Le schede di B/=\S: Matteo SCAPINI (27 anni)

Matteo Scapini
Data di nascita:28/09/1983
Luogo di nascita:Bovolone (VR)
Nazionalità:Italiana
Ruolo:Attaccante
Altezza:185 Cm.
Peso:77 Kg.
Posizione:

Carriera da giocatore:

 SquadraStagionePartiteGoal 
Hellas Verona2010-201150 
Pro Belvedere Vercelli2009-2010325 
Hellas VeronaAgo. 200910 
Hellas Verona2008-2009263 (13) 
Cuneo2007-20083122 
Montichiari2006-200793 
Portogruaro-Summaga2006-2007123 
Pro Vercelli2005-2006152 
Valenzana2005-200682 
Valenzana2004-2005216 
Spal2003-200490 
Belluno2002-2003135 
Primavera VicenzaFino al 2002-- 

News e curiosità:

- Nel VERONA di BONATO non c'è spazio per Matteo ed è così che il centravanti di Bovolone deve trovarsi un'altra squadra; fortunatamente ha ancora mercato, sopratutto in Seconda Divisione e alla fine torna a Vercelli (terra natia di sua moglie) ma per giocare con la seconda squadra della città, la PRO BELVEDERE.
Purtroppo l'astinenza dal gol per SCAPINI continua e dopo sole 3 reti (2 delle quali 'pesanti': nel derby e nell'andata playoff contro il MEZZOCORONA) in 32 gare la società piemontese non si avvale del diritto di riscatto e lascia libero l'attaccante.
Il resto è storia recente: GIANNINI lo mette ai margini della squadra, qualche compagine lo cerca ancora ma sia nel mercato estivo che in quello invernale 'Scapo' non trova accordi e rimane a VERONA da... Separato in casa.

- Per uno qualsiasi dei 'butèi de la curva', arrivare ad indossare la casacca gialloblù è un sogno che si realizza, per qualcuno è qualcosa di sacro ed intoccabile (vedi CORRENT) per qualcun'altro meno (vedi FERRARESE) e per altri la realizzazione di un fantastico desiderio come per Matteo SCAPINI da Bovolone, esploso nel CUNEO in C2 nella passata stagione, autore di 22 gol in 31 partite e capocannoniere del torneo, riscattato alle buste dal neopromosso in C1 PORTOGRUARO che vede la possibilità di trovarsi fra le mani il bomber della svolta: niente da fare! Appena il centravanti sente profumo di HELLAS si fionda e PREVIDI è ben contento di avverare il desiderio di un altro veronese e di accapparrarsi un attaccante seguito anche in Serie B (MANTOVA e AlBINOLEFFE su tutte) con la formula della comproprietà.
Il bel gol di SCAPINI ai playoff di 2^ Div. MEZZOCORONA 0-2 PRO BELVEDERE VERCELLI

- SCAPINI torna titolare nell'HELLAS per una gara!
(fonte: TGGialloblu.it - 23 Gennaio 2011)
Pagelle Verona, la rivincita di Scapini.
Personalità nel far ripartire l'azione, puntuale nelle chiusure: è Santiago Vergini il migliore del Verona di Bolzano. Scapini, titolare dopo sei mesi, merita la sufficienza per l'impegno. Abbate fuori ruolo a destra (ma non c'erano alternative), in ombra Mancini, Esposito, Halfredsson e Pichlmann...

SCAPINI 6. Merita la sufficienza per come ha difeso il suo voler restare a Verona e per avere aspettato sei mesi una chances in silenzio, senza fare mai mezza polemica. In campo si muove e si batte. Avrebbe potuto anche segnare di testa al 15' del s.t. ma sarebbe stato troppo chiedergli di risolvere il problema del gol.



- Tutti lo cercano, nesuno lo prende!
(fonte: TuttoLegaPro.com - 8 Agosto 2010)
CALCIOMERCATO
Hellas Verona, tre club seguono Scapini.
di Claudio Gallaro
Non c'è solo la Sangiovannese su Matteo Scapini. Per il ventisettenne attaccante di Bovolone hanno bussato alla porta dell'Hellas Verona anche Sambonifacese e Feralpisalò. L'altra metà del cartellino del terminale d'attacco ex Pro Belvedere Vercelli è detenuta dal Portogruaro.



