandi risultati".

Il Varese è la sorpresa del campionato?
"Ogni anno, in ogni torneo, c'è sempre qualcuno che va contro tutti i pronostici. Anche se è troppo presto per dirlo, al momento si, siamo noi la sorpresa".

A Verona dicono che lei, quando gioca in casa, è inarrestabile. E' vero?
"Penso di essere un giocatore costante, che non si esalta tra le cosiddette mura amiche e non soffre fuori".

Quindi che tipo di terzino è Pugliese?
"Uno a cui piace spingere. Adoro correre sulla fascia, andare sul fondo e crossare per gli attaccanti".

Come si trova con Carrozza e Zecchin davanti?
"Premesso che utilizziamo un modulo, il 4-4-2, che esalta gli esterni, devo dire che ho una buona intesa sia con Alessandro che con Gianpietro. Quando mi sgancio posso farlo con tranquillità, perché tanto so che uno dei due si è fermato per coprirmi".

Infine cosa si aspetta da questo campionato?
"Personalmente spero di far bene tutte le domeniche e allenarmi seriamente in settimana. E voglio anche dimostrare che posso tranquillamente giocare in questa categoria... chiaramente con la maglia del Varese".
Matteo Viola
matteo.viola@varesenotizie.it



SERIE B
ESCLUSIVA TMW - Varese, Pugliese: "Varese arrivo, e grazie Hellas"
Giuseppe Pugliese, "Gepy" per i tifosi, terzino sinistro di Turi (BA) classe '83, è il nuovo acquisto del Varese. Nel suo curriculum ricordiamo le esperienze con Noicattaro, Monopoli ed Hellas Verona.

11.08.2010 00.00 di Claudio Sottile
Giuseppe "Gepy" Pugliese (26), ai microfoni di TMW, è tanto incredulo quanto orgoglioso.

"Dopo Molinaro, uno da Nazionale, sentite me?". In ESCLUSIVA ecco la gioia di uno che a Varese si sente nel calcio che conta, nel quale hai il nome stampato sulle spalle.

Dopo un salto spiccato in quel di Turi, cittadina nella provincia di Bari famosa in Italia per la raffinata produzione delle ciliegie, e per aver dato i natali a Oronzo Pugliese, il "Mago" della panchina a metà dei Sessanta: no, nessuna parentela, e nessuna "magia", la ribalta per il furetto mancino è reale e concreta.

E come per le ciliegie, delle quali si dice "una tira l'altra", dopo la scalata dall'Eccellenza alla Serie B manca solamente il frutto più saporito.

Giuseppe, dopo qualche settimana di serrato corteggiamento, è arrivata la tua firma per il Varese.
"Sì, sono finalmente un giocatore del Varese, tre anni di contratto, sono in prestito con diritto di riscatto".

Negli ambienti della stampa veronese si vocifera di tuoi contrasti con mister Giuseppe Giannini.
"No, nessun contrasto, è solo un discorso di categoria. Lui è arrivato e stava sì facendo altre scelte, però non c'è nessun tipo di contrasto, per quel poco che siamo stati assieme ho avuto un bel rapporto. Solo un discorso di categoria, avendo fatto tanta gavetta ho voluto prendere al volo una proposta dalla Serie B, volevo provare questa nuova esperienza".

Oltre al Varese, avevi altre proposte?
"Sì, avevo altre richieste in Lega Pro, dove avrei preso anche di più di quanto prenderò qui a Varese, però prima di lasciare una piazza come Verona c'ho pensato, realizzando che l'avrei abbandonata solo per una crescita professionale, al denaro non c'ho neanche pensato. Per lasciare Verona ce ne vuole, e anche prendendo meno soldi di quanti ne avrei guadagnati da altre parti ho scelto di salire di categoria., un campionato migliore è il premio che voglio dare a me stesso".

Conoscevi già qualche tuo nuovo compagno varesino?
"No, li sto conoscendo adesso".

Quale numero di maglia hai scelto?
"Sono arrivato in ritardo, i compagni avevano già scelto i numeri, sto scegliendo o il 33 o il 19, mentre il mio numero preferito è il 3".

Il Varese, dopo la vittoria per 2-0 contro il Milan in amichevole, è accreditata come una delle papabili sorprese della prossima cadetteria.
"Io me lo auguro, però un conto sono le amichevoli e un conto il campionato. Il calcio d'agosto lascia il tempo che trova, non è il primo caso. Il campionato di serie B è durissimo e lunghissimo, fatto di quarantadue partite. Il Varese essendo una matricola troverà tante difficoltà, rimaniamo umili, coi piedi per terra e cerchiamo di pensare a far bene questo campionato".

Alla firma del contratto quali obiettivi hai raccolto da parte della dirigenza?
"Siamo una neopromossa, dobbiamo far bene, il Varese mancava da diversi anni dalla B e vogliamo fare una bella figura, ci stiamo impegnando al massimo. Ci sono tanti giocatori emergenti, oltre all'allenatore, che non hanno mai fatto la categoria, ma vogliamo tenere botta".

