VERONA 3-2 CITTADELLA: Uno che semplicemente leggesse il risultato finale direbbe che è stata una partita combattuta e invece mai è stata in dubbio la vittoria dell'HELLAS che ha regalato il primo gol ai granata grazie ad un'autorete di ABBATE ed il secondo quando gli scaligeri erano con la testa già alle docce...


LA GARA & LE IMPRESSIONI
Il VERONA appare più in palla, ben disposti in campo gli scaligeri mettono subito pressione agli avversari e dopo un quarto d'ora passano in vantaggio con TACHTSIDIS bravo dal limite a sfruttare una ribattuta della difesa avversaria dopo un calcio d'angolo battuto da HALLFREDSSON...
Il CITTADELLA sembra poter fare ben poco palesemente inferiore ai gialloblù tecnicamente e 'timido' in campo nonostante il 4-3-3, il raddoppio gialloblù arriva così puntuale al 29°: GOMEZ TALEB scocca un tiro liftato sul palo lontano e non lascia scampo al pur bravo numero 1 avversario!
Da quanto tempo un attaccante scaligero non andava in doppia cifra... Bravo 'Juani'!
Il secondo tempo si chiude con il VERONA che giostra alla grande dominando le operazioni in campo: da sottolineare la consueta di generosità di FERRARI che però, quando non è fermato dalla bandierina del guardalinee trova un super-CORDAZ a sbarrargli la strada.

Il CITTADELLA rientra con uno spirto differente ma è un fuoco di paglia: i gialloblù non sono minimamente preoccupati e dopo un doppio tentativo ancoradi FERRARI e 'Juani' GOMEZ a trovare la doppietta personale e l'11 rete stagionale!
Da qui in poi il VERONA controlla la partita a piacimento concedendo al 'solito' MAIETTA l'ormai abituale momento-spettacolo e anche questa volta l'occasione è ghiotta per il centrale che in percussione da sinistra manda la palla a fil di palo al 18°!
In una partita che non ha più niente da dire al 28° PAOLUCCI tira, incoccia tra schiena e collo su ABBATE, la palla assume una traiettoria strana cheinganna RAFAEL: il CITTADELLA accorcia in maniera rocambolesca le distanze...
Dopo l'ennesimo fuorigioco fischiato a FERRARI è TACHTSIDIS ad impegnare il bravissimo CORDAZ al 40° e quando tutti pensano che la partita sia conclusa è ancora il CITTADELLA, al 45° scoccato, ad accorciare le distanze con DI NARDO! E subito dopo il signor Nasca fischia il termine della gara.

L'HELLAS porta a casa i 3 punti e s'insedia temporaneamente al secondo posto in classifica dando l'impressione di aver fatto il minimo indispensabile contro un avversario palesemente più debole.
Preoccupa un po' la mancanza di cattiveria positiva con cui gli scaligeri, sul 3 a 0, hanno mollato permettendo il quasi-recupero degli avversari in una gara che mai e poi mai doveva essere messa in discussione!
E' voler cercare il pelo nell'uovo? Forse ma, se ho imparato a conoscere un minimo MANDORLINI, credo che negli spogliatoi si farà sentire!

Fra i singoli non si può non sottolineare la prova di GOMEZ TALEB autore di una doppietta ma si è battuto come un leone anche FERRARI: sempre nel vivo dell'attacco, sempre a correre e a pungere, se segnasse quanto sembra promettere probabilmente giocherebbe (da tempo) in Serie A...
Bravi anche PUGLIESE (ma fosse per me sarebbe sempre titolare) e TACHTSIDIS.

Curiosità: L'ultimo che raggiunse la doppia cifra di gol fu ADAILTON in Serie B con 15 gol in 39 presenze nella stagione 2005-2006 mentre nella stagione precedente il bomber era stato BOGDANI con 17 centri in 38 gare disputate... [Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]



Verona 3-2 Vicenza: La sintesi
DICONO
MANDORLINI «Sono contento per tutto, abbiamo fatto un’ottima prestazione. Nel finale ci siamo rilassati un po’ ma ci può stare. In settimana analizzeremo il perché, però oggi l’importante era portare a casa i tre punti. Non ho mai avuto paura di non portare a casa la vittoria, la squadra aveva voglia di giocare, lo spirito era quello giusto. Abbiamo avuto tantissime occasioni, siamo stati bravi ad attaccare gli spazi. Dopo la partita di Nocera era fondamentale riprendersi subito. Il nostro modo di pensare non deve cambiare, concentriamoci per giocare e vincere una partita alla volta. Meritiamo la posizione di classifica che abbiamo e speriamo di restarci fino alla fine. Oggi Berrettoni ha fatto molto bene, Ferrari avrebbe meritato il gol. Abbiamo bisogno di tutti, le alternative non ci mancano» HellasVerona.it

FOSCARINI «La prestazione è stata opaca ed insufficiente, il tre a due per come è stata la partita è bugiardo, abbiamo fatto poco. Nelle ultime cinque partite un punto, questo è lo specchio del nostro momento. Stiamo sprecando il nostro vantaggio su altre squadre, abbiamo sicuramente affrontato squadre di qualità, ma serve un diverso approccio alla gara. Abbiamo facilitato troppo il Verona, ci può stare perdere la partita a Verona, ma è mancato l'agonismo, la tenacia e l'impegno, caratteristiche fondamentali per una squadra che si deve salvare» CalcioMercato.com

GOMEZ TALEB «Con questa vittoria possiamo sognare e credere alla Serie A. Né io né la squadra ad inizio stagione pensava di essere a questo punto della classifica. C'è tanto entusiasmo e voglia di batterci contro tutti per raggiungere un grande obiettivo. Per me questa è una stagione molto importante. Sia a Gubbio sia a Verona ho trovato una grande continuità, e per questo ringrazio le società e i tecnici che ho avuto, e fiducia e i risultati sul campo si vedono, visto che riesco a segnare tanti gol. Quest'anno abbiamo cambiato tanti moduli in stagione e io mi sono adattato in tutte le posizioni. A me interessa giocare con continuità e mi metto a disposizione della squadra. Mi piace però giocare con il modulo di questa sera» TuttoMercatoWeb.com

JORGINHO «Credo che la società e il mister mi abbiano dato una grande mano per essere arrivato a questo punto. Mandorlini è stato molto importante nella mia crescita, ma devo ringraziare anche i compagni. La Serie A? È un sogno e anche se c'è tanta strada da fare ci proveremo fino alla fine» TuttoMercatoWeb.com

Luciano BRUNI ex 'Jolly' di Osvaldo BAGNOLI nell'HELLAS tricolore 'Vorrei vedere il VERONA in A' «Mi farebbe molto piacere un ritorno in serie A del Verona, continuo ad essere un grande tifoso della squadra di Mandorlini. Da ex giocatore gialloblù sarebbe una bella soddisfazione. Ho collaborato con il club in C1, poi mi ha chiamato la Juventus quando stavo per firmare il rinnovo di contratto con il Verona, e a malincuore, visto che sono un tipo sentimentale, sono venuto via» CalcioMercato.com


Verona 3-2 Cittadella: Le immagini della gara

VERONA 3-0 CITTADELLA
Per l'anticipo serale del derby veneto MANDORLINI ritrova MAIETTA dal primo minuto e conferma MARECO al centro della difesa;
PUGLIESE da il cambio a sinistra a SCAGLIA e, dal momento che LEPILLER non ce la fa, il mister sorprende ancora un po' tutti con BERRETTONI (e non già D'ALESSANDRO) a sinistra nel tridente completato da FERRARI e GOMEZ TALEB.
Centrocampo confermato HALLFREDSSON-TACHTSIDIS-JORGINHO.

4-3-3 anche per i granata di FOSCARINI che relega MAAH in panca e schiera DI ROBERTO, DI CARMINE e DI NARDO in attacco (forse che il vivace parigino stonava non avendo il prefisso 'DI' nel cognome? Hi hi...)

PRIMO TEMPO
   3° Bella combinazione FERRARI-HALLFREDSSON per BERRETTONI che putroppo non ci arriva! Peccato...
   6° GORINI da il cambio all'infortunato GASPARETTO...
   7° Doppio miracolo di CORDAZ sui tentativi di FERRARI ben imbeccato da BERRETTONI e di JORGINHO sulla ribattuta! HELLAS vicinissimo al vantaggio...
15° GOOOOOOLLLL!!!!! 'PAN&GOTI' TACHTSIDIS riceve bene al limite dell'area dopo la respinta granata sul corner battuto da HALLFREDSSON: Il greco scocca un tiro angolato sul quale nulla può CORDAZ, VERONA 1-0 CITTADELLA
16° DI CARMINE cerca subito il pareggio: Bravo RAFAEL a deviare in angolo
18° Anche HALLFREDSSON da forfait! Tegola sull'HELLAS, speriamo non si tratti di nulla di grave. Entra RUSSO
22° Tiro di DI CARMINE, nessun problema per RAFAEL
23° BERRETTONI alla conclusione centrale: CORDAZ si oppone
25° Bel suggerimento di ABBATE per FERRARI ma l'attaccante trentino viene colto in fuorigioco. Ripartenza CITTADELLA bloccata stupendamente da MAIETTA che supera un paio di avversari e lancia FERRARI ancora in off-side!
28° BERRETTONI la da a RUSSO, botta di prima intenzione del neoentrato che chiama severamente in causa il portiere granata
29° GOOOOOOOOOOOOOLLLLLLL DI GOMEZ CHE RAGGIUNGE LA DOPPIA CIFRA CON UNA BOTTA DAL LIMITE! Gran bel gol dell'argentino che col sinistro spiazza CORDAZ con un tiro liftato sul secondo palo... 'Juani' al 6° gol in 6 gare!!!
40° L'HELLAS fa tutto bene e va in gol ancora con GOMEZ TALEB dopo una magistrale azioni avviata da un colpo di tacco di PUGLIESE ma l'arbitro dice che non vale: FERRARI, che ha deviato all'ultimo, era ancora in fuorigioco... Peccato!
42° DI ROBERTO spara da fuori area, DI CARMINE intercetta e devia, palla alta sopra la traversa...
45° FERRARI difende tignosamente palla e tira con un bel destro dal limite: palla fuori di un pelo! Ma che bel VERONA...
47° Il signor NASCA manda tutti negli spogliatoi dopo la fine del primo tempo... E per poco GOMEZ in mischia non ci regalava il tris!

SECONDO TEMPO
   1° Tiro di DI NARDO ampiamente fuori dallo specchio difeso da RAFAEL
   3° Miracolo di CORDAZ su FERRARI: Il trentino ad un passo dalla porta riesce ad opporsi a 'Nick Dinamite' che aveva tirato a colpo sicuro, peccato!
   8° Ammonito MARCHESAN per un fallo (l'ennesimo) su 'Juanito'
   9° GOMEZ TALEB abbattuto al limite, la palla rotola verso FERRARI che segna ma l'arbitro aveva già fischiato il fallo sul furetto argentino! Ma come si fa? SCHIAVON ammonito ma l'HELLAS era già sul 3 a 0!
10° GOOOOOOOOOOOLLLLLLL! Doppietta di GOMEZ TALEB che segna la numero 11! RUSSO batte il calciodi punizione in mezzo all'area dove 'Juani' si lancia e dall'altezza del dischetto buca ancora CORDAZ!
15° VITOFRANCESCO da il cambio a DI ROBERTO nelle fila granata...
18° MAIETTA-spettacolo: Percussione del centrale che si lancia verso la porta avversaria da sinistra! Il tir è molto insidioso ma finisce di pochissimo a lato...
21° Gran tiro di FERRARI dal limite ma CORDAZ ancora una volta è bravo a dire di no!
22° D'ALESSANDRO da il cambio a BERRETTONI
24° Tiro sballato di DI NARDO
28° AUTOGOL DI ABBATE che ha intercettato malauguratamente un tiro da lontano di PAOLUCCI spiazzando RAFAEL, il CITTADELLA recupera una rete
29° Altro off-side fischiato a FERRARI lanciato benissimo da TACHTSIDIS.
30° PAOLUCCI si fa male al suo posto entra CARRA nel CITTADELLA
38° Ultima sostituzione VERONA: Dentro PICHLMANN fuori FERRARI
40° Grandissima parata del giovane CORDAZ sul tentativo di TACTSIDIS: il portiere di scuola INTER, migliore in campo oggi, blocca in due tempi!
44° Giallo anche per MARCHESAN
48° Il CITTADELLA segna il secondo gol con DI NARDO ma ormai non c'è più tempo e NASCA dopo 4 minuti di recuper sancisce la vittoria dell'HELLAS

TABELLINO
Hellas Verona-Cittadella 3-2
Marcatori: 15' Tachtsidis, 30', 58' Gomez Taleb, 72' Marchesan, 95' Di Nardo
Hellas Verona: 1 Rafael; 13 Abbate, 17 Mareco, 22 Maietta, 33 Pugliese; 19 Jorginho, 77 Tachtsidis, 10 Hallfredsson (18' 8 Russo); 27 Berrettoni (67' 14 D'Alessandro), 9 Ferrari (83' Pichlmann), 21 Gomez Taleb.
A disposizione: 26 Frattali, 5 Ceccarelli, 16 Galli, 32 Bjelanovic.
Allenatore: Andrea Mandorlini

Cittadella: 71 Cordaz; 51 Ciancio, 29 Gasparetto (7' 17 Gorini), 5 Pellizzer, 24 Marchesan; 80 Schiavon, 31 Busellato, 23 Paolucci (76' 21 Carra); 7 Di Roberto (61' 2 Vitofrancesco), 9 Di Carmine, 13 Di Nardo.
A disposizione: 1 Pierobon, 8 Branzani, 11 Maah, 56 De Vito.
Allenatore: Claudio Foscarini

Arbitro: Luigi Nasca (Sez. arbitrale di Bari)
Note. Ammoniti: Schiavon, Gorini, Marchesan. Espulsi: -. Recupero: 2'-4'. Spettatori: 13.886

Radiografia del Gol gialloblù 2011/2012
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
GOMEZ TALEB11112
HALLFREDSSON167
FERRARI257
PICHLMANN055
ABBATE145
LEPILLER033
MAIETTA033
BJELANOVIC022
JORGINHO022
TACHTSIDIS022
CECCARELLI011
RUSSO011
RUSSO011
BERRETTONI101
D'ALESSANDRO101

ALTRE NEWS IN ALLEGATO
ANDREOLI RAFFORZA I LEGAMI COMMERCIALI CON LA SOCIETÀ DI VIA TORRICELLI: L'accordo pone le basi per l’avvio di ulteriori iniziative commerciali supportate dalla società di Via Torricelli per il futuro immediato


D-Wade shines in tonight's Top 10!

IN BREVE A PIÉ PAGINA
CONTINUA LA SEQUELA DI MORTE IMPROVVISA DI SPORTIVI! Ed è ancora il calcio a pagare: Muore per un malore fulminante Francesco MANCINI, preparatore dei portieri del PESCARA ed ex portiere del FOGGIA di ZEMAN... Nel frattempo MUAMBA stà meglio grazie a Dio!
EUROPA LEAGUE: BILBAO contro ogni pronostico, 4 a 2 allo SCHALKE 04!DECISIONE FIFA, i club potranno chiedere l'indenizzo per i calciatori che s'infortunano con le nazionali
NBA: Colpaccio dei THUNDER sul campo dei LAKERS, gli HEATS distruggono i MAVERICKS...
TNAS: Confermati i 6 punti di penalità all'ATALANTA

RASSEGNA STAMPA
SERIE B: CADONO TORINO E PESCARA
I granata perdono 1-0 a Empoli, la squadra di Zeman cede 2-1 in casa contro il Bari. Perdono anche Varese e Padova, Samp ok

La 33esima giornata di serie B si rivela indigesta per le squadre di testa. Il Torino capolista cade a Empoli, Pescara e Padova si fanno sorprendere in casa da Bari e Crotone, mentre il Sassuolo subisce la rimonta del Grosseto. Sorride la Samp, che con la vittoria sulla Nocerina si porta a -1 dalla zona playoff. In coda importante successo del Vicenza in casa dell'Albinoleffe.

Una rete di Tavano a metà del primo tempo permette all'Empoli di piegare il Torino. Per i toscani tre punti fondamentali in chiave salvezza, mentre i granata conservano tre punti di vantaggio sul secondo posto, occupato da Verona e Sassuolo. Gli emiliani non vanno oltre il 2-2 in casa del Grosseto: la squadra di Pea, avanti prima con Marchi e poi con Boakye, si fa riprendere per due volte da Sforzini, autore di una doppietta. Il Pescara di Zeman subisce la rimonta del Bari, che vince 2-1 all'Adriatico: Insigne illude i biancazzurri, ma i pugliesi ribaltano il risultato con Scavone e Bellomo, a segno con uno splendido pallonetto da oltre 40 metri.

Cade in casa anche il Padova, sconfitto 2-1 dal Crotone. Una doppietta di Florenzi spiana la strada ai calabresi, ai padroni di casa non serve a nulla la rete nella ripresa dell'ex Cutolo. La Juve Stabia batte 2-0 il Varese, che ora vede avvicinarsi a -1 la Sampdoria, che al Ferraris batte 2-0 la Nocerina con una doppietta di Pellè. Colpo del Vicenza a Bergamo: i biancorossi vincono 1-0 grazie ad una rete di Paolucci all'87' e staccano l'Ascoli, battuto 2-0 dal Modena.

FONTE: Sportmediaset.Mediaset.it


Serie B 33ª giornata - La Samp fa un balzo verso i play off, cadono Toro e Pescara, scivolone per il Padova
Gara in un clima surreale all'Adriatico, dove prima del match c'è stato uno splendido momento di raccoglimento in memoria di Franco Mancini.

Nelle sfide del sabato, importante vittoria di una Sampdoria che continua la sua rincorsa ai play off. Di Pellè la doppietta che ha permesso ai liguri di piegare la Nocerina. Si rallenta in vetta dove cadono il Torino ad Empoli ed il Pescara in casa con il Bari in un match giocato nel ricordo di Franco Mancini. Sassuolo raggiunto al 90' dal Grosseto, il Livorno espugna in extremis Gubbio, il Varese cade sul campo della Juve Stabia.

VERONA-CITTADELLA 3-2 [15' Tachtsidis (V), 30' Gomez (V), 57' Gomez (V), 72' aut. Abbate (V), 95' Di Nardo (C)] - Una partita dalle due facce quella vista nello stadio veneto. La prima ora di partita, infatti, è stata letteralmente dominata dal Verona, che ha spadroneggiato in lungo e in largo. Di Tachtsidis e doppietta di Gomez i goal che sembravano aver chiuso la gara, il Cittadella però è ritornato in partita grazie all'autogoal di Abbate, per poi trovare il 3-2 a tempo scaduto.

ALBINOLEFFE-VICENZA 0-1 [89' Paolucci] - Sembrava una gara destinata a chiudersi sullo 0-0 quella dell'Atleti Azzurri d'Italia, in extremis invece è arrivata la preziosissima vittoria del Vicenza. A decidere il match è stato Paolucci a 2' dal termine.
EMPOLI-TORINO 1-0 [24' Maccarone] - Si conferma un campo stregato per il Torino quello dell'Empoli. Nonostante alcune occasioni da rete importanti, i granata si trovano in svantaggio in virtù del goal di Maccarone che al 24' ha realizzato grazie ad una splendida conclusione dalla distanza. Il Toro ha provato a reagire ad ha sfiorato in più occasioni il pari, l'Empoli è riuscito però a reggere fino al triplice fischio finale.

GROSSETO-SASSUOLO 2-2 [37' Marchi (S), 52' rig. Sforzini (G), 70' Boakye (S), 90' Sforzini (G)] - E' un goal che farà discutere quello che ha permesso al Sassuolo di portarsi in vantaggio sul campo del Grosseto. Al 37', Marchi, ha staccato bene di testa su cross di Missiroli, Viotti riesce a parare ma secondo l'arbitro il pallone ha oltrepassato la linea di porta. Al 52' il pareggio del Grosseto con Sforzini che realizza un calcio di rigore assegnato per fallo di mano di Marzoratti in area. Al 70', nuovo vantaggio neroverde con il gioiello Boakye che, da poco entrato in campo, ha messo in rete realizzando su assist dalla destra di Gazzola. Al 90', quando la gara sembrava ormai chiusa, Sforzini in girata ha trovato il 2-2 finale.

GUBBIO-LIVORNO 1-2 [18' Belingheri (L), 87' Nwankwo (G), 91' Bernacci (L)] - Vittoria amaranto nella gara del Barbetti. A sbloccarla ci ha pensato Belingheri che al 17' ha messo in rete battendo Donnarumma con uno splendido calcio di punizione. All'87' il Gubbio, nonostante l'inferiorità numerica per l'espulsione di Buchel, è riuscito a trovare l'1-1 grazie a Nwankwo che ha approfittato di una dormita generale della difesa toscana. Al 91', Bernacci ha siglato il goal che è valsa la vittoria del Livorno, battendo Donnarumma da posizione ravvicinata.

JUVE STABIA-VARESE 2-0 [46' Scozzarella, 63' Sau] - Juve Stabia vicina al vantaggio in apertura con Mbakogu, l'1-0 è però arrivato solo in pieno recupero quando Scozzarella ha trovato il goal con una splendida conclusione da fuori area. Espulso il tecnico del Varese Maran per proteste. Nella ripresa, al 63', il raddoppio delle vespe con Sau che ha messo in rete con uno splendido pallonetto.

MODENA-ASCOLI 2-0 [27' rig. Greco, 73' Ardemagni] - Canarini in vantaggio tra le mura amiche del Braglia contro un Ascoli che è alla ricerca di punti che valgano una clamorosa salvezza. A segnare la rete del vantaggio è stato Greco che al 27' ha realizzato un calcio di rigore. A chiudere i giochi ci ha pensato Ardemagni al 73' che ha capitalizzato al meglio un assist di Di Gennaro.

PADOVA-CROTONE 1-2 [15' Florenzi (C), 22' Florenzi (C), 63' Cutolo (P)] - Importantissima vittoria esterna di un Crotone alla ricerca di punti salvezza. A sbloccare la partita è stato Florenzi che ha messo in rete al 14' con una bella conclusione al volo. 7' dopo il raddoppio è stato realizzato dallo stesso centrocampista con un bel tiro in diagonale. Al 63', i padroni di casa hanno accorciato le distanze con Cutolo che ha segnato l'1-2 al termine di una bella azione personale.

PESCARA-BARI 1-2 [7' Immobile (P), 20' Scavone (B), 55' Bellomo (B)] - Si è giocato in un clima surreale all'Adriatico, dove prima del match c'è stato uno splendido momento di raccoglimento in memoria di Franco Mancini, allenatore dei portieri della compagine Abruzzese. Padroni di casa in vantaggio al 7' grazie ad Immobile che ha approfittato di un bell'assist di Nielsen. Al 20' il pareggio del Bari con Scavone che ha ribadito in rete dopo una bella parata di Anania su Rana. Al 55', Bari in vantaggio grazie ad una rete incredibile di Bellomo che, visto il portiere avversario fuori dai pali, ha lasciato partire un tiro da 50' di rarissima precisione.

SAMPDORIA-NOCERINA 2-0 [7' Pellè, 27' Pellè] - Continua la rincorsa della Samp alle posizioni che valgono l'accesso ai play off. Mattatore della gara Pellè, autore di una doppietta. Al 7' il primo goal su cross di Bentivoglio, mentre il raddoppio è arrivato al 27'. Tre punti importanti per la squadra di Iachini, soprattutto tenendo conto del passo falso del Padova in casa.

REGGINA-BRESCIA [lunedì ore 20,45]

FONTE: Goal.com


DALLO SPOGLIATOIO
Verona-Cittadella: Le voci dallo spogliatoio
23:47 del 30 marzo
Al Bentegodi iniziano subito forte i padroni di casa, con il Cittadella si chiude nella propria metà campo. Al 15' Tachtsidis sblocca il risultato raccogliendo palla a centro area su azione da calcio d'angolo e tirando con precisione a fil di palo, nulla da fare per Cordaz.
Al 30' il arriva il raddoppio: dal vertice sinistro dell'area di rigore Gomez effettua un bel tiro a giro verso il secondo palo, splendida esecuzione che fa esplodere il Bentegodi. Nonostante il doppio vantaggio il Verona continua a spingere e trova il tris al 57' con Gomez che conclude con sicurezza da pochi metri dalla porta. Al 72' un innocuo tiro da fuori di Paolucci viene deviato da Abbate, la deviazione inganna Rafael che non riesce ad intervenire, il Cittadella accorcia quindi le distanze. Al 94' Di Nardo trova di testa il goal del tre a due, subito dopo la marcatura Nasca decreta la fine del match. Risultato un po' bugiardo per quanto si è visto in campo, il divario tra le due squadre è stato evidente, il Cittadella dovrebbe ritrovare l'entusiasmo perduto, il Verona ritorna invece alla vittoria e prosegue la corsa verso la massima serie, riprendendosi dopo lo stop di Nocera.

VERONA
L'allenatore del Verona, Andrea Mandorlini: 'Non voglio dare peso ai due goal subiti, sul finale avevamo staccato la spina, analizzeremo tra di noi il perché del goal subito nel finale ma va bene così, l'importante è aver centrato la vittoria. La squadra sta bene ed ha voglia di giocare, volevamo fare la nostra partita e l'abbiamo fatta. La squadra non ha mai sbagliato, a Nocera siamo usciti di strada, ora siamo andati oltre, oggi abbiamo giocato una bella partita. Viste le occasioni create potevamo anche segnare altri goal'.

CITTADELLA
L'allenatore del Cittadella, Claudio Foscarini: 'La prestazione è stata opaca ed insufficiente, il tre a due per come è stata la partita è bugiardo, abbiamo fatto poco. Nelle ultime cinque partite un punto, questo è lo specchio del nostro momento. Stiamo sprecando il nostro vantaggio su altre squadre, abbiamo sicuramente affrontato squadre di qualità, ma serve un diverso approccio alla gara. Abbiamo facilitato troppo il Verona, ci può stare perdere la partita a Verona, ma è mancato l'agonismo, la tenacia e l'impegno, caratteristiche fondamentali per una squadra che si deve salvare'.
Matteo Ambrosi

ALTRE NOTIZIE
L'ex Luciano Bruni: 'Vorrei il Verona in serie A'
10:36 del 30 marzo
La svolta del Verona: Tutto partì da Cittadella...

'Mi farebbe molto piacere un ritorno in serie A del Verona, continuo ad essere un grande tifoso della squadra di Mandorlini. Da ex giocatore gialloblù sarebbe una bella soddisfazione. Ho collaborato con il club in C1, poi mi ha chiamato la Juventus quando stavo per firmare il rinnovo di contratto con il Verona, e a malincuore, visto che sono un tipo sentimentale, sono venuto via'. Così l'ex centrocampista Luciano Bruni, ospite ai microfoni di Radio Toscana.

'Pinsoglio, Marrone e Immobile li ho lanciati io nella Juventus Primavera, e sono contento che si stiano affermando in serie B - ha aggiunto il 51enne livornese - Purtroppo in Italia si fa sempre più fatica a lanciare i giovani e dargli una continuità di rendimento. Alla Juventus ho vinto il Viareggio, ma a Piacenza mi sono tolto le maggiori soddisfazioni, abbinando i risultati sportivi al lancio di giovani come Nainggolan. Auguro alla Fiorentina di rimettersi presto in sesto, magari proprio attraverso il settore giovanile. Un rilancio dei propri ragazzi, che stanno facendo molto bene nella Primavera, potrebbe essere un motivo di attenzione e orgoglio anche per i tifosi viola'.
Luca Cellini

FONTE: CalcioMercato.com


CALCIO ITALIANO, SERIE B?30/03/2012, 20:16
Cittadella, Di Nardo: “Un gol per i tifosi e per il Padova”
Il centravanti del Cittadella, Antonio Di Nardo, ha parlato così ai microfoni di “Sky Sport” a pochi minuti dal fischio d’inizio della gara contro l’Hellas Verona nell’anticipo di Serie Bwin: “Non parliamo di salvezza per piacere. Sono tanti i punti di differenza, ma non ci guardiamo alle spalle. La matematica segnala i 50 punti come quota da raggiungere, proveremo a fare punti tassello dopo tassello. Si lavora bene in questo ambiente, ci sono giocatori emergenti ed ho scelto questa piazza per questo motivo. Un gol per i miei ex compagni del Padova? Spero intanto di farlo per i miei tifosi e per la società, certamente fa comunque piacere dare una mano al Padova se posso visto che sono alla caccia dei play-off”.
Brando de Leonardis

FONTE: CalcioNews24.com


A Verona il Cittadella si sveglia solo a tempo scaduto
Gialloblù scatenati: tre gol e secondo posto. Di Nardo rende meno pesante il ko, ma è la quarta sconfitta in cinque gare
serie bwin cittadella calcio

di Stefano Edel
INVIATO A VERONA. Il Cittadella si è fermato a Nocera, il 18 febbraio. Lì ha vinto la sua ultima partita, e da lì in poi è come se fosse finito nel tritacarne di un altro campionato. Quattro ko nelle successive cinque giornate, un solo punto all’attivo, il 2-2 di Grosseto. Se non fosse che a quota 38 si può ancora godere di una relativa tranquillità, sarebbe il caso, visto che ci avviciniamo a Pasqua, di parlare di via Crucis granata. L’ultima, dolorosa «stazione» la squadra di Foscarini la vive al Bentegodi, dove subisce una lezione di calcio. E che calcio, perchè il Verona, ritornato secondo, sa perfettamente ciò che vuole, con una concretezza da applausi.

Gasparetto out. Concedi Scardina a un avversario scatenato, che attacca le fasce come pochi altri, sovrapponendo anche i terzini Abbate a destra e soprattutto Pugliese a sinistra, e se poi ci aggiungi anche il «gigante» (nel senso di statura) della difesa, è inevitabile andare sotto, e di brutto. Succede, purtroppo, che il bravo Daniele, mentre corre con Ferrari verso la propria area, accusi una fitta dolorosa alla caviglia destra e alzi il braccio in segno di resa. Esce dopo 7’ minuti e al suo posto entra il «vecchio» Gorini. Ma la retroguardia padovana va in tilt, e meno male che c’è Cordaz fra i pali ad alzare il muro. È strepitoso, il portiere, nel ribattere un tiro al volo, in scivolata, di Ferrari su perfetto cross di Berrettoni e, pochi secondi dopo, ad arpionare il pallone calciato da Gomez a colpo sicuro.

Due gol fotocopia. La qualità dei gialloblù è nel sapere perfettamente cosa fare e dove andare:la superiorità numerica, quando ripartono, palla al piede, per l’azione offensiva, è devastante. Se poi ci aggiungiamo le ingenuità di cui si macchiano i granata in occasione delle due reti che chiudono la sfida già alla mezz’ora, il quadro è completo. L’1-0 arriva sul corner battuto da Halfredsson: la palla attraversa tutta l’area e giunge a Tachtsidis, appostato fuori dai 16 metri. Il greco ha il tempo di controllare, girarsi e, senza che nessuno gli si pari davanti, sparare a rete di sinistro, infilando a fil di palo (15’). L’unico lampo del Citta è nella reazione immediata allo svantaggio: botta di Busellato dal limite e un grande Rafael vola a deviare oltre la traversa (16’). Il raddoppio scaligero è figlio di un’altra madornale corbelleria della squadra di Foscarini, che consente a Gomez di fare tutto ciò che gli comoda, accentrarsi da destra e calciare benissimo da fuori area nell’angolo opposto a quello di tiro (30’). Prima Di Nardo aveva invocato un rigore per un «mani» di Maietta.

Annullate due reti, poi 3-0. Di fronte ad una superiorità così evidente, il Citta può solo limitare i danni, pur tentando di imbastire qualche velleitaria controffensiva, salvato spesso dal suo portiere. Russo si vede giustamente annullare il 3-0 per fuorigioco (40’). Cordaz è strepitoso nell’opporsi, in avvio di ripresa, a Ferrari, e quando il centravanti lo buggera con un perfetto diagonale, a salvarlo ci pensa l’insufficiente Nasca che non concede il vantaggio dopo una travolgente discesa di Gomez abbattuto da Pellizzer prima del passaggio al compagno (11’). Poco male: il terzo sigillo è ancora dell’argentino (che sale a quota 11), lesto a riprendere a centro area la sfera che carambola su Ferrari (in fuorigioco?) dopo la punizione di Russo e a mettere dentro (12’).
Doppietta per l’onore. Almeno l’orgoglio serve a qualcosa. Orgoglio e un po’ di fortuna se il Citta trova la rete della bandiera con un tiro di Paolucci deviato da Abbate, che spiazza Rafael (27’), e all’ultimo secondo dei cinque minuti di recupero Di Nardo incorna un bel pallone crossatogli da Carra. Serata da dimenticare, dunque. Con il Gubbio, a questo punto, vincere è fondamentale.
31 marzo 2012

FONTE: MattinoPadova.gelocal.it


Super Verona, Cittadella ko 3-2La squadra di Mandorlini al secondo posto in classifica scavalcando Pescara e Sassuolo
Venerdì 30 Marzo 2012
ROMA - Il Verona ha battuto il Cittadella per 3-2, nell'anticipo della 33ª giornata del campionato di calcio di Serie B: gli scaligeri sono già in vantaggio per 2-0 al riposo (15' Tachsidis, 30' Gomez) e in avvio di ripresa sembrano chiudere il conto grazie ancora a Gomez, che firma la sua doppietta alla 57'. L'autogol di Abbate alla mezz'ora della ripresa riapre il match per gli ospiti, che accorciano ancora le distanze quando è ormai troppo tardi, al 95', con Di Nardo. Con questo risultato, l'Hellas si porta momentaneamente al secondo posto in solitudine, con un punto di vantaggio su Pescara e Sassuolo.

FONTE: CorriereDelloSport.it


Calcio: serie B, Verona-Cittadella 3-2
22:53 30 MAR 2012
(AGI) Verona - Il Verona si aggiudica il derby veneto con il Cittadella, imponendosi per 3-2 nell'anticipo della 33a giornata di Serie B e vola al secondo posto in classifica.
Scaligeri in vantaggio al quarto d'ora con Tachtsidis, che tira dal limite infilando la palla nell'angolino basso alla destra di Cordaz. Alla mezzora il raddoppio con Gomez che dal vertice destro lascia partire un diagonale che si infila nell'angolo piu' lontano. Al 11' della ripresa discesa palla al piede di Gomez, atterrato dalla difesa granata.

FONTE: AGI.it


«I gol? Un misto di fortuna e movimenti giusti»
ARGENTINO PROTAGONISTA. Gomez sembra ormai inarrestabile. «Mi dice bene ma è anche vero che stiamo giocando bene, siamo in forma e prepariamo bene i match»
Si rammarica per Ferrari: «La sua rete era splendida e regolare». E gioisce per essere arrivato in doppia cifra: «Lo speravo proprio»

31/03/2012
«Perché Gomez segna con continuità? Perché è fortunato», ammicca mister Mandorlini a fine partita. In realtà l'argentino sembra aver assimilato al meglio movimenti e schemi. E gli effetti si vedono: cinque gol nelle ultime tre partite. «Un po' di fortuna ci vuole sempre», replica sorridente Juan Taleb. E magari pensa a quella che è mancata al suo compagno Ferrari. «Oggi Nicola ha fatto un grandissimo gol e per me era regolare», sottolinea. «Ha fatto il movimento giusto ed a tempo». Lui, intanto, ha firmato la seconda doppietta in due settimane. «Sono in uno stato di forma ottimo, è vero. Ma sta bene tutta la squadra. Lo dimostra il fatto che abbiamo fatto una bellissima partita. Io ho avuto la fortuna di segnare due volte e sono ancora più contento. Anche perché adesso sono in doppia cifra: un obiettivo che speravo di raggiungere. E mancano ancora nove giornate...». «Ma sono contento soprattutto per come sta andando la squadra e per il secondo posto che stanotte ci godremo», aggiunge poi Gomez. «Anche oggi abbiamo giocato con il 4-3-3 con me e Berrettoni larghi e Ferrari al centro. Debbo dire che le occasioni le ho sempre avute ed anche in passato ho segnato partendo dall'esterno ed accentrandomi. Il fatto è che mi è capitato in passato di non capitalizzare al meglio le tante occasioni che mi capitavano.

Nelle ultime partite accade, e con continuità. Forse è vero che sono più fortunato». Resta il fatto che quando il Verona è in forma - ed in questa fase del campionato lo è, eccome! - i movimenti assomigliano a quelli di un maccanismo perfetto. «È vero: è un periodo che stiamo giocando molto bene e che prepariamo bene le partite. Anche a Nocera, ad esempio, le nostre occasioni le abbiamo avute: lì sono stati gli episodi a darci contro. Riusciamo a fare sempre quello che il mister ci chiede. E poi chi entra, chi gioca poco si mette a disposizione del gruppo e questo ci permette di andare forte». Il riferimento di Gomez è a Berrettoni. «Emanuele è un grandissimo giocatore. anche la scorsa stagione dopo l'infortunio ha dimostrato il suo valore. Non si può discutere uno come lui e siamo contenti che sia rientrato: ci darà una grossa mano. Come tutti gli altri, del resto, da Bjelanovic a Lepillier. Lì in attacco siamo in tanti e tutti stiamo facendo bene». Ed anche in difesa le alternative non mancano. «Prendete Pugliese», aggiunge Gomez. «Quando gioca dà il massimo». In mezzo a tanto «buonismo» il Verona ha eguagliato il record della serie B di 11 vittorie casalinghe consecutive ed è secondo in classifica per una notte almeno: si rendono conto i giocatori di cosa stanno facendo? «No, assolutamente», è la risposta secca dell'argentino. «Non pensiamo a nulla: solo a vincere tutte le partite che giochiamo.

A volte riesce, a volte no. In casa più spesso, ma è perché abbiamo il pubblico che ci sostiene e ci dà una grossa mano. Per noi sarà un'arma in più». L'altra sarà la voglia di Gomez di imitare i suoi idoli di ragazzino. Un brasiliano (incredibile!) ed un argentino. «Ronaldo era il migliore, per me», racconta. «E poi Batistuta. Mi alzavo presto la mattina per vedere in diretta le partite della Fiorentina. Oggi mi piace molto Messi, ovviamente: ma lui è davvero di un altro pianeta».
BRU.FA.

Berrettoni: «Giocare non è stata una sorpresa»
31/03/2012
Di nuovo in campo dopo tanto tempo. Mesi più che settimane, passati spesso ai margini ed in silenzio, lavorando come e più degli altri. Ed è riuscito a farsi trovare pronto alla chiamata del mister Emanuele Berrettoni, protagonista assieme ai suoi compagni dell'ennesima vittoria strappata al Bentegodi. E oggetto dei complimenti di Mandorlini nel dopo gara, oltre che dell'applauso convinto del pubblico del «Bentegodi» alla sua sostituzione nel finale. «Stare fuori non è mai facile, soprattutto in un periodo in cui ti senti bene e a posto fisicamente, oggi ma anche nei mesi scorsi», esordisce l'attaccante gialloblù schierato titolare da Mandorlini contro il Cittadella. «Siamo in tanti in rosa, con molti giocatori di grande valore e qualcuno deve stare fuori per forza. Speriamo di farlo meno in futuro, ma adesso sono solo contento di quello che sono riuscito a dare e di aver risposto alla chiamata del mister centrando una vittoria importante per il Verona».

Una mossa a sorpresa da parte del tecnico gialloblù che ha stupito tutti, tranne proprio Berrettoni. «Sinceramente per me non è stata una sorpresa, in settimana avevamo provato diverse soluzioni e un po' mio aspettavo di giocare», rivela. «Spero e credo di essere riuscito a dare il mio contributo giocando una buona partita, sono molto soddisfatto della prestazione della squadra e della mia». Tre punti importanti per la classifica del Verona, anche se più che guardare gli altri meglio continuare a far risultato come sostiene l'esterno scaligero. «Siamo contenti per il nostro risultato e la nostra gara. Le altre partite le guarderemo, è ovvio, ma senza star lì a sperare o a gufare contro chi sta davanti assieme a noi, manca ancora tanto e quello che conta è che noi continuiamo a vincere».

Con un Berrettoni sempre pronto a scendere in campo per dare un contributo importante alla causa gialloblu. «Sono qui da parecchi anni e capisco di essere un riferimento per diversi giocatori, magari per quelli più giovani o arrivati quest'anno», spiega pensando alla fascia di capitano indossata pochi momenti prima. «Non giocare dispiace sempre, da quando sono rientrato dall'infortunio mi sento bene, dalla partita contro la Lazio in poi, e penso di averlo dimostrato anche contro il Cittadella. Gli applausi del pubblico? I tifosi mi sono stati vicini in ogni momento, la gente apprezza chi dà tutto in campo, chi lotta per la maglia e io in questi tre anni l'ho sempre fatto».
L.M.

FONTE: LArena.it


ALTRE NOTIZIE
Hellas Verona, Mandorlini: "Gol subiti ininfluenti, potevamo farne 7"
31.03.2012 00.30 di Tommaso Maschio
Fonte: tuttohellasverona.it
Il tecnico dell'Hellas Verona, Andrea Mandorlini dopo la vittoria contro il Cittadella ha detto di non essere arrabbiato per i due gol subiti nel finale: "Non ho dato peso ai due gol, erano ininfluenti. L'importante era far bene la partita, e così è stato, realizzare buone occasioni. In conclusione di partita abbiamo staccato la spina ma, considerati il fattore stanchezza, ci poteva stare. Abbiamo avuto diverse occasione per realizzare il quarto gol ma si sbaglia anche nelle migliori famiglie. L'importante era vincere. Al di là dello spirito, la squadra non ha commesso alcun errore. In condizioni normali avremmo potuto vincere 7-2, le occasioni non sono mancate e la squadra non è mai stata messa in seria difficoltà, eccezion fatta per gli episodi determinati dalla stanchezza e intervenuti a fine partita. Non era facile perché il Cittadella, come ha avuto in più occasioni modo di dimostrare, è una squadra che può metterti in difficoltà. Mi è piaciuto tutto, anche prendere questi due gol ha la sua utilità nel momento di analisi della prestazione, a prescindere dal fatto che sono ininfluenti per il risultato. - conclude Mandorlini come riporta Tuttohellasverona.it - Avere a disposizione una rosa di giocatori sempre pronti a dare il loro meglio è un fattore fondamentale, basti pensare al fatto che anche effettuando 4 o 5 cambi fra una partita e l'altra la prestazione della squadra non cambia. Certo è che ora che la squadra ha acquistato una sua fisionomia non mi piace molto cambiare ma adesso abbiamo assoluto bisogno di alternative".

ALTRE NOTIZIE
Hellas Verona, Gomez: "Sognamo e crediamo nella promozione"
30.03.2012 22.51 di Tommaso Maschio
Juanito Gomez, attaccante dell'Hellas Verona, ai microfoni di Sky Sport nell'immediato dopo gara parla del momento della squadra e suo personale: "Con questa vittoria possiamo sognare e credere alla Serie A. Né io né la squadra ad inizio stagione pensava di essere a questo punto della classifica. C'è tanto entusiasmo e voglia di batterci contro tutti per raggiungere un grande obiettivo. Per me questa è una stagione molto importante. Sia a Gubbio sia a Verona ho trovato una grande continuità, e per questo ringrazio le società e i tecnici che ho avuto, e fiducia e i risultati sul campo si vedono, visto che riesco a segnare tanti gol. Quest'anno abbiamo cambiato tanti moduli in stagione e io mi sono adattato in tutte le posizioni. A me interessa giocare con continuità e mi metto a disposizione della squadra. Mi piace però giocare con il modulo di questa sera".

ALTRE NOTIZIE
Gomez e la difesa del Cittadella. Top&flop di Verona-Cittadella
30.03.2012 22.57 di Tommaso Maschio
I TOP
La continuità di Juanito Gomez: Continua a segnare con una regolarità impressionante dopo un avvio di campionato difficile. Oggi chiude la gara con un gol da grande attaccante - tiro a giro sul secondo palo - e con uno da grande opportunista - rigore in movimento dopo una respinta della difesa - mettendoin luce tutte le sue indubbie qualità.

Le 11 di Mandorlini: Trova l'11esima vittoria casalinga consecutiva in B eguagliando il record del Genoa di Gasperini che poi finì promosso assieme a Juventus e Napoli in quella che molti considerano la serie B più difficile di sempre. Un buon segno in vista del rush finale di stagione, che vede i gialloblu fra le grandi favorite per i primi due posti.

Le parate di Cordaz: Né prende tre, ma non ha colpe su nessuno dei gol. Anzi evita che il passivo sia più pesante opponendosi da campione su Ferrari in un paio di occasioni. Miracoloso il primo intervento dopo 7 minuti, ma altrettanto bello è l'intervento nella ripresa che tiene ancora in gioco il suo Cittadella.

I FLOP
La tenuta difensiva del Cittadella: In una sola parola tremenda. Espone Cordaz agli attacchi del Verona, lasciando troppo liberi di tirare gli attaccanti gialloblu. Due volte Cordaz salva e per due volte viene salvato dal guardalinee che sbandiera i fuorigioco di Russo e Ferrari. Foscarini dovrà mettere pesantemente mano al suo reparto arretrato se non vorrà soffrire nelle ultime gare.

Il trio dei 'Di...': In avanti i tre attaccanti padovani non la vedono praticamente mai, nonostante il tanto movimento non riescono a sfondare la linea difensiva veronese e calciare a rete in maniera pericolosa. Solo nel finale Di Roberto riesce a segnare, ma la gara è già segnata.

Gli errori di Ferrari: Clamorosi gli errori del centravanti gialloblu che spreca dopo 7 minuti la prima palla gol del match calciando centralmente da posizione ravvicinata - anche se Cordaz fa un vero miracolo. Ancora peggio nella ripresa quando da due passi calcia addosso a Cordaz la rete che potrebbe chiudere il match. Aiuta tanto la squadra, ma non è lucido sottoporta. L'unico gol che segna lo fa a gioco fermo.

SERIE B
Hellas a ritmi da record: per il Cittadella non c'è scampo
30.03.2012 22.41 di Tommaso Maschio
Undicesima vittoria consecutiva casalinga per l'Hellas Verona di Mandorlini, che eguaglia il record del Genoa di Gasperini del 2006-07 conclusasi con la promozione in Serie A. Coincidenza questa che fa ben sperare la squadra scaligera che domina senza soffrire un Cittadella apparso privo di mordente e cattiveria e che non riesce mai ad alzare i ritmi per mettere in difficoltà i padroni di casa, che raggiungono con troppa facilità la porta di un Cordaz chiamato a fare gli straordinari, che però a poco servono al fine del risultato finale. I veronesi con questa vittoria salgano al secondo posto in classifica e sperano in un passo falso delle rivali domani.

Il Verona parte forte, spingendo sull'acceleratore fin dai primi minuti e sfiorando il gol dopo poco più di cinque minuti. Berrettoni - partito in fuorigioco millimetrico - mette in mezzo per Ferrari che da due passi devia verso la porta trovando una straordinaria parata col piede di Cordaz. Sulla respinta Halfredsson tiene viva l'azione servendo Jorginho che calcia centralmente trovando ancora ben appostato il portiere del Cittadella. Gli uomini di Foscarini, pur soffrendo un po', non rinunciano a rilanciare l'azione appena possono cercando di mettere in moto il tridente per far male alla retroguardia gialloblu. È comunque il Verona a passare in vantaggio grazie a una perla del greco Tachtsidis che controlla spalle alla porta un calcio d'angolo e appena può si gira e calcia verso la porta di Cordaz, freddandolo con un preciso sinistro a fil di palo. La risposta del Cittadella non si fa però attendere e arriva un minuto dopo con Busellato che chiama alla grande parata Rafael che alza in angolo. Dopo il vantaggio scaligero il ritmo si abbassa improvvisamente a causa del nuovo atteggiamento dei padroni di casa che attendono dentro la propria metà campo gli avversari lasciando il solo Ferrari in avanti a ricevere palla sui rilanci dei centrocampisti. Gli spazi per il Cittadella così si riducono e costringono i padovani a manovrare maggiormente per arrivare al tiro. L'Hellas quando attacca fa però male a prima della mezzora trova il raddoppio con una magia del talento argentino Gomez. L'attaccante riceve al limite e si libera al tiro - con la difesa padovana che lascia troppo spazio - battendo Cordaz con un tiro a giro sul secondo palo. Il secondo gol stende il Cittadella che rischia di subire il tris al 40°, quando Russo devia un tiro di Gomez dal limite, facendosi però pescare in fuorigioco millimetrico dalla terna arbitrale che non può esimersi dall'annullare la rete.

Nella ripresa il Cittadella ha un atteggiamento più propositivo e prova a riaprire la gara, faticando però a trovare i pali della porta veronese, ma sono i padroni di casa a sfiorare il gol con Ferrari. Il centravanti servito da Berrettoni dentro l'area piccola calcia di potenza addosso a Cordaz che respinge col corpo salvando nuovamente la propria porta. Il Verona dopo un attimo di sbandamento spinge sull'acceleratore cercando il gol che potrebbe chiudere la gara. Il gol arriva dopo una decina di minuti - dopo la seconda rete annullata per fuorigioco agli scaligeri - con Gomez. L'argentino riceve in area dopo una punizione di Russo respinta malamente dalla difesa e batte Cordaz per la doppietta personale. La gara si chiude praticamente qui con gli uomini di Foscarini che non riescono a reagire e si disuniscono lasciando ampi spazi al Verona che in diverse occasioni potrebbe segnare anche la quarta rete. Il Cittadella ha però una fiammata d'orgoglio e grazie a un tiro dalla distanza di Paolucci, deviato da Abbate in area, accorcia le distanze trovando il gol della bandiera. Il finale vede l'Hellas gestire il risultato e il Cittadella provare timidamente a riaprire una gara dominata dai veronesi per almeno 70 minuti. Quando ci riesce, con un colpo di testa di Di Nardo al 95° l'arbitro decide di mandare tutti negli spogliatoi.

SERIE B
LIVE TMW - Hellas Verona-Cittadella 3-2 - Fine secondo tempo
30.03.2012 22.40 di Tommaso Maschio
22:39 - Finisce il secondo tempo.

90°+ GOL DI DI NARDO! - Proprio allo scadere l'attaccante con un colpo di testa trova il secondo gol degli ospiti.

90° - Quattro minuti di recupero.

89° - Ammonito Marchesan nel Cittadella.

81° - Tachtsidis liberato al limite da Pichlmann calcia di potenza, ma centrale. Cordaz blocca in due tempi.

78° - Nel Verona esce Ferrari ed entra Pichlmann.

75° - Carra sostituisce Paolucci, infortunato, nel Cittadella.

69° GOL DI PAOLUCCI! - Il centrocampista del Cittadella trova il gol della bandiera grazie ad un tiro deviato di testa da Abbate, che spiazza Rafael.

67° - Esce Berrettoni ed entra D' Alessandro nel Verona.

63° - Hellas Verona vicino al poker. Maietta liberato in area colpisce d'esterno sul secondo palo, senza però trovare la porta.

60° - Esce Di Roberto nel Cittadella, dentro Vitofrancesco.

56° GOL DI GOMEZ! - Il gol per l'Hellas arriva poco dopo. Su calcio di punizione di Russo la palla arriva dopo una serie di rimpalli sui piedi di Gomez, che da centro area non può sbagliare battendo nuovamente Cordaz.

55°° - Altro gol annullato all'Hellas Verona. Gomez scarica su Ferrari in fuorigioco. L'attaccante si inventa una parabola fantastica che scavalca Cordaz, ma è tutto inutile per il fischio dell'arbitro.

53° - Ammonito Schiavon che ferma fallosamente Gomez sulla fascia destra.

49° - Altro errore di Ferrari sotto porta. L'attaccante veronese servito dalla sinistra da Berrettoni, con la complice deviazione di un difensore, calcia di potenza da due passi trovando la respinta di un ottimo Cordaz.

48° - Ci prova anche Busellato dal limite. Palla alta sopra la traversa.

46° - Parte subito all'attacco il Cittadella che con Di Nardo dopo 50'' prova a sorprendere Rafael non trovando la porta.

21:50 - Inizia la ripresa. Nessun cambio nelle due squadre.

21:48 - Le squadre rientrano in campo per la ripresa.

21:33 - Fine primo tempo. I gialloblu comandano grazie ai gol di Tachtsidis e Gomez.

45° - Ferrari cerca di chiudere la partita allo scadere. Il suo diagonale dal limite finisce di poco a lato.

45° - Due minuti di recupero.

43° - Busellato entra in area resistendo ad una carica e cerca di servire Di Nardo in mezzo. il suo cross basso è deviato dalla difesa che agevola la parata di Rafael.

39° - Annullato un gol al Verona. Sul tiro di Juanito Gomez dal limite c'è un probabile tocco di Russo in mezzo all'area. Per il guardalinee la posizione del centrocampista è irregolare.

29° GOL DI GOMEZ! - Magia dell'attaccante argentino Juanito Gomez. Il giocatore riceve al limite e calcia con il mancino un tiro a girare sul secondo palo che non lascia scapo a Cordaz.

28° - Russo prova a sorprendere dai 25 metri Cordaz. Il tiro è però centrale e il portiere del Cittadella blocca.

21° - Di Nardo prova la conclusione dal limite. Palla centrale che Rafael blocca senza problemi.

17° - Esce Halfredsson per infortunio nell'Hellas Verona. Entra al suo posto Russo.

15° - Pronta risposta del Cittadella con Busellato che impegna Rafael alla deviazione in corner.

14° GOL DI TACHTSIDIS! - Da azione d'angolo il greco controlla spalle alla porta in area, ma non trovando nessun compagno da serivre si gira e fredda Cordaz con un preciso sinistro a fil di palo.

7° - Doppia parata di Cordaz. Il portiere prima interviene di puro istinto su Ferrari che devia da due passi un cross dalla sinistra di Berrettoni, deviando con la gamba il pallone. Poi si ripete sul tentativo di Jorginho da centro area, bloccando la sfera con sicurezza.

4° - Problema muscolare per Gasperetto. Il difensore si accascia a terra dopo uno scatto toccandosi la coscia. Al suo posto entrerà Gorini.

20:46 - Inizia il primo tempo della sfida del Bentegodi. Primo pallone giocato dal Verona.

20:43 - Le squadre fanno il loro ingresso in campo.

20:30 - Queste le formazioni ufficiali dell'anticipo della 33esima giornata di Serie B:

Hellas Verona (4-3-3): Rafael; Abbate, Mareco, Maietta, Pugliese; Jorginho, Tachtsidis, Hallfredsson; Gomez, Ferrari, Berrettoni. A disp. Frattali, Ceccarelli, Pichlmann, Russo, Galli, D'Alessandro, Bjelanovic. All. Mandorlini.

Cittadella (4-3-3): Cordaz; Ciancio, Gasparetto, Pellizzer, Marchesan; Schiavon, Paolucci, Busellato; Di Roberto, Di Carmine, Di Nardo. A disp. Pierobon, Gorini, De Vito, Vitofrancesco, Branzani, Carra, Maah. All. Foscarini

ALTRE NOTIZIE
Hellas Verona, Gomez al 45': "Bravi a sfruttare le occasioni"
30.03.2012 21.41 di Tommaso Maschio
Juanito Gomez, attaccante dell'Hellas Verona, nell'intervallo ai microfoni di Sky Sport parla del doppio vantaggio acquisito nei primi 45 minuti: "Siamo stati bravi a sfruttare le due occasioni per segnare e portarci sul doppio vantaggio. Ora però dobbiamo stare attenti e concentrati fino alla fine perché il Cittadella può ancora essere pericoloso. Il gol annullato? Sul mio tiro Russo l'ha deviata, ma non so se fosse in fuorigioco".

ALTRE NOTIZIE
Hellas Verona, Jorginho: "Sogno la serie A"
30.03.2012 20.34 di Tommaso Maschio
Jorginho, centrocampista dell'Hellas Verona, ai microfoni di Sky Sport parla della sua crescita e della corsa promozione: "Credo che la società e il mister mi abbiano dato una grande mano per essere arrivato a questo punto. Mandorlini è stato molto importante nella mia crescita, ma devo ringraziare anche i compagni. La Serie A? È un sogno e anche se c'è tanta strada da fare ci proveremo fino alla fine".

ALTRE NOTIZIE
Cittadella, Foscarini: "Dobbiamo essere cattivi e affamati"
30.03.2012 20.29 di Tommaso Maschio
Caludio Foscarini, allentatore del Cittadella, ai microfoni di Sky Sport prima della sfida contro l'Hellas Verona chiarisce che la salvezza non è ancora raggiunta e che di strada bisognerà farne ancora a cominciare da questa sera: "Salvezza? Ci mancano ancora parecchi punti e abbiamo tanto da fare e da lavorare per raggiungere il nostro obiettivo. Non siamo né calmi né rilassati, ma vogliamo ripartire dopo un momento di flessione. Per fare tre Punti qui bisognerà fare una grande prestazione e non sbagliare nulla. Forse ci siamo rilassati dopo un grande girone d'andata. Il Cittadella non deve mai mollare e deve entrare in campo sempre affamata, perché a 10 gare dalla fine non possiamo permetterci di rilassarci. Oggi mi aspetto che la squadra sia più cattiva. Busellato? Credo che sia un giocatore importante, è l'unico della sua classe (1993 ndr) a giocare con continuità in serie B. Il Cittadella deve seguire questa linea anche in futuro per garantire il proprio futuro".

ALTRE NOTIZIE
Hellas Verona, Mandorlini: "Vogliamo restare in vetta fino alla fine"
30.03.2012 20.21 di Tommaso Maschio
Andrea Mandorlini, allenatore dell'Hellas Verona, ai microfoni di Sky Sport prima della sfida contro il Cittadella parla della condizione in cui si trova la sua squadra alla ricerca di rilancio dopo la sconfitta di sabato scorso: "In B non c'è nulla di scontato e capita che ogni tanto ci sia qualche frenata su un terreno accidentato. Noi stiamo bene nonostante la sconfitta di Nocera e vogliamo fare bene stasera e cercare di portare a casa tre punti. Siamo una squadra che sa sacrificarsi e che è cresciuta nell'autostima e nella convinzione e speriamo di riuscire a restare in alto fino alla fine. Vogliamo fare qualcosa di importante, anche perché per molti dei miei giocatori la serie A fino a poco tempo fa era una cosa da guardare solo in tv. - continua il tecnico parlando delle voci sulla società - Cambio societario? Sono cose molto molto lontane, certe voci stranamente escono solo quando le cose vanno bene. Ma non ci riguardano perché sono concentrato solo sul campo".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


LE INTERVISTE
Cittadella, Foscarini: "Verona in splendida forma ma l'abbiamo molto agevolata"
31.03.2012 09:45 di Martina Forciniti
Evidentemente deluso dalla prestazione generale della sua squadra, che ha visto entrare in campo, sin dal primo minuto, carente di intensità e di motivazioni, mister Foscarini analizza, con rammarico, l'andamento generale di un Cittadella completamente assoggettato dal Verona per buona parte dell'incontro: "Sto cercando di analizzare la prestazione che è stata opaca, insufficiente, con poco mordente della squadra. Il 3-2, sotto certi aspetti e considerando nel complesso lo svolgimento generale della partita, è bugiardo perché abbiamo realizzato poco. Un punto in cinque partite penso rispecchi perfettamente il momento che stiamo vivendo. La necessità è cambiare decisamente rotta e ripartire. Abbiamo sperperato tutto il vantaggio che avevamo maturato e, se puo starci una sconfitta in casa del Verona, non è ammissibile affrontare le partite con questo spirito di gioco. La delusione è legata soprattutto alla mancanza di intensità, senza la quale i risultati non arriveranno. Sapevamo che al Bentegodi bisognava fare la partita perfetta, è una squadra in splendida forma ma credo che oggi sia stata molto agevolata dai nostri errori. Ciò che ha contraddistinto il Cittadella in quattro anni di campionato cadetto sono la tenacia, l'agonismo che non possono mancare in una squadra che deve salvarsi perché, anche se forse il mio gruppo lo ha temporaneamente dimenticato, noi siamo una squadra che punta alla salvezza."

HELLAS VERONA
Tris al Cittadella, Gomez trascina Verona
30.03.2012 22:50 di Martina Forciniti
Secondo derby del mese per gli scaligeri di Mandorlini che oggi, 33a giornata di SerieBwin, ospitano il Cittadella di Foscarini. Dopo la batosta inflitta al Verona dalla Nocerina al San Francesco, i gialloblù debbono sperare che l'incontro con la cugina veneta si concluda con un risultato equiparabile, se non migliore per i più fiduciosi, a quello ottenuto contro i vicentini, che furono battuti con il risultato di 2-0.

PRIMO TEMPO. Al 7' doppio miracolo di Cordaz che para un primo tiro di Ferrari, servito da Berrettoni in area piccola, ed è bravissimo a bloccare la seconda conclusione su ribattuta di Jorginho. Passa in vantaggio il Verona al 14' sugli sviluppi di un corner battuto da Hallfredsson, Tachtsidis raccoglie una ribattuta e dai 16 metri si inventa un poderoso tiro che ha la meglio su Cordaz. Pronta la reazione degli avversari che al 16' cercano il riscatto con Busellato ma Rafael non si fa trovare impreparato e alza sopra la traversa. I gialloblù non si cullano sugli allori e al 22', con Berrettoni, sfiorano il doppio vantaggio; Cordaz salva tutto bloccando la conclusione dai 20 metri dell'attaccante gialloblù. La perseveranza premia e al 30' gli scaligeri raddoppiano con Gomez che conclude di sinistro in area di rigore e sorprende il numero uno avversario. Al 39' gol in scivolata di Russo annullato per segnalazione di fuori gioco da parte dell'assistente.

SECONDO TEMPO. Sfiorato il 3-0 al 52' con Ferrari che, servito da Berrettoni, trova la respinta di Cordaz a un passo dalla porta. Al 58' secondo gol della serata annullato al Verona: Ferrari insacca sotto l'incrocio dei pali ma l'arbitro aveva già fischiato un fallo su Gomez, buttato giù dalla difesa mentre era in volata verso la porta. Triplica al 59' il Verona proprio con il bomber argentino che insacca la porta avversaria con un sinistro dai sedici metri. Al 73' accorcia le distanze il Cittadella per un'autorete di Abbate, che devia con la schiena un tiro di Marchesan. All'ultimo minuto del recupero il Cittadella trova il gol del 3-2 con Di Nardo ma il tempo è scaduto e Nasca fischia la conclusione dell'incontro.

Hellas Verona-Cittadella 3-2
Marcatori: 14' Tachtsidis, 30' Gomez, 59' Gomez, 73' Marchesan, 95' Di Nardo

Hellas Verona: 1 Rafael; 13 Abbate, 17 Mareco, 22 Maietta, 33 Pugliese; 19 Jorginho, 77 Tachtsidis, 10 Hallfredsson (18' 8 Russo); 27 Berrettoni (68' 14 D'Alessandro), 9 Ferrari (83' 11 Pichlmann), 21 Gomez Taleb.
A disposizione: 26 Frattali, 5 Ceccarelli, 16 Galli, 32 Bjelanovic.
Allenatore: Andrea Mandorlini

Cittadella: 71 Cordaz; 51 Ciancio, 29 Gasparetto (7' 17 Gorini), 5 Pellizzer, 24 Marchesan; 80 Schiavon, 31 Busellato, 23 Paolucci (76' 21 Carra); 7 Di Roberto (61' 2 Vitofrancesco), 9 Di Carmine, 13 Di Nardo.
A disposizione: 1 Pierobon, 8 Branzani, 11 Maah, 56 De Vito.
Allenatore: Claudio Foscarini

Arbitro: Luigi Nasca (Sez. arbitrale di Bari)
Note. Ammoniti: Schiavon, Gorini, Marchesan. Espulsi: -. Recupero: 2'-4'. Spettatori: 13.886

PRIMO PIANO
33^ giornata, l'anticipo: riscatto Hellas sulle ali di Gomez. Cittadella battuto 3-2
30.03.2012 22:44 di Federico Errante
L'Hellas impiega solo 30' per sbarazzarsi del Cittadella e riscattare la mazzata di Nocera. Dopo un avvio già a spron battuto ci pensa Tachtsidis al 15' a sbloccare la gara con un sinistro appena dentro l'area. Al 30', sempre di sinistro ma stavolta a giro, è Gomez che trova il raddoppio poi è lo stesso attaccante a siglare la doppietta personale al 57'. I padovani si svegliano troppo tardi: Abbate devia un tiro di Paolucci e all'ultimo secondo Di Nardo di testa rende meno amara la serata di Foscarini.