- I gol: Pochi ma buoni!
(fonte: TuttoLegaPro.com - 5 Febbraio 2010)
ALTRE NEWS
Pro Belvedere, Scapini: "Voglio fare più gol possibili".
«Il mio gol più importante è arrivato proprio quando alla squadra servivano i tre punti». Matteo Scapini, match winner della sfida vinta nel derby contro la Pro Vercelli, in esclusiva per il portale della società asprobelvedere.it analizza così il momento della squadra. «Per un attaccante segnare è di vitale importanza – confida – e il fatto che sia riuscito ad andare a segno, rigore o non è di poca rilevanza, mi dà grande stimolo per continuare su questa strada. Il modo di giocare in avanti? Siamo partiti ad albero di natale – racconta – ma mi adatto a qualsiasi tipo di gioco e ora con le tre punte stiamo raccogliendo dei buoni frutti: proseguiamo con questa direzione».

La fiducia di mister Gianfranco Motta è stata subito alta da quando ha succeduto Giancesare Discepoli.
«Quando a Cuneo feci 23 gol sentivo la fiducia di tutta la squadra, della società e del miser e, anche qui a Vercelli – spiega l’ex Hellas Verona – ho trovato tutte le condizioni ideali per dare il massimo per la squadra e voglio segnare più gol possibili per centrare la salvezza». Con gli arrivi di Coser, Murante, Arioli e Mauri la Pro Belvedere ha assunto un aspetto più solido in ogni parte del campo. «Son arrivati giocatori di categoria e si sono ambientati subito con il nostro modo di lavorare e hanno sposato fin da subito le esigenze primarie che servivano a noi, cioè quella di fare più punti possibili».



- 'Scapo' risolve il derby!
(fonte: DataSport.it - 30 Gennaio 2010)
Pro Belvedere-Pro Vercelli: Scapini "Felicissimo"
L'uomo derby: "Vittoria voluta e meritata".
La Pro Belvedere ha battuto la Pro Vercelli con un penalty trasformato dall’ex Scapini. Ora resta in attesa dei risultati di oggi per sapere se i tre punti conquistati contro le bianche casacche sono serviti ad avvicinare Olbia e Valenzana. Il dopopartita è stato vissuto con estrema tranquillità con strette di mano da parte dei protagonisti. Il segnale era stato dato in settimana da parte dei presidenti delle due società (Massimo Secondo e Vero Paganoni) con un comunicato congiunto. I tifosi hanno recepito il messaggio e hanno dimenticato le figuracce dell’andata.

"Per noi questi tre punti - sottolinea l’allenatore della Pro Belvedere Gianfranco Motta - sono oro colato. In settimana avevamo preparato questa partita nei minimi dettagli ed è andata bene. Il rigore mi è sembrato netto. Nella ripresa abbiamo cercato di gestire la gara e in contropiede con Arioli avremmo anche potuto raddoppiare".

La Pro Belvedere a gennaio è radicalmente cambiata. Il dg Giancarlo Romairone nel mercato di riparazione ha portato alla corte di Motta il portiere Coser, il difensore Murante, i centrocampisti Arioli e Mauri. Inoltre c’è stato il recupero dai lunghi infortuni del centrocampista Lemma e del trequartista Bertolini. La Pro Belvedere lunedì perfezionerà con il Siracusa lo scambio Perelli-Bigatti.

"I numeri - sottolinea Motta - parlano chiaro. Nelle prime cinque giornate del ritorno abbiamo totalizzato 9 punti. Gli stessi conseguiti in 17 sfide dell’andata. La società non ci fa mancare nulla e sta facendo di tutto per centrare la salvezza. Noi dobbiamo lavorare sodo. La mentalità mi sembra quella giusta".

Matteo Scapini, l’uomo del derby, è felicissimo: "Vittoria voluta e meritata. Sono felicissimo. Ora godiamoci la sosta".

Sull’altra sponda Marco Sesia fa un’analisi serena del ko.
"Partita decisa un episodio - afferma il tecnico della Pro Vercelli - Purtroppo siamo rimasti in dieci ed è stata dura rimontare. Fossimo andati noi in vantaggio dopo due minuti con quel tiro di Polani probabilmente saremmo qui a parlare di un’altra partita. Ai ragazzi comunque non posso rimproverare nulla"...



- Vercelli scelta di vita...
(fonte: VercelliOggi.it - 29 Agosto 2009)
SCAPINI - Nelle scelte professionali il giovane bomber non dimentica la famiglia - Atteso a ottobre un lieto evento.
(Paolo d'Abramo)
Dopo il primo allenamento in maglia gialloverde Matteo Scapini ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “ Sono a Vercelli per ragioni “affettive” (a ottobre nascerà il figlio di Matteo della sua compagna vercellese) ma soprattutto lavorative. La società é ambiziosa, seria e sono arrivato animato da grande entusiasmo, in prestito dal Verona. Conosco già diversi giocatori della Pro Belvedere, ho avuto Discepoli come allenatore quando avevo 19 anni ed ero alla Spal, a Ferrara. Arrivo da una realtà dove si puntava a vincere e, personalmente, ho un carattere che mi porta a cercare sempre “ qualcosa in più”, a Cuneo, per esempio, mi sono ritagliato uno spazio ed ho conquistato la fiducia di tutti ( 23 reti in una stagione ndr). Ho svolto tutta la preparazione con il Verona e sono pronto a scendere in campo fin da domenica. Alla Pro Vercelli con Brucato avevo giocato poco, poi sono riuscito ad esprimere meglio le mie potenzialità. So che in seconda divisione si deve lottare sempre, in categorie superiori puoi avere più possibilità negli spazi, qui occorre riuscire ad interpretare il calcio in modo combattivo, bisogna lottare su ogni pallone e in spazi stretti, una situazione più difficile”.

Al termine dell’incontro l’AS Pro Belvedere ha comunicato che domenica 30 Agosto per l’incontro AS Pro Belvedere – Legnano Calcio gli abbonati dovranno passare al botteghino muniti della ricevuta d’abbonamento - per ritirare il tagliando utile all’ingresso allo stadio.



- L'approdo a Vercelli...
(fonte: LaSesia.Vercelli.it - 27 Agosto 2009)
Calcio - Seconda Divisione: Scapini alla Pro Belvedere
Prelevato dal Verona, debutterà già domenica contro il Legnano.
Matteo Scapini è il rinforzo per l’attacco della Pro Belvedere. Il centravanti classe ’83, ex Pro Vercelli, è stato prelevato dal Verona. L’anno scorso con i gialloblu in Prima Divisione ha segnato 3 gol in 26 gare, mentre nel 2007/08 nel Cuneo (ex C2) aveva realizzato 22 reti. Esordirà già domenica al Piola contro il Legnano.



- SCAPINI spera di restare
(fonte: IlGiornaleDiVicenza.it - 16 Maggio 2009)
Scapini insegue ancora un bel sogno
L'ULTIMO APPUNTAMENTO. GIRARDI E TIBONI SONO INFORTUNATI, CONTRO IL CESENA REMONDINA POTREBBE PROPORRE L'ATTACCANTE VERONESE IN COPPIA CON RANTIER
«Ho indossato la maglia gialloblù, fra qualche mese diventerò papà... mi manca solo un gol sotto la Curva»

«Sogno un gol sotto la Curva Sud». Matteo Scapini lo ripete dal suo primo giorno in gialloblù ma non c'è mai riuscito. Domenica ha l'ultima occasione buona, il Verona chiude la regular season in casa e l'attaccante di Bovolone potrebbe giocare dal primo minuto in coppia con Julien Rantier. «Ci proverò ancora - ammette - vorrei tanto festeggiare un gol al Bentegodi, nel mio stadio».
Emozioni da raccontare...
«Ogni volta che entro mi sembra impossibile, guardo intorno, alzo gli occhi al cielo, vedo tutti i tifosi gialloblù. Brividi incredibili. Mi ricordo quando anch'io ero lì, in mezzo a loro. Quando venivo allo stadio con mio padre, Piergiorgio. Ora non c'è più, è scomparso nel 2006, ma sono sicuro che lui mi sta seguendo, da lassù. Vorrei tanto fosse qui, sono sicuro che per lui sarebbe una gioia immensa vedere suo figlio con la maglia dell'Hellas».
Il bilancio della stagione?
«Sono abbastanza soddisfatto. Non avevo mai giocato in C1, è stata un'avventura importante. Quando mi hanno proposto l'Hellas ho accettato subito, sapevo che questa è una piazza di grande tradizione e volevo confrontarmi con questo campionato. Sono partito in retrovia, mi sono ritrovato titolare in un momento positivo per la squadra. Questo mi ha fatto un grande piacere, un premio per il mio lavoro».
Tre gol all'attivo...
«L'anno scorso ne avevo fatti 22, non mi sono certo ripetuto. Ma sono contento di aver fatto centro anche con il Verona. La C1, o Lega Pro Prima Divisione, non è la C2 e quest'anno ho giocato molto meno rispetto all'anno scorso. A Cuneo sono sceso in campo con continuità e ho messo insieme 31 partite. Poi tutto andava bene, ho fatto centro in tutti i modi. Ci sono stagioni che nascono sotto la buona stella e finiscono meglio. Anche la fortuna è importante per un bomber».
La delusione più grande?
«L'ho già detto, l'infortunio che mi ha fermato a Natale. Non è stata una cosa tanta grave, per carità, e ho recuperato secondo i tempi fissati dallo staff medico ma ho perso il treno giusto, nel mio momento migliore. La squadra stava facendo bene, eravamo in serie positiva, si era creato un equilibrio importante. Poi è arrivato il momento difficile, abbiamo perso due o tre partite sfortunate, non è facile rientrare quando il gruppo deve superare sfide delicate, l'allenatore deve dare fiducia a quelli che stanno meglio, non può rischiare troppo».
Adesso l'infortunio è alle spalle?
«Sono a posto, ho recuperato la condizione. Se il mister chiama rispondo presente».
Il futuro di Scapini?
«Sono in comproprietà tra il Portosummaga e il Verona. Sono pronto a rimanere ma non dipende solo da me. Non posso decidere del mio cartellino. La mia volontà è sempre stata chiara, sono venuto all'Hellas perchè è una piazza importante, per mettermi in gioco, per dare una mano alla squadra della mia città».
Verona una tappa importante nella vita di Scapini. Non solo dal punto di vista sportivo...
«Certo, sono molto contento. Cristina, la mia ragazza, aspetta un bimbo e non vedo l'ora di diventare papà. La conclusione perfetta di una stagione molto importante per la mia carriera e per la mia vita»».
Luca Mantovani



- La trippletta all'IVREA...
(fonte: LaSentinella.Repubblica.it - 10 Ottobre 2007)
Da 0-2 a 3-2, Ivrea deludente e il Cuneo ‘conquista’ il Pistoni. Gli arancioni in rete con Volpato e Bertani, poi Scapini si scatena con tre marcature.
In vantaggio 2-0 al 2' della ripresa con due splendide esecuzioni di testa di Volpato e Bertani sono gli ospiti a rimontare prima il doppio svantaggio e addirittura vanno per la terza volta in rete con lo scatenato Scapini, vero eroe di giornata.



- L'esplosione nel CUNEO in C2...
(fonte: CuneoCalcio.it - 15 Ottobre 2007)
IL CAPOCANNONIERE NON BASTA. Con un rigore di Lepore il Varese pareggia il gol di Scapini..
... settimo gol in otto partite del capocanniere solitario del girone A di serie C2 Matteo Scapini.



- Un vero e proprio martello! (fonte: CuneoCalcio.it - 12 Novembre 2007)
ANCORA A SEGNO SCAPINI!! Il Cuneo abbandona l'ultimo posto in classifica.


- Il momento magico continua anche nel 2008 (fonte: UsoCalcio.it - 03 Febbraio 2008)
CUNEO - CARAVAGGESE CALCIO 1-1
In pieno recupero Matteo Scapini evita al Cuneo la prima sconfitta del 2008 contro la Caravaggese, fanalino di coda del torneo. Decisivo il calcio di rigore conquistato e trasformato al 47´st dal capocannoniere del campionato.


- A segno su punizione... (fonte: VareseNews.it - 24 Febbraio 2008)
Un retropassaggio killer ferma il Varese
... Al 35’ l'azione decisiva: l’arbitro concede una punizione a due in area al Cuneo per il retropassaggio tra Luoni e Lorello. Il Varese protesta in modo veemente, ma il direttore è irremovibile. Calcia Scapini ed è una bordata che serve agli ospiti per l’1-1.


- ... E anche dagli 11 metri (fonte: SportEVai.it - 25 Maggio 2008)
Calcio C2A, il Cuneo vincente manda in finale la Valenzana
A realizzare dal dischetto, la rete che dona speranze alla rimonta locale è Scapini.



- La sensazione che sia l'annata giusta. (fonte: It.EuroSport.Yahoo.com - 21 Febbraio 2008)
Cuneo: Scapini il goleador 'Spero che qualcuno guardi quello che sto facendo'
Matteo Scapini, 24 anni di Bovolone, provincia di Verona, capocannoniere del girone A della serie C2 con il Cuneo. Un bel biglietto da visita per colui che, in 24 partite, ha realizzato ben 18 gol: "Sinora si tratta della mia migliore stagione in carriera – dice Scapini a calciomercato.com - ho trovato la continuità che mi mancava negli altri anni, lavorando bene e avendo la fiducia ripagata sul campo".