Sei partito dall'Eccellenza pugliese, ti ritrovi in Serie B, a quando la massima categoria?
"Piano piano, per me che sono partito dall'Eccellenza, avendo fatto tutte le categorie, la Serie B è un sogno. Mi accingo a fare questo campionato con tanta umiltà, in punta di piedi, cercando di ritagliarmi il mio spazio, cercando di non fare brutte figure, voglio essere all'altezza, poi per altri discorsi è presto per parlarne. Per me già il campionato di B, visto dove sono partito, è già un sogno".

Hai addirittura due gruppi di fans su Facebook, che sommati contano quasi cinquemila iscritti, dov'è il segreto di tanto affetto da parte della gente?
"Non lo so, ma è la cosa che mi rende più orgoglioso. Sono stato ben visto in tutte le piazze dove sono stato. Credo apprezzino la mia umiltà, il mio sacrificio, queste caratteristiche fanno parte di me. Quando un giocatore dà tutto per la maglia e la propria squadra credo che venga apprezzato, sempre".

Giuseppe Pugliese, calcisticamente parlando, come si descriverebbe?
"Un giocatore normalissimo, che fa della corsa il suo punto di forza, e che cerca di non mollare, dando sempre se stesso in allenamento e in partita. Faccio il terzino, e cerco di fare quello che va fatto in quel ruolo".

Il tuo idolo?
"Il giocatore che ho sempre apprezzato, anche perché giocava nel Bari, è Zambrotta, nelle giornate di grazia era una spina nel fianco per chiunque".

Vestirai il biancorosso del Varese, anche se sei tifoso di un altro biancorosso.
"Sì, sono tifosissimo del Bari dalla nascita, ma non ho rancore nei loro riguardi per non essersi mai interessati a me, ognuno fa le proprie scelte, io sono già contento di aver giocato in una piazza importante come Verona. Anzi, ci tengo a sottolineare che lì ho passato l'anno e mezzo più bello da quando faccio questo lavoro. Verona è una piazza da Serie A, ci sono tutte le componenti che una società di massima categoria deve avere: pubblico spettacolare, città bellissima, e in più avevo un rapporto magnifico col presidente Martinelli. Lui è una persona splendida che merita di salire di categoria più di ogni altro, ci mette tanto entusiasmo e tanta passione, e quindi faccio il tifo sia per il Verona che per lui".

Cosa non vi ha permesso di essere promossi nello scorso campionato?
"Sono tante le componenti che si accavallano, in primis il calo fisico avuto da marzo, molti in squadra sono calati fisicamente. Magari Portogruaro e Pescara questo calo l'hanno avuto antecedentemente, noi invece nel periodo dello sprint finale, in più c'è da mettere tanta sfortuna. Le ultime tre partite di campionato le abbiamo perse al novantesimo, oltre a decisioni arbitrali scandalose, tipo nella sfida col Portogruaro c'era un rigore clamoroso su Ciotola con annessa espulsione. Però, quando ti gira storto, finisci per fare la brutta figura che abbiamo fatto noi, a prescindere dalle componenti esterne. Questo è il rammarico più grosso della mia carriera, ci tenevo un sacco ad andare in B con l'Hellas, e penso che questo rammarico me lo porterò per il resto della vita. In B con l'Hellas sarebbe stata un'altra musica e chissà se sarei partito, vuol dire che il destino ha deciso così".

Tornando ad un altro pezzo del tuo cuore ecco gli anni col bianco verde del Monopoli.
"Ho bellissimi ricordi, sono stato anche capitano, anche lì sembra banale ma sono stato in maniera fantastica, ho passato anni indimenticabili. Abbiamo vinto un campionato di Serie D andando in C2, sono stato per la prima volta professionista a ventuno anni, questo lo devo alla società e alla città di Monopoli, li porterò sempre nel mio cuore".

Il calcio a Monopoli ripartirà dalle serie dilettantistiche, dopo il disimpegno della famiglia Ladisa, che proprio quest'anno ha deciso di lasciare la gestione del club, cosa ne pensi?
"I tifosi monopolitani non meritavano questo, è una cosa molto brutta, perché credo che una piazza che ti porta in Eccellenza dodicimila persone sugli spalti non merita la fine che ha fatto dopo tanti sacrifici, purtroppo è andata così. Ripartono dall'Eccellenza, e spero che con il nuovo corso si torni a calcare il palcoscenico che meritano".

Va bene la Serie B dopo tanto sgobbare, ma il sogno nel cassetto qual è?
"Il mio sogno si è davvero già avverato giocando in B, io a differenza di altri che hanno avuto la fortuna a diciassette - diciotto anni di esordire in campionati prestigiosi non ho avuto questa ribalta, e sono partito dall'Eccellenza. Quando uno parte di lì apprezza tutto, io ho apprezzato un sacco anche la C2, quindi la B è un sogno, mi piace vivere le cose momento per momento, me le gusto di più".

