Mercato ultime ore: Il 'colpo' potrebbe essere FERRARI! Bentornato ad 'Iron Nick' graziato dal TNAS (c'è attesa per PESOLI), BRIENZA: HELLAS, CHIEVO o SAMP? PALERMO! Per il centrocampo spunta VIOLA, GROSSI in prestito alla PRO VERCELLI e tra poche ore potrebbe essere raggiunto da RAGATZU...

Pubblicato da andrea smarso mercoledì 30 gennaio 2013 22:26, vedi , , , , , , , , , , , , , , , , , | Nessun commento


MERCATO
Ad un giorno dalla chiusura fervono le trattative, VERONA ancora al centro dei gossip di calciomercato sia in entrata che in uscita ma una (buonissima) notizia irrompe nel pomeriggio e potrebbe diventare il vero 'colpo' d'inverno dell'HELLAS: 'Iron-Nick' è tornato! Il TNAS stabilisce che la sua squalifica termini in data odierna, ora si attende la sentenza su PESOLI...

BRIENZA: FRA I TRE LITIGANTI...
...Il quarto gode! E a godere (delle giocate dell'attaccante) potrebbe essere alla fine proprio il PALERMO società proprietaria del cartellino del giocatore: Il Patròn ZAMPARINI lo considera fondamentale per la salvezza ed il nuovo tecnico GASPERINI è daccordo... HELLAS, CHIEVO e SAMP possono attendere!

CENTROCAMPO DOPO SIGNORI SPUNTA VIOLA
Non solo SIGNORI nella 'lista della spesa' di SOGLIANO per quanto riguarda la mediana: E' duello col NOVARA per assicurarsi il forte regista Nicolas VIOLA, classe '89, in uscita dal PALERMO

GROSSI ALLA PRO VERCELLI, RAGATZU QUASI...
...Alla fine arriva anche l'ufficialità per l'esterno sinistro ex SIENA che ha rescisso con la sua società d'origine ed è stato ingaggiato dall'HELLAS per essere girato in prestito ai piemontesi in compagnia di ABBATE e SCAGLIA.
A loro potrebbe aggiungersi anche RAGATZU nelle prossime ore...

CECCARELLI DICE NO AL VICENZA...
...O almeno così riporta TuttoB.com ma domani è un altro giorno (l'ultimo di mercato)

PER FATIC C'E' IL LECCE
I giallorossi s'interessano alla situazione del terzino ex CHIEVO che non rimarrà scaligero fino a Giugno... [Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

JorginhoRafael

DICONO
Il 'nuovo acquisto' FERRARI che secondo il TNAS ha scontato la squalifica (ridotta dai tre anni iniziali a sei mesi) «Sono molto molto contento. E' un momento che aspettavo da oltre sette mesi. Finalmente è stato dimostrato che io non ho affatto commesso alcun illecito. I miei primi pensieri vanno a coloro che mi sono stati vicino, ai miei genitori, a Vanessa e alla mia piccola Viola. Un ringraziamento davvero di cuore e sentito ai miei avvocati ed in particolare a Stefano Bosio, che in questi sette mesi e più non mi ha abbandonato un attimo e che ormai oltre che un avvocato è diventato un amico ed all'Avv. Stefano Fanini, legale dell’Hellas Verona, ottimi professionisti che mi hanno tutelato e difeso sin dall’inizio di questa difficile vicenda con grande capacità e dedizione avendo sempre creduto in me e non mollando mai nelle difficoltà dei vari gradi di giudizio ed alla Società che anche nei momenti più bui mi ha sempre fatto sentire parte del gruppo. Un pensiero anche a Giovanni Martinelli, da cui ho tratto sempre una carica in questi mesi difficili ed a tutti gli organi di informazione veronesi, che non si sono mai dimenticati un solo attimo di me e della mia vicenda. Un abbraccio forte a tutti i compagni di squadra, al Mister e allo staff ed un pensiero affettuoso per tutti i tifosi, che vorrei abbracciare ad uno ad uno per la spinta umana eccezionale che mi hanno regalato in tutto questo periodo. Se sono tornato ad essere un giocatore a tutti gli effetti è anche grazie al loro affetto, che spero di poter ricambiare onorando sempre la mitica maglia dell'Hellas» HellasVerona.it

Sergio Lancini agente di FERRARI: «Siamo felicissimi. Giustizia è fatta. Il giocatore aspettava da tempo questo momento. Ora potrà tornare totalmente a disposizione del club gialloblù. Futuro lontano da Verona? Assolutamente no. Ho già parlato con la società, dopo questa sentenza vuole sicuramente restare a Verona» TuttoMercatoWeb.com

RAFAEL '19 finali alla fine!' «Ci aspettano 19 finali tutte molto difficili, ma noi siamo pronti. L'errore più grande è pensare a quello che sarà a maggio, dobbiamo giocare le prossime partite come le ultime, con la fame giusta. Promozione diretta? A fine gennaio abbiamo un margine di 10 punti che è un distacco importante e noi vogliamo continuare a migliorare, però manca ancora tanto e con il mercato gli altri si sono rafforzati. Bisogna affrontare le sfide che mancano una alla volta, senza fare calcoli ma con voglia e determinazione» HellasVerona.it