HELLAS VERONA - CITTADELLA 3-2 15' Tachtsidis 30' 57' Gomez 77' aut. Abbate (C) 95' Di Nardo (C)
Hellas Verona (4-3-3): Rafael; Abbate, Mareco, Maietta, Pugliese; Jorginho, Tachtsidis, Hallfredsson (19' Russo); Gomez, Ferrari (84' Pichlmann), Berrettoni (67' Berrettoni). All. Mandorlini.

Cittadella (4-3-3): Cordaz; Ciancio, Gasparetto (7' Gasparetto), Pellizzer, Marchesan; Schiavon, Paolucci (75' Carra), Busellato; Di Roberto (60' Vitofrancesco), Di Carmine, Di Nardo. All. Foscarini

I GOL
95' - Di Nardo con un bel colpo di testa da pochi passi sigla il punto del 2-3

72' - Tiro di Paolucci che incoccia la schiena di Abbate e sorprende Rafael

57' - Nasca annulla per fuorigioco un eurogol di Ferrari, ma sanziona un fallo precedente. Sugli sviluppi della punizione seguente Gomez batte ancora Cordaz

30' - Gomez appena dentro l'area calcia d'interno sinistro sul secondo palo: raddoppio Hellas

15' - Dopo un doppio miracolo di Cordaz su Ferrari e Jorginho (8') ci pensa Tachtsidis a sbloccare: girata in area e sinistro nell'angolo

FONTE: TuttoB.com


domenica, aprile 1st, 2012 | Posted by Orru
Verona, ESCLUSIVO/ Un sabato che sorride ai gialloblù
La vincitrice della 33^giornata di Serie B è senza dubbio il Verona, l’unica squadra vincente tra le prime sei della classifica. E avendo giocato in anticipo, di venerdì, gli scaligeri si sono potuti mettere tranquillamente in poltrona e vedere giocare le dirette concorrenti. E mister Mandorlini avrà senz’altro goduto al termine delle partite visto che gli unici punti guadagnati nelle zone alte della classifica sono quelli del suo Verona. Torino che cade a Empoli, Sassuolo che viene raggiunto in extremis dal Grosseto, Pescara che perde in casa con il Bari, stessa sorte di Padova e Varese ko rispettivamente contro Crotone e Juve Stabia.

Questo il resoconto dello ‘special saturday’ in salsa scaligera. Ora l’Hellas si trova al secondo posto, in concomitanza col Sassuolo, con 63 punti a meno 3 dal Torino primo. Una squadra, quella veronese, che sta bene da tutti i punti di vista e la sconfitta di sabato scorso a Nocera che è stata archiviata come un passo falso occasionale. Contro il Cittadella i gialloblù non hanno mai sofferto, nonostante il risultato parli di 3-2, ma le due reti dei granata sono state fatte solamente nei minuti finali, quando i padroni di casa avevano un pò mollato mentalmente. E adesso il calendario propone una trasferta temibile che dirà qualcosa in più sui reali valori del Verona. Venerdì prossimo, nel turno pre-pasquale si va a Brescia, al Rigamonti, ad affrontare una squadra che è in piena lotta per i playoff e che la sua 33^giornata la deve ancora disputare nel posticipo di domani sera contro la Reggina.
di Marco Orrù

sabato, marzo 31st, 2012 | Posted by Matteop
Serie B, ESCLUSIVO/ Pescara, Torino e Padova ko. Cadono le grandi!
Cadono le grandi in un pomeriggio di fine marzo. Il Torino perde per 1-0 a Empoli, dove decide la partita una rete di Massimo Maccarone. Il Pescara era andato in vantaggio contro il Bari, ma la rimonta targata Scavone-Bellomo rompe le ossa agli uomini di Zeman. Il Padova si fa sorprendere all’Euganeo dal Crotone e da Alessandro Florenzi.
Tre ko pesanti in ottica promozione, di cui si approfittano il Verona e la Sampdoria. L’Hellas ha vinto ieri sera nell’anticipo contro il Cittadella, recuperando punti alle squadre di testa, mentre la Samp continua a sognare la zona playoff che ora dista un solo punto.
Il Sassuolo invece compie un mezzo passo falso a Grosseto dove si fa rimontare due volte dalla squadra di Ugolotti.
M.F.

venerdì, marzo 30th, 2012 | Posted by ferrantetommy
Verona-Cittadella, Gomez Taleb “Ora rimaniamo compatti fino al termine”
“Siamo attraversando un bel momento. Stasera abbiamo sfruttato le occasioni che ci sono capitate fino ad adesso”. Queste le parole di Juanito Gomez Taleb del Verona intervenuto a Sky alla fine della prima frazione contro il Cittadella. Il giocatore scaligero ha realizzato uno strepitoso secondo gol che ha permesso di portare l’Hellas sul 2-0 contro i granata “Ora sappiamo che i nostri avversari cercheranno di recuperare il gap e noi dovremmo essere uniti e compatti fino al termine.” Sulla rete annullata all’argentino “Sono sicuro che Russo ha toccato la mia conclusione ma non so se era in fuorigioco”

venerdì, marzo 30th, 2012 | Posted by ferrantetommy
Verona-Cittadella, gli scaligeri centrano l’undicesima vittoria consecutiva interna
Una cavalcata incredibile quanto inarrestabile. Il Verona di Andrea Mandorlini centra l’undicesima vittoria consecutiva al Marcantonio Bentegodi, nell’anticipo del venerdì della serie B contro il Cittadella per 3-2. Un filotto che si è concretizzato il 1 novembre 2011 con la vittoria per 1-0 al Brescia, dopo che nelle prime sei partite interne gli scaligeri avevano totalizzato una vittoria, tre pareggi e due sconfitte. Si conferma nerissimo il mese di marzo per i granata. Per i ragazzi di Claudio Foscarini infatti quattro sconfitte e un pareggio nelle cinque gare disputate.

venerdì, marzo 30th, 2012 | Posted by Matteop
Verona-Cittadella, pagelle dell’anticipo del Bentegodi
Ecco le pagelle di Verona-Cittadella:
Verona
Rafael 6.5: partita che lo vede chiamato in causa poche volte, ma lui risponde sempre presente. Incolpevole sul gol subito.
Abbate 6: limitate le sue scorribande, rimane dietro anche perchè il Cittadella è schierato con un agile tridente. Sfortunato nell’azione che porta al 3-1.
Mareco 6: nonostante sia ruvido è sempre efficace, per questo Verona una sicurezza.
Maietta 6.5: al centro gioca con piglio e grande personalità. Nella ripresa si spinge sfiorando anche la rete.
Pugliese 6: prestazione nella norma, senza grande meriti ne demeriti. Nella ripresa cresce anche in fase di proposizione.
Jorginho 6.5: gioca da mezz’ala sinistra, interpretando bene la partita. La giusta dose di qualità in fase di proposizione.
Tachtsidis 7: grande partita nel cuore del campo, gioca con il compasso aperto oggi. Ha anche il merito di sbloccare la partita con un prodigio.
Hallfredsson sv: esce dopo pochissimo per un problema fisico, due tre tocchi li ha fatti vedere comunque.
(18' Russo) 6: entra e gioca subito con grande dinamismo, velocità e proposizione.
Berrettoni 6.5: messo dentro un pò a sorpresa ha la grande capacità di vivacizzare il tridente girando alle spalle di Ferrari.
(67' D’Alessandro) sv
Ferrari 6: abile a farsi trovare sempre libero in mezzo all’area, troppo sprecone a volte.
(83' Pichlmann) sv
Gomez 7: scatenato il piccolo diavolo di Mandorlini, gioca con grande piglio sull’esterna e diventa decisivo con una doppietta.
All Mandorlini 7: fa giocare bene i suoi, regalando momenti di grande lucidità a una neopromossa in grado di lottare per la promozione.

Cittadella
Cordaz 6: partita difficile contro un Verona scatenato. Nei primi minuti compie un vero portento su Ferrari, ripetendosi sempre sull’attaccante nella ripresa, dimostrando di essere un ottimo portiere.
Ciancio 5: suo suo lato agisce uno scatenato Gomez, fermarlo sarebbe stato difficile per chiunque.
Pellizzer 5.5: la difesa traballa e insieme a questa anche la sua prestazione. Costretto con le dure a fermare il Verona, nella punizione che porterà al 3-0.
Gasparetto sv: sfortunatissimo si fa male dopo cinque minuti
(7' Gorini) 5.5: in difficoltà con la fisicità di Ferrari, se lo perde più volte al centro dell’area. Anche se l’attaccante oggi non è in splendida forma.
Marchesan 5.5: la velocità e imprevedibilità di Berrettoni lo mette spesso in difficoltà.
Busellato 6: ha grandi qualità, ma è un talento ancora acerbo. Non riesce a dare la svolta alla partita del Cittadella a centrocampo, ma fa vedere anche buone cose.
Paolucci 5: partita di difficile interpretazione davanti alla difesa, viene sovrastato dalla tecnica del centrocampo scaligero.
(76' Carra) sv
Schiavon 5: lento e involuto, al centro del campo non gioca con il solito dinamismo. Partita incerta.
Di Roberto 5: a volte troppo egoista sotto porta, gioca troppo alle spalle di questa. Partita al di sotto delle sue possibilità.
(60' Vitofrancesco) 6: dinamismo e grande voglia portato al centrocampo del Citta.
Di Nardo 6: il più frizzante del reparto offensivo del Citta, gioca con grande velocità ma brancola nel buio. Segna quando ormai tutto è finito!
Di Carmine 5.5: prestazione opaca anche per lui, troppo spesso lontano dalla porta.
All Foscarini 5.5: in difficoltà dall’inizio, quando schiera un tridente che non riesce a dare spessore e movimento.

venerdì, marzo 30th, 2012 | Posted by Matteop
Verona-Cittadella, tabellino e cronaca dell’anticipo del Bentegodi
Il Verona mette un altro puntello alla sua incredibile stagione, mentre il Cittadella non esce dalla crisi di risultati che la colpisce da un pò di tempo a questa parte. Termina 3-2 per gli uomini di Mandorlini, con uno straordinario Gomez autore di una doppietta. Le altre reti le segnano Tachtsidis, Di Nardo e Paolucci su deviazione di Abbate.

Ecco il tabellino di Verona-Cittadella:
Verona (4-3-3): Rafael; Abbate, Mareco, Maietta, Pugliese; Jorginho, Tachtsidis, Hallfredsson (18' Russo); Berrettoni, Ferrari (83' Pichlmann), Gomez. A disp: Frattali, Cangi, Ceccarelli, Esposito, Lepillier, Bjelanovic. Allenatore: Mandorlini
Cittadella (4-3-3): Cordaz; Ciancio, Pellizzer, Gasparetto (7' Gorini), Marchesan; Busellato, Paolucci (8, Schiavon; Di Roberto (60' Vitofrancesco), Di Nardo, Di Carmine. A disp: Pierobon, Martinelli, Branzani, Bellazzini, Maah. Allenatore: Foscarini
Ammoniti: Schiavon (C), Gorini (C), Marchesan (C)

FONTE: SerieBNews.com


Gomez Taleb: "Al "Bentegodi" una spinta in più"
Postata il 31/03/2012 alle ore 01:55
"Oggi era fondamentale tornare alla vittoria. E’ un periodo che stiamo giocando bene, anche a Nocera avevamo preparato la gara adeguatamente"
VERONA - Con le due reti contro il Cittadella, Gomez Taleb raggiunge la doppia cifra in campionato. “Sono molto contento per questo risultato, anche se oggi era fondamentale tornare alla vittoria. E’ un periodo che stiamo giocando bene, anche a Nocera avevamo preparato la gara adeguatamente. Cerchiamo di fare quello che ci chiede il mister e di arrivare al meglio per la partita”.
“Là davanti siamo in tanti attaccanti", continua l’argentino. "Berrettoni è un grandissimo giocatore, può darci una grossa mano. Anche Lepiller ultimamente ha risolto alcune partite importanti. Stiamo bene, tutti possono tornare utili”.
Il successo ottenuto coi granata permette agli uomini di Mandorlini di eguagliare il record di vittorie casalinghe consecutive in cadetteria: “Non pensiamo troppo a questo primato. Noi cerchiamo sempre di andare in campo per vincere, a volte ci riusciamo, altre no. Al “Bentegodi” però abbiamo sicuramente una spinta in più, il pubblico ci dà sempre un grande aiuto”.
Ufficio Stampa

Mandorlini: "Fondamentale riprendersi dopo Nocera"
Postata il 31/03/2012 alle ore 01:50
"Sono contento per tutto, abbiamo fatto un’ottima prestazione. Nel finale ci siamo rilassati un po’ ma ci può stare. In settimana analizzeremo il perché"
VERONA - Molto soddisfatto per la gara dei suoi l'allenatore gialloblù Andrea Mandorlini, che non dà troppo peso alle due reti subite nelle ultime battute. “Sono contento per tutto, abbiamo fatto un’ottima prestazione. Nel finale ci siamo rilassati un po’ ma ci può stare. In settimana analizzeremo il perché, però oggi l’importante era portare a casa i tre punti”.

“Non ho mai avuto paura di non portare a casa la vittoria – riprende il tecnico ravennate - , la squadra aveva voglia di giocare, lo spirito era quello giusto. Abbiamo avuto tantissime occasioni, siamo stati bravi ad attaccare gli spazi. Dopo la partita di Nocera era fondamentale riprendersi subito”.

“Il nostro modo di pensare non deve cambiare, concentriamoci per giocare e vincere una partita alla volta. Meritiamo la posizione di classifica che abbiamo e speriamo di restarci fino alla fine. Oggi Berrettoni ha fatto molto bene, Ferrari avrebbe meritato il gol. Abbiamo bisogno di tutti, le alternative non ci mancano”.
Ufficio Stampa

Fabio Alba sigla un contratto triennale
Postata il 31/03/2012 alle ore 15:41
Poco prima del match tra Hellas Verona e Cittadella l'attaccante della Primavera ha perfezionato con grande entusiasmo l'accordo col club scaligero
VERONA – Poco prima del fischio d'inizio del match tra Hellas Verona e Cittadella Fabio Alba ha siglato, presso la sede sociale di Via Torricelli, il contratto che lo lega al club scaligero per i prossimi tre anni.

"Per la società si tratta di un grande segnale", commenta il responsabile del settore giovanile Stefano Ghisleni. "E' una conferma degli obiettivi indicati in prima persona dal presidente Martinelli: valorizzare ragazzi da poter portare in prima squadra. Siamo contenti del buon rapporto esistente con mister Mandorlini, che ha sempre un grande interesse per i giovani, nonostante ora non ci siano i presupposti per far esordire un atleta del vivaio".

Grandissima soddisfazione ed un briciolo di stupore per l'attaccante della Primavera: "Inizialmente stentavo a crederci, ma ora che me ne rendo conto sono davvero felice. Credi sua un punto di partenza per coronare un giorno il mio sogno, magari in gialloblù. Continuerò ad impegnarmi al massimo sia in allenamento che in partita", conclude dedicando questo primo traguardo alla famiglia ed a quanti gli sono vicini.
Ufficio Stampa

Brescia-Hellas Verona anticipata alle ore 17
Postata il 31/03/2012 alle ore 15:31
Disposizione del Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie B preso atto delle richieste pervenute dalla Prefettura di Brescia e dai GOS di Brescia
MILANO - Il Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie B, preso atto delle richieste pervenute in data odierna dalla Prefettura di Brescia e dai GOS di Brescia di anticipare l’orario di inizio dell’incontro Brescia-Hellas Verona, valido per la 34a giornata di Serie bwin, ha disposto che il match si giochi alle 17 anzichè alle 19 di venerdì 6 aprile.
Ufficio Stampa

Sandrà: gialloblù subito in campo dopo il Cittadella
Postata il 31/03/2012 alle ore 12:56
Esercizi di scarico per gli atleti impiegati coi granata, riscaldamento, conclusioni a rete e partita su campo ridotto per il resto del gruppo
SANDRA' - Squadra scaligera di nuovo in campo nella mattinata successiva alla vittoria casalinga col Cittadella.
Sabato a Sandrà esercizi di scarico per gli atleti impiegati contro la formazione granata, riscaldamento, conclusioni a rete e partita su campo ridotto per il resto del gruppo.
Ripresa degli allenamenti fissata per lunedì alle 17.
Ufficio Stampa

Doppio Juanito e Tachtsidis, tris al Cittadella
Postata il 30/03/2012 alle ore 22:29
VERONA - Undicesima affermazione consecutiva fra le mura amiche per l'Hellas Verona, che con una prova di forza chiude la pratica-Cittadella già nella prima mezzora grazie a Tachtsidis e Gomez Taleb, a segno nella ripresa per la doppietta personale. Nel finale gli ospiti accorciano con Marchesan e Di Nardo.
Mandorlini schiera dal 1' Pugliese e Berrettoni, in tribuna Lepiller, reduce da alcuni problemi fisici. Foscarini risponde con un 4-3-3 caratterizzato dalla presenza nel reparto avanzato di Di Roberto, Di Nardo e Di Carmine.

Primo tempo. Al quarto d'ora la squadra scaligera passa in vantaggio: corner di Hallfredsson, Tachtsidis recupera la sfera e si gira ai sedici metri battendo Cordaz. Gli ospiti cercano la risposta immediata con Busellato (16'), bravo Rafael ad alzare sopra la traversa. Al 22' Berrettoni riceve in diagonale dalla parte opposta e conclude di destro dai venti metri, l'estremo difensore ospite blocca. Alla mezzora i gialloblù trovano il raddoppio con Gomez Taleb, autore di una conclusione mancina da dentro l'area di rigore indirizzata verso il palo lontano. Sinistro di Di Roberto da fuori area (42'), palla deviata da Di Carmine che finisce alta sopra la traversa.

Secondo tempo. Corner insidioso di Di Roberto (48'), Rafael allontana coi pugni. Al 52' discesa di Berrettoni, abile a servire Ferrari a tu per tu con Cordaz, l'attaccante trentino si vede respingere il destro da pochi passi. Discesa palla al piede di Gomez Taleb (56') letteralmente abbattuto dalla difesa granata, prodezza di Ferrari che insacca sotto l'incrocio dei pali ma l'arbitro aveva fischiato il fallo. Sugli sviluppi della punizione proprio l'argentino riceve palla e con un diagonale mancino trafigge nuovamente Cordaz all'altezza dei sedici metri. Gli ospiti accorciano le distanze al 72' con Marchesan, il cui tiro trova una deviazione e finisce in rete. Appoggio in area di Pichlmann per l'accorrente Tachtsidis, sinistro centrale del regista greco.

Hellas Verona-Cittadella 3-2
Marcatori: 15' Tachtsidis, 30', 58' Gomez Taleb, 72' Marchesan, 95' Di Nardo
Hellas Verona: 1 Rafael; 13 Abbate, 17 Mareco, 22 Maietta, 33 Pugliese; 19 Jorginho, 77 Tachtsidis, 10 Hallfredsson (18' 8 Russo); 27 Berrettoni (67' 14 D'Alessandro), 9 Ferrari (83' Pichlmann), 21 Gomez Taleb.
A disposizione: 26 Frattali, 5 Ceccarelli, 16 Galli, 32 Bjelanovic.
Allenatore: Andrea Mandorlini

Cittadella: 71 Cordaz; 51 Ciancio, 29 Gasparetto (7' 17 Gorini), 5 Pellizzer, 24 Marchesan; 80 Schiavon, 31 Busellato, 23 Paolucci (76' 21 Carra); 7 Di Roberto (61' 2 Vitofrancesco), 9 Di Carmine, 13 Di Nardo.
A disposizione: 1 Pierobon, 8 Branzani, 11 Maah, 56 De Vito.
Allenatore: Claudio Foscarini

Arbitro: Luigi Nasca (Sez. arbitrale di Bari)
Note. Ammoniti: Schiavon, Gorini, Marchesan. Espulsi: -. Recupero: 2'-4'. Spettatori: 13.886
Ufficio Stampa

Andreoli Rimorchi Srl nuovo Silver Sponsor gialloblù
Postata il 30/03/2012 alle ore 09:55
L'accordo pone le basi per l’avvio di ulteriori iniziative commerciali supportate dalla società di Via Torricelli per il futuro immediato
VERONA – Vanno via via consolidandosi i rapporti che l’Hellas Verona vanta con i propri partner.
Nuovi orizzonti di collaborazione tra il club scaligero e l’Andreoli Rimorchi srl, già al fianco dei gialloblù da inizio stagione: l’azienda di Buttapietra assume ora il ruolo di Silver Sponsor, ponendo le basi per l’avvio di ulteriori iniziative commerciali supportate dalla società di Via Torricelli per il futuro immediato.
Per informazioni sull’azienda specializzata nel settore delle elaborazioni ed allestimenti dei veicoli industriali, clicca sul sito http://www.andreoli-ribaltabili.it/
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it





[OFFTOPIC]
CONTINUA LA SEQUELA DI MORTE IMPROVVISA DI SPORTIVI! Ed è ancora il calcio a pagare: Muore per un malore fulminante Francesco MANCINI, preparatore dei portieri del PESCARA ed ex portiere del FOGGIA di ZEMAN... Nel frattempo MUAMBA stà meglio grazie a Dio!
EUROPA LEAGUE: BILBAO contro ogni pronostico, 4 a 2 allo SCHALKE 04!DECISIONE FIFA, i club potranno chiedere l'indenizzo per i calciatori che s'infortunano con le nazionali
NBA: Colpaccio dei THUNDER sul campo dei LAKERS, gli HEATS distruggono i MAVERICKS...
TNAS: Confermati i 6 punti di penalità all'ATALANTA

MORTO FRANCESCO MANCINI, EX PORTIERE DEL FOGGIA DI ZEMAN: AVEVA 44 ANNI
Venerdì 30 Marzo 2012 - 19:29
PESCARA - È morto nel pomeriggio nella sua casa di via Gobetti a Pescara, a causa di un improvviso malore, Francesco Mancini, preparatore dei portieri del Pescara ed ex n.1 del Foggia dei miracoli di Zeman. Mancini, 44 anni, questa mattina aveva diretto regolarmente l'allenamento della squadra biancazzurra assieme al tecnico boemo, prima di rientrare nella sua abitazione, dove poi si è sentito male. Soccorso dai sanitari del 118, è deceduto prima di essere trasportato in ospedale. L'ex portiere, da diversi anni braccio destro di Zeman, aveva militato da giocatore nella Lazio e nel Napoli. Ha indossato anche le maglie di Matera, Bisceglie, Bari, Napoli, Pisa, Sambenedettese, Teramo, Salernitana, Martina e Fortis Trani.

MUAMBA STA MEGLIO E SORRIDE SU TWITTER: "GRAZIE A TUTTI" -FOTO
Venerdì 30 Marzo 2012 - 16:23
LONDRA - Una foto e un messaggio del giocatore del Bolton, Fabrice Muamba, sono apparsi oggi alle 14.42 sul suo profilo ufficiale del social network Twitter. «Fab voleva pubblicare questa foto per voi e anche per dirvi grazie per l'incredibile supporto», si legge. Il giocatore sorridente è ritratto sul letto dell'ospedale dove è ricoverato da 2 settimane. Il 17 marzo Muamba è stato colpito da arresto cardiaco durante il match di FA Cup sul campo del Tottenham. La foto è stata immediatamente ripresa da moltissimi tifosi e sostenitori che hanno mostrato da subito la loro vicinanza nei confronti del centrocampista.

FAVOLA BILBAO, SCHALKE BATTUTO 4-2. VINCONO ATLETICO MADRID, AZ E SPORTING
Venerdì 30 Marzo 2012 - 00:23
GELSENKIRCHEN - L'Atletico Bilbao ipoteca la semifinale dell'Europa League. In un'andata dei quarti ricca di gol e emozioni, è la squadra di Bielsa a lasciare il segno con uno show a suon di reti in casa dello Shalke 04: finisce 4-2 per i baschi la sfida a Gelsenkirchen, un successo in rimonta perchè alla rete di Llorente i padroni di casa avevano risposto con una doppietta dello scatenato Raul (che porta a 76 reti il suo record in Europa). Ma è lo stesso Llorente a bissare nella ripresa, aprendo la strada per il sorpasso dell'Atletico. I minuti finali sono tutti per gli ospiti a segno con De Marcos e in pieno recupero con Muniain. Ai tedeschi servirà l'impresa la prossima settimana per sperare nel passaggio di turno, che sembra ormai solo una formalità per il Bilbao: del resto la squadra allenata da Bielsa aveva già eliminato agli ottavi il Manchester United e, in una stagione memorabile, vanta già la finale di Coppa di Spagna in cui si contenderà il trofeo con il Barcellona. Con la Spagna a farla da padrona sono però solo i baschi a fare feste piena: l'Atletico Madrid di Simeone vince 2-1, ma la rete dell'Hannover pesa in vista del match di ritorno: il solito Falcao in avvio di gara (9') aveva portato in vantaggio i madrileni, gelati poi al 38' dalla rete di Diouf. Salvio allo scadere chiude sul 2-1 per i padroni di casa. «Il gol non ce l'aspettavamo» ammette l'ex laziale Simeone. Delle spagnole di certo non può sorridere il Valencia, sconfitto in trasferta 2-1 dall'Az Alkmaar, la squadra che aveva fatto fuori l'Udinese. Padroni di casa avanti con Holman allo scadere del primo tempo, Valencia che si riporta in partita con Topal: tante occasioni per gli spagnoli, ma è Martens a chiudere in favore dell'Alkmaar. Passa anche lo Sporting Lisbona che pensava di aver messo a riparo la qualificazione con il Metalist Kharkiv grazie alle reti di Izmailov e Insua. Ma il rigore al 46' di Xavier complica un pò la trasferta in Ucraina dei portoghesi.

BELI SUPER CON 7 BOMBE, HORNETS KO. THUNDER BATTONO I LAKERS A L.A. -VIDEO
Venerdì 30 Marzo 2012 - 11:23
PORTLAND - La miglior versione di Marco Belinelli non basta a New Orleans. La guardia azzurra segna 27 punti, record stagionale, ma gli Hornets (13-38) perdono per 99-93 sul campo dei Portland Trail Blazers (24-27).
Belinelli, titolare per 44'51'', si consola con il primato di triple: 7 su 11 tentativi (9/18 al tiro). Accanto al bolognese, che mette a referto anche 3 rimbalzi e 3 assist, brilla Carl Landry (24 punti e 7 assist). Portland, però, se la cava con l'ottimo LaMarcus Aldridge (25 punti e 12 rimbalzi) e con altri 5 uomini in doppia cifra.
Lo show di Belinelli impreziosisce una serata dominata dai big match. I Miami Heat (36-13) dominano per 106-85 contro i Dallas Mavericks (29-23) nel remake della finalissima 2011. La corazzata della Florida, al secondo successo stagionale sui campioni in carica, prende il largo con il 36-24 nel secondo periodo. Gli Heat non hanno bisogno di spremere le loro star. LeBron James (19 punti, 9 rimbalzi e 5 assist) e Chris Bosh (19 punti, 9 rimbalzie 2 assist) chiudono con tabellini quasi identici. Dwyane Wade si ferma a 16 punti come Udonis Haslem. Dallas si aggrappa al solito Dirk Nowitkzi (25 punti), ma il tedesco da solo non basta.
Un altro messaggio chiaro arriva dallo Staples Center di Los Angeles. I Lakers (31-20) si arrendono per 102-93 agli Oklahoma City Thunder (39-12), numero 1 della Western Conference. Gli ospiti volano con i 36 punti di Russell Westbrook e i 21 (con 11 rimbalzi) di Kevin Durant. Derek Fisher, ex di turno dopo una vita in gialloviola, mette a referto 7 punti. I Lakers tengono testa ai migliori dell'Ovest nonostante la giornata storta di Kobe Bryant. Il fuoriclasse segna 23 punti ma con un pessimo 7/25 al tiro. In mezzo all'area, Andrew Bynum (25 punti e 13 rimbalzi) si fa apprezzare più di Pau Gasol (13 punti e 6 rimbalzi).

I RISULTATI I risultati delle partite della regular season Nba: Indiana Pacers-Washington Wizards 93-89; Miami Heat-Dallas Mavericks 106-85; Portland Trail Blazers-New Orleans Hornets 99-93; Los Angeles Lakers-Oklahoma City Thunder 93-102.

CALCIOSCOMMESSE: CONFERMATA LA PENALIZZAZIONE DELL'ATALANTA
Venerdì 30 Marzo 2012 - 15:21
ROMA - Il Tribunale nazionale di arbitrato dello sport ha confermato la penalizzazione di sei punti all'Atalanta per il campionato in corso per la vicenda del calcioscommesse sulla quale indaga la Procura di Cremona e su cui hanno emesso una prima sentenza i gradi di giustizia della Figc. La società bergamasca, sanzionata per responsabilità oggettiva, aveva presentato ricorso.
Il Collegio arbitrale, presieduto da Bartolomeo Manna ha respinto l'istanza promossa dal club, confermando così la decisione della Corte di Giustizia Federale, che prevede la penalizzazione in classifica. La corte della Figc, il 19 agosto dello scorso anno, si era già allineata sulla sentenza di primo grado, mantenendo per l'Atalanta la stessa penalizzazione. Poi il ricorso del club bergamasco al Tnas che, ultimo grado di giudizio del primo processo sportivo, non ha fatto sconti. Per l'Atalanta è scattata la sanzione per responsabilità oggettiva, visto il coinvolgimento del capitano della squadra, Cristiano Doni - già squalificato per tre anni e mezzo - in merito alla partita Atalanta-Piacenza del 19 marzo 2011.

FIFA: OK ALL'INDENNIZZO AI CLUB PER GLI INFORTUNI IN NAZIONALE
Venerdì 30 Marzo 2012 - 18:00
ZURIGO - Da ora in avanti in caso di infortuni in nazionale, il club di appartenenza del giocatore sarà indennizzato. Lo ha deciso oggi l'Esecutivo della Fifa. Da settembre i giocatori che disputeranno gare internazionali godranno di una copertura assicurativa. Obbligatorio il rilascio dei giocatori Under 23 per le Olimpiadi di Londra.
Il sistema prevede che, se un giocatore si infortuna durante una gara con la propria nazionale, il club di appartenenza riceverà dall'assicurazione una somma a titolo di indennizzo che dipenderà dalla durata dell'assenza del giocatore e dal suo stipendio base. Prima di entrare in vigore, questa copertura assicurativa dovrà comunque essere approvata dal Congresso della Fifa, che si riunirà i 24 e 25 maggio a Budapest.

FONTE: Leggo.it

VERONA 3-2 CITTADELLA: La gara in diretta web,,,

Pubblicato da andrea smarso 20:52, vedi , , , , , , , | Nessun commento


VERONA 3-2 CITTADELLA
Per l'anticipo serale del derby veneto MANDORLINI ritrova MAIETTA dal primo minuto e conferma MARECO al centro della difesa;
PUGLIESE da il cambio a sinistra a SCAGLIA e, dal momento che LEPILLER non ce la fa, il mister sorprende ancora un po' tutti con BERRETTONI (e non già D'ALESSANDRO) a sinistra nel tridente completato da FERRARI e GOMEZ TALEB.
Centrocampo confermato con HALLFREDSSON, TACHTSIDIS e JORGINHO.

4-3-3 anche per i granata di FOSCARINI che relega MAAH in panca e schiera DI ROBERTO, DI CARMINE e DI NARDO in attacco (forse che il vivace parigino stonava non avendo il prefisso 'DI' nel cognome? Hi hi...)

PRIMO TEMPO
   3° Bella combinazione FERRARI-HALLFREDSSON per BERRETTONI che putroppo non ci arriva! Peccato...
   6° GORINI da il cambio all'infortunato GASPARETTO...
   7° Doppio miracolo di CORDAZ sui tentativi di FERRARI ben imbeccato da BERRETTONI e di JORGINHO sulla ribattuta! HELLAS vicinissimo al vantaggio...
15° GOOOOOOLLLL!!!!! 'PAN&GOTI' TACHTSIDIS riceve bene al limite dell'area dopo la respinta granata sul corner battuto da HALLFREDSSON: Il greco scocca un tiro angolato sul quale nulla può CORDAZ, VERONA 1-0 CITTADELLA
16° DI CARMINE cerca subito il pareggio: Bravo RAFAEL a deviare in angolo
18° Anche HALLFREDSSON da forfait! Tegola sull'HELLAS, speriamo non si tratti di nulla di grave. Entra RUSSO
22° Tiro di DI CARMINE, nessun problema per RAFAEL
23° BERRETTONI alla conclusione centrale: CORDAZ si oppone
25° Bel suggerimento di ABBATE per FERRARI ma l'attaccante trentino viene colto in fuorigioco. Ripartenza CITTADELLA bloccata stupendamente da MAIETTA che supera un paio di avversari e lancia FERRARI ancora in off-side!
28° BERRETTONI la da a RUSSO, botta di prima intenzione del neoentrato che chiama severamente in causa il portiere granata
29° GOOOOOOOOOOOOOLLLLLLL DI GOMEZ CHE RAGGIUNGE LA DOPPIA CIFRA CON UNA BOTTA DAL LIMITE! Gran bel gol dell'argentino che col sinistro spiazza CORDAZ con un tiro liftato sul secondo palo... 'Juani' al 6° gol in 6 gare!!!
40° L'HELLAS fa tutto bene e va in gol ancora con GOMEZ TALEB dopo una magistrale azioni avviata da un colpo di tacco di PUGLIESE ma l'arbitro dice che non vale: FERRARI, che ha deviato all'ultimo, era ancora in fuorigioco... Peccato!
42° DI ROBERTO spara da fuori area, DI CARMINE intercetta e devia, palla alta sopra la traversa...
45° FERRARI difende tignosamente palla e tira con un bel destro dal limite: palla fuori di un pelo! Ma che bel VERONA...
47° Il signor NASCA manda tutti negli spoigliatoi dopo la fine del primo tempo... E per poco GOMEZ in mischia non ci regalava il tris!

SECONDO TEMPO
   1° Tiro di DI NARDO ampiamente fuori dallo specchio difeso da RAFAEL
   3° Miracolo di CORDAZ su FERRARI: Il trentino ad un passo dalla porta riesce ad opporsi a 'Nick Dinamite' che aveva tirato a colpo sicuro, peccato!
   8° Ammonito MARCHESAN per un fallo (l'ennesimo) su 'Juanito'
   9° GOMEZ TALEB abbattuto al limite, la palla rotola verso FERRARI che segna ma l'arbitro aveva già fischiato il fallo sul furetto argentino! Ma come si fa? SCHIAVON ammonito ma l'HELLAS era già sul 3 a 0!
10° GOOOOOOOOOOOLLLLLLL! Doppietta di GOMEZ TALEB che segna la numero 11! RUSSO batte il calciodi punizione in mezzo all'area dove 'Juani' si lancia e dall'altezza del dischetto buca ancora CORDAZ!
15° VITOFRANCESCO da il cambio a DI ROBERTO nelle fila granata...
18° MAIETTA-spettacolo: Percussione del centrale che si lancia verso la porta avversaria da sinistra! Il tir è molto insidioso ma finisce di pochissimo a lato...
21° Gran tiro di FERRARI dal limite ma CORDAZ ancora una volta è bravo a dire di no!
22° D'ALESSANDRO da il cambio a BERRETTONI
24° Tiro sballato di DI NARDO
28° AUTOGOL DI ABBATE che ha intercettato malauguratamente un tiro da lontano di PAOLUCCI spiazzando RAFAEL, il CITTADELLA recupera una rete
29° Altro off-side fischiato a FERRARI lanciato benissimo da TCHTSIDIS.
30° PAOLUCCI si fa male al suo posto entra CARRA nel CITTADELLA
38° Ultima sostituzione VERONA: Dentro PICHLMANN fuori FERRARI
40° Grandissima parata del giovane CORDAZ sul tentativo di TACTSIDIS: il portiere di scuola INTER, migliore in campo oggi, blocca in due tempi!
44° Giallo anche per MARCHESAN
48° Il CITTADELLA segna il secondo gol con DI NARDO ma ormai non c'è più tempo e NASCA dopo 4 minuti di recuper sancisce la vittoria dell'HELLAS

TABELLINO
Hellas Verona-Cittadella 3-2
Marcatori: 15' Tachtsidis, 30', 58' Gomez Taleb, 72' Marchesan, 95' Di Nardo
Hellas Verona: 1 Rafael; 13 Abbate, 17 Mareco, 22 Maietta, 33 Pugliese; 19 Jorginho, 77 Tachtsidis, 10 Hallfredsson (18' 8 Russo); 27 Berrettoni (67' 14 D'Alessandro), 9 Ferrari (83' Pichlmann), 21 Gomez Taleb.
A disposizione: 26 Frattali, 5 Ceccarelli, 16 Galli, 32 Bjelanovic.
Allenatore: Andrea Mandorlini

Cittadella: 71 Cordaz; 51 Ciancio, 29 Gasparetto (7' 17 Gorini), 5 Pellizzer, 24 Marchesan; 80 Schiavon, 31 Busellato, 23 Paolucci (76' 21 Carra); 7 Di Roberto (61' 2 Vitofrancesco), 9 Di Carmine, 13 Di Nardo.
A disposizione: 1 Pierobon, 8 Branzani, 11 Maah, 56 De Vito.
Allenatore: Claudio Foscarini

Arbitro: Luigi Nasca (Sez. arbitrale di Bari)
Note. Ammoniti: Schiavon, Gorini, Marchesan. Espulsi: -. Recupero: 2'-4'. Spettatori: 13.886

Radiografia del Gol gialloblù 2011/2012
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
GOMEZ TALEB11112
HALLFREDSSON167
FERRARI257
PICHLMANN055
ABBATE145
LEPILLER033
MAIETTA033
BJELANOVIC022
JORGINHO022
TACHTSIDIS022
CECCARELLI011
RUSSO011
RUSSO011
BERRETTONI101
D'ALESSANDRO101

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#SpalVerona Romulo

#SpalVerona Verde


Wallpapers gallery