Una dedica per questo momento della tua carriera così denso di soddisfazioni?
"Dedica no, spero invece che i tifosi del Verona ai quali voglio un gran bene e dai quali sono ricambiato non fraintendano questa mia scelta. Devono capire che non è un discorso economico ma di categoria, è la cosa che più mi preme, non voglio che questi mesi splendidi vengano rovinati dalla mia scelta, ci rimarrei troppo male. Sono sicuro che resteranno attaccati a me, dico loro di non prendersela nemmeno con la società, che all'inizio mi ha dichiarato incedibile salvo poi mettermi sul mercato, non deve esserci rancore in questa decisione da parte di nessuno".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Il Varese ci riprova ma Pugliese è incedibile
28/07/2010 24:48
Nuovo assalto del Varese per l'esterno sinistro dell'Hellas Gepy Pugliese. La società lombarda sta tentando il giocatore gialloblù con un contratto allungato nel tempo e più alto nell'ingaggio, oltre al fascino del campionato di categoria superiore. Ma l'offerta alla società gialloblù è a dir poco ridicola: si parla di un prestito a costo quasi zero per questa stagione con diritto di riscatto alla fine del prossimo campionato a una cifra da stabilire.
Il Verona, comunque, ha rifatto sapere al Varese che Pugliese è incedibile.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Pugliese in B con Verona o Varese?
Scritto da Pierfrancesco Catucci
Giovedì 15 Luglio 2010 09:37
TURI - Crescono le probabilità che Gepy Pugliese, terzino attualmente in forza all’Hellas Verona, il prossimo anno potrebbe disputare il campionato di serie B. E potrebbe farlo con il Verona o con il Varese (indiscrezioni lo vogliono molto vicino alla formazione lombarda che già milita nella serie cadetta). Dopo l’amara sconfitta nella finale dei playoff promozione contro il Pescara, il Verona è la seconda società ripescabile nella categoria cadetta. Con un piede e mezzo nel baratro è l’Ancona che quasi sicuramente sarà esclusa dal campionato e quindi libererà un posto in serie B (l’Ascoli dovrebbe cavarsela con qualche punto di penalizzazione). A quel punto una tra Triestina e Verona sarebbe ripescata, con la società friulana in vantaggio. Ma, per accedere ai ripescaggi, occorre garantire una fideiussione pari a un milione di euro.

E, in questo senso, l’Hellas potrebbe mettere la freccia. Vero è che la Triestina è ok sul piano dell’iscrizione al campionato di Prima Divisione. Ed altrettanto vero è che non è così scontato che la società alabardata abbia le risorse per mettere sul tavolo quel milione che serve per la B. “Il ripescaggio è un argomento attualissimo, sicuramente, anche se come tutti sappiamo le possibilità sono estremamente remote. Sotto questo profilo, voglio sottolineare che l’Hellas Verona è pronta sia sul lato tecnico che su quello economico, cosa da non sottovalutare nell’eventuale corsa al ripescaggio con le nostre dirette rivali,e che nulla rimarrà intentato da parte nostra per poter accedere alla cadetteria anche in extremis”. Questo il commento del consigliere della società Benito Siciliano durante la conferenza stampa di mercoledì mattina.

FONTE: FaxOnLine.it





Arrivato in extremis al mercato di Gennaio...
- Mercato: ceduto Pugliese e acquistato Mele
Il Monopoli comunica di aver ceduto a titolo definitivo il calciatore Giuseppe Pugliese alla società Hellas Verona (Prima Divisione) e di aver acquistato, sempre a titolo definitivo, il difensore esterno sinistro Riccardo Mele, classe 1986, proveniente dal Gallipoli.

FONTE: ACMonopoli.com (1 Febbraio 2009)


I tifosi del Monopoli, molto dispiaciuti, capiscono e ringraziano...
- Ceduto il Capitano PUGLIESE
Il Monopoli cede a titolo definitivo il calciatore Giuseppe Pugliese alla società Hellas Verona (Prima Divisione).
I tifosi di GWS.IT ringraziano il Capitano per la professionalità e classe dimostrata. Non ti dimenticheremo!

FONTE: GreenWhiteSupporters.it (1 Febbraio 2009)


Hellas Verona una grande opportunità...
"Quando il presidente del Monopoli mi ha detto che l'Hellas era interessato a me, ho subito chiamato il mio procuratore per far accellerare l'operazione - ha spiegato il difensore - A Monopoli ho trascorso un periodo bellissimo, quasi quattro anni, mentre ora mi trovo per la prima volta a giocare in Prima divisione e spero di riuscire a dare il mio contributo per il bene della squadra, quindi dell'Hellas".
FONTE: TGGialloblu.it (3 Febbraio 2009)

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#Primiero 2017, tutti i dettagli

Hellas Verona premiato in Piazza dei Signori

Wallpapers gallery