Cresciuto nel Vicenza, Matteo ha giocato sempre in serie C, vestendo le maglie di Spal, Belluno, Valenzana, Pro Vercelli, Portogruaro, Montichiari e, ora, Cuneo. A questo punto, visto il superbo cammino tracciato quest’anno, ci si aspetta il salto di qualità: “Io spero che qualcuno guardi quello che sto facendo – continua Scapini – di sicuro sino a maggio o giugno non voglio prendere in considerazione nulla, tutte le mie attenzioni sono rivolte al Cuneo e al cercare di ottenere risultati quest’anno; poi se ci saranno offerte le valuteremo tutti assieme e vedremo che cosa fare".



- Normale l'interesse dei club di categorie superiori (fonte: Gazzetta.it - 26 Marzo 2008)
Scapini e Bertani, gol in saldo E' asta per gli uomini record. Giocano in C2 in Piemonte: il primo nel Cuneo ha fatto 21 reti e piace al Mantova Il secondo è all'Ivrea, sabato ha firmato un poker, è salito a 20 e lo segue il Chievo.
Tra i professionisti nessuno ha segnato come Matteo Scapini che a Cuneo (C2-A) non sta facendo il militare (come direbbe Totò) ma continua a fare centro: finora 21 reti. E per trovare la «medaglia d' argento» bisogna salire di 160 chilometri, fino a Ivrea (sempre C2-A): qui Cristian Bertani è arrivato a quota 20 in 27 gare e per questa ragione la sua media è migliore di quella di Godeas e Cellini, che hanno raggiunto in B con Mantova e AlbinoLeffe la stessa cifra, ma giocando di più. Non solo: sia Scapini, sia Bertani sono in scadenza di contratto. In altre parole, a giugno si scatenerà un' asta per assicurarsi al solo costo dell' ingaggio le prestazioni dei due attaccanti.

SCAPINI Sette squadre in cinque stagioni. Forse alla ricerca dell'equilibrio giusto. Cosa che Scapini ha trovato a Cuneo: prima non era andato mai al di là di sei gol (con la Valenzana) in un intero campionato. Che cosa è cambiato? «Soprattutto la continuità - sottolinea il giocatore - e la fiducia di allenatore e della squadra. Finalizzo il lavoro dei miei compagni. Poi di sicuro sono maturato anche io. Le mie caratteristiche? Mi definisco una classica punta di area, forte di testa e pronto a sfruttare ogni palla vagante o l' errore dei difensori. Insomma, il modello di riferimento è il grande Pippo Inzaghi, spesso ho cercato di studiare alla tv i suoi movimenti, perché credo che nessuno in Italia abbia il suo fiuto del gol. Ecco, direi che la differenza la fa l'istinto che ti consiglia di andare a coprire uno spazio piuttosto che un altro». I 21 gol sono un biglietto che vale il viaggio verso categorie superiori. Il salto potrebbe essere doppio, perché alcune squadre di B sono sulle sue tracce. Il Mantova sembra al momento in vantaggio sulle altre. «Per ora non ci penso - dice Scapini - il mio obiettivo è arrivare a quota 25 in modo da vincere la classifica cannonieri e salvare il Cuneo. Certo, sarei un ipocrita se non ammettessi che mi stimola molto l' idea di giocarmi le mie chance in B. Credo che sia arrivato il momento giusto. Rimpianti? Se tornassi indietro non rifarei la scelta di lasciare la Spal, dove giocavo poco, per andare in C2: dovevo avere più pazienza».



- Riscattato alle buste dal PORTOGRUARO... (fonte: TuttoMercatoWeb.com - 27 Giugno 2008)
UFFICIALE: Portogruaro, torna Scapini e arriva Rossi
... Contemporanemente la società veneta ha riscattato alle buste con il Cuneo l'attaccante Matteo Scapini (24). Per lui una stagione strepitosa con i piemontesi: 33 gare e 22 reti.



- ... Ma il suo sogno è l'HELLAS! (fonte: TuttoMercatoWeb.com - 14 Luglio 2008)
UFFICIALE: Hellas Verona, colpo Scapini
Bel colpo del Verona, che si assicura le prestazioni dell'attaccante rivelazione dell'ultimo torneo di C2 Matteo Scapini (24). Il giocatore, che arriva in comproprietà dal Portogruaro, aveva timbrato con il Cuneo 31 presenze con 22 reti all'attivo.

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Maglie HELLAS su eBay

Gadget dell'Hellas Verona su Amazon!



#VeronaVicenza Pecchia

#TuttialBentegodi

Wallpapers gallery