Comunque vada (speriamo bene), è attesa attesa a giorni anche la sentenza definitiva dal TNAS sul ricorso avviato da PESOLI; il difensore ex SIENA appare sollevato «...Il tempo delle udienze è finito e anche il calvario. Mi sono tolto un peso. Vivo adesso momenti di tensione e agitazione per me e per la mia famiglia. Spero ci possa essere il lieto fine. Che mi permette di sostituire con un sorriso le tante lacrime versate. L'udienza è stata lunga. Due ore e un quarto di dibattimento. Ho avvertito da parte della giuria attenzione e umanità. Sanno di non avere in mano un giocattolo. Sanno che dietro c'è una famiglia. Penso proprio che questa decisione la prenderanno con le pinze. Questa parentesi del calcio scommesse, però, mi ha insegnato tante cose. Non voglio assolutamente illudermi. Resta con i piedi per terra, per paura di farmi male».
Pesoli e il Verona? «Ho parlato con la società. Con me si sono comportati sempre da signori. Abbiamo in essere un preliminare di contratto. Se ci sarà assoluzione potrò tornare a dare una mano per la cavalcata in A del Verona. Sarebbe molto bello. Se va male, invece, a 33 anni mi vedrei costretto a chiudere con il calcio. Ma voglio lasciare la porta aperta alla speranza».
In questo periodo ha avuto grande supporto dalla gente dell'Hellas «Non ho mai giocato con il Verona e la gente mi ha sempre sostenuto. Sono senza parole. Mi fermano per strada, mi domandano come procede la vicenda. E proprio per questo motivo mi piacerebbe tanto indossare questa maglia per ripagarli di questo grande affetto. La sento mia questa maglia. La piazza mi ha dato tanto, mi ha sostenuto. Adesso non mi illudo ma spero che le cose possano andare nel miglior modo possibile» LArena.it

JORGINHO sul 'Progetto Scuola Hellas Verona' «Spero che il Progetto Scuola dell'Hellas Verona continui ancora tanto, perché essere qui con questi bambini meravigliosi è stupendo - ha spiegato Jorginho -. Il loro entusiasmo mi ricorda la mia infanzia, quando a scuola sognavo di incontrare i miei idoli. Essere un riferimento per i più piccoli è molto bello ma comporta anche delle responsabilità, devi dare sempre il buon esempio» HellasVerona.it

Garrett McNamara: 100ft, World's Biggest Wave Off the Coast of PortugalBalotelli First Interview With Milan channel As A Milan Player

IN BREVE A PIÉ PAGINA
SURF: Cavalca un onda dai 24 metri ai 30 metri! Un record... Da paura!
MERCATO SERIE A: BALOTELLI torna a Milano, sponda rossonera, nonostante sia stato definito qualche settimana fa 'mela marcia' dal patròn rossonero che ovviamente, com'è nel suo stile, nega di aver mai detto una cosa del genere...
COPPA ITALIA: JUVE a casa!, FLOCCARI porta la LAZIO in finale...

RASSEGNA STAMPA
SERIE B
Pro Vercelli, tutto fatto per Ragatzu
30.01.2013 22.48 di Arturo Minervini
Tutto come previsto. Come riportato nel pomeriggio, l'attaccante Daniele Ragaztu passa dal Verona alla Pro Vercelli. Come riferisce Gianlucadimarzio.com, l'attaccante classe '91 ha firmato poco fa il contratto con il club piemontese.

SERIE A
ATAHOTEL EXECUTIVE - Palermo, Zamparini e Gasperini bloccano Brienza
30.01.2013 20.10 di Alessio Alaimo Twitter: @alaimotmw
Dato per partente, Franco Brienza potrebbe restare al Palermo. Oggi il presidente Maurizio Zamparini in visita alla squadra ha detto al giocatore di volerlo tenere e che lo considera importante per la salvezza. D'accordo con lui anche il tecnico Gasperini. Intanto il Verona, che oggi ha avuto un colloquio con l'agente di Brienza, aspetta notizie. Così come la Samp. Brienza vorebbe restare al Palermo, per accontentare il suo presidente. Sviluppi, ovviamente, entro domani.

SERIE B
Verona, ag. Ferrari: "Felicissimo, resterà a Verona"
30.01.2013 18.45 di Elisabetta Zampieri
E' di oggi la notizia della riduzione dalla squalifica di Nicola Ferrari, attaccante del Verona, da tre anni a sei mesi. Una decisione che permetterà al giocatore di essere disponibile a giocare già da oggi. Per capire quali saranno le mosse dell'attaccante, sul quale si era registrato anche un interessamento da parte della Pro Vercelli, TuttoHellasVerona.it ha contattato l'agente Sergio Lancini: "Siamo felicissimi. Giustizia è fatta. Il giocatore aspettava da tempo questo momento. Ora potrà tornare totalmente a disposizione del club gialloblù. Futuro lontano da Verona? Assolutamente no. Ho già parlato con la società, dopo questa sentenza vuole sicuramente restare a Verona"

SERIE B
Pro Vercelli Ragatzu vicino
30.01.2013 18.05 di Gaetano Mocciaro Twitter: @gaemocc
Secondo quanto riportato da TuttoB l'attaccante che la Pro Vercelli cercava è stato trovato: si tratta di Daniele Ragatzu del Verona. Il giocatore passerebbe alle casacche bianche in prestito.

LEGA PRO
ATAHOTEL EXECUTIVE - Lecce, interesse per Fatic
30.01.2013 14.31 di Antonio Gaito Twitter: @antonio_gaito
Fonte: Alessio Alaimo
Il Lecce segue con attenzione la situazione di Ivan Fatic. Secondo quanto raccolto da Tmw il club pugliese sta provando ad ottenere dal Verona il terzino classe '88, di proprietà del Chievo, che sta trovando poco spazio.

SERIE A
Torino e Sampdoria, anche l'Hellas tenta l'assalto di fine mercato a Brienza
29.01.2013 22.26 di Claudio Colla
Cercato da Torino e Sampdoria come obiettivo di fine mercato, con il Chievo Verona che sembra invece essersi defilato, il trequartista e mezzapunta del Palermo Franco Brienza (33), tornato in rosanero la scorsa estate dopo l'esperienza di Siena e attualmente legato ai club del capoluogo siciliano fino al giugno 2014, starebbe per essere oggetto di un nuovo assalto da parte dell'Hellas Verona, stando a quanto riportato sulle pagine de L'Arena. Da non escludere che però in definitiva l'ex-Ascoli e Reggina, il quale ha comunque fornito un discreto contributo alla squadra fino a questo momento, resti a Palermo fino al termine del campionato in corso.

SERIE A
Curiostià dalla B - La giornata delle sorprese
30.01.2013 06.45 di Elisabetta Zampieri
Dopo un mese di attesa torna finalmente la Serie B. Una pausa, quella invernale, che ha dovuto portare dei cambiamenti nella solita preparazione delle squadre e si è rivelata, come si poteva prevedere, fatale per alcune favorite alla vigilia. Tra le sorprese più eclatanti c'è sicuramente la sconfitta del Sassuolo nell'anticipo di venerdì sera contro il Crotone. Nella seconda giornata di ritorno, tra le prime della classe, sorride solo il Verona di Mandorlini. La formazione scaligera, vittoriosa a La Spezia, recupera tre punti sul Sassuolo, due sul Livorno, fermato sullo 0-0 da un buon Padova, e torna a più 10 dal Varese, quarta classificata. La vittoria del Verona a La Spezia, che mancava dal lontano 1933, arriva grazie ad un gol di Daniele Cacia, un gol che gli ha permesso di raggiungere quota 14 e tornare in testa alla classifica marcatori alla pari di Sansovini, proprio dello Spezia.

Tra i giocatori virtuosi di giornata però non c'è soltanto la punta del Verona. Jiday della Juve Stabia si è infatti stabilito in testa alla classifica di palle recuperate (ben 46 nella gara giocata con il Bresica) mentre De Falco del Bari è stato il più prolifico in quella di passaggi riusciti (77 nel match contro l'Ascoli). Per quanto riguarda gli assist forniti invece il primo posto se lo aggiudica Budel del Brescia (4) mentre come tiri in porta il più attivo è Bellomo del Bari (11). Nessun primo posto quindi per i talenti delle cosidette 'grandi', talenti che hanno faticato non poco al rientro dalla lunga pausa invernale.

La Serie B è tornata, ancora più bella ed incerta di prima. Da qui a fine stagione ne vedremo delle belle.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


PRIMO PIANO
ESCLUSIVA TB - Pro Vercelli, super colpo Ragatzu
30.01.2013 17:48 di Nicolò Schira Twitter: @@BomberNiko
La Pro Vercelli ha messo a segno un colpo da novanta, assicurandosi il forte fantasista, classe '91, Daniele Ragatzu dall'Hellas Verona. La formula del trasferimento dovrebbe essere quella del prestito.

CALCIOMERCATO
Ufficiale: Grossi alla Pro Vercelli
30.01.2013 14:34 di Matteo Federighi
Come anticipato la trattativa che ha portato Grossi alla Pro Vercelli è andata a buon fine. Il Verona ha acquistato il resto del cartellino dell'attaccante dal Siena e lo ha rigirato in prestito alla società piemontese.

Paolo Grossi approda alla Pro Vercelli, collezionando 16 presenze con la maglia del Verona nella prima parte della stagione senza però totalizzare reti.

LE INTERVISTE
Vicenza, sfumano due obiettivi
30.01.2013 14:08 di Matteo Federighi
Fonte: La gazzetta dello sport
Il Vicenza incassa due "no" , quello del difensore classe '83 del Verona Luca Ceccarelli e dell'esperto portiere Benussi del Palermo. La società veneta si "tuffa" sull'uscente portiere Bremec del Grosseto, anche se il suo ingaggio non convince appieno la società.

PRIMO PIANO
ESCLUSIVA TB - Il Novara sfida l'Hellas Verona per un centrocampista del Palermo
30.01.2013 00:42 di Nicolò Schira Twitter: @@BomberNiko
Sarà duello Novara-Hellas Verona per assicurarsi il forte regista Nicolas Viola, in uscita dal Palermo. Entrambi i club cadetti vantano eccellenti rapporti con la dirigenza rosanero, pertanto sarà determinante la volontà del giocatore.

CALCIOMERCATO
ESCLUSIVA- Hellas Verona, la Sampdoria forte su un tuo obiettivo
29.01.2013 19:35 di Attilio Malena
Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Tuttob.com, la Sampdoria starebbe lavorando per acquistare Franco Brienza. Il calciatore nei giorni scorsi era in procinto di passare all'Hellas Verona.

FONTE: TuttoB.com


mercoledì, gennaio 30th, 2013 | Posted by Tommaso M Ferrante
Calciomercato Pro Vercelli, ennesimo colpo di mercato in dirittura d’arrivo per i leoni!
Secondo quanto riporta il blog di Gianluca Di Marzio la Pro Vercelli è in procinto di mettere a segno l’ennesimo colpo in entrata del suo ricco mercato di riparazione. Dal Verona sarebbe in procinto di concretizzarsi la trattativa che porta a Daniele Ragatzu. L’attaccante classe 1991 era stato ingaggiato dal club scaligero che lo girerà, con tutta probabilità, alla società piemontese.

mercoledì, gennaio 30th, 2013 | Posted by Daniele Andronaco
Serie B, ‘La B sul taccuino’: i migliori della 23a giornata
Con il ritorno del campionato, torna anche ‘La B sul taccuino‘, l’iniziativa della Lega cadetta che ogni settimana chiede ad alcuni giornalisti, tra cui il nostro direttore Matteo Fantozzi, di votare il meglio dell’ultimo turno. La scelta del miglior giocatore della 23a giornata è ricaduta su Litteri, autore della doppietta che ha consentito alla Ternana di espugnare Modena. La miglior squadra è invece il Lanciano, vittorioso sul campo del Varese. Il miglior giovane il 21enne Zaza dell’Ascoli, premiato anche per il gol più bello a pari merito con Di Roberto del Cittadella, Cacia del Verona e Succi del Cesena. C’è un ex aequo anche per il miglior allenatore, tra Aglietti del Novara e Toscano della Ternana. Il gesto più bello della giornata è invece il ricordo di Piermario Morosini prima del fischio d’inizio di Padova-Livorno.

mercoledì, gennaio 30th, 2013 | Posted by Daniele Andronaco
Serie B, numeri e curiosità dopo la 23a giornata
Il sito ufficiale della Lega Serie B pubblica alcuni numeri e curiosità del campionato dopo la 23a giornata:
11 i pareggi del Brescia, la squadra che in questa stagione ha impattato più di tutte le altre. Con lo 0 a 0 di Castellammare le rondinelle staccano in questa particolare classifica il Vicenza e la Virtus Lanciano, fermi a dieci “X”.
4 le vittorie dell’Ascoli nelle ultime cinque partite. Se il campionato fosse iniziato alla 19a giornata, i bianconeri sarebbero primi in classifica, seguiti da Hellas Verona con tre vittorie e due pareggi, e il Sassuolo, tre vittorie e due sconfitte. In fondo alla classifica Grosseto, Bari e Vicenza.
3 i rigori parati da Cordaz dopo quello al Grosseto. Il numero 1 del Cittadella ne ha subiti sei in questa stagione con una percentuale del 50% fra incassati e parati. Dopo il match casalingo con la Ternana il Modena è primo per rigori subiti: otto, sette dei quali trasformati.
47 le reti del Sassuolo dopo quella siglata a Crotone da Missiroli. E’ la squadra più prolifica del campionato. Tiene il passo il Livorno a 45, a bocca asciutta però sabato a Padova, mentre tutte le altre sono staccate. L’Empoli è a quota 38, l’Hellas Verona a 36 e la Juve Stabia a 34.
3 le sconfitte di Livorno e Hellas Verona. Dopo l’1 a 2 del Sassuolo a Crotone, quarto ko stagionale, le due formazioni attualmente seconda e terza in classifica sono le squadre meno battute del campionato di Serie bwin.

FONTE: SerieBNews.com


30.01.2013
«Il calvario è finito, ora spero nel lieto fine»
EMANUELE PESOLI
Aspetta la risposta. Sembra sia passata un'eternità. Momenti difficili per Emanuele Pesoli. Che spera nella buona novella sul suo conto. Tre anni di squalifica per la vicenda del calcio scommesse. La delusione. Ma nessuna resa. La forza. La reazione. L'appello al Tnas. L'ultima udienza. E adesso nelle prossime ore dovrebbe arrivare anche il verdetto definitivo. Per capire cosa sarà. Del suo futuro. Della sua avventura nel calcio. L'Hellas è rimasto sempre al suo fianco. Pure i tifosi. Pronti a rincuorarlo e a regalargli un abbraccio senza fine. Pesoli, ieri, ha parlato. Forza, coraggio e speranza.

Pesoli, il tempo delle udienze è finito «Anche il calvario. Mi sono tolto un peso. Vivo adesso momenti di tensione e agitazione per me e per la mia famiglia. Spero ci possa essere il lieto fine. Che mi permette di sostituire con un sorriso le tante lacrime versate».

Sensazioni dopo l'ultimo incontro avuto con il Tnas? «L'udienza è stata lunga. Due ore e un quarto di dibattimento. Ho avvertito da parte della giuria attenzione e umanità. Sanno di non avere in mano un giocattolo. Sanno che dietro c'è una famiglia. Penso proprio che questa decisione la prenderanno con le pinze. Questa parentesi del calcio scommesse, però, mi ha insegnato tante cose. Non voglio assolutamente illudermi. Resta con i piedi per terra, per paura di farmi male».

Pesoli e il Verona? «Ho parlato con la società. Con me si sono comportati sempre da signori. Abbiamo in essere un preliminare di contratto. Se ci sarà assoluzione potrò tornare a dare una mano per la cavalcata in A del Verona. Sarebbe molto bello. Se va male, invece, a 33 anni mi vedrei costretto a chiudere con il calcio. Ma voglio lasciare la porta aperta alla speranza».

In questo periodo ha avuto grande supporto dalla gente dell'Hellas «Non ho mai giocato con il Verona e la gente mi ha sempre sostenuto. Sono senza parole. Mi fermano per strada, mi domandano come procede la vicenda. E proprio per questo motivo mi piacerebbe tanto indossare questa maglia per ripagarli di questo grande affetto. La sento mia questa maglia. La piazza mi ha dato tanto, mi ha sostenuto. Adesso non mi illudo ma spero che le cose possano andare nel miglior modo possibile».

30.01.2013
Macché play off Le regine vogliono subito la serie A
LA VOLATA FINALE. In questo momento ci sarebbe la promozione diretta. L'Hellas viaggia con una media di due punti a partita, se continua così può chiudere la stagione a quota 84 Nel 2007 il «grande exploit» di Juve, Napoli e Genoa
Si sta benissimo con dieci punti in più del Varese e della quarta. Come essere seduti comodamente in poltrona, a guardare fuori dalla finestra le altre affannarsi per trovare un angolo per ripararsi dalla pioggia. La distanza fatidica fra la terza e la prima delle inseguitrici è rassicurante, non solo per la matematica. Finisse così, il Verona sarebbe promosso. La serie B la sua direttrice ce l'ha ormai. Il Verona viaggia a due punti di media a partita. Un'andatura strepitosa che permetterebbe a Mandorlini, continuando a viaggiare di questo passo, di toccare in fondo al rettilineo il traguardo astronomico degli 84 punti. Il campo ora è pulito, senza i recuperi del Varese che per di più il suo dovere (vittorie con Grosseto e Brescia) l'ha fatto fino in fondo. Lo scivolone di Crotone ha minato anche la serenità del Sassuolo, non più così distante e per la prima volta sotto la media del 2007 della Juventus, che dopo la seconda di ritorno aveva un punto in più (52 contro 51) senza però i nove di penalità. Duello fra giganti fra i 2.26 della Juve ed i 2.21 del Sassuolo. Roba da far tremare i polsi, ma il Verona non ha fatto una piega.

ALTRO MONDO. Nel 2007 non ci fu bisogno dei playoff, visto il vantaggio in doppia cifra (78 contro 68) del Genoa di Gianpiero Gasparini nei confronti del Piacenza di Beppe Iachini. Il Napoli chiuse a 79 punti, la Juve ad 85. Tutto deciso a priori? Macché, a metà febbraio la classifica parlava di gruppo compatto, di distanze minime, di equilibrio totale. Al terzo posto (40 punti) c'era il Mantova di Mimmo Di Carlo e non una delle tre promosse, il Genoa era un punto dietro, la quinta (il Piacenza) a due, il Rimini ed il Bologna a quattro lunghezze dal Napoli secondo. Un campionato completamente diverso, senza i solchi che Sassuolo, Livorno ma anche Verona hanno saputo tracciare rispetto alle altre. Fra il Verona e le seste Modena e Brescia ci sono adesso 14 punti, nel 2007 invece l'alternanza era di fatto la regola. Vinceva l'equilibrio, per lunghi tratti più forte anche di tre marchi potentissimi come Juve, Napoli e Genoa.

TREND DA CONFERMARE. Notevolissima è la differenza di media-punti del Verona anche solo col Varese (1.56), una forbice (1.39) che si dilata ancora di più rapportandola a Brescia e Modena. Il divario è andato via via ampliandosi e nulla vieta di pensare che la tendenza possa essere ribadita nei prossimi mesi, per la qualità delle primissime e i difetti di chi arranca alle loro spalle. Il Sassuolo chiuderebbe a 103 punti, il Livorno a 88, l'Hellas a 84 e con un bottino superiore anche al Pescara ed al Torino che l'anno passato vennero promosse a braccetto con 83 punti totali. A fine maggio scorso però c'era il Verona a 78 punti a fare da anello di congiunzione fra le prime tre (il Sassuolo finì ad 80) ed un Varese quinto che toccò i 71 punti grazie ad un girone di ritorno che nessuno seppe eguagliare. Stavolta quella squadra non c'è. E il Verona dieci punti sulla quarta li ha già.

FORBICE DA ALLARGARE. Il pari fra Juve Stabia e Brescia ha chiuso a chiave la seconda di ritorno e dato al Verona un altro merito: solo l'Hellas ha vinto fra le prime dieci. Segno che riprendere a correre dopo quasi un mese di inattività non era poi condizione così scontata. Il dato è anche la riprova di un teorema da sempre molto valido e facilmente dimostrabile, quello che il girone di ritorno dà gambe e fiato a chi è in difficoltà e crea problemi anche seri a chi ha viaggiato in prima o seconda fila nei primi cinque mesi di stagione. Vedi il Lanciano che passa a Varese, la Ternana che prende tutto a Modena, il Sassuolo e l'Empoli azzerate da Crotone e Novara, lo stesso Grosseto che liquida il sempre vivace Cittadella. E il Verona? Aveva lo scoglio più duro, contro chi come lo Spezia aveva usato la sosta per cancellare un girone di andata balbettante e cominciare a marciare secondo l'andatura consigliata da una rosa d'alta qualità. Invece non c'è stata partita, non solo per il superbo gol di Cacia. Regine ed oneste comparse anche là in alto, la serie B non lascia spazio a molte altre interpretazioni. Sabato se n'è avuta l'ennesima riprova, il resto lo sentenziano i numeri.
Alessandro De Pietro

FONTE: LArena.it


Nicola Ferrari: "Grazie a chi mi è stato vicino"
Postata il 30/01/2013 alle ore 20:07
Dopo la sentenza del Tnas, ecco la dichiarazione ufficiale dell'attaccante gialloblù: "Sono molto contento, si è dimostrato finalmente che non ho commesso alcun illecito"
VERONA - Ecco la dichiarazione dell'attaccante gialloblù, Nicola Ferrari, rilasciata al sito ufficiale del club, dopo la sentenza del Tnas che gli permetterà di tornare a essere un calciatore dal 31 gennaio 2013:

"Sono molto molto contento. E' un momento che aspettavo da oltre sette mesi. Finalmente è stato dimostrato che io non ho affatto commesso alcun illecito. I miei primi pensieri vanno a coloro che mi sono stati vicino, ai miei genitori, a Vanessa e alla mia piccola Viola. Un ringraziamento davvero di cuore e sentito ai miei avvocati ed in particolare a Stefano Bosio, che in questi sette mesi e più non mi ha abbandonato un attimo e che ormai oltre che un avvocato è diventato un amico ed all'Avv. Stefano Fanini, legale dell’Hellas Verona, ottimi professionisti che mi hanno tutelato e difeso sin dall’inizio di questa difficile vicenda con grande capacità e dedizione avendo sempre creduto in me e non mollando mai nelle difficoltà dei vari gradi di giudizio ed alla Società che anche nei momenti più bui mi ha sempre fatto sentire parte del gruppo. Un pensiero anche a Giovanni Martinelli, da cui ho tratto sempre una carica in questi mesi difficili ed a tutti gli organi di informazione veronesi, che non si sono mai dimenticati un solo attimo di me e della mia vicenda. Un abbraccio forte a tutti i compagni di squadra, al Mister e allo staff ed un pensiero affettuoso per tutti i tifosi, che vorrei abbracciare ad uno ad uno per la spinta umana eccezionale che mi hanno regalato in tutto questo periodo. Se sono tornato ad essere un giocatore a tutti gli effetti è anche grazie al loro affetto, che spero di poter ricambiare onorando sempre la mitica maglia dell'Hellas".
Ufficio Stampa

Comunicato Tnas - Nicola Ferrari
Postata il 30/01/2013 alle ore 17:31
VERONA - L'Hellas Verona F.C. accoglie con soddisfazione e gioia la notizia della sentenza del Tnas che ha ridato a Nicola Ferrari la possibilità di giocare a calcio. L'attaccante dell'Hellas Verona rilascerà a breve delle dichiarazioni attraverso il sito ufficiale del club.

Ecco, di seguito, il testo del comunicato del Tnas, emesso questo pomeriggio:
"Il TNAS, in relazione alla controversia N.Ferrari/FIGC, comunica che il Collegio Arbitrale (Avv. Marcello de Luca Tamaio (Presidente), Prof. Avv. Tommaso Edoardo Frosini e Avv. Enrico De Giovanni), in riforma del provvedimento impugnato ed in parziale accoglimento dell’istanza arbitrale, in relazione all’art. 7, comma 7, del Codice di Giustizia Sportiva, applica a Ferrari la sanzione della squalifica sino alla data odierna, cioè sino al 30 gennaio 2013. L'istanza aveva come oggetto la squalifica del calciatore per 3 anni (C.U. 002/CGF 2012/2013)".
Ufficio Stampa

Rafael: "Fame di vincere, voglia di tutti" / VIDEO
Postata il 30/01/2013 alle ore 16:08
SANDRA' - Segui su hellasverona.it l'intervista a Rafael. Ecco alcune dichiarazioni del portiere gialloblù in vista della sfida contro la Reggina in programma venerdì 1 febbraio: "Ci aspettano 19 finali tutte molto difficili, ma noi siamo pronti. L'errore più grande è pensare a quello che sarà a maggio, dobbiamo giocare le prossime partite come le ultime, con la fame giusta. Promozione diretta? A fine gennaio abbiamo un margine di 10 punti che è un distacco importante e noi vogliamo continuare a migliorare, però manca ancora tanto e con il mercato gli altri si sono rafforzati. Bisogna affrontare le sfide che mancano una alla volta, senza fare calcoli ma con voglia e determinazione".
Ufficio Stampa

Jorginho al Progetto Scuola: "I miei ricordi" / VIDEO
Postata il 30/01/2013 alle ore 15:16
CUSTOZA - Continua il successo del Progetto Scuola 2012-2013 organizzato dall'Hellas Verona, in collaborazione con la Facoltà di Scienze Motorie e la professoressa Monica Magnone, coordinatrice dell'Ufficio Scolastico di Educazione Fisica di Verona. Ospite dell'istituto Tamburino Sardo di Custoza è stato il centrocampista gialloblù Jorginho. L'italo-brasiliano ha risposto alle domande dei piccoli studenti e ha autografato i loro disegni: "Spero che il Progetto Scuola dell'Hellas Verona continui ancora tanto, perché essere qui con questi bambini meravigliosi è stupendo - ha spiegato Jorginho -. Il loro entusiasmo mi ricorda la mia infanzia, quando a scuola sognavo di incontrare i miei idoli. Essere un riferimento per i più piccoli è molto bello ma comporta anche delle responsabilità, devi dare sempre il buon esempio".
Ufficio Stampa

Ufficiale: Paolo Grossi alla Pro Vercelli
Postata il 30/01/2013 alle ore 12:11
VERONA - L'Hellas Verona F.C. comunica la cessione del calciatore Paolo Grossi alla F.C. Pro Vercelli a titolo temporaneo.
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC]
SURF: Cavalca un onda dai 24 metri ai 30 metri! Un record... Da paura!
MERCATO SERIE A: BALOTELLI torna a Milano, sponda rossonera, nonostante sia stato definito qualche settimana fa 'mela marcia' dal patròn rossonero che ovviamente, com'è nel suo stile, nega di aver mai detto una cosa del genere...
COPPA ITALIA: JUVE a casa!, FLOCCARI porta la LAZIO in finale...

SURF SULL'ONDA 'MOSTRUOSA': NUOVO RECORD IN PORTOGALLO -FOTO/VIDEO
Mercoledì 30 Gennaio 2013 - 20:40
LISBONA - Tentando di battere un suo precedente record potrebbe aver surfato sull'onda più alta mai 'domata' da un uomo. Garrett McNamara, surfista americano, è riuscito a cavalcare di nuovo l'onda gigante sulle coste del Portogallo, nello stesso luogo dove aveva stabilito nel novembre del 2011 l'attuale primato, il Naza‚ Canyon famoso per generare onde immense. Il campione in quell'occasione aveva surfato su di un'onda alta ben 78 piedi (l'equivalente di circa 24 metri). Anche se secondo alcuni l'onda doveva essere addirittura di 100 piedi (30 metri circa). L'ultima parola spetta comunque agli esperti, che ora dovranno verificare se veramente è stato stabilito il nuovo record. A guardare il video della gara, che si è svolta sulla costa di Praia do Norte a Nazar, viene comunque la pelle d'oca. I campioni sembrano volare mentre affrontano il muro d'acqua. «Vai giù velocissimo - ha raccontato il surfista alla BBC, che più che intimorito sembra entusiasta - è come fare lo snowboard su montagne gigantesche. Voli giù, e mente e corpo sono tutta una scossa».

BALOTELLI IL RITORNO: "AL MILAN DI CORSA". 'STRISCIA' GLI PORTA UN TAPIRO -FOTO/VIDEO
Mercoledì 30 Gennaio 2013 - 19:22
MILANO - Mario Balotelli è arrivato a Milano. L'aereo privato con a bordo l'attaccante milanista è atterrato a Malpensa poco prima delle 17. Il viaggio del nuovo attaccante acquistato dal Manchester City è stato ritardato da alcune lungaggini burocratiche necessarie in Inghilterra per la chiusura del rapporto di lavoro di un cittadino non britannico.
Balotelli è sceso dall'aereo accompagnato dall'ad Adriano Galliani. L'attaccante indossa una felpa bianca, un cappellino nero e bianco, e al collo una sciarpa rossonera. Galliani alle telecamere di Milan Channel ha mostrato la maglia rossonera con il numero 45.

IL BENVENUTO Il presidente del Milan Silvio Berlusconi ha dato il benvenuto al Milan a Mario Balotelli, con cui ha parlato al telefono mentre l'attaccante si trovava all'ospedale di Busto Arsizio per sostenere le visite mediche.

IL TAPIRO Movimentata consegna del Tapiro da parte di Valerio Staffelli a Mario Balotelli, prima di entrare nell'ospedale di Busto Arsizio per le visite mediche di rito. La folla ha circondato la vettura con a bordo il giocatore costretto a entrare dal pronto Soccorso. Per provare a fermare l'auto con a bordo Balotelli, Staffelli si è seduto sul cofano mentre l'autista faceva manovra per liberarsi dall'ingorgo di persone. In felpa bianca e giubbotto smanicato nero, con in testa un cappello da baseball al contrario, l'attaccante ha tirato dritto nel corridoio del reparto accompagnato dal suo avvocato, Vittorio Rigo. Mentre Balotelli sostiene le visite mediche, fuori dal pronto soccorso è rimasta una folla di una cinquantina di persone.

"VOLEVO IL MILAN DA TANTO" «Era molto tempo che volevo giocare nel Milan. Prima giocavo per altre squadre e non potevo venire. Adesso ho avuto la possibilità e sono corso». Queste le prime parole da rossonero di Mario Balotelli a Milan Channel. «Il coro? Basta che mi vogliano bene e sono contento. Ho cominciato questa stagione con il City non bene e spero di fare bene. Io lo sapevo, dentro di me, che prima o poi sarei arrivato. Ho fatto delle scelte importanti e spero che possano portare bene sia a me che al Milan».
Balotelli ha lasciato Malpensa da un'uscita secondaria, dribblando un centinaio di tifosi, giornalisti e operatori televisivi in attesa da questa mattina. Il giocatore rossonero è accompagnato da mamma e papà.

GALLIANI: "SOGNO CHE SI REALIZZA" «Non devo certo presentarlo io Mario Balotelli. È un sogno che si realizza, che volevano tutti con il presidente Silvio Berlusconi in prima linea. Ci abbiamo lavorato tanto e Mario è nei nostri cuori da tempo e, finalmente, ci siamo riusciti»: lo dice a Milan Channel Adriano Galliani che ha accompagnato Mario Balotelli nel suo viaggio da Londra a Milano.

CAOS IN OSPEDALE Si sono vissuti minuti di grande confusione all'ospedale di Busto Arsizio quando è arrivato Mario Balotelli per sostenere le visite mediche, ultimo passo prima della firma del contratto con il Milan. Un centinaio di persone, tra operatori dell'informazione e curiosi, ha circondato l'auto con a bordo il giocatore, che non è riuscito a scendere di fronte al reparto di radiologia, come previsto. Nella ressa l'autista ha faticato non poco a fare manovra tra tifosi che inneggiavano Balotelli e altri che urlavano si lamentavano per le spinte e la calca. L'auto ha raggiunto l'ingresso del pronto soccorso e lì l'attaccante è entrato ma i due agenti di guardia non sono riusciti ad arginare la folla che ha accompagnato il giocatore sino all'ascensore. Ad attendere Balotelli c'era anche Valerio Staffelli di Striscia la Notizia, che lo ha inseguito con la sua troupe per consegnargli il 'Tapiro d'orò.

FLOCCARI PORTA LA LAZIO IN FINALE DI COPPA ITALIA -FOTO/PAGELLE
Mercoledì 30 Gennaio 2013 - 08:02 di Enrico Sarzanini
ROMA - La Lazio è in finale di Coppa Italia. Avanti con Gonzalez, si è fatta raggiungere al 46’ da Vidal per poi trovare la finale grazie al neo entrato Floccari. Un finale convulso che ha regalato a Petkovic una gioia inaspettata: «Questa è la vittoria del cuore: ci abbiamo creduto fino alla fine e con la grinta abbiamo ottenuto questo grande risultato. Voglio ringraziare tutti, dal pubblico ai giocatori: una serata incredibile, straordinaria. Abbiamo dimostrato di poter competere con le più forti, ma andiamo avanti a testa bassa e restiamo con i piedi per terra». Roma o Inter in finale: «Per il calcio italiano il derby in finale sarebbe bello. Noi siamo qui, ci vuole tempo, fino ad aprile. Ora pensiamo al campionato».
Il tecnico bosniaco chiude parlando del finale convulso di partita: «Alla fine non si capiva più niente. E' stata dura, ma abbiamo vinto contro una grande squadra che da anni è ai vertici del calcio ma la mia Lazio è stata straordinaria. Mercato? Ho letto tanti nomi, sinceramente spero che finisca presto perché non se ne può più».
Conte a fine gara ha provato ad essere ironico suscitando invece la rabbia di gran parte dei giornalisti che si sono sentiti presi in giro: «Io arrabbiato con l'arbitro? Non ce l'avevo con lui, ma con i miei giocatori, il direttore di gara è stato perfetto: Vucinic si è tuffato, mentre Giovinco ha avuto un calo di zuccheri in area». Il tecnico, poi, prova a tornare serio: «Avremmo meritato noi la qualificazione ma il calcio è questo».
Fronte mercato. Il nome nuovo è Felipe Anderson, centrocampista ventenne del Santos: la Lazio propone 7 milioni, la richiesta è di 10 milioni più il 30% della futura rivendita. Le prossime ore saranno decisive. Spunta anche Diego Laxalt, giovane talento sudamericano del Defensor Sporting Club di Montevideo. Per il Centrocampista classe '93 la Lazio avrebbe offerto 2 milioni e mezzo di euro. I tifosi, in ogni caso si aspettano qualcosa e ieri lo hanno lasciato intendere con lo striscione apparso in curva: «Carpe diem, dirtelo in latino è l'ultima speranza».
In uscita, Scaloni passa all’Atalanta (ieri salutato dai compagni dopo il primo gol, esultando e mostrando la sua maglia numero 5) e Sculli va al Pescara.

LE PAGELLE (di Enrico Sarzanini) - Queste le pagelle della Lazio: Marchetti, Gonzalez e Floccari strepitosi.
MARCHETTI 7.5
Rischia il rigore in avvio su Vucinic, ma nel finale salva la qualificazione su Giovinco.
BIAVA 6
Inizio in affanno. Si ritrova subito complice una difesa in grande serata.
DIAS 6.5
Un muro invalicabile anche se deve fare i conti con un Vucinic in palla che lo tiene in apprensione per tutta la gara.
CIANI 7
Oltre a difendere con grande gagliardia, spesso si getta in avanti. Gigante.
KONKO 6.5
In serata, copre e fa ripartire l'azione allo stesso tempo, diventando presto una spina nel fianco.
RADU 5
Complice una Juventus a trazione anteriore è troppo prudente, atteggiamento che lo costringe spesso all’errore: fatale quello che commette al 91’ quando regala alla Juve il pareggio che poteva costare i tempi supplementari.
GONZALEZ 7.5
Riesce a sbloccare una partita difficilissima con un perfetto colpo di testa al volo. Gol con dedica a Scaloni, ieri passato all’Atalanta (40' st Cana ng).
LEDESMA 6.5
Mette una palla col contagiri sulla testa di Gonzalez per l’1-0.
HERNANES 5
Gara in chiaroscuro conclusa con una brutta botta alla tempia che gli fa perdere i sensi per fortuna senza coseguenze. Esce in barella (17' st Lulic 6: bravo a spostare in avanti il baircenrto della squadra).
MAURI 6
Nel primo tempo è meno brillante del solito. Nella ripresa sale in cattedra.
KLOSE 6
In avanti soffre di solitudine ed è costretto a fare a sportellate da solo con mezza difesa della Juve che su di lui raddoppia costantemente. (25'st Floccari 7.5: Entra al posto di Klose a 20’ dalla fine. Prima si divora clamorosamente la palla del possibile 2-0, ma al 93’ nell’ultimo assalto incorna il pallone che regala alla Lazio la finale di Coppa Italia, in una delle più incredibili gare della stagione).
PETKOVIC 7
Aveva chiesto una reazione alla squadra dopo la sconfitta con il Chievo ed è stato accontentato con la finale di Coppa Italia.

BERLUSCONI: "BALOTELLI NON È UNA MOSSA ELETTORALE. MELA MARCIA?MAI DETTO" -FOTO
Mercoledì 30 Gennaio 2013 - 19:55
ROMA - «L'acquisto di Mario Balotelli non è assolutamente una mossa elettorale, bensì un investimento voluto dalla parte tecnica della società. E poi, l'unica cosa positiva che ho pensato è questa: Balotelli ha segnato due gol, facendo piangere i tedeschi, mentre l'altro Mario, Mario Monti, ha segnato due gol anche lui, con l'Imu e il redditometro e ha fatto piangere tutti gli italiani...». Ospite del tg3, Silvio Berlusconi prende spunto dall'acquisto di Mario Balotelli per punzecchire Mario Monti.

«MAI DETTO MELA MARCIA» «Non è così». Ospite del tg3, Silvio Berlusconi smentisce di aver detto che Mario Balotelli fosse una «mela marcia»...

FONTE: Leggo.it


30.01.2013
Balo ritorna a Milano Vestirà il rossonero
MERCATO. Il Milan ha ufficializzato l'acquisto dell'attaccante del City
Al club inglese andranno 20 milioni ma in cinque rate Al giocatore contratto fino al 2017 a 4 milioni l'anno

MILANO Mario Balotelli è ufficialmente un giocatore del Milan. A comunicare l'acquisto del 22enne attaccante è stato il club rossonero con un lancio sul canale tematico Milan Channel. «Mario arriva domani!!! C'è l'accordo fra i due club. Domani le visite mediche. Dopo Mario firmerà un contratto con il Milan fino al 30 giugno 2017». Si è chiusa quindi nel migliore dei modi la lunga trattativa tra il club di via Turati e il Manchester City. Il Milan versa nelle casse degli inglesi 20 milioni di euro che saranno pagati in cinque rate annuali, più 3 milioni di bonus. Super Mario guadagnerà 4 milioni netti a stagione più eventuali benefit: per lui contratto fino al 2017. Balotelli torna in Italia dopo un'esperienza di due anni e mezzo in Inghilterra con la maglia dei Citizens: con la squadra di Roberto Mancini ha vinto la Premier league lo scorso anno.

Sempre lo scorso anno era stato uno dei trascinatori dell'Italia di Prandelli, seconda agli Europei 2012 in Polonia e Ucraina. Memorabile, in particolare, la doppietta rifilata alla Germania nella semifinale di Varsavia. Con Balotelli il Milan dei giovani aggiunge un nuovo e importante tassello. In un attacco già infarcito di giocatori dall'età media molto bassa (El Shaarawy è un classe '92, Bojan è del '90, Niang del '94) fa irruzione il 22enne che nelle gerarchie dovrebbe prendere il posto di Giampaolo Pazzini, altro ex interista che non ha ancora compiuto 29 anni. Allegri dovrebbe infatti lanciare SuperMario come punta centrale, nel ruolo che ha ricoperto in nazionale agli Europei e nelle qualificazioni mondiali: ma non è escluso un utilizzo da esterno in un 4-3-3, modulo dal quale il tecnico non dovrebbe muoversi visti i recenti risultati. Se invece la squadra dovesse cambiare volto, passando ad un attacco con due sole punte, la coppia El Shaarawy-Balotelli diventerebbe il punto di riferimento per i prossimi anni anche in prospettiva azzurra.

Cesare Prandelli li ha già lanciati assieme nella partita dello scorso novembre contro la Francia. Più che un esperimento, un primo assaggio dell'Italia che verrà, ma da oggi i due avranno molto tempo per affinare l'intesa. E proprio il commissario tecnico della nazionale ha riaccolto in Italia l'attaccante azzurro. «Ora dipende molto da lui: ha tutte le possibilità per dimostrare il suo valore», ha detto. «In attesa di notizie definitive esprimo solo l'auspicio che i giocatori dell'ambito azzurro giochino con continuità».

FONTE: LArena.it

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#MilanVerona Pecchia

#Setti alla cena di Natale gialloblù


Wallpapers gallery