HELLAS VERONA: Rassegna stampa e tutte le ultime news, parlano PENSALFINI, ESPOSITO, RAFAEL, CECCARELLI, MARTINELLI e REMONDINA.

DICONO:ESPOSITO «A Ravenna abbiamo ottenuto tre punti d'oro, la ricerca del risultato è durata fino alla fine. Un buon gruppo aiuta a crescere» (HellasVerona.it) PENSALFINI «Ci vuole un pò di tempo per ambientarsi, ma l´impatto è molto positivo. Sappiamo di essere una buonissima squadra, ma non abbiamo fatto ancora nulla» (TuttoLegaPro.com)RAFAEL «A Potenza con la mentalità vincente, questa può essere la nostra grande stagione: crediamoci» (DNews.eu)CECCARELLI1 «Quando una squadra prende pochi gol come la nostra, i meriti vanno a tutti. Dagli attaccanti che pressano alto ai centrocampisti che scalano e coprono» (DNews.eu)CECCARELLI2 «Non deve cambiare nulla. Dopo il successo di lunedì ci siamo confermati, andiamo a Potenza con una mentalità vincente perchè solo i tre punti ti fanno fare il salto di qualità» (HellasVerona.it)MARTINELLI «Ho visto troppe imprecisioni, troppi passaggi sbagliati. Così non va bene. Dobbiamo essere più cinici. Le partite vanno chiuse prima» (DNews.eu)REMONDINA «C’è molta differenza tra vincere e pareggiare una partita. Ecco perché nel finale ho rischiato qualcosa in più. Ma quello che m’interessa è solo la prossima trasferta a Potenza. Una gara che non dobbiamo assolutamente sottovalutare» (DNews.eu)

DICONO:
ESPOSITO «A Ravenna abbiamo ottenuto tre punti d'oro, la ricerca del risultato è durata fino alla fine. Un buon gruppo aiuta a crescere» (HellasVerona.it)
PENSALFINI «Ci vuole un pò di tempo per ambientarsi, ma l´impatto è molto positivo. Sappiamo di essere una buonissima squadra, ma non abbiamo fatto ancora nulla» (TuttoLegaPro.com)
RAFAEL «A Potenza con la mentalità vincente, questa può essere la nostra grande stagione: crediamoci» (DNews.eu)
CECCARELLI1 «Quando una squadra prende pochi gol come la nostra, i meriti vanno a tutti. Dagli attaccanti che pressano alto ai centrocampisti che scalano e coprono» (DNews.eu)
CECCARELLI2 «Non deve cambiare nulla. Dopo il successo di lunedì ci siamo confermati, andiamo a Potenza con una mentalità vincente perchè solo i tre punti ti fanno fare il salto di qualità» (HellasVerona.it)
MARTINELLI «Ho visto troppe imprecisioni, troppi passaggi sbagliati. Così non va bene. Dobbiamo essere più cinici. Le partite vanno chiuse prima» (DNews.eu)
REMONDINA «C’è molta differenza tra vincere e pareggiare una partita. Ecco perché nel finale ho rischiato qualcosa in più. Ma quello che m’interessa è solo la prossima trasferta a Potenza. Una gara che non dobbiamo assolutamente sottovalutare» (DNews.eu) [COMMENTA]

ESPOSITOPENSALFINIRAFAEL


[ALTRE NEWS]
LEGA PRO 7^ GIORNATA PRIMA DIVISIONE: Il punto riassunto da Guffanti e Magli...
MULTA DI € 500,00 ALL'HELLAS VERONA F.C. S.P.A. perchè propri sostenitori in campo avverso più volte durante la gara intonavano cori offensivi verso l'opposta tifoseria.
EUROPEI 2016: C'è anche Verona (e MARTINELLI che vorrebbe un nuovo stadio)
INFERMERIA HELLAS: PENSALFINI recupera e a POTENZA potrebbe essere in campo... [COMMENTA]



[IN BREVE]
ECCELLENZA: L'AKRAGAS vince e dedica la vittoria ad un presunto capomafia! Nemo bèn...
LIGA SPAGNOLA: Ingaggiato uno stregone per fermare Cristiano RONALDO!
MONDIALI CICLISMO: CUNEGO sereno nonostante l'8° posto...
VITA DA EX: FOSCHI e PASTORELLO innocenti...
ZEMAN: 'MOURINHO è un mediocre' risponde lo SPECIAL ONE 'E chi è questo?'
FORMULA 1: ALONSO firma con la rossa! Dal prossimo mondiale guiderà la FERRARI con MASSA, FISICHELLA farà la riserva, RAIKKONEN si svincola di comune accordo...
VIDEO: LOTITO insegue un contestatore e la vita dura dei guardalinee guatemaltechi!
RECUPERO 5° TURNO fra FOGGIA e RAVENNA; i romagnoli passano in Puglia, 2 a 1 per i giallorossi il risultato finale. [COMMENTA]



GIOCO PRONOSTICI:
Ancora una volta BRIDGET sorprende tutti, eccetto BRUNI, e si siede sul gradino più alto del podio! Sapeste il suo incredibile segrto non giochereste pù alla stessa maniera ah ah!!! Bravo anche MARTINO che però deve accontentarsi della piazza d'onore. BLACK, GABRI e POSE realizzano solo 3 punti peggio fa solo MR LOYAL, sfigadòn di oggi con 2 punti.

BRUNI con oggi eguaglia il record di 9 punti stagionali bissato da BRIDGET ed il suo stesso record di risultati esatti beccati che sono ben 4 nel 2009/2010; attenzione anche a MARTINO che, sempre con BRIDGET, segnala il maggior numero di pronostici azzeccati: 6.

In classifica generale allunga ancora BRIDGET su LUCKY, ALE90HVR e me ma al secondo posto segnalo il balzo in avanti dell'ottimo BRUNI partito oggi dal penultimo posto... Ammonito VALE/=\VALES per mancata partecipazione. [COMMENTA]


CLASSIFICA DI GIORNATA
9 - Bridget, Bruni
7 - Martino
4 - Ale90hvr, Lucky, Robroy, Smarso
3 - Black, Gabri, Pose
2 - Mister Loyal

CLASSIFICA GENERALE
26 - Bridget
19 - Bruni
18 - Lucky
17 - Ale90hvr, Martino, Smarso
16 - Robroy
14 - Black
13 - Mister Loyal, Pose
12 - Gabri
09 - VALE/=\VALES

RECORD DI STAGIONE
Punteggio massimo in una giocata: Bridget, Bruni (9)
Max. numero di pronostici azzeccati: Bridget, Martino (6)
Max. numero di risultati azzeccati: Bridget, Bruni (4)
Punteggio minimo in una giocata: Federico Montresor, Smarso (1)

ALBO D'ORO CAMPIONI
2008/2009 RobRoy
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)




Hellas Verona, Pensalfini: "Possiamo dare ancora di più"
"Ci vuole un pò di tempo per ambientarsi, ma l´impatto è molto positivo. Sappiamo di essere una buonissima squadra, ma non abbiamo fatto ancora nulla" Al momento del suo passaggio in gialloblù Filippo Pensalfini sapeva che il direttore sportivo Nereo Bonato avrebbe allestito una squadra molto competitiva. Secondo il centrocampista romagnolo solo col lavoro si può continuare a far bene, ed allo stesso tempo incrementare l´apporto alla squadra di tutti gli elementi a disposizione di Remondina. Tranquillità, impegno e consapevolezza dei propri mezzi: questa la ricetta giusta secondo l´ex Sassuolo in vista del campionato di Prima Divisione.

FONTE: TuttoLegaPro.com


"VISTO da GUFFANTI": Squadre in fuga e meglio gli attacchi delle difese ...
Riccardo Guffanti, Direttore Sportivo professionista, iscritto all´albo speciale dei Direttori Sportivi della F.I.G.C. e da diversi anni dirigente in club di Lega Pro è oggi Osservatore e Collaboratore dell´Udinese Calcio. Per il nostro portale TuttoLegaPro si occuperà del PUNTO, una rubrica dedicata al calciomercato e ad altre news sui club della Lega Pro.
Una Prima Divisione sempre all´insegna dei tanti gol, di gare giocate a viso aperto, nel girone A solo uno 0 a 0, quello a Pagani, tra Paganese e Pro Patria, nessuna vittoria esterna e in attesa dell´incontro di stasera tra Novara e Alessandria una conferma nei piani alti della classifica, la Cremonese, in testa in virtù di un corposo 5 a 1 su un´Arezzo, ieri irriconoscibile. Per i grigiorossi record di gol dalla serie A alla seconda divisione, 16 le reti sino ad ora realizzate. Momentaneamente in attesa della gara di stasera insegue il giovane Lumezzane, che ieri ha superato il non facile Sorrento, 1 a 0 e fatto curioso i bresciani sono al secondo posto pur avendo la difesa più perforata del girone, 9 le reti al passivo, le stesse subite dalla Paganese che è all´ultimo posto, dimostrazione che per ora a differenza di chi ha sempre sostenuto che vince chi prende meno gol, nel girone A è il contrario, la stessa Cremonese è prima grazie ai gol fatti, perchè quelli subiti sono gli stessi della Pro Patria che è penultima con 7 reti al passivo, quindi bravi gli attacchi.Rispondono con due vittorie e non subiscono contraccolpi psicologici dalle decisioni in settimana della giustizia sportiva, Perugia e Figline, penalizzate di un punto, 2 a 1 degli Umbri sul Monza e secco 2 a 0 dei Toscani su un Como che è rimasto in inferiorità numerica, per l´espulsione di Malatesta, sin dal 25° del primo tempo. Le squadre più equilibrate del girone ? Foligno - Pergocrema - Benevento - Viareggio, per loro due vittorie, due pareggi, due sconfitte.Nel girone B, le squadre sorpresa Ternana e Portogruaro mantengono la vetta della classifica , inseguite dalle definite corazzate, Verona e Pescara e visto i risultati delle altre hanno creato una spaccatura, si può dire che c´è in atto una prima fuga. Dal Pescina che occupa il quinto posto con otto punti e il Marcianise superato proprio dagli stessi per 2 a 0 e ultimo ci sono solo 5 lunghezze, conferma di un assoluto equilibrio, l´unica ancora senza vittorie è la Cavese uscita sconfitta per 1 a 0 dalla trasferta di Rimini. Ancora tanti gol nei tre gironi di seconda divisione, il girone A sembra il più equilibrato rispetto il B e soprattutto il girone C dove ben quattro squadre sono ancora senza vittorie e due di queste sono ferme a zero punti, il girone C è anche quello dove la giustizia sportiva ha colpito maggiormente, sono ben quattro le società penalizzate di punti e l´unica a non averne risentito è il forte Catanzaro che ha vinto per 2 a 1 e mantenuto la seconda posizione dietro al Gela fermato sullo 0 a 0 dal Siracusa.

FONTE: TuttoLegaPro.com


Il Punto sulla Prima Divisione B – 6/a giornata: Portogruaro e Ternana bellissime!
Solo Verona e Pescara reggono il passo delle capolista.
La Ternana c'è! E' questa la risposta data dalla squadra di Baldassarri ai tifosi presenti al Liberati; la sconfitta di Verona, dopo quattro vittorie consecutive, non aveva scalfito le certezze del mister umbro, vista la bella prestazione al Bentegodi. E la risposta dei suoi uomini non si è fatta attendere e per il Foggia non c'è stato scampo, vista la netta superiorità dei rossoverdi che si sono imposti per quattro a uno. Undici gol segnati in sei partite sono un biglietto da visita che gli avversari non potranno sottovalutare. Portogruaro da favola quello di questo inizio stagione. La formazione di Calori non dà scampo al Giulianova, salito in veneto con buone credenziali, ma che nulla ha potuto ed ha dovuto soccombere ai gol di Bocalon e Cunico. Un gol di Ceccarelli, quando oramai stavano passando i titoli di coda, ha permesso al Verona di espugnare il Benelli e battere un Ravenna che sembra non essersi ancora ripreso dal dramma per la scomparsa di Brian Filipi. La squadra di Remondina, con questa seconda vittoria consecutiva si porta a soli tre punti dalla coppia di testa... da non sottovalutare il fatto che i gialloblu’ hanno subito un solo gol in 540 minuti.

Mister Papagni non fa il miracolo al suo esordio sulla panchina pugliese e per l'Andria arriva la quinta sconfitta all'Adriatico di Pescara. Gli abruzzesi di Cuccureddu soffrono piu' del previsto l'Andria e Pinna deve compiere tre interventi decisivi per mantenere inviolata la porta biancoceleste. Il gol che decide l'incontro e che porta il Pescara a ridosso della vetta porta la firma di Ganci, che realizza un calcio di rigore. Prima vittoria esterna per la matricola Pescina che inguaia ulteriormente un Real Marcianise, fanalino di coda con soli tre punti e che sembra avere una difesa che fa acqua da tutte le parti. Ferrareri e Choutos regalano tre punti d'oro alla formazione abruzzese. La cura Brucato non dà ancora i frutti sperati (ammesso che il cambio in panchina fosse necessario e proficuo) ed il Taranto esce trai i fischi nel deludente pareggio alla Iacovone con la Reggiana. Gli emiliani non faticano piu' di tanto a fermare i tentativi, per la verità velleitari, degli avanti pugliesi e, forse, ha il demerito di accontentarsi del punticino quando avrebbe potuto osare di piu'.

La Cavese è l'unica squadra del girone a non aver ancora vinto una partita; situazione difficile quella della squadra campana che è uscita dal Romeo Neri con il classico pugno di mosche essendo stata battuta dal Rimini che ha conquistato tre punti importantissimi grazie al gol di Longobardi. I romagnoli hanno approfittato della superiorità numerica avuta per piu' di un'ora.
Appuntamento con la vittoria casalinga ancora rimandato per la Spal che si deve accontentare del pareggio al cospetto di un Potenza che si regala un bellissimo primo tempo ed il vantaggio iniziale con Berardi, ma deve subire il ritorno degli estensi che nella ripresa fanno la partita e raggiungono il pari con Meloni. Il Cosenza esce subissato dai fischi dei propri tifosi che intendono cosi' manifestare l'insoddisfazione per una prestazione che piu' deludente non si puo' dei propri beniamini. Il Lanciano, ben disposto in campo da Mister Pagliari, avrebbe meritato ampiamente la vittoria fallendo a piu' riprese la marcatura. Da segnalare una classifica dei marcatori anomala dopo sei giornate, con tanti giocatori andati a rete, ma, i piu' prolifici, a quota due.

Domenica prossima il match clou i svolgerà allo Stadio Adriatico dove si affronteranno la capolista Ternana ed i padroni di casa del Pescara che sono in ritardo di soli tre punti sugli umbri..... i punti di una vittoria. Due tecnici, Baldassarri e Cuccureddu, votati all'offensiva, e ci sarà da divertirsi. Trasferta insidiosa per il Verona contro un Potenza alla ricerca di un risultato utile a puntellare la sua classifica. Il posticipo serale televisivo del lunedì sarà dedicato al derby abruzzese tra Giulianova e Lanciano.
Riccardo Bonelli

FONTE: Goal.com


Calcio Iª Div. B - 7ª giornata: il punto
di Marco Magli
La coppia di testa, formata da Portogruaro e Ternana, non delude le attese e si conferma saldamente in testa, battendo rispettivamente il Giulianova e il Foggia.
Ormai non è più una sorpresa la squadra guidata da Calori, che continua imperterrita a vincere senza pause, già alla quinta vittoria consecutiva. Ieri è toccato al Giulianova cedere i tre punti ai granata, di Bocalon al 18’pt (per il giovane attaccante di scuola Inter è il secondo centro consecutivo) e capitan Cunico al 12’st le reti del successo veneto. Per la squadra abruzzese invece si tratta della prima sconfitta in trasferta. Alla pesante caduta rimediata nello scorso posticipo contro il Verona, reagisce con veemenza la Ternana, che seppellisce di reti l’imbattuto Foggia. Un 4-1 che ridà morale alla truppa di Baldassarri in vista del big match della prossima giornata, il calendario infatti prevede un avvincente Pescara- Ternana.

Verona e Pescara non mollano la presa e restano dietro la scia della strana coppia al comando. Gli scaligeri confermano il buon momento andando a vincere al ‘Benelli’ una gara molto impegnativa, ci ha pensato il difensore Ceccarelli, oltre al 90’, a regalare la gioia ai 1600 tifosi veronesi giunti al seguito. Nessuno nei professionisti ha fatto bene come la difesa gialloblu, solo una rete al passivo! Per il Ravenna è la prima sconfitta, condannato eccessivamente, ma per la compagine allenata da Esposito c’è subito un impegno insidioso, mercoledi è in programma il recupero contro il Foggia allo ‘Zaccheria’, gara rinviata per la tragica morte di Brian Filipi.

Il Pescara supera di misura l’Andria, terza vittoria consecutiva in casa e senza subire rete, Ganci il mattatore al 15’st su rigore (fallo di Ceppitelli in area, rosso diretto, per i pugliesi si tratta della sesta espulsione in altrettante gare!), ma la squadra di Cuccureddu stenta a proporre un gioco corale, armonioso, mentre l’Andria non riesce a dare continuità alla vittoria conquistata contro il Cosenza nel giorno dell’esordio del tecnico Papagni.

Pareggi a reti inviolate nelle gare tra Taranto- Reggiana e Cosenza- Lanciano. Allo ‘Iacovone’ un punto che soddisfa soprattutto il tecnico degli emiliani Dominissini, mentre l’esordio di Brucato sulla panca jonica non ha dato la scossa che ci si aspettava.
Il Cosenza non riesce a vincere davanti ai propri sostenitori, ed ora il problema del goal diventa reale, il Lanciano si conferma squadra ostica e in trasferta continua a mantenere inviolata la propria porta. Anche alla Spal manca la vittoria tra le mura amiche, fermata dal

Potenza del neotecnico Monaco. Estensi in difficoltà soprattutto nella prima frazione di gioco, dove i lucani hanno trovato la via del goal grazie a Berardi al 23’, il pareggio emiliano arriva con Meloni al 3’st. Una brutta Spal quella presentata da Dolcetti, dopo le due buone trasferte redditizie con Cavese e Taranto ci si aspettava il salto di qualità, mentre il Potenza prende ossigeno dopo le due pesanti scoppole subite ( a Terni e in seguito in casa contro il Real Marcianise). Tre punti d’oro per il Pescina corsaro a Marcianise. Due vittorie consecutive che fa balzare i marsicani, in grande crescita, nelle zone alte della classifica, seppur ancora corta. La squadra di Boccolini cade sotto i colpi di Ferraresi al 13’st e del greco Choutos al 44’st, una sconfitta molto pesante, soprattutto perché inaspettata dopo la vittoria ottenuta al ‘Viviani’ di Potenza.
Una rete pesante, quella di Longobardi maturata al 22’st, al primo sigillo in Prima

Divisione, che ha condannato alla seconda sconfitta consecutiva la Cavese. Successo del Rimini importante per il morale e per la classifica, contro una Cavese che si è complicata le cose al 24’ pt, quando Bacchiocchi ha lasciato anzitempo il terreno di gioco per intervento falloso, lasciando i suoi in inferiorità numerica. A Maurizi non resta che rimboccarsi le maniche, la squadra metelliana è l’unica a non avere conquistato nemmeno una vittoria.

FONTE: RealSports.it


Migliore difesa dalla A alla C2
L’Hellas si scopre bunker insuperabile
di Gianluca Vighini
VERONA - «Lo dico subito, anche a costo di essere banale: questo record mi appartiene solo in parte. Siamo la miglior difesa del torneo perché tutti sono attenti a non prendere gol, anche gli attaccanti, anzi loro per primi». Il Verona ha incassato solo una rete finora e Rafael, portiere gialloblù, è ancora ufficialmente imbattuto, visto che l’unica volta che l’Hellas ha incassato, in porta c’era Ingrassia (l’1-1 di Varriale della Cavese). Ma il record del Verona è più importante se si pensa che la squadra scaligera è la meno battuta dalla serie A alla Prima Divisione, compreso il girone A. «Vuol dire che siamo molto equilibrati - spiega Rafael - e vuol dire anche che sarà dura per tutti batterci».

L’Hellas che torna da Ravenna è una squadra che si è fortificata soprattutto nel morale. «E’ vero - aggiunge il portiere -, siamo consapevoli dei nostri mezzi, ma abbiamo una qualità: teniamo tutti i piedi per terra. Per esempio: non c’è uno di noi che non stia già pensando alla sfida a Potenza». Rafael protagonista del 2-0 alla Ternana, in cui Rafael è uscito palla ai piedi dall’area di rigore lanciando Farias. «Una vera e propria pazzia - confessa -. E’ andata bene, ma non lo farò più». Intanto buone notizie per Pensalfini: botta riassorbita, sarà a disposizione per domenica.

Multa. Ammenda di 500 euro al Verona «perché propri sostenitori in campo avverso più volte durante la gara intonavano cori offensivi verso l’opposta tifoseria». (ass)

Il difensore col vizietto del gol, protagonista del blitz a Ravenna Ceccarelli, bomber non per caso: «Hellas, la nostra forza è il gruppo»
di Gianluca Vighini
VERONA - «Questa è una vittoria pesantissima. Magari non siamo stati brillanti come con la Ternana, ma abbiamo avuto il merito di crederci sino alla fine. Per vincere questo campionato bisogna prendersi i tre punti in gare come questa». Da una parte il Verona sprecone che sbaglia gol a raffica, dall’altra l’Hellas che si guadagna l’intera posta grazie al gol di un “bomber” per caso come Luca Ceccarelli, ufficialmente centrale difensivo, in realtà goleador aggiunto al servizio di Remondina.

Grande difesa. Ceccarelli non è perfetto solo quando vola a colpire palloni nell’area avversaria. Assieme a Comazzi e Pugliese è l’artefice di una difesa che pare sigillata con il silicone. Il Verona ha la miglior retroguardia del girone: un solo gol subìto in 540’ consente ai gialloblù di essere in testa alla speciale graduatoria. Dietro al Verona ci sono Pescara e Pescina che hanno incassato tre reti. Ma questo record, secondo Ceccarelli non è merito solo della difesa. «Quando una squadra prende pochi gol come la nostra, i meriti vanno a tutti. Dagli attaccanti che pressano alto ai centrocampisti che scalano e coprono».

Il patròn chiede di più. Troppa sofferenza. Giovanni Martinelli, presidente del Verona, ha chiesto più concretezza ai suoi ragazzi. «Ho visto troppe imprecisioni, troppi passaggi sbagliati. Così non va bene. Dobbiamo essere più cinici. Le partite vanno chiuse prima».

Remondina più spregiudicato. «C’è molta differenza tra vincere e pareggiare una partita. Ecco perché nel finale ho rischiato qualcosa in più». Il tecnico scaligero ha scoperto che osare è bello. E così, il suo Verona, oltre a essere imbattuto dalla gara della scorsa stagione proprio a Ravenna (2-0 con reti di Curiale e Zizzari ed espulsione proprio di Ceccarelli) ha vinto la sua seconda gara di fila. Un successo che vale il terzo posto, alle spalle delle sorprese Ternana e Portogruaro. «Ma quello che m’interessa - spiega Remondina - è solo la prossima trasferta a Potenza. Una gara che non dobbiamo assolutamente sottovalutare». Oggi riprende la preparazione. Da verificare le condizioni di Pensalfini che è uscito dolorante da Ravenna. (ass)

FONTE: Leggo.it


Rafael vede tutta un’altra Hellas «Puntiamo alla promozione»
IL PORTIERE «SUPERATE LE DIFFICOLTÀ DEGLI ULTIMI ANNI»
L’estremo difensore: «A Potenza con la mentalità vincente, questa può essere la nostra grande stagione: crediamoci».
Andrea Spiazzi Verona
A Ravenna per lui è stata ordinaria amministrazione, i magnifici quattro del reparto difensivo non gli hanno fatto correre alcun rischio. Ma a Rafael De Andrade, che, come per molti brasiliani viene curiosamente chiamato per nome e non per cognome anche dagli speaker dello stadio, c'è da credere che così non piaccia troppo. Preferisce, il numero uno dell'Hellas, la parata decisiva, o il colpo di genio, oppure di matto, da regista che innesca il gol dell'attaccante, come fatto in Verona-Ternana, quando con una folle corsa mise a Farias la palla del 2-0. Rafael è uno di quelli rimasto per vincere, che ha deciso di prolungare di altri due anni il matrimonio con la compagine di Martinelli.

Fa il signore, il portierone, si complimenta con Ingrassia, suo sostituto dopo l’espulsione contro la Cavese, che ha subito l’unico gol sinora incassato dalla squadra. «È giovane – dice “Rafa” – b ravo, ha talento e delle ottime potenzialità per diventare un grande portiere». Da quando è a Verona sta vivendo il momento migliore. «Dopo le grandi difficoltà degli anni scorsi ora possiamo dire di avere le carte in regola per puntare a una grande stagione. Lavorando, ogni giorno possiamo migliorare ancora e arrivare alla promozione. Ci mancano dei punti che dovevamo conquistare al Bentegodi, ci impegneremo per recuperare anche quelli». A Potenza l’Hellas cercherà conferme. «Dobbiamo andare là con la mentalità vincente – spiega - solo così potremo tornare a casa con un altro risultato importante per il nostro campionato». La rosa dopo l’allenamento di ieri è tutta a disposizione del mister.

HELLAS
Adesso l’obiettivo è dare spettacolo anche al Bentegodi Remondina ci crede
Andrea Spiazzi Verona
Terzo posto in classifica, 12 punti in sei partite, sette reti fatte e una subita. L’Hellas di Remondina fila come un treno sui binari delle grandi. L’ultima sconfitta risale al 1 marzo scorso: fu proprio il campo di Ravenna a dire no ai gialloblù. Da allora la squadra ha collezionato sette vittorie e nove pareggi, 30 punti in sedici gare: una media promozione, quantomeno da playoff. Il neo è rappresentato dalle poche vittorie in casa col numerosissimo pubblico del Bentegodi rimasto spesso a bocca asciutta.

In tal senso il recente successo interno con la Ternana ha però rinvigorito gli animi. In molti, poi, affermano che i campionati si vincono pigliando pochi gol e in questo gli scaligeri non devono chiedere niente a nessuno dato che sono la miglior difesa della prima divisione, girone A compreso. L’intesa tra Ceccarelli e Comazzi funziona a meraviglia, tanto che Fabrizio Anselmi, l’ex Sassuolo arrivato a fine mercato, rischia di diventare un panchinaro di lusso. Comazzi,dopo aver rifiutato il trasferimento in altre sedi, sta profondendo il massimo impegno per la causa, e Remondina gli sta dando piena fiducia. In fase offensiva l’Hellas ha il quarto miglior attacco, ma con Selva scatenato e la condizione ritrovata di Colomboe Rantier ci sono ulteriori margini di miglioramento.

FONTE: DNews.eu


Verona tenta la sfida degli Europei
SI PROGETTA IL FUTURO DELLO STADIO. Incontro a Palazzo Barbieri tra sindaco, assessori, dirigenti delle due squadre cittadine e il project manager della Figc
Si discute la messa a norma del Bentegodi secondo le regole Uefa in vista del 2016 La Federcalcio: «La città ce la può fare»

Verona vuol giocarsi la partita degli Europei
CALCIO. Oggi l'incontro di Tosi e Sboarina e di Chievo e Verona con il coordinatore Figc che sta lavorando alla candidatura italiana per il torneo continentale del 2016.
I tempi sono stretti e torna in ballo la questione dello stadio: il Comune orientato alla ristrutturazione del Bentegodi più che a un nuovo impianto

FONTE: LArena.it


29/09/2009 - 18:48
Rafael: "Importante continuare così" - VIDEO
"Con un atteggiamento giusto possiamo raggiungere l'obiettivo del salto di categoria. Da migliorare il rendimento in casa"

29/09/2009 - 19:48
Pensalfini: "Possiamo dare ancora di più" - VIDEO
"Ci vuole un pò di tempo per ambientarsi, ma l'impatto è molto positivo. Sappiamo di essere una buonissima squadra, ma non abbiamo fatto ancora nulla"

29/09/2009 - 16:48
Esposito: "Ampi margini di miglioramento" - VIDEO
"A Ravenna abbiamo ottenuto tre punti d'oro, la ricerca del risultato è durata fino alla fine. Un buon gruppo aiuta a crescere"

30/09/2009 - 16:53
Recupero 5a giornata, Foggia-Ravenna 1-2
La formazione di Esposito torna in zona play-off a 9 punti, 3 in meno dell'Hellas, mentre i pugliesi restano in 13a posizione a quota 6

30/09/2009 - 12:04
5 precedenti a Potenza, tutti negli anni '60
In Basilicata una vittoria, due pareggi e due sconfitte per i gialloblù. L'unico successo è datato 27 novembre 1967

30/09/2009 - 11:46
Potenza-Hellas Verona, info biglietti
I 500 tagliandi del settore ospiti sono disponibili al costo di 14,00€+diritti di agenzia presso la Totoricevitoria Casa Fortuna

30/09/2009 - 10:48
L'Ares Calcio, società affiliata, propone attività formativa
Da ottobre ad aprile corso d'aggiornamento per istruttori scuola calcio, per allenatori settore giovanile e conferenze

27/09/2009 - 20:02
Ceccarelli: "Non deve cambiare nulla"
"Dopo il successo di lunedì ci siamo confermati, andiamo a Potenza con una mentalità vincente perchè solo i tre punti ti fanno fare il salto di qualità"
RAVENNA - Nella scorsa stagione il "Benelli" non aveva portato bene a Luca Ceccarelli, che venne espulso nel corso del secondo tempo della gara persa 2-0. In occasione della 6a giornata di campionato il difensore toscano si è rifatto, regalando ai suoi tre punti fondamentali con un'incornata decisiva in extremis. Al termine della partita, caratterizzata da ordine in fase di contenimento e buone ripartenze da parte degli uomini di Remondina, l'ex Spezia ha incontrato i giornalisti presso la sala stampa dello stadio romagnolo. Hellasverona.it vi offre le dichiarazioni del difensore gialloblù:

Quanto è difficile segnare sotto una curva ospiti così gremita e riuscire a rendersi conto di ciò che si è fatto?
"Sì capisce, il gol è arrivato alla fine, al termine di una partita in cui abbiamo lottato e sofferto, meritavamo di portarla a casa anche per le occasioni create in precedenza. Siamo contenti, andiamo avanti."
Dopo l'ammonizione hai rischiato qualcosa.
"L'arbitro è stato bravo a gestire la situazione, la prima volta non voleva darmi il giallo, la seconda ha fatto a meno. E' andata bene così."
Cosa cambia per voi dopo questa partita?
"Nulla, dobbiamo continuare su questa strada. Dopo il successo di lunedì ci siamo confermati, andiamo a Potenza con una mentalità vincente perchè solo i tre punti ti fanno fare il salto di qualità."
Al "Benelli" non sembravate proprio in trasferta, visto il seguito di pubblico.
"E' come giocare in casa, in queste trasferte abbastanza vicine la gente ne approfitta per starci accanto. Ed è molto importante.'"

28/09/2009 - 10:14
Ripresa degli allenamenti fissata per martedì
La preparazione dei gialloblù in vista della gara col Potenza, valida per la 7° giornata di campionato, avrà inizio con una seduta pomeridiana a Sandrà

FONTE: HellasVerona.it


Rafael: "Quella pazzia non la rifarei più"
Il portiere dell'Hellas Rafael De Andrade è ancora imbattuto in questo campionato. L'Hellas vanta la miglior difesa dalla serie A alla Lega Pro con un solo gol subito contro la Cavese. L'estremo difensore brasiliano commenta: "Tutti noi stiamo lavorando bene: il merito è dell'intera squadra".

Adesso è un Verona da record: miglior difesa dalla A alla Prima Divisione
La squadra veronese non perde dal 1 marzo 2009 (2-0 proprio a Ravenna). Da sedici gare, dunque, è imbattuta con nove pareggi e sette vittorie. Non solo: la difesa è la migliore del girone con un solo gol preso. Dalla A alla Lega Pro, nessuno ha fatto meglio della retroguardia scaligera.

FONTE: TGGialloblu.it




[OFFTOPIC]
ECCELLENZA: L'AKRAGAS vince e dedica la vittoria ad un presunto capomafia! Nemo bèn... LIGA SPAGNOLA: Ingaggiato uno stregone per fermare Cristiano RONALDO! MONDIALI CICLISMO: CUNEGO sereno nonostante l'8° posto... VITA DA EX: FOSCHI e PASTORELLO innocenti... ZEMAN: 'MOURINHO è un mediocre' risponde lo SPECIAL ONE 'E chi è questo?' FORMULA 1: ALONSO firma con la rossa! Dal prossimo mondiale guiderà la FERRARI con MASSA, FISICHELLA farà la riserva, RAIKKONEN si svincola di comune accordo... VIDEO: LOTITO insegue un contestatore e la vita dura dei guardalinee guatemaltechi! RECUPERO 5° TURNO fra FOGGIA e RAVENNA; i romagnoli passano in Puglia, 2 a 1 per i gialloroossi il risultato finale.
ECCELLENZA: L'AKRAGAS vince e dedica la vittoria ad un presunto capomafia! Nemo bèn... LIGA SPAGNOLA: Ingaggiato uno stregone per fermare Cristiano RONALDO! MONDIALI CICLISMO: CUNEGO sereno nonostante l'8° posto... VITA DA EX: FOSCHI e PASTORELLO innocenti... ZEMAN: 'MOURINHO è un mediocre' risponde lo SPECIAL ONE 'E chi è questo?' FORMULA 1: ALONSO firma con la rossa! Dal prossimo mondiale guiderà la FERRARI con MASSA, FISICHELLA farà la riserva, RAIKKONEN si svincola di comune accordo... VIDEO: LOTITO insegue un contestatore e la vita dura dei guardalinee guatemaltechi! RECUPERO 5° TURNO fra FOGGIA e RAVENNA; i romagnoli passano in Puglia, 2 a 1 per i gialloroossi il risultato finale.
Akragas, dedica per il boss. Il questore: "Senza parole"
Il presidente della squadra di Agrigento, che milita nel campionato di Eccellenza, dopo la vittoria con lo Sporting Arenella ha ricordato Nicola Ribisi, arrestato perchè presunto capo mafia di Palma di Montechiaro: "Non so se sia colpevole, ma è un amico ed è molto legato alla squadra". Le forze dell'ordine: "Messaggio devastante"

Ronaldo minacciato di malocchio. Intanto si arrabbia con Pellegrini
Per El Mundo il campione portoghese: "Uno stregone minaccia il Real Madrid", ingaggiato per far infortunare Cristiano. Ma le preoccupazioni dell'ex Manchester United sembrano altre: Pellegrini lo ha sostituito contro il Tenerife e lui non gli ha stretto la mano tesa

FONTE: Gazzetta.it

IN GUATEMALA: ASSALITO IL GUARDALINEETIFOSO CONTESTA LOTITO E LUI LO INSEGUE


Agrigento
Il patron: «Non c’è nessuna condanna». Il questore: «Probabile inchiesta»
Dedica la vittoria all’amico boss bufera sul presidente dell’Akragas. Dopo il successo netto nel torneo d’Eccellenza la frase incriminata ai microfoni di una radio. Il primo cittadino «Sono sconcertato per queste frasi davvero intollerabili»

L’analisi
Caso Akragas un silenzio che assorda
Enzo Ciconte Storico della mafia
Il presidente di una squadra di calcio dedica la vittoria a un mafioso perché è un amico: questo è di certo un fatto grave. Eppure in Italia stenta a vedersi quell’indignazione che ci si aspetterebbe in un paese civile. Seppure il processo non abbia ancora avuto luogo, viene da pensare al faticoso lavoro che ha portato a questo arresto. Penso agli inquirenti, ai magistrati impegnati in lunghe indagini e poi si ritrovano a leggere sui giornali notizie del genere. L’amicizia è un fatto privato. La presidenza di una squadra di calcio no. Non resta che auspicarsi una posizione forte e decisa da parte di un governo che dice di fare della sicurezza il suo punto di forza.

LA POLEMICA
«SA GESTIRE I GIORNALISTI»
Zeman punge il portoghese «Come tecnico è mediocre»

FORMULA 1
SI ANIMA IL MERCATO PILOTI
Alonso in Ferrari è questione di ore Kimi alla McLaren. Maranello annuncerà lo spagnolo forse già giovedì mentre Raikkonen tornerà nella sua vecchia scuderia. Loeb alla Toro Rosso.

FONTE: DNews.eu

«Pagati gli scatti ed i controscatti del finale»
IL DOPOCORSA. DAMIANO CUNEGO ACCASCIATO SUL MANUBRIO DOPO IL FINALE È L'IMMAGINE DELLA NAZIONALE: «HO DATO TUTTO CIÒ CHE AVEVO MA NON È BASTATO»
L'unico soddisfatto pare l'esordiente Scarponi: «La corsa è stata dura, certo, ma anche bellissima»

FONTE: LArena.it

Archiviata inchiesta Foschi
La Procura di Palermo ha archiviato l'indagine sull'ex direttore sportivo del Palermo calcio Rino Foschi, oggi ds del Torino, sull'ex presidente del Verona calcio Giambattista Pastorello e sui calciatori Franco Brienza, Vincenzo Montalbano e Salvatore Aronica, i primi due ex del Palermo, il terzo palermitano di nascita ma in forza al Napoli, dopo essere stato per anni al Messina. Erano tutti indagati con l'ipotesi di frode sportiva, perché avrebbero preso parte a un tentativo di condizionamento di due partite giocate dal Palermo nel campionato 2002-2003, l'ultima stagione disputata dai rosanero in serie B...

FONTE: TuttoMercatoWeb.com

ALONSO VA ALLA FERRARI
"È IL SOGNO DI TUTTI I PILOTI"
La Ferrari ha annunciato di aver raggiunto un accordo col pilota spagnolo Fernando Alonso. La squadra del prossimo mondiale sarà dunque composta da Alonso, da Felipe Massa e da Giancarlo Fisichella come pilota di riserva.

FONTE: Leggo.it

Recupero Foggia-Ravenna, 1-2 risultato finale
FONTE: TuttoMercatoWeb.com
Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

RAVENNA 0-1 HELLAS VERONA: I gialloblù insistono ma non riescono a trovare il vantaggio, poi al 91° ecco CECCARELLI che come Gabriele l'Arcangelo...

Pubblicato da andrea smarso lunedì 28 settembre 2009 08:55, vedi , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

RAVENNA 0-1 HELLAS VERONA: L'unico cambio di REMONDINA, rispetto ala partita vincente contro la TERNANA, riguarda l'inserimento di PENSALFINI al posto di GARZON sulla destra del centrocampo scaligero. Primo tempo deludente per il VERONA nonostante le 4 occasioni da gol create contro l'unica degli avversari; CIOTOLA non è in giornata ed appare in ritardo su ogni pallone ma anche BERRETTONI è impreciso e le due ali non forniscono palloni ad un SELVA pur volenteroso; nel secondo tempo l'HELLAS si dimostra un po' più intraprendente e l'ingresso (era ora) di RANTIER al posto di CIOTOLA crea qualche apprensione ai giallorossi. Poco dopo tocca a PENSALFINI (non convincente per intensità agonistica la sua prestazione) lasciare il posto a GARZON, il VERONA insiste e sopratutto con RANTIER si avvicina ancora al gol. Entra anche COLOMBO ma non per SELVA come ci si aspetterebbe, REMONDINA chiama in panca BERRETTONI ed i gialloblù finiscono la partita con un inedito 4-3-1-2 con RANTIER a fare da trequartista dietro alle punte SELVA e COLOMBO. Il tempo scivola veloce verso il suggello del parggio ma dopo che l'arbitro ha stabilito 4 minuti di recupero tocca a CECCARELLI rompere il noioso equilibrio con un gol di testa al 91° scoccato! Lo sapevo! Me lo sentivo! Ci ho creduto e i butèi m'hanno premiato! PALD'OCA e FORZA HELLAS!!!

RAVENNA 0-1 HELLAS VERONA: L'unico cambio di REMONDINA, rispetto ala partita vincente contro la TERNANA, riguarda l'inserimento di PENSALFINI al posto di GARZON sulla destra del centrocampo scaligero. Primo tempo deludente per il VERONA nonostante le 4 occasioni da gol create contro l'unica degli avversari; CIOTOLA non è in giornata ed appare in ritardo su ogni pallone ma anche BERRETTONI è impreciso e le due ali non forniscono palloni ad un SELVA pur volenteroso che vede arrivare solo palloni alti sui quali poco può; nel secondo tempo l'HELLAS si dimostra un po' più intraprendente e l'ingresso (era ora) di RANTIER al posto di CIOTOLA crea qualche apprensione ai giallorossi. Poco dopo tocca a PENSALFINI (non convincente per intensità agonistica la sua prestazione) lasciare il posto a GARZON, il VERONA insiste e sopratutto con RANTIER si avvicina ancora al gol. Entra anche COLOMBO ma non per SELVA come ci si aspetterebbe, REMONDINA chiama in panca BERRETTONI ed i gialloblù finiscono la partita con un inedito 4-3-1-2 con RANTIER a fare da trequartista dietro alle punte SELVA e COLOMBO. Il tempo scivola veloce verso il suggello del parggio ma dopo che l'arbitro ha stabilito 4 minuti di recupero tocca a CECCARELLI rompere il noioso equilibrio con un gol di testa al 91° scoccato su punizione di ESPOSITO! Lo sapevo! Me lo sentivo! Ci ho creduto e i butèi m'hanno premiato! PALD'OCA e FORZA HELLAS!!! [COMMENTA]

LE ALTRE DEL GIRONE: La TERNANA 'distrugge' il FOGGIA con 4 gol, vince ancora il PORTOGRUARO che non abbandona la testa, il PESCARA si sbarazza dell'ANDRIA BAT grazie ad un rigore, il PESCINA batte in esterna il 'derelitto' REAL (ma solo di nome) MARCIANISE e torna alla vittoria il RIMINI fra le proprie mura contro la CAVESE, pareggiano tutte le altre. In testa sempre TERNANA e PORTOGRUARO ma 3 ci sono PESCARA e HELLAS in avvicinamento rapido già a 4 punti dalla terza... [COMMENTA]

FABBRI (presidente RAVENNA) e altri...L'album di RAVENNA 0-1 HELLAS VERONA


DICONO:
REMONDINA1 «Siamo partiti per cercare di arrivare davanti, credo fortemente ci riusciremo. Saremo protagonisti. Abbiamo sbagliato qualche passaggio di troppo, soprattutto negli ultimi trenta metri: servizi che spesso ti possono mandare in porta. L’obiettivo è giocatore più velocemente possibile, tra le nostre fila ci sono elementi abili nello sfruttare questo aspetto. Imperativamente dovremo diventare più precisi» (HellasVerona.it)
REMONDINA2 «Abbiamo meritato la vittoria per lo spirito tenuto nel primo tempo e per la supremazia territoriale nel secondo. Come è successo al Ravenna due turni fa, nelle ultime fasi concitate il gol lo puoi prendere come lo puoi fare: noi lo abbiamo trovato. Le nostre ambizioni sono di alta classifica e vogliamo arrivare davanti, di sicuro in questo campionato siamo protagonisti.»
CECCARELLI «Abbiamo fatto il nostro, si può migliorare. Abbiamo dato seguito
alla vittoria con la Ternana. Ora penseremo alla sfida di Potenza, in questo campionato non ti regala niente nessuno e dobbiamo sempre farci trovare pronti
» (DNews.eu) [COMMENTA]



[ALTRE NEWS]
CURIOSITÀ: Il VERONA non perde da 16 partite, l'ultima sconfitta fu proprio 6 mesi fa al 'BENELLI' di Ravenna.
IL PRIMO FALLO DI CECCARELLI, nell'occasione del quale l'arbitro ha estratto il cartellino per il difensore centrale, non era nemmeno fallo! Forse per questo il signor Bagalini di fermo ha graziato il nostro in occasione del secondo (grave) fallo? Chissà...
LA SOSTITUZIONE DI PENSALFINI CON GARZON non era preventivata (per come s'era messa il REMO voleva far entrare non solo COLOMBO e RANTIER ma anche FARIAS giustamente) ma il forte centrocampista ex SASSUOLO ha subito un fallo allo stesso quadricipite da cui stava guarendo... Peccato davvero! Molta preoccupazione del giocatore stesso ch non riusciva più a giocare e nuovo infortunio che rischia di appiedare Filippo a lungo... Poco male per l'HELLAS che ritroverà capitan GARZON ma è comunque una 'tegola' che non serviva! [COMMENTA]



[IN BREVE]
VITA DA EX: Le vecchie glorie italiane ne prendono 4 a 1 dai 'pari età' tedeschi ma FANNA è sempre pimpante! Uno dei due gol segnati dagli italiani è firmato da MANIERO. ADAILTON al 92° tarpa le ali alla JUVE...
VOLLEY: Gran prestazioni della MARMI LANZA VERONA che va a vincere 3 a 0 a CUNEO! Una delle pretendenti alla vittoria del campionato!
MONDIALI CICLISMO: 'Solo' 8° CUNEGO che però la prende con filosofia. Vince l'australiano EVANS partito in fuga solitaria in salita a 4/5 Km dalla fine dei 260 Km totali previsti.
SECONDA DIVISIONE: Altra sconfittaper la SAMBO.
BASKET: La TEZENIS VERONA 'stecca' la prima ma contro la 'corazzata' FORTITUDO ci può stare...
GASCOIGNE FUORICLASSE della birra: 40 in 13 ore!
MISS MAGLIETTA BAGNATA 2009 è Erika Buteri 23enne al concorso con la mamma.

GIOCO PRONOSTICI:
Ancora una volta BRIDGET sorprende tutti, eccetto BRUNI, e si siede sul gradino più alto del podio! Sapeste il suo incredibile segrto non giochereste pù alla stessa maniera ah ah!!! Bravo anche MARTINO che però deve accontentarsi della piazza d'onore. BLACK, GABRI e POSE realizzano solo 3 punti peggio fa solo MR LOYAL, sfigadòn di oggi con 2 punti.

BRUNI con oggi eguaglia il record di 9 punti stagionali bissato da BRIDGET ed il suo stesso record di risultati esatti beccati che sono ben 4 nel 2009/2010; attenzione anche a MARTINO che, sempre con BRIDGET, segnala il maggior numero di pronostici azzeccati: 6.

In classifica generale allunga ancora BRIDGET su LUCKY, ALE90HVR e me ma al secondo posto segnalo il balzo in avanti dell'ottimo BRUNI partito oggi dal penultimo posto... Ammonito VALE/=\VALES per mancata partecipazione. [COMMENTA]

CLASSIFICA DI GIORNATA
9 - Bridget, Bruni
7 - Martino
4 - Ale90hvr, Lucky, Robroy, Smarso
3 - Black, Gabri, Pose
2 - Mister Loyal

CLASSIFICA GENERALE
26 - Bridget
19 - Bruni
18 - Lucky
17 - Ale90hvr, Martino, Smarso
16 - Robroy
14 - Black
13 - Mister Loyal, Pose
12 - Gabri
09 - VALE/=\VALES

RECORD DI STAGIONE
Punteggio massimo in una giocata: Bridget, Bruni (9)
Max. numero di pronostici azzeccati: Bridget, Martino (6)
Max. numero di risultati azzeccati: Bridget, Bruni (4)
Punteggio minimo in una giocata: Federico Montresor, Smarso (1)

ALBO D'ORO CAMPIONI
2008/2009 RobRoy
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)




Ravenna-Verona Le voci dallo spogliatoio
L'abbraccio commosso del Benelli prima della gara saluta Brian Filipi, il giovane attaccante giallorosso che già era entrato nel cuore dei tifosi e scomparso la settimana scorsa. Una partita molto tattica, che vede spesso contrasti a centrocampo, e non regala troppe emozioni. Nel primo tempo solo al 33' un sussulto, con la traversa di Ciotola che di testa non centra la rete. Il risultato viene sbloccato alla fine del secondo tempo in pieno recupero da Ceccarelli, che bene impatta di testa trafiggendo un incolpevole Anania. Le assenze al centro della difesa di Anzalone e Ferrario risultano fatali alla squadra allenata dal signor Esposito.

RAVENNA
L'allenatore del Ravenna, Vincenzo Esposito, decide di non rilasciare dichiarazioni come forma di rispetto nei confronti del giovane albanese scomparso e della sua famiglia.

VERONA
L'allenatore del Verona, Ennio Remondina: 'Abbiamo meritato la vittoria per lo spirito tenuto nel primo tempo e per la supremazia territoriale nel secondo. Come è successo al Ravenna due turni fa, nelle ultime fasi concitate il gol lo puoi prendere come lo puoi fare: noi lo abbiamo trovato. Le nostre ambizioni sono di alta classifica e vogliamo arrivare davanti, di sicuro in questo campionato siamo protagonisti. Ho visto un Ravenna solido, è una buona squadra, allenata bene, ovviamente le assenze pesano e condizionano anche il risultato. Nonostante qualche errore in fase di rifinitura abbiamo vinto; vale sempre la frase fatta ma vera che ogni partita è una storia a sè'.

FONTE: CalcioMercato.com


Remondina: «Possiamo stare tra le prime fino alla fine»
L’Hellas ha messo nel sacco 12 punti in 6 gare. Tre vittorie e tre pareggi sono una media da promozione, ma Remondina vola basso. Pesa i pregi e i difetti del suo Verona. «Bene così – dice - capita a volte di vincere le gare all’ultimo soffio, i palloni che piovono in area in quei momenti sono pericolosi, a noi il merito di averci creduto. Al Ravenna, in fondo, era da poco capitato di trovare il pari col Taranto allo stesso modo». È un Hellas da quartieri alti e il mister ne è convinto. «Certamente potremo dire la nostra nei vertici della classifica, sono convinto che questo gruppo può farcela». I difetti della gara sono da ricondurre, secondo il tecnico, «ai troppi errori negli ultimi trenta metri, quando mettere i palloni giusti può far male all’avversario». Non ci si aspettava Selva e Colombo assieme. «Davano maggiore fisicità, quello che volevo nel finale». «L’anno scorso col Ravenna abbiamo sempre perso? Ogni stagione ha la sua storia» conclude.

A RAVENNA VITTORIA NEL RECUPERO
La rinascita dell’Hellas porta il sigillo di Ceccarelli
Mattia Avesani Verona
Minuto 91, al “Benelli” di Ravenna va in scena il tripudio Hellas. Esposito mette dalla trequarti una punizione in area, Ceccarelli svetta e insacca alle spalle di Anania. Il Verona festeggia una vittoria corsara, la seconda dopo quella di Lanciano, di straordinaria importanza per morale e classifica. In graduatoria l’Hellas è terzo, a pari punti col Pescara, tre lunghezze sopraveleggiano Portogruaro e Ternana. Ma il quartetto stacca di quattro misure le inseguitrici, e marca il territorio del regno delle grandi. Remondina si affida alla formazione classica, con Pensalfini che torna al posto di Garzon. Commovente il minuto di raccoglimento prima della gara per ricordare Brian Filipi,punta albanese del Ravenna scomparso la scorsa settimana. Il popolo gialloblù segue la squadra, in Romagna vanno in milleseicento.

Dopo 12 minuti Berrettoni crossa dal fondo ma Selva sbaglia il controllo. Sempre l’attaccante sanmarinese ispira Russo al 18’ ma il tiro del siciliano supera la traversa. Ancora Selva libera Berrettoni in contropiede al 23’ e la conclusione va a lato. Poco dopo Toledo prova ad impensierire Rafael con un tiro dalla distanza impreciso. È il 33’ quando Pensalfini pennella dalla sinistra per lo scatenato Selva, ma la sua incornata centra l’incrocio. Nella ripresa Rantier gioca mezzora al posto di Ciotola e Colombo fa il suo debutto nell’ultimo quarto d’ora. I due danno brio in avanti, il francese sfiora ilgol in due occasioni. La partita sembra finita ma Ceccarelli ci prendegusto emete in rete ilsuosecondo pallone del campionato. Remondina e i suoi ragazzi sono promossi a pieni voti.

FONTE: DNews.eu


Al tecnico gialloblù piace la mentalità vincente dei suoi Remondina: «Bravi a crederci sino in fondo»
Un’euforia giustificata, nello spogliatoio dell’Hellas, dopo il blitz di Ravenna. Gian Marco Remondina, il tecnico dell’Hellas, comunque, mantiene il basso profilo. «Siamo stati bravi a crederci sino alla fine. E la vittoria è arrivata come un premio meritato, inseguito per tutta la partita, e ottenuto con la forza di volontà». Decisivi sono stati, per cambiare gli equilibri della gara, gli innesti di Rantier e, ancor di più, di Colombo. «Hanno dato un contributo importante - sottolinea Remondina -, ma la loro condizione deve migliorare ancora». E, allora, il tecnico del Verona può gioire per la mentalità vincente che ora c’è. «Abbiamo capito che bisogna provare sempre a fare bottino pieno. E’ l’unico modo che abbiamo per scalare la classifica». (M.Pad./ass)

Hellas, colpo grosso al 91’ a Ravenna
di Mario Padovani
Colpo grosso a Ravenna. Il Verona espugna un campo ostico, supera, con una rete oltre lo scadere (la firma è di Luca Ceccarelli), un avversario tosto e di qualità, a cui l’Hellas niente concede. Sono tre punti meritati, che lanciano i gialloblù sempre più in alto. Ma la prima annotazione è per il lutto atroce che avvolge il “Benelli”, e c’è il minuto di silenzio, toccante e tristissimo, per ricordare la tragica scomparsa della giovane punta del Ravenna, Brian Filipi.
E poi è tempo di partita, con il Verona che incalza subito in attacco e pressa Anania. E la grande occasione, così, ce l’ha Berrettoni, al 22’: la sua giocata, però, non ha fortuna, e il pallone finisce sul fondo. Anticamera, questa, per un’altra gigantesca chance gialloblù: 32’, Pensalfini centra per Selva, girata aerea e incrocio dei pali. Il Verona comanda, prima della fine dei primi 45’ spreca con Ciotola a due passi da Anania.

Tutti segnali forti, mentre il Ravenna si muove prevalentemente in contropiede, ma il risultato non cambia. E non cala i ritmi, l’Hellas, quando si ricomincia, dopo l’intervallo: premono compatti, i gialloblù, con i romagnoli che contengono con qualche impaccio. E allora, per rendere il Verona più incisivo, Remondina inserisce il rientrante Rantier (esce Ciotola), di nuovo in campo dopo quattro mesi. Eppure, ed è singolare, la spinta gialloblù si fa meno insistente, e anche il Ravenna riesce a respirare.

Ma l’Hellas le tenta tutte per vincere, va dentro pure Colombo e Rantier, all’87’, costringe, su punizione, Anania a un intervento decisivo. E’ l’ultimo assalto, quello che porta al gol: Ceccarelli risolve in mischia, in pieno recupero, esplode la curva gialloblù al “Benelli”, la Romagna è del Verona. (ass)

FONTE: Leggo.it


Prima Divisione Girone B, risultati e marcatori. Portogruaro vincente
27/09/2009 - h. 17:03 - Sempre in testa Portrogruaro e Ternana, conferme per Pescara e Verona, corsaro a Ravenna. Cade in casa il Marcianise.

COSENZA LANCIANO 0 0

PESCARA ANDRIA 1-0
60´rig.Ganci

PORTOGRUARO GIULIANOVA 2-0
20’ Bocalon, 60’ Cunico

RAVENNA VERONA 0-1
91’ Ceccarelli

MARCIANISE PESCINA 0-2
61’ Ferraresi, 89’ Choutos

RIMINI CAVESE 1-0
68’ Longobardi

SPAL POTENZA 1-1
24’ Berardi (P), 48’ Meloni (S)

TARANTO REGGIANA 0-0

TERNANA FOGGIA 4-1
24’ Perna (T), 53’ Concas (T), 58’ Piccioni (T), 79’ Quadrini (F), 83’ Lacheheb (T)

CLASSIFICA 6^ giornata: Portogruaro e Ternana 15, Pescara e Verona 12, Giulianova 8, Pescian, Reggiana e Taranto 8, Cosenza, Rimini e Spal 7, Foggia, Ravenna e V.Lanciano 6, Potenza 5, Cavese 4, Andria e Marcianise 3

Prossimo turno (domenica 4 ottobre, ore 15): Andria-Spal, Cavese-Ravenna, Foggia-Marcianise, Pescara-Ternana, Pescina-Taranto, Potenza-Verona, Reggiana-Cosenza, Rimini-Portogruaro. Giulianova-Lanciano (lunedì 5 ottobre ore 20:45 diretta su RaiSportPiù)

FONTE: TuttoLegaPro.com


27/09/2009 - 09:17
Giovedì 1° ottobre partita amichevole col Domegliara
Al termine della gara la squadra vincitrice sarà premiata con il trofeo "Memorial Saverio Guette"

27/09/2009 - 19:47
Remondina: "Saremo protagonisti"
"Siamo partiti per cercare di arrivare davanti, credo fortemente ci riusciremo. Obbligatorio diventare più precisi"
RAVENNA – Vittoria in extremis per l’Hellas Verona, che ha espugnato il “Benelli” grazie ad un gol di Ceccarelli, dando un seguito ai tre punti ottenuti lunedì con la Ternana. Prestazione di carattere di Garzon e compagni, che hanno tenuto il campo in maniera ordinata, creando molti più pericoli rispetto agli avversari. Dopo il triplice fischio Gian Marco Remondina ha rilasciato alcune battute agli organi d’informazione. Hellasverona.it vi offre le dichiarazioni del tecnico gialloblù.

Si aspettava di centrare il vantaggio in pieno recupero?
“Il gol lo puoi prendere e lo puoi fare, lo sa bene il Ravenna che col Taranto pareggiò in pieno recupero, ed oggi ha subìto l’1-0 al 91’.”
Pensa di poter continuare con questa determinazione fino alla fine del campionato?
“Ci proveremo di sicuro. Siamo partiti per cercare di arrivare davanti, credo fortemente che ci riusciremo. Non mi sbilancio su un eventuale piazzamento, ma saremo certamente protagonisti.”
Decisivo il colpo di testa di Ceccarelli. Con l’ingresso in campo di Colombo avete cambiato qualcosa sulle palle inattive?
“Ho deciso di mettere due attaccanti di peso negli ultimi minuti, per sfruttare le palle alte e le spizzicate. Colombo e Selva non avevano mai giocato insieme, ho dovuto valutare anche la condizione a seguito del dispendio di energie relativo alla gara con la Ternana.”
Che Ravenna si aspettava?
“Quella romagnola è certamente una buona squadra, ha dovuto fare i conti con qualche assenza, la prestazione mi è sembrata buona.”
Qualche annotazione da fare ai suoi ragazzi?
“Abbiamo sbagliato qualche passaggio di troppo, soprattutto negli ultimi trenta metri: servizi che spesso ti possono mandare in porta. L’obiettivo è giocatore più velocemente possibile, tra le nostre fila ci sono elementi abili nello sfruttare questo aspetto. Imperativamente dovremo diventare più precisi.”
Al “Benelli” una piccola vendetta: l’anno scorso, tra andata e ritorno, non avevate raccolto nessun punto contro i giallorossi.
“I campionati cambiano, ogni partita ha una storia a sé: è una frase fatta, ma corrisponde a verità.”
Un seguito di questo tipo, anche in trasferta, rappresenta un’arma in più.
“Non siamo sorpresi, conosciamo il nostro pubblico. Sono gli avversari a rimanere stupiti quando andiamo in casa loro. I tifosi hanno solo bisogno di vittorie e risultati, come noi.”

27/09/2009 - 16:50
Ravenna-Hellas Verona 0-1
In pieno recupero punizione dalla trequarti di Esposito, Ceccarelli svetta in mischia e regala tre punti ai gialloblù


RAVENNA - Prima di iniziare la 6a di campionato si apre con un minuto di raccoglimento per ricordare Brian Filipi, attaccante albanese del Ravenna scomparso la scorsa settimana a seguito di un incidente stradale. Vincenzo Esposito, costretto a rinunciare a Ferrario, Anzalone e Ciuffetelli, schiera Piovaccari punta avanzata supportato da Toledo, con Fonjock a centrocampo. Remondina conferma dieci degli undici che hanno iniziato lunedì contro la Ternana, sostituendo Garzon con Pensalfini. 1.602 i tifosi scaligeri accorsi al "Benelli".

Traversone pericoloso dal fondo di Berrettoni, in azione sulla sinistra, Selva a centro area sbaglia il controllo e Fonjock allontana (12'). Al quarto d'ora Toledo serve Piovaccari sulla destra, il cross dell'ex Primavera dell'Inter è chiuso in corner di testa da Cangi. Conclusione di Russo al 18' a seguito di una palla smistata dal centro da Selva, tiro alto sopra la traversa. Contropiede gialloblù al 23' con l'attaccante sammarinese che imbecca sulla corsa Berrettoni, palla a lato di un soffio. Risposta romagnola di Toledo due minuti, conclusione dal limite verso il secondo palo che termina un metro furoi dalla porta di Rafael.

Berrettoni aggancia sulla trequarti ed appoggia per Russo (33'), cross dalla sinistra di Pensalfini, l'incornata di Selva si stampa sull'incrocio dei pali. Centro dello stesso attaccante scuola Lazio al 43', Selva appoggia per Ciotola che poco distante da Anania sbaglia lo stop tra due avversari.

Punizione dai venticinque metri di Selva al 49' a seguito di un fallo di Giordano (ammonito) su Berrettoni. Tiro angolato verso l'incrocio ma debole, Anania blocca. Russo rimette sulla destra per Cangi (55'), traversone rasoterra su cui batte Selva di prima intenzione, palla alta. Al quarto d'ora della ripresa il neo-entrato Rantier converge dalla destra verso il centro e scocca un mancino strozzato a terra, Anania blocca. Selva rimedia un calcio di punizione ai venti metri all'87', Esposito tocca per Rantier la cui botta è respinta di pugno dall'estremo difensore avversario. Al 91' calcio piazzato dalla trequarti calciato da Esposito, Ceccarelli svetta nella mischia e incorna alle spalle di Anania.

Il tabellino
RAVENNA CALCIO - HELLAS VERONA F.C. 0-1 (0-0)
Reti: 91' Ceccarelli

RAVENNA CALCIO
Anania; Rizzo, Giordano, Fasano, Sabato; Packer (79' Riberto), Fonjock, Sciaccaluga, Rossetti, Toledo; Piovaccari (62' Scappini). (Rossi, Basso, Squillace, Cavagna, Gerbino Polo). All. Esposito

HELLAS VERONA F.C.
Rafael; Cangi, Ceccarelli, Comazzi, Pugliese; Russo, Esposito, Pensalfini (68' Garzon); Berrettoni (78' Colombo), Selva, Ciotola (58' Rantier). (Ingrassia, Anselmi, Campagna, Farias). All. Remondina

Arbitro: Bagalini di Fermo
Assistenti: Crispo, Amoretti
Ammoniti: Ceccarelli, Giordano, Packer, Sciaccaluga
Espulsi: -
Recupero: 1' - 4'
Spettatori: 4.000 circa

FONTE: HellasVerona.it


Difesa insuperabile, Ceccarelli decisivo, Esposito leader, Remondina vince con Selva & Colombo
La migliore di Comazzi nel giorno in cui il bomber è Ceccarelli (nella foto l'esultanza dopo il gol) e la difesa gialloblù, una rete subita in sei partite, si conferma anche a Ravenna punto di forza e la migliore del campionato. I cambi di campo di Esposito, la voglia di Rantier (al rientro dopo quattro mesi) e il quarto d'ora con le due torri Selva e Colombo le altre note liete del sedicesimo risultato utile consecutivo (sette vittorie, nove pareggi) della gestione Remondina.
RAFAEL 6. Nessuno lo costringe ai miracoli e lui per una volta, fa il portiere "normale". Esce quando deve, non va mai in affanno come il resto della sua difesa, controlla andar fuori il tiro a fil di palo di Toledo al 24' e poi la più ordinaria delle ordinarie amministrazioni. A conti fatti, dall'inizio del torneo non ha ancora subito gol. Saracinesca.

CANGI 6,5. Più difensivo che offensivo in una partita dove la ricerca continua della profondità con lanci lunghi penalizza la corsa degli esterni. Pericoloso al 10' del s.t. quando trova Selva al limite dell'area con una rasoiata dalla destra, ma l'attaccante tira alto. Crea pericolo al 24', quando regala palla a Toledo con una respinta di testa centrale che diventa l'assist per l'unico tiro in porta del Ravenna della partita.

CECCARELLI 7. Segna un gol pesantissimo. Esposito gli mette una palla con il contagiri, ma lui, abbracciato da Fasano, riesce a concludere senza staccare, con l'uomo addosso, mettendo palla nell'angolino. E' il leader della difesa meno battuta del torneo, che ha incassato un solo gol in sei partite, che a Ravenna si è riproposta altissima (in partenza in linea con i centrocampisti), pronta a scivolare rapidamente all'indietro sulle rimesse di Anania senza concedere mezzo spazio ai tre avanti di casa. Mezzo punto in meno non tanto per l'entrata su Piovaccari (dura ma nettamente sulla palla) al 37' del p.t. che gli costa il giallo, quanto per un secondo intervento tanto duro (questo sì falloso) quanto inutile su Packer sulla tre quarti campo lungo l'out di destra due minuti il cartellino giallo. Un altro arbitro, al posto di Bagalini, avrebbe potuto tirar fuori anche il rosso.

COMAZZI 7. Strana storia per questo centrale che il Verona ha fatto di tutto per far fuori durante il mercato. Ed è rimasto solo perchè lui ha rifiutato ogni proposta e nessuno se l'è sentita, in B, di farsi carico del suo onerosissimo ingaggio. Destinato irrimediabilmente alla panchina con la venuta di Anselmi dal Sassuolo (un altro dei fedelissimi di Bonato) Comazzi è invece diventato titolare inamovibile della miglior difesa del campionato, con un crescendo di rendimento che potrebbe persino valere il rinnovo di contratto. Si muove alla perfezione con Ceccarelli ed è decisivo in due occasioni: al 14' della ripresa, quando sulla punizione in area di Sciaccaluga si stacca andando a ribattere di testa sul secondo palo un pallone che poteva diventare pericoloso e cinque minuti dopo, quando è il primo ad arrivare sul pallone centrato da Scappini in mezzo all'area di rigore. Ritrovato.

PUGLIESE 6,5. Vale il discorso di Cangi e una domenica più di sacrificio che d'arrembaggio. Da tempo non sbaglia una diagonale. Da tempo non sbaglia una partita.

RUSSO 6. Cresce di condizione e di quantità. Duello fisico con Fonjock e con chiunque gli passi vicino, primo tempo più propositivo, ripresa di contenimento. Al 18' ha un pallone d'oro ma calcia alto dal vertice destro dell'area. In chiusura di primo tempo si prepara ancora il destro dal limite ma calcia malissimo, distante dalla porta.

ESPOSITO 7. La traiettoria della punizione del 92' sulla testa di Ceccarelli sembra impostata con il satellitare. Palla al bacio e gol che lancia in orbita il Verona. Come i cambi di campo che lo stanno consacrando miglior regista della Lega Pro. Ma Esposito non è solo fioretto, è anche spada. Duro e al posto giusto nel recuperar palloni e far ripartire tutte le azioni gialloblù. Incredibile ma vero si becca i rimbrotti di Rantier nella ripresa, quando invece di cercare il francesce con palle lunghe sulla corsa (il Ravenna per un quarto d'ora lo ha lasciato uno contro uno con Rizzo) prova a metterlo in moto con due palloni su cui invece bisognava andare incontro. Leader.

PENSALFINI 6,5. Parte benissimo con tre recuperi nei primi 9' e la conferma di caratteristiche più offensive rispetto a Garzon. Con Berrettoni si cerca con tocchi di prima e aperture sull'esterno che segnano un primo tempo nel quale inventa (testa alta, dalla sinistra) anche un pallone d'oro per Selva. Ma l'attaccante, di testa, centra solo la parte alta dell'incrocio dei pali. Peccato si "rompa" nella ripresa, chiedendo il cambio per un altro colpo su quel bicipite che lo aveva costretto alla panca nelle ultime due. Rischia, purtroppo, un altro stop.

dal 23' s.t. Garzon 6. Entra subito in partita ed è un bene perchè da il cambio a Pensalfini in un momento molto vivo del match con il Ravenna impegnato a dar fastidio ai gialloblù. Prezioso.

CIOTOLA 5. D'accordo: il Verona dalla sua parte non ci va proprio mai, ed Esposito smista soprattutto a sinistra. Ma lui non fa nemmeno nulla per dire: ci sono anch'io. Almeno fino al 44', quando prende palla e parte da solo centralmente, incartandosi però malamente al momento del tiro. Un'ora di nulla, inevitabile la sostituzione.

dal 13' s.t. Rantier 6.5. Ha una voglia che fa paura. Il secondo pallone toccato del suo ritorno alla partita dopo la pubalgia è già diretto in porta ma non fa paura ad Anania. Al 21' sbuca in mezzo a Rizzo e Giordano tirando alto su un rimpallo. Non lo cercano largo a destra nonostante tra lui e la porta ci sia solo Rizzo e si arrabbia. Poi Remondina, con l'ingresso di Colombo, lo mette trequartista e l'ultimo quarto d'ora lo passa col fiato sul collo di Sciaccaluga che si appiccica come un francobollo. Al 42' è pericolo su punizione. A Potenza sarà difficile non dargli una maglia da titolare.

SELVA 6,5. Forse qualche volta tiene troppo palla, altre la dà via troppo presto, ma fa la boa e c'è sempre. Peccato che il lavoro a far salire la squadra ne condizioni la lucidità sotto porta. Al 12' su assist dalla sinistra di Berrettoni sbaglia il controllo col sinistro all'altezza del dischetto e consente il recupero alla difesa di casa. Al 22' manda in porta Berrettoni con un pallone al bacio ma non festeggia il gol perchè il compagno tradisce sul più bello e spara fuori. Movimento alla Inzaghi al 33' quando finta di andare sul primo e invece va a raccogliere l'invito perfetto di Pensalfini dalla sinistra sul secondo palo, ma il colpo di testa sbatte sopra il sette. Meriterebbe miglior sorte anche la rasoiata di Cangi al 10' del s.t. che gira in porta di prima intenzione dal limite, arrivando sul pallone però con il corpo troppo indietro e per questo tirando non dalle parti di Anania ma nel pezzo di curva arrivata dal Bentegodi. Il quarto d'ora finale con Colombo è decisivo.

BERRETTONI 6. Primo tempo a tutta ma senza incidere sulla partita. Pesca bene Selva in mezzo all'area al 12' ma il sanmarinese sbaglia il controllo e perde il tempo. Al 22' potrebbe chiudere l'assist di Selva con il punto del vantaggio, ma si porta palla sul piede "debole" (il sinistro) e davanti ad Anania tira fuori.

dal 33' s.t. Colombo 6. Mette peso e centimetri nell'area ravennate e si procura la punizione (entrataccia da dietro di Sciaccaluga) che poi Esposito trasforma in assist per Ceccarelli. Forse la condizione arriverà a Natale, ma può diventare importante anche nell'ultimo quarto d'ora.

REMONDINA 7. Che fosse "continuo" lo si capisce dai sedici risultati utili consecutivi del suo Verona (ultima sconfitta proprio a Ravenna il 1 marzo); la novità è che è diventato anche vincente (7 vittorie e 9 pareggi nel periodo). Seconda vittoria consecutiva in campionato dopo la Ternana, secondo successo fuori in tre partite. Presenta una squadra corta, che prova ad andare in porta cercando sempre la profondità, che non concede spazi dietro e cerca il gol sino all'ultimo pallone. In più, arriva ai tre punti con i cambi e con la mossa Rantier trequartista e Selva vicino a Colombo che aveva fatto storcere il naso a chi vi scrive. Chi vince, ha sempre ragione.

Arbitro BAGALINI 5,5. E' come se qualcuno tra un tempo e l'altro gli avesse fatto capire che le indicazioni di Collina sul "giocare di più" non comportassero proprio il sorvolo sistematico di spinte, spintine, spintoni, mani in faccia e pure qualche intervento rude sulle gambe (Sciaccaluga su Berrettoni). Nel primo tempo fischia niente, nel secondo quasi tutto. Grazia Ceccarelli due minuti dopo il giallo, non manda con due minuti d'anticipo Sciaccaluga sotto la doccia per il fallo su Colombo lanciato a rete al 91'. P.s. se il nome vi dice qualcosa... non sbagliate: è il fratello di quel Bagalini (Stefano) che giocò una partita nel Verona nella stagione 2005/2006. Ottantuno minuti in gialloblù e poi basta. Saluti a casa. (s.rasu)

Che impresa, l'Hellas vince a Ravenna grazie a Ceccarelli
L'Hellas conquista i tre punti allo stadio Benelli contro il Ravenna grazie al gol di Ceccarelli in pieno recupero. Positivo il rientro in campo di Rantier che ha dato vivacità all'attacco scaligero.
Impresa dell'Hellas che vince 0-1 a Ravenna grazie al gol di Luca Ceccarelli nel recupero.

Il primo tempo era terminato in parità. Remondina conferma gli stessi undici che hanno battuto la Ternana; unica variante l'inserimento di Pensalfini al posto di Garzon. Rantier e Colombo partono dalla panchina. Pugliese al dodicesimo si rende pericoloso con un traversone che per poco non beffa l'estremo difensore giallorosso Anania. A metà tempo Selva libera Berrettoni in area di rigore che da buona posizione spedisce alto. Il Ravenna ci prova in un paio di circostanze con Toledo ma senza fortuna. Nella ripresa l'Hellas cambia passo e gli inserimenti di Rantier e Colombo vivacizzano l'attacco. La formazione di Remondina va vicina al gol con una traversa di Selva. Nel finale Rantier sfiora la rete su punizione. In pieno recupero Esposito fa spiovere un traversone in area di rigore sul quale si avventa Ceccarelli che mette in rete.

Ravenna (4-3-3): Anania, Rizzo, Sabato, Giordano, Fasano, Rossetti, Sciaccaluga, Fonjock, Piovaccari ('57 Scappini), Toledo, Packer ('79 Riberto).
A disposizione (Rossi, Basso, Fabbri, Cavagna, Gerbino)
All. Esposito

Hellas Verona (4-3-3): Rafael, Cangi, Pugliese, Esposito, Ceccarelli, Comazzi, Ciotola ('56 Rantier), Russo, Selva, Pensalfini ('69 Garzon), Berrettoni ('77 Colombo)
A disposizione (Ingrassia, Anselmi, Campagna, Farias)
All. Remondina

Ammoniti: Rizzo, Sciaccaluga, Packer (Ravenna), Ceccarelli (Verona)
Reti: '91 Ceccarelli
Alessandro Betteghella

FONTE: TGGialloblu.it




[OFFTOPIC]
VITA DA EX: Le vecchie glorie italiane ne prendono 4 a 1 dai 'pari età' tedeschi ma FANNA è sempre pimpante! Uno dei due gol segnati dagli italiani è firmato da MANIERO. ADAILTON al 92° tarpa le ali alla JUVE... VOLLEY: Gran prestazioni della MARMI LANZA VERONA che va a vincere 3 a 0 a CUNEO! Una delle pretendenti alla vittoria del campionato! MONDIALI CICLISMO: 'Solo' 8° CUNEGO che però la prende con filosofia. Vince l'australiano EVANS partito in fuga solitaria in salita a 4/5 Km dalla fine dei 260 Km totali previsti. SECONDA DIVISIONE: Altra sconfittaper la SAMBO. BASKET: La TEZENIS VERONA 'stecca' la prima ma contro la 'corazzata' FORTITUDO ci può stare... GASCOIGNE FUORICLASSE della birra: 40 in 13 ore! MISS MAGLIETTA BAGNATA 2009 è Erika Buteri 23enne al concorso con la mamma.
VITA DA EX: Le vecchie glorie italiane ne prendono 4 a 1 dai 'pari età' tedeschi ma FANNA è sempre pimpante! Uno dei due gol segnati dagli italiani è firmato da MANIERO. ADAILTON al 92° tarpa le ali alla JUVE... VOLLEY: Gran prestazioni della MARMI LANZA VERONA che va a vincere 3 a 0 a CUNEO! Una delle pretendenti alla vittoria del campionato! MONDIALI CICLISMO: 'Solo' 8° CUNEGO che però la prende con filosofia. Vince l'australiano EVANS partito in fuga solitaria in salita a 4/5 Km dalla fine dei 260 Km totali previsti. SECONDA DIVISIONE: Altra sconfittaper la SAMBO. BASKET: La TEZENIS VERONA 'stecca' la prima ma contro la 'corazzata' FORTITUDO ci può stare... GASCOIGNE FUORICLASSE della birra: 40 in 13 ore! MISS MAGLIETTA BAGNATA 2009 è Erika Buteri 23enne al concorso con la mamma.
Calcio: Italia all stars batte Bayern Monaco 4- 2
In gol Chiarelli, Maniero, Ganz (I) e due volte Paulo Sergio (B)
(ANSA) - ARCO (TRENTO), 26 SET - Ancora una volta l'Italia batte la Germania seppur in un incontro giocato tra la formazione All Star del Bayern Monaco e dell'Italia. Ad Arco gli azzurri hanno vinto ieri sera 4-2 con due gol di Chiarelli, un rigore di Pippo Maniero e una prodezza dell'inossidabile Maurizio Ganz. Per il Bayern due volte a rete e' andato il brasiliano Paulo Sergio, gia' campione del mondo a Los Angeles '94. Lothar Matthaeus, 48 anni, ha mostrato un fisico asciutto e sorprendentemente atletico. Brillante e tonico Pierino Fanna, cinque scudetti con Juve, Verona e Inter. (ANSA).

FONTE: ANSA.it



Marmi Lanza, esordio col botto. Battuta Cuneo 3 a 0
Grande vittoria della Marmi Lanza in casa di Cuneo. La squadra di coach Bagnoli si impone 0-3 sul campo di quella che è considerata, almeno sulla carta, una delle più forti formazioni di A1

Ciclismo, Cunego ottavo nella corsa iridata: "Niente drammi, la prossima volta andrà meglio"
Non è andata come si aspettava ma il "Piccolo Principe" di Cerro Veronese non fa drammi: "E' andata così, la prossima andrà meglio " spiega il veronese. Alla fine trionfa l'australiano Evans, bravo a nascondersi per tutta la gara e uscire allo scoperto solo negli ultimi chilometri. Argento al russo Kolobnev, bronzo per lo spagnolo Rodriguez.

La Sambo perde 1-0 a Pavia: i rossoblù non sanno più vincere
I ragazzi di mister Viviani escono sconfitti dalla partita sul campo del Pavia. A decidere l'incontro la rete al settimo minuto del secondo tempo di Carbone. I rossoblù, quindi, perdono terreno dalla capolista Alghero che oggi ha battuto in casa il Feralpi Salò.

Tezenis sconfitta a Bologna, la Fortitudo vince 92-79

FONTE: TGGialloblu.it

GASCOIGNE, TRISTE RECORD BEVE 40 BIRRE IN 13 ORE
Paul Gascoigne non è riuscito a vincere, almeno per il momento, la sua difficile e drammatica lotta con la dipendenza dall'alcol. Dal "Sun", infatti, si viene a sapere che l'ex-fuoriclasse inglese è stato protagonista di una serata da record in un pub londinese: quaranta birre bevute in 13 ore con un "intertempo" di sei in 20 minuti...

MISS MAGLIETTA BAGNATA È LA 23ENNE ERIKA BUTERI
Più di mille ragazze si sono presentate al concorso di Miss Maglietta Bagnata 2009. Un getto d'acqua sulla maglietta bianca, rigorosamente senza reggiseno, slip neri e un balletto sexy hanno incoronato Erika Buteri, ventitre anni, che al concorso ci è andata accompagnata dalla madre.

Serie A
Bianconeri raggiunti dal Bologna al 92’. Roma, pari contestato a Catania
Adailton gela la Juve, Samp in fuga

Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

Anteprima RAVENNA-HELLAS VERONA: TOLEDO con SCAPPINI e PIOVACCARI per i giallorossi? I gialloblù recuperano ESPOSITO, dubbio PENSALFINI-GARZON...

QUI VERONA: REMONDINA tiene a riposo precauzionale gli 'affaticati' CAMPAGNA ed ESPOSITO nel triangolare di PESCHIERA dal quale emerge chiaro però che gli attaccanti gialloblù godono di una forma smagliante! Trippletta per SELVA e gol di RANTIER, COLOMBO, CIOTOLA e FARIAS... Vabbè che davanti c'erano squadrette (con tutto il rispetto per CastelnuovoSandrà e Peschiera) ma buttarla dentro non è mai banale buono in questo senso anche il ritorno al gol di RANTIER che speriamo di rivedere al più presto sul lato sinistro del 4-3-3 scaligero. Contro i giallororssi l'unico dubbio del tecnico gialloblù potrebbe essere sul centrocampista da mettere alla destra di ESPOSITO: l'esperto e tecnico PENSALFINI o la furia gialloblù 'de soca' GARZON? Mah... Per quanto l'ex-SASSUOLO mi piaccia consiglierei il capitano scaligero: Squadra che vince (eccome) non si tocca! SELVA che ha il 'piede caldo' al momento non si tocca anche se COLOMBO sta crescendo e così BERRETTONI a sinistra dovrebbe giocare dal primo minuto in Romagna certo che non vorrei essere nei panni del REMO quando, per forza di cose, dovrà scegliere fra l'ex-LAZIO e 'Scudèla' da affiancare al francese...

RAVENNA-HELLAS VERONA: Non particolarmente positiva la tradizione gialloblù al 'BENELLI' di Ravenna dove l'HELLAS ha vinto una sola volta (10 anni fa) e perso tre in cinque gare disputate in Romagna. L'ultima volta, in campionato sei mesi fa, il VERONA perse 2 a 0 grazie ad un gol regalato agli avversari e ad un fallaccio da ultimo uomo di CECCARELLI che venne poi espulso (ampio report fotografico da quel 'triste' 1° Marzo poco sotto). Anche in quella occasione ampie furono le reponsabilità attribuite al tecnico REMONDINA che a mio avviso era l'ultimo a cui addossare colpe... Il RAVENNA arriva alla prossima sfida dopo un cammino non particolarmente brillante dopo 4 partite: tre pareggi ed una sola vittoria (contro la 'sorpresa' PORTOGRUARO alla prima giornata) frutto di 4 gol fatti e 3 subiti. Prima della gara è stato autorizzato dai vertici della LEGA PRO, un minuto di raccoglimento in onore di Brian FILIPI, il giovane attaccante albanese ucciso da un pirata della strada... [COMMENTA]

Ravenna 2-0 Hellas Verona 1 Marzo 2009


QUI RAVENNA:L'ambiente giallorosso è ancora 'scosso' dall'improvvisa morte della giovane promessa Brian FILIPI, l'attaccante ventenne albanese che aveva suscitato l'interesse di squadre come CHIEVO e PALERMO, ammazzato da un pirata della strada mentre passeggiava con la famiglia; per questo motivo i ravennati non hanno giocato nella scorsa giornata di campionato a casa del FOGGIA (la gara è programmata per il 30 Settembre). La partita contro i gialloblù è molto sentita da pubblico (700 biglietti staccati al 23 Settembre rappresentano un record per loro!) e squadra e sarà una trasferta sicuramente insidiosa per l'HELLAS che troverà un ex come capitano avversario: si tratta del 'misterioso' SCIACCALUGA, portato a VERONA dai 'tramaci' pastorelliani, rimasto due stagioni in riva all'Adige giocando una sola partita, di coppa, fra l'altro nemmeno dall'inizio se ben ricordo... Altri tempi! Ora Paolo è a RAVENNA da 3 stagioni e sembra aver trovato la sua dimensione. Reparto degno sicuramente di nota per i romagnoli è l'attacco composto dai giovani GERBINO POLO e SCAPPINI (5 gol ciascuno nella passata stagione) ai quali si è aggiunto il 25enne PIOVACCARI che ha giocato le ultime 3 stagioni in Serie B con TRIESTINA e TREVISO; ma ESPOSITO, il tecnico avversario, ha provato il tridente composto da TOLEDO con gli ultimi due, che RAVENNA sarà? Grossi problemi per la difesa che dovrà far a meno dello squalificato FERRARIO e vede anche ANZALONE e CIUFFETELLI a rischio. Estremo difensore quell'ANANIA che nel 2007/2008 difendeva i pali della PRO PATRIA nel doppio spareggio playout contro gli scaligeri. [COMMENTA]

I portieri presi a 'cannonate'...Intervista a BERRETTONIIntervista a RUSSO


QUI VERONA:REMONDINA tiene a riposo precauzionale gli 'affaticati' CAMPAGNA ed ESPOSITO nel triangolare di PESCHIERA dal quale emerge chiaro però che gli attaccanti gialloblù godono di una forma smagliante! Trippletta per SELVA e gol di RANTIER, COLOMBO, CIOTOLA e FARIAS... Vabbè che davanti c'erano squadrette (con tutto il rispetto per CastelnuovoSandrà e Peschiera) ma buttarla dentro non è mai banale buono in questo senso anche il ritorno al gol di RANTIER che speriamo di rivedere al più presto sul lato sinistro del 4-3-3 scaligero. Contro i giallororssi l'unico dubbio del tecnico gialloblù potrebbe essere sul centrocampista da mettere alla destra di ESPOSITO: l'esperto e tecnico PENSALFINI o la furia gialloblù 'de soca' GARZON? Mah... Sicuramente non ci sarà CAMPISI ancora in tribuna. Per quanto l'ex-SASSUOLO mi piaccia consiglierei il capitano scaligero: Squadra che vince (eccome) non si tocca! SELVA che ha il 'piede caldo' al momento non si tocca anche se COLOMBO sta crescendo e così BERRETTONI a sinistra dovrebbe giocare dal primo minuto in Romagna certo che non vorrei essere nei panni del REMO quando, per forza di cose, dovrà scegliere fra l'ex-LAZIO e 'Scudèla' da affiancare al francese... [COMMENTA]



DICONO: RANTIER «Questo Verona sta crescendo bene, una volta acquisita la consapevolezza del nostro reale valore potremo far male a chiunque. Ora è vietato mollare» REMONDINA «Giusto lavoro durante la settimana. La condizione migliora da parte di tutti, aspetto strettamente legato al gioco ed agli allenamenti affrontati in modo continuativo» (HellasVerona.it) FARIAS «Quando ho visto Rafael uscire dall'area palla al piede ho capito che non l'avrebbe fermato nessuno così ho cercato un po' di spazio e l'ho chiamato, volevo la palla per andare a segnare. Lui ha capito e mi ha fatto un passaggio perfetto. Quando ho visto la palla entrare sono corso sotto la Curva, non ho capito più nulla...» RAFAEL «Ringraziare? Certo che mi deve ringraziare lui vuole pagarmi una pizza ma deve offrirmi una cena al ristorante brasiliano, è arrivato da pochi mesi e ha già fatto gol in maglia gialloblù. Una soddisfazione che altri giocatori hanno inseguito per anni» (LArena.it) [COMMENTA]





[ALTRE NEWS]
LE VECCHIE GLORIE SCALIGERE: Hanno giocato ad Arco di Trento, in campo FANNA, VOLPATI, IORIO e MANIERO contro la GERMANIA di MATTHAEUS e BREHME
COPPA ITALIA DI LEGA PRO: Il VERONA esordirà al BINTI contro la SAMBONIFACESE di Giovanni ORFEI (capitano con PELLEGRINI in panca nel campionato 2007/2008) che l'ultima volta, il 22 Agosto 2007, fece un figurone! Il primo turno sarà ad eliminazione diretta con eventuali supplementari da un quarto d'ora e rigori...
LEGA PRO 1^ DIVISIONE GIR. B: Anteprima della 6^ giornata... IL PRESIDENTE MARTINELLI insiste per il nuovo stadio...
AL BENELLI PIÙ DI 1600 BUT&EGrave;I! Grande partecipazione (al solito) dei sostenitori gialloblù...[COMMENTA]



[IN BREVE]
BASKET: La TEZENIS VERONA all'esordio contro la FORTITUDO BOLOGNA appena retrocessa in A dilettanti. Le 'cartoline' degli ex giganti gialloblù IUZZOLINO, WILLIAMS e BULLOCK.
I 'CUGINETTI' VIOLA senza presidente, ha abbandonato DELLA VALLE ma la famiglia rimarrà comunque nel CdA toscano.
L'UOMO CANNONE canna l'atterraggio (ma fortunatamente rimedia solo qualche frattura).
CALCIO SPAGNOLO: Gran gol di Cristiano RONALDO al VILLAREAL ed il REAL vola insieme al BARCA con 4 vittorie in altrettante partite... PARTE IN ROMAGNA LA WEB-SQUADRA: Il SANTARCANGELO, prima squadra in Italia comprata e gestita via web da 2000 sottoscrittori, è ai blocchi di partenza del campionato!
TESSERA DEL TIFOSO: MARONI assicura che si farà e si applicheranno sanzioni alle società calcistiche che creeranno problemi...
MONDIALI CICLISMO: Nella gara a cronometro trionfa lo svizzero CANCELLARA, 'solo' 5° PINOTTI il primo degli italiani. Grande la GUDERZO oro fmminile terza è la CANTELE!
FORMULA 1: Bernie ECCLESTONE sta con BRIATORE; intanto a Singapore la pole è di HAMILTON, VETTEL sorprende ed è secondo meentre le FERRARI deludono ancora... TRA FIORENTINA E LIVORNO PASSANDO PER... VERONA: I livornesi volevano il gemellaggio coi viola ma chiesero a questi ultimi, per ragioni squisitamente politiche, di rinunciare a quello storico con i gialloblù. Quelli della Fiesole, apolitici (beati loro), risposero picche e tutto finì lì... Io mi chiedo quando arriverà il giorno che si smetterà di far politica e proselitismo all'interno degli stadi! Sarà comunque sempre troppo tardi...
CALCIO INGLESE: Primo passo falso del CHELSEA di ANCELOTTI ed il MANCHESTER UNITED aggancia i blues in vetta!
VITA DA EX: PRISCIANTELLI torna con la sua ATALANTA al BENTEGODI, per lui quasi un... Derby! TIFOSO FAI VEDERE IL CULO? E io ti deferisco! Ah ah...[COMMENTA]


GIOCO PRONOSTICI:
Robroy pronti via ed è subito Campione di giornata insieme a me, Bridget (butta bene quest'anno eh?) e Lucky. Brutta giornata per Gabri che becca solo 2 punti ed è Sfigadon della 5^! Porta pazienza ti rifarai... In classifica generale è sempre incredibilmente prima Bridget, unica rappresentante del gentil sesso fin'ora, che ha confidato a me e a Martino il fantastico segreto grazie al quale riesce a rimanere la a guardare tutti dall'alto! Qual'è? Non ci credereste per cui... Non ve lo racconto, chiedetelo a lei se vi va ma... Occhio! Potreste non riavervi più a causa dello shock!

Seconda ammonizione consecutiva per Paolo e Federico Montresor e quindi prima espulsione; se decideranno di ricominciare a giocare partiranno con il punteggio dell'ultimo. Ricordo che 'solo' dopo 3 espulsioni totali si viene esclusi dal gioco. [COMMENTA]

CLASSIFICA DI GIORNATA
5 - Bridget, Lucky, Robroy, Smarso
4 - Black, VALE/=\VALES
3 - Ale90hvr, Bruni, Martino, Mister Loyal, Pose
2 - Gabri

CLASSIFICA GENERALE
17 - Bridget
14 - Lucky
13 - Ale90hvr, Smarso
12 - Robroy
11 - Black, Mister Loyal
10 - Bruni, Martino, Pose
09 - Gabri, VALE/=\VALES

RECORD DI STAGIONE
Punteggio massimo in una giocata: Bridget (9)
Max. numero di pronostici azzeccati: Ale90hvr, Bridget, Bruni, Lucky, Mister Loyal, Robroy, Smarso (5)
Max. numero di risultati azzeccati: Bridget (4)
Punteggio minimo in una giocata: Federico Montresor, Smarso (1)

ALBO D'ORO CAMPIONI
2008/2009 RobRoy
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)



Hellas, attaccanti scatenati in vista della sfida a Ravenna
di Gianluca Vighini
VERONA - Bomber scatenati. E anche Julien Rantier ieri ha ritrovato la via della rete. L’Hellas è sceso in campo nel triangolare di Peschiera per trovare i migliori automatismi in vista della trasferta di domenica a Ravenna. Dopo la confortante prova con la Ternana, Remondina voleva testare i suoi ragazzi a pochi giorni dal match in Romagna. Il Verona ha vinto 3-0 contro il Castelnuovosandrà, la squadra del presidente Martinelli che milita nel campionato di Eccellenza. A segno sono andati, appunto Rantier, Colombo e Farias.

Nell’altra partita contro il Peschiera (Terza categoria), l’Hellas ha vinto 4-0, aggiudicandosi il torneo, il cui incasso finirà all’associazione benefica no-profit “Noi per Lorenzo”. Selva è apparso in grande forma. Il gol con la Ternana ha rivitalizzato il bomber di San Marino che è andato a segno con una tripletta. La quarta rete è stata segnata da Ciotola, che lunedì sera aveva sbagliato un paio di gol clamorosi.

Lavoro differenziato per Dario Campagna e Gennaro Esposito, a causa di un affaticamento all’adduttore. La loro presenza è comunque certa a Ravenna. «Stiamo cercando di essere più concreti - ha spiegato Berrettoni, l’unico puntero a secco nel triangolare - perché gare come quella con la Ternana dobbiamo cercare di chiuderle molto prima». (ass)

FONTE: Leggo.it



Calcio Iª Div. B - 6ª giornata: la presentazione
di Marco Magli
Il calendario della sesta giornata offre una partita davvero affascinante e molto attesa, quella che vede di fronte Ravenna e Verona al ‘Benelli’. Si tratta delle uniche squadre che hanno tolto l’intera posta in palio alla coppia di testa formata da Portogruaro e Ternana. Ravenna nella gara d’esordio ai danni dei veneti e il Verona nel posticipo dell’ultima giornata contro gli umbri. I bizantini, che devono recuperare la partita contro il Foggia per la tragica morte di Filipi ( gara che si disputerà mercoledi 30 settembre), sono in cerca del primo successo davanti al proprio pubblico, due pareggi sinora, mentre il Verona di Remondina ha il morale a mille dopo la grande prestazione disputata, come dicevamo, contro la Ternana, vittoria che ha dato molta convinzione. Esposito deve fare a meno dello squalificato Ferrario e dell’infortunato Ciuffetelli, mentre in casa gialloblu Remondina deve valutare le condizioni del francese Rantier, ballottaggio a centrocampo tra Garzon, Pensalfini e Russo per due maglie. I precedenti in terra di Romagna vedono tre vittorie per i locali, un pareggio ed un successo scaligero (2-3 il 28 marzo 1999). Gara dal pronostico incerto.

Le due squadre in testa alla classifica saranno impegnate in casa, il Portogruaro contro il Giulianova e la Ternana se la vedrà contro il Foggia. La squadra di Calori sta viaggiando a mille, quattro vittorie consecutive, vince e convince, ora è importante che mantenga alta la concentrazione, senza cali di tensione, il Giulianova sa farsi rispettare, in questo inizio di campionato ne ha già dato prova. Veneti col favore del pronostico. La Ternana deve riscattare la brutta sconfitta contro il Verona, al ‘Liberati’sarà ospite il Foggia ancora imbattuto. Gara tutta da seguire.

All’ Adriatico la corazzata guidata da Cuccureddu è condannata a vincere, si attendono ancora miglioramenti sotto il punto di vista della manovra, che continua a latitare. L’Andria sarà avversario motivato e più sereno dopo aver conquistato la prima vittoria, di conseguenza i primi punti in campionato, con l’esordio di Papagni sulla panchina. Non saranno della gara gli squalificati Mengoni per il Pescara e Giorgetti, due giornate, per i pugliesi. Divieto per gli adriesi di seguire la squadra in trasferta. Pronostico a favore degli abruzzesi.

Due Società hanno cambiato il tecnico in settimana, si tratta del Taranto e del Potenza. Il Presidente D’Addario continua con la sua rivoluzione, dopo aver allontanato il Direttore Generale ed il Direttore Sportivo, questa volta è toccato al tecnico. I rossoblu saranno guidati dall’ex allenatore del Mantova Giuseppe Brucato, che subito dovrà esordire in una gara molto delicata. Allo ‘Iacovone’ scenderà la Reggiana di Dominissini, squadra in palla alla ricerca del primo successo in trasferta. Gara molto interessante e dal pronostico incerto, si attende una reazione da parte dei rossoblu. Due sonore sconfitte sono costate caro a Capuano, il Potenza ora farà affidamento su Francesco Monaco, tecnico esperto della categoria. I lucani sono attesi da una trasferta molto insidiosa, saranno in scena al ‘Mazza’ contro una Spal che domenica ha sbancato Taranto, facendo appunto saltare Braglia. Gli estensi sono alla ricerca del primo successo tra le mura amiche, pronostico a favore degli emiliani.

Cosenza- Lanciano è una gara che vede i silani col favore del pronostico, la squadra di Toscano sta esprimendo un buon calcio e la scottante sconfitta contro l’Andria grida ancora vendetta, i frentani, abbattuti dal ciclone Portogruaro, sono avvisati, seppur la squadra di Dino Pagliari non ha ancora subito rete in trasferta.
Il Rimini continua a balbettare seppur domenica si sono intravisti miglioramenti, i romagnoli giocheranno al ‘Neri’ contro la Cavese, a pari punti in classifica, unica squadra che non ha ancora vinto. Gli ‘aquilotti’ di Maurizi hanno raccolto meno di quello che avrebbero meritato, vedremo se il prolungato ritiro porterà qualcosa di positivo, gara dove il pareggio sembrerebbe il risultato più probabile.

Il ‘Progreditur’ sarà lo scenario che vedrà affrontarsi Real Marcianise e Pescina, che domenica hanno conquistato il primo successo in campionato. Ottimo il ritorno di Boccolini sulla panca casertana, che è coinciso con l’esonero di Capuano. Per la squadra marsicana si tratta di una trasferta da prendere con le molle, importante per entrambe le compagini dare continuità alla vittoria conquistata.

FONTE: RealSports.it


IN RECUPERO
IERI È ANDATO IN GOL NEL TEST
Hellas, si rivede Rantier: a Ravenna può debuttare
Andrea Spiazzi Verona
È stato un “Andy Selva show” quello di ieri a Peschiera. L’Hellas si è imposto nel triangolare, il cui incasso è stato devoluto all’associazione noprofit “Noi per Lorenzo”, rispettivamente contro Castelnuovosandrà (Eccellenza) e Peschiera (Terza Categoria) 3-0 e 4-0. Nel primo match sonoandatia segnoRantier,Colombo e Farias, nel secondo l’attaccante sanmarinese con tre reti e Ciotola con una. Verona in salute, dunque, con l’attacco che risponde presente. Anche il francese sta bene e a Ravenna potrebbe, pur non partendo titolare, trovare i primi minuti della stagione.

Gennaro Esposito e Dario Campagna, invece, hanno lavorato a parte a scopo precauzionale, entrambi stoppati da un affaticamento all’adduttore. La squadra di Remondina è chiamata a dare un messaggio forte nel segno della continuità. Non dovrebbero esservi novità in formazione. Selva, data la sua condizione, appare inamovibile anche se Colombo guadagna minuti nelle gambe. Ciotola sarà confermato nonostante Farias convinca sempre più. Un piccolo dubbio permane nella scelta tra Garzon e Pensalfini. Remondina ha, insomma, solo qualche lieve “problema” di sana concorrenza.

FONTE: DNews.eu


Verso il Verona: già staccati oltre 700 biglietti di curva sud 23/09/2009 [20:19]
Dopo quello dei tifosi tarantini, un altro esodo di sostenitori ospiti attende domenica il Benelli. In poco più di ventiquattr’ore dall’inizio della prevendita sono infatti oltre 700 i tagliandi staccatio dalla tifoseria del Verona per il settore di curva sud. Polverizzato così il dato dello scorso anno quando, alla vigilia dell’incontro la vendita si fermò a 634.
Enrico Marinò - Ufficio stampa

FONTE: RavennaCalcio.com


Ravenna: prima divisione, la partita con il Verona in diretta su Radio International
RAVENNA - Domenica 27 Settembre a partire dalle 14.45 Radio International, Radio Ufficiale del Ravenna Calcio, trasmetterà in diretta integrale ed esclusiva Ravenna-Verona, valevole per il 6° turno di Campionato di LegaPro, Prima Divisione, Girone B 2009/10.

La radiocronaca, a cura di Ugo Bentivogli e Maurizio Coreni, e completata dagli aggiornamenti dagli altri campi, si potrà ascoltare in fm 100.2 sulle frequenze di Radio International a Ravenna e provincia (per Lugo, Cotignola e Sant'Agata 100.4), e da qualsiasi parte del mondo in streaming audio su www.radiointernational.it e www.ravennacalcio.com.

Gli ascoltatori potranno partecipare inviando la loro opinione a mezzo sms al numero 349/869.24.24: tutti gli sms inviati, parteciperanno all'estrazione di 5 biglietti per il prossimo impegno casalingo dei giallorossi in campionato: Ravenna - Reggiana, in programma al "Benelli" domenica 11 ottobre 2009.

FONTE: RomagnaOggi.it


Ravenna: si torna in campo dopo il lutto. Verona: Rantier in panca
Ravenna ancora sotto shock per la morte di Brian Filipi. Mister Esposito senza lo squalificato Ferrario e l´infortunato Ciuffetelli. Ultima rifinitura stamattina per il Verona, poi partenza per Ravenna. In campo Ciotola, Berrettoni e Selva. Rantier in panchina.

FONTE: TuttoLegapro.com


Rantier prepara la riscossa «Voglio tornare in campo»
APPUNTAMENTO IN RIVA ALL'ADRIATICO. L'ATTACCANTE GIALLOBLÙ È ANDATO IN PANCHINA NELLA GARA CON LA TERNANA, ADESSO È PRONTO PER IL DEBUTTO STAGIONALE
«Ho lavorato con la squadra mi sento sicuramente meglio Ho passato momenti difficili ma adesso è vietato mollare»
Sta meglio Julien Rantier. Lunedì è andato in panchina, in settimana ha sempre lavorato con il gruppo, la pubalgia sembra un ricordo lontano. Appuntamento a Ravenna, domani pomeriggio l'Hellas gioca con i giallorossi romagnoli e l'attaccante francese potrebbe tornare in campo. Non gioca una partita ufficiale da quattro mesi, un'eternità.

«Un inferno - ammette - perchè la pubalgia non ti dà tregua, senti male e non sai quando potrà finire. Tutti gli infortuni sono brutti ma in altre occasioni conoscevo i tempi di guarigione, sapevo che prima o poi sarei tornato in campo. La pubalgia non ti dà certezze».
Rantier vive in questa morsa da mesi. «Sono arrivato a gennaio dal Piacenza e subito è comparso il dolore - racconta - non ho mai potuto giocare al cento per cento, mi allenavo un giorno e il giorno dopo dovevo fermarmi. Anche la domenica non potevo mai andare a tutta, avevo sempre paura di farmi male, di rompermi del tutto. Volevo dare molto di più all'Hellas, ho dato quello che ho potuto».

Alla fine del campionato il meritato riposo, le vacanze, la speranza di tornare e di allenarsi senza problemi. Addio dolore. «Non è stato così - continua Rantier - qualche giorno di pace ma quando ho cominciato a forzare ho sentito ancora male. Ho fatto i controlli, in accordo con lo staff medico ho deciso di fermarmi e di curarmi». Rantier inizia le terapie al centro di Pontremoli, in Toscana, lo stesso che segue anche i giocatori dell'Inter.

«Sono stati veramente bravi mi hanno seguito con grande professionalità - aggiunte l'attaccante gialloblù - non è solo una questione fisica, anche la testa è importante perchè quando sei in difficoltà ti sembra tutto più nero. Invece ho sempre lavorato bene e i progressi si sono visti». Da qualche settimana Rantier è tornato in gruppo, negli ultimi giorni si è allenato con i compagni, ha fatto le amichevoli infrasettimanali, si è anche concesso il lusso di andare subito in gol.

«Sono pronto - precisa - ma adesso deve essere il mister a decidere. Remondina sa che sono disponibile e questo è importante. Sicuramente mi manca il ritmo partita ma anche la condizione fisica arriva giocando. Lunedì ero in panchina, potevo andare in campo ma il Verona ha vinto lo stesso e questa è la cosa più importante».

Un Verona che ha vinto e convinto. «La squadra che mi aspettavo - sottolinea Rantier - sentivo e leggevo che il Verona aveva qualche problema di troppo, che faceva fatica, che doveva fare qualcosa di più. I miei compagni hanno dato una risposta importante con la Ternana, hanno dimostrato che l'atteggiamento è quello giusto, che tutto il gruppo vuole dare il massimo per raggiungere la vetta della classifica, per lottare per la promozione e andare in B. Non sarà facile, questo è ovvio, ma questa squadra ha anc he le qualità tecniche per cambiare il corso della partita».

Anche il Ravenna è imbattutto, sarà un'altra sfida molto delicata. «Un test importante per capire dove possiamo arrivare - conclude Rantier - l'anno scorso i romagnoli hanno fatto un buon campionato e sono arrivati ai play off. Hanno cambiato poco, sono una squadra compatta. Non mancheranno gli stimoli per fare una buona partita».
Luca Mantovani

Tridente in attacco, Esposito rischia tutto
QUI RAVENNA. IL TECNICO ROMAGNOLO HA PROVATO IN AVANTI TOLEDO CON PIOVACCARI E SCAPPINI. EMERGENZA IN DIFESA: FERRARIO SQUALIFICATO, ANZALONE A RISCHIO
Ravenna a trazione anteriore. Il Verona dovrà aspettarsi questo e altro domenica al «Benelli». I romagnoli, tra l'altro saranno squadra trasformata dal dolore. È, infatti, freschissimo il ricordo della morte, causa incidente, del giovane attaccante albanese Brian Filipi. Il mondo giallorosso è stato sconvolto da una dolorosa sciagura, e adesso vuole ritrovare sul campo la forza per reagire a questa difficile situazione.

NESSUNA SCONFITTA. Il Ravenna, allora, giocherà per Filipi. Contro il Verona, ma non solo. La squadra di Remondina dovrà fare i conti con un avversario che fin qui non ha conosciuto sconfitte. Probabile l'utilizzo dei due attaccanti più il trequartista. Toccherà a Toledo muoversi alle spalle di Piovaccari e Scappini, quest'ultimo in rete nell'ultima partita di campionato contro il Taranto. Il match risale, però, a quindici giorni fa, visto che la gara di Foggia è stata rinviata proprio per la morte di Filipi.

DIFESA IN PANNE. Il tecnico Esposito sta verificando le condizioni dei difensori Anzalone e Ciuffetelli che non sembrano essere al meglio della condizione e che potrebbero quindi saltare la sfida con i gialloblù. Decisiva sarà la seduta di rifinitura che i giallorossi sosteranno oggi. Di sicuro non ci sarà Ferrario, appiedato dal giudice sportivo. Il reparto più in difficoltà resta così quello difensivo. Esposito non potrà certo fare miracoli o inventarsi qualcosa. Ritrovare in extremis la disponibilità di Anzalone potrebbe aiutarlo non poco. Il Ravenna sembra poter essere considerato squadra di medio rango. Nessuno ha mai parlato di promozione. Fin qui, tuttavia, il campo ha regalato segnali davvero confortanti. Il «Benelli», poi, sta attendendo l'arrivo del popolo gialloblù, che in terra di Romagna dovrebbe presentarsi al gran completo per sostenere la truppa di Remondina. L'ultimo precedente in terra romagnola risale al 1 marzo della scorsa stagione. Il ricordo non è dei migliori visto che il Verona perse 2-0. Oggi forse è però tutta un'altra storia.S. A.

Stadio, Martinelli rilancia «Va rifatto per il 2016»
SPORT E POLITICA. La squadra gialloblù è stata ricevuta dai vertici della Provincia
Il presidente dell'Hellas: «Il Bentegodi va abbattuto» Miozzi: «Parola al Comune». Il sindaco: «Prudenza»
Verona. Doveva essere un incontro di cortesia. Da una parte la Provincia di Verona con il presidente Giovanni Miozzi e il suo vice Antonio Pastorello come cerimonieri ufficiali, dall'altra l'Hellas di Giovanni Martinelli, la squadra che dopo due amare stagioni in C1 cerca la risalita in B.
Ma il patron gialloblù ha colto al balzo l'occasione per lanciare un sasso nello stagno e non nascondere la mano. «In questi giorni - ha detto Giovanni Martinelli - la Federcalcio sta preparando il progetto per presentare la candidatura e chiedere all'Uefa di ospitare gli Europei del 2016. Se toccherà all'Italia organizzare la manifestazione continentale, Verona sarà una delle nove città che ospiteranno l'Europeo di calcio. Ma...»

Proprio qui arriva la sorpresa. «...ma serve uno stadio nuovo - butta lì secco Martinelli - oppure bisogna ristrutturare completamente il Bentegodi». E non è finita qui. «Tutti siamo affezionati al nostro stadio - continua il presidente dell'Hellas - è lo stadio dei veronesi, lo stadio dello scudetto, l'impianto che ha ospitato i mondiali. Tutti siamo affezionati al Bentegodi ma dobbiamo essere razionali per non perdere il treno che porta a Euro 2016 il Bentegodi va abbattuto».
Un colpo al cuore non solo per i tifosi di Verona e Chievo legati da mille ricordi allo stadio scaligero ma anche per quello degli amministratori che hanno investito quattro milioni di euro per i pannelli fotovoltaici al Bentegodi. «Faccio fatica anch'io a chiedere questo sacrificio - precisa Martinelli - ma per raggiungere l'obiettivo dobbiamo essere tutti uniti per questo ho approfittato di questo incontro in Provincia per lanciare un appello».

Pronta la replica di Giovanni Miozzi. «Negli ultimi tempi abbiamo dimostrato che le istituzioni veronesi viaggiano insieme su progetti comuni - ha replicato il presidente della Provincia - e il Sistema Verona ha portato frutti importanti nell'economia locale, nelle infrastrutture, nelle comunicazioni. Siamo pronti a collaborare su tutto ma sullo stadio la prima parola spetta al Comune, il proprietario dell'impianto».

In effetti l'amministrazione comunale scaligera, il Verona e il Chievo hanno già incontrato la Federcalcio per mettere a punto il progetto. Per Euro 2016, oltre all'Italia, sono state presentate altre tre candidature: l'accoppiata Svezia-Norvegia, la Francia e la Turchia ma la Figc vuole giocare tutte le proprie carte senza lasciare nulla al caso. Michele Uva, coordinatore della struttura che sta perfezionando il progetto sta incontrando i rappresentanti degli enti locali e dei club che hanno già dato un'adesione di massima. Ieri è stato a Napoli dove ha visto il presidente del club partenopeo, Aurelio De Laurentiis, l'assessore allo sport del Comune Alfredo Ponticelli e il capo di gabinetto Vincenzo Mossetti, lunedì ha un appuntamento con i rappresentati di Cagliari, martedì 29 è in programma un incontro con l'amministrazione comunale di Verona, con il Chievo e con l'Hellas. In quella sede saranno approfonditi i dettagli relativi agli stadi e agli altri aspetti legati al dossier in preparazione.

Proprio per questo gli uffici tecnici del Comune stanno studiando le oltre 150 pagine del disciplinare Uefa che contiene tutti i requisiti richiesti agli stadi per essere a norma. Il quadro, da quanto si apprende a Palazzo Barbieri, è sconfortante: o si ristruttura completamente il Bentegodi o si costruisce un impianto ex novo. Basti pensare che la Uefa richiede tre ettari di terreno libero davanti agli stadi per le manifestazioni: stadi come Marassi non potrebbero mai ospitare Euro 2016. Ma non solo: la Figc, dicono in Comune, vuole entro il 15 gennaio i progetti pronti. E risulta davvero difficile che entro tre mesi e mezzo, feste di Natale comprese, il Comune approvi le varianti urbanistiche, i progetti tecnici e gli impegni finanziari per un nuovo stadio.

Per questo il sindaco Flavio Tosi dice solo che «ci vuole prudenza, è presto per parlarne. Faremo l'incontro martedì per capire gli scenari, poi servirà un confronto in Giunta e valutare cosa fare: quanto costerebbe mettere a norma il Bentegodi, quanto costerebbe un impianto nuovo o anche non fare nulla. Per ora non abbiamo elementi, vedremo».
Luca Mantovani

Rafael e Farias, samba in gialloblù
CHE COPPIA . GRANDI PROTAGONISTI NELLA VITTORIA DELL'HELLAS CONTRO LA TERNANA CAPOLISTA I DUE BRASILIANI SONO AMICI ANCHE LONTANO DAL CAMPO
«Ho fatto un assist perfetto, mi deve pagare la cena...» «Il segreto del primo gol? Un paio di scarpe dorate»
Non soffrono la «saudade». A Verona si sentono a casa anche se non vedono l'ora di volare in Brasile per abbracciare la famiglia, per giocare a calcio con gli amici, per correre a piedi nudi sulla sabbia. Ma Rafael e Farias hanno ricreato il loro angolo paulista anche in riva all'Adige. Due chiacchiere in piazza Bra, una passeggiata in centro, un aperitivo in via Mazzini. Poi tutti a casa. Rafael fa la «chioccia», Farias lo segue come un pulcino. Con loro viaggia sempre anche Jorginho, il giovane brasiliano che gioca nella Berretti ma si allena con la prima squadra.
«Abito alla Bassona - racconta il portiere gialloblù - vengono spesso a casa mia. Ascoltiamo musica sudamericana, guardiamo in tv le partite del campionato brasiliano, giochiamo alla play station ma Farias e Jorginho sono più bravi, sono giovani e rapidi, una questione di riflessi...».

LUCIDA FOLLIA. Sorridono i due brasiliani. Hanno confezionato in coppia la rete che ha chiuso la partita con la Ternana, il video di quel gol è finito subito su youtube, si sono collegati già migliaia di tifosi - non solo gialloblù - per rivedere la lucida follia di Rafael e la precisione chirurgica di Farias. Uno fa l'assist, l'altro realizza, chi l'avrebbe mai detto. Un'azione che ha galvanizzato il Bentegodi. «Quando ho visto Rafael uscire dall'area palla al piede ho capito che non l'avrebbe fermato nessuno - racconta Farias - così ho cercato un po' di spazio e l'ho chiamato, volevo la palla per andare a segnare. Lui ha capito e mi ha fatto un passaggio perfetto. Quando ho visto la palla entrare sono corso sotto la Curva, non ho capito più nulla...».

CHI LAVA I PIATTI? «Ringraziare? Certo che mi deve ringraziare - replica Rafael - lui vuole pagarmi una pizza ma deve offrirmi una cena al ristorante brasiliano, è arrivato da pochi mesi e ha già fatto gol in maglia gialloblù. Una soddisfazione che altri giocatori hanno inseguito per anni».
Sorridono ancora, parlano sottovoce in portoghese, si prendono in giro. Un'amicizia nata sul campo di calcio che si è cementata lontano dallo spogliatoio. Vengono da San Paolo, tifano Santos, hanno tante cose in comune. «Stiamo spesso insieme, magari a casa. Io cucino, loro lavano i piatti... - spiega Rafael - oppure facciamo quello che fanno tutti i ragazzi della nostra età. Incontriamo amici, andiamo in giro, siamo spesso nei centri commerciali. Ci piacciono molto le scarpe, soprattutto quelle da ginnastica. Cerchiamo i modelli che non ci sono in Brasile, quando torniamo là siamo molto invidiati».
SCARPE D'ORO. A proposito di scarpe. Farias le ha cambiate prima dell'incontro con la Ternana. Prima usava un modello in pelle bianca, adesso calza Nike dorate. «Sono veramente brutte», scherza Rafael. «Intanto ho fatto gol - risponde Farias - e non penso le cambierò presto. Mi hanno portato fortuna con la Ternana, mai far torto alla scaramanzia».

PER LA STRADA. Gli occhi diventano lucidi quando pensano al Brasile, alla famiglia. «Quando ho fatto gol ho chiamato subito papà Elias e mamma Meli - confessa Farias - hanno visto il video su internet, sono felicissimi. Mi ha fatto i complimenti anche mio fratello Ciro, ha solo sei anni ma è un supertifoso». Farias è arrivato direttamente al Chievo dal Brasile, primo tesseramento da professionista. «Giocavo per la strada, nei cortili, nelle scuole calcio - racconta - già a tre anni dormivo abbracciato al pallone. In Brasile si gioca sempre, dappertutto. Con le scarpe, senza, con le ciabatte. Non sono mai stato tesserato in una squadra, quando è arrivata la proposta del Chievo ho detto subito sì, avevo sedici anni ma volevo fare il calciatore». Il tesserino di Farias è tutto del Chievo, è arrivato all'Hellas in prestito. «Quando mi hanno detto che sarei rimasto a Verona - spiega - sono stato contento. Sono ancora legato al Chievo ma ho trovato una grande piazza, un calore incredibile. Senza dimenticare che sono legatissimo a questa città».

FUTURO GIALLOBLÙ. Rafael non ha dubbi. Il suo futuro è con l'Hellas, sempre a Verona. «Sto bene qui - ammette il portiere - mi sono integrato perfettamente. La serie A? In questo momento non ci penso, ho 28 anni, probabilmente ho già perso qualche treno importante. Ma l'Hellas è la mia serie A, adesso voglio conquistare la B con questa maglia. Magari può essere solo il primo passo verso la A». L'espulsione con la Cavese è già dimenticata, il portiere gialloblù si è già riscattato. Non solo l'assist per Farias ma anche la grande parata su Piccioni che ha salvato il risultato alla fine del primo tempo. «Non penso mai alle mie parate - conclude - penso solo al bene della squadra. Mi sono arrabbiato tantissimo dopo il rosso con la Cavese, non vedevo l'ora di riscattarmi, mi sentivo in debito con i miei compagni, con il tecnico, con la gente. Con la Ternana sono sceso in campo concentratissimo, non volevo sbagliare nulla. Abbiamo vinto due a zero con la capolista, abbiamo dato un segnale a tutto il campionato».
Luca Mantovani

Ravenna in lacrime «In campo per Brian»
Testa bassa, lacrime sul viso. Ravenna piange Brian Filipi, l'attaccante albanese scomparso in questi giorni a causa di un maledetto incidente stradale. Domenica, molto probabilmente, l'arrivo del Verona di Remondina verrà accolto da un silenzio ovattato. Il calcio, a volte, aspetta fuori. E questo è uno di quei casi dove parlare della partita della domenica risulta difficile, quasi impossibile. Filipi non c'è più.

I romagnoli hanno ripreso ad allenarsi in questi giorni avvolti dalla tristezza. La squadra allenata da Vincenzo Esposito, però, adesso vorrà reagire cercando magari di regalare una grande prestazione ad un amico che non c'è più. I giallorossi, messo da parte quello che potrebbe essere l'aspetto psicologico della vicenda, sono squadra che fin qui ha onorato in maniera molto dignitosa il campionato. Il Ravenna insieme a Verona, Pescara e Foggia viaggia senza ko. E questo è un segnale che non può passare inosservato. Esposito ha proposto fin qui un modello di gioco che ha permesso al Ravenna di fare sei punti, frutto di una vittoria e tre pareggi.

Tre gli avversari spunta Paolo Sciaccaluga, ex gialloblù, incapace di lasciare il segno a Verona, ma protagonista oggi con la maglia giallorossa. Attenzione anche al reparto d'attacco: Piovaccari e Scappini sono giocatori da prendere con le molle. E poi c'è anche Gerbino Polo, uno che è riuscito a mandare in angustie il Verona in passato. Sciaccaluga, intanto, fa capire le intenzioni del Ravenna: «Giocheremo per Brian, daremo tutto per lui».

Mister Iorio convoca Fanna e Volpati 25/09/2009
CAMPIONI DI IERI. QUESTA SERA AD ARCO DI TRENTO UNA SFIDA TRA VECCHIE GLORIE CHE VEDE PROTAGONISTI ANCHE GRANDI PERSONAGGI DEL CALCIO GIALLOBLÙ
Con loro c'è anche Maniero, contro il Bayern di Brehme, Matthaeus e Breitner Il match inizia alle 20.30
ARCO DI TRENTO
Un tuffo al cuore perdendosi in un mare di ricordi nel quale è lieve specchiarsi e dolce ripensare a come erano e come eravamo. Una partita tra le star d'Italia e Germania sotto l'Arco trentino e sotto le stelle in una notte di tiepido autunno. Un'occasione da non perdere: Bayern Monaco-Italia. Un volo nel passato rivivendo con Lothar Matthaeus e Andi Brehme lo scudetto dell'Inter di Giovanni Trapattoni. Vent'anni fa, ma pare ieri ed è oggi. Uno scudetto vinto a mani basse, lo ricorderanno bene gli aficonados nerazzurri. Dando spettacolo e staccando alla fine il Napoli di Maradona e Ciro Ferrara (secondo) di ben undici lunghezze.
E il Milan di Gullit e Van Basten addirittura di dodici. Quando ancora il premio per la vittoria erano i due punti e la Champions si chiamava Coppa Campioni.
In quell'Inter trapattoniana, più teutonica che italiana, giocò anche Pierino Fanna. Questo magari in pochi lo rammentano. Forse perchè il ragazzo, che non è più un ragazzo, non era un monello e non è mai stato un divo, ma uno dei campioni più buoni, bravi ed educati di quegli anni ottanta. Un autentico signore, come Gaetano Scirea, tanto per capirci. E non crediamo serva aggiungere altro.

Lothar Matthaeus e Pierino Fanna per una notte amici contro. Come Bayern e Juventus di Champions tra pochi giorni, mercoledì prossimo allo stadio olimpico di Monaco di Baviera. Come è assai probabile nella prossima estate quando le squadre (oggi) di Van Gaal e Ferrara s'incontreranno in amichevole avendo entrambe scelto il Trentino quale fantastica sede del loro raduno precampionato di luglio. Magari affrontandosi proprio qui ad Arco.

Ma dicevamo di Fanna. Ebbene il meno discolo di tutti i Pierini d'Italia ha alle spalle una carriera ricca di scudetti tricolori conquistati con altre due squadre: addirittura tre con la Juventus - guarda caso - del Trap e uno storico con il Verona nella stagione 1984-85. Prima, nel 78, con la Juve di Zoff, Cuccureddu, Gentile, Furino, Morini, Scirea, Causio, Tardelli, Boninsegna, Benetti, Bettega. E poi, da protagonista, nei due anni che precedettero il trionfo azzurro ai Mondiali di Spagna '82.

Con Cabrini, Paolo Rossi, Brady, Prandelli e Galderisi. Gli amarcord che inseguono e s'intrecciano con altri mille dolci ricordi.
Come quello del magico Verona del buon Osvaldo Bagnoli nel quale giocava un altro galantuomo del nostro folber, quel Domenico Volpati che in difesa allora faceva coppia (di terzini) con Luciano Marangon, quando il terzino - per dirla alla Bagnoli - faceva il terzino e non si chiamava ancora esterno o laterale di spinta.
Fanna e Volpati, ma anche i nazionali Beppe Signori, Maurizio Iorio e Massimo Crippa saranno protagonisti di questa sfida d'Arco contro le All Star bavaresi che, conoscendole, non vorranno certo farsi mettere i piedi in testa da nessuno. In campo anche Filippo Maniero, un altro ex Hellas. Il mister? Niente paura, è Mau Iorio, che tra beach soccer e calcio amarcord, ha intrapreso un'altra fortunatissima carriera.

Saltando sull'altra sponda, quella del mitico Bayern, non solo capitan Lothar Matthaeus e Andy Brehme, ma pure Paul Breitner che vinse il titolo ai Mondiali di Monaco nel 1974. Cinque lustri fa. Ricordate quella Germania: Maier, Vogts, Breitner, Bonhof, Schwarzenbeck, Beckenbauer, Grabowski, Hoeness, Mueller, Overath, Hoelzenbein. Una Sturmtruppe, una formazione tutta da imparare a memoria. Come Zoff, Bergomi, Cabrini, Gentile, Collovati, Scirea... Insomma, un appuntamento da non perdere. Con tanti ex gialloblù e un bel po' di maledetta nostalgia...

FONTE: LArena.it


26/09/2009 - 21:08
Domenica un minuto di raccoglimento in ricordo di Filipi
Autorizzata la commemorazione al "Benelli" dell'attaccante albanese del Ravenna scomparso la scorsa settimana

26/09/2009 - 20:56
1.602 i tifosi scaligeri presenti al "Benelli"
Anche a Ravenna Garzon e compagni potranno contare sull’apporto di un consistente numero di sostenitori

26/09/2009 - 13:28
Cambia l'arbitro di Ravenna-Hellas Verona
Al posto di Stefanini di Livorno, inizialmente indicato, è stato designato per la sfida in programma al "Benelli" Bagalini di Fermo

26/09/2009 - 13:11
Ravenna-Hellas Verona: Remondina convoca 20 giocatori
Due portieri, sette difensori, cinque centrocampisti e sei attaccanti in vista della 6a gara di campionato

25/09/2009 - 15:01
Remondina: "Giusto lavoro durante la settimana"
"La condizione migliora da parte di tutti, aspetto strettamente legato al gioco ed agli allenamenti affrontati in modo continuativo"
VERONA - Nella mattinata di venerdì l'Hellas Verona è stato ricevuto dall'amministrazione comunale presso i Palazzi Scaligeri per il consueto saluto in vista del nuovo campionato. Nell'occasione il tecnico Gian Marco Remondina ha rilasciato alcune dichiarazioni in vista della sfida con il Ravenna, in programma domenica 27 settembre al "Benelli". Hellasverona.it vi offre le dichiarazioni del tecnico gialloblù:

Rantier e Pensalfini rappresentano gli unici due dubbi relativi alla formazione da schierare?
"Non esistono dubbi, bisogna solo valutare attentamente la condizione. Il centrocampista ha subìto una contusione, mentre l'attaccante sta lavorando per superare i problemi legati alla pubalgia. I giocatori si recuperano giocando."
Qualche addetto ai lavori ha parlato di una pressione da cui potete trarre giovamento.
"Preparare la partita con qualcuno che ti stuzzica, ovviamente entro un certo limite, fa sempre bene. Senza esagerare, sappiamo ciò che si aspetta la piazza. In questi giorni abbiamo lavorato nel modo giusto, cercando di recuperare le energie perse a seguito della gara di lunedì."
Che ambiente troverà il Verona in Romagna?
"In virtù della scomparsa di Brian Filipi il clima sarà diverso, la partita sarà diversa. I padroni di casa avranno ulteriori motivazioni."
Nel triangolare disputato a Peschiera si sono messi in grande evidenza gli attaccanti.
"La condizione migliora da parte di tutti, aspetto strettamente legato al gioco ed agli allenamenti affrontati in modo continuativo."
Garzon e compagni hanno dato vita ad una grande prestazione con la Ternana. Unico elemento da migliorare, il cinismo.
"Si tratta di un difetto visto e riconosciuto, quando crei quattro-cinque occasioni da gol devi metterne a segno almeno due. Se le opportunità sono carenti significa che qualcosa funziona poco."

25/09/2009 - 15:04
Rantier: "Ora è vietato mollare"
"Questo Verona sta crescendo bene, una volta acquisita la consapevolezza del nostro reale valore potremo far male a chiunque"
VERONA - Il ritorno in campo di Julien Rantier è sempre più vicino: dopo quattro mesi l'attaccante francese è ritornato ufficialmente a disposizione di Gian Marco Remondina, che lo ha convocato in occasione della 5a gara di campionato con la Ternana. L'ex Piacenza frena comunque gli entusiasmi, in virtù di una condizione che ha ancora ampi margini di miglioramento. Nessuna fretta dunque, ma piena disponibilità di dare una mano al resto dei compagni. Hellasverona.it vi offre le dichiarazioni dell'attaccante gialloblù:

Innanzitutto, come stai?
"Bene, in occasione del triangolare disputato a Peschiera sono sceso in campo per 45'. Ne avevo bisogno per ritrovare il ritmo partita. Ho lavorato individualmente per un lungo periodo, non vedo l'ora di debuttare."
Quanta voglia avevi di giocare lunedì contro la Ternana?
"Sicuramente tantissima, ritrovare il "Bentegodi" con una vittoria ed un pubblico così caldo è stato stupendo. L'importante alla fine erano i tre punti in palio. Abbiamo dimostrato di essere una grande squadra, ma adesso non bisogna mollare."
Domenica sarete di scena a Ravenna. Conti di partire dal primo minuto?
"Assolutamente no, sarebbe presuntuoso. Sono fuori da quattro mesi, non sarei in condizione. Se dovrò subentrare cercherò di farmi trovare pronto."
Quanto sta crescendo questo Verona e quanto ancora può crescere?
"Sta crescendo bene, una volta acquisita la consapevolezza del nostro reale valore potremo far male a chiunque. Con i dubbi nascono le difficoltà, sarà fondamentale andare sempre sul rettangolo di gioco con la mentalità giusta."

25/09/2009 - 17:36
Sandrà, venerdì lavoro tattico in vista del Ravenna
Penultima seduta in preparazione alla 6a gara di campionato: differenziato per Dario Campagna, col gruppo Gennaro Esposito

25/09/2009 - 17:20
Definiti gli accoppiamenti di Coppa Italia Lega Pro
Nel 1° turno, in programma mercoledì 7 ottobre, gli uomini di Remondina ospiteranno la Sambonifacese di Giovanni Orfei

25/09/2009 - 16:30
L'Hellas Verona ospite dell'amministrazione provinciale
Nella mattinata di venerdì squadra, staff tecnico e dirigenza sono stati ricevuti nei Palazzi Scaligeri

25/09/2009 - 15:12
Berretti, sabato esordio stagionale con la Sambonifacese
Oltre ai ragazzi di Zarattoni scenderanno in campo nel weekend altre quattro squadre del settore giovanile

FONTE: HellasVerona.it


Verona, Esposito recuperato, Rantier pronto. Seconda esclusione per Campisi
Al termine dell'allenamento di rifinitura di questa mattina a Castelnuovo del Garda il tecnico GianMarco Remondina ha convocato venti giocatori per la sfida di domani (ore 15) a Ravenna. C'è Esposito, recuperato dopo i problemi in settimana. Tra i convocati anche Campagna (sino a oggi in dubbio) e Rantier pronto al ritorno in campo. Seconda esclusione consecutiva per Luisito Campisi.

Remondina è convinto: "Il Verona sta sempre meglio"
Il tecnico gialloblù Remondina spiega il momento che sta vivendo la sua squadra. "Stiamo sempre meglio, la nostra condizione migliora di giorno in giorno, siamo pronti per domenica".

Martinelli: "Serve lo stadio nuovo per gli Europei"
Il presidente del Verona ha chiuso a sorpresa l'incontro in Provincia con il presidente Miozzi: "Se la competizione del 2016 venisse assegnata all'Italia" ha spiegato Martinelli "Verona sarà una delle nove città che ospiteranno la manifestazione. A quel punto si porrà il problema se ristruttare il Bentegodi o se costruire, come auspico, un nuovo impianto".

FONTE: TGGialloblu.it




[OFFTOPIC]
BASKET: La TEZENIS VERONA all'esordio contro la FORTITUDO BOLOGNA appena retrocessa in A dilettanti. Le 'cartoline' degli ex giganti gialloblù IUZZOLINO, WILLIAMS e BULLOCK. I 'CUGINETTI' VIOLA senza presidente, ha abbandonato DELLA VALLE ma la famiglia rimarrà comunque nel CdA toscano. L'UOMO CANNONE canna l'atterraggio (ma fortunatamente rimedia solo qualche frattura). CALCIO SPAGNOLO: Gran gol di Cristiano RONALDO al VILLAREAL ed il REAL vola insieme al BARCA con 4 vittorie in altrettante partite... PARTE IN ROMAGNA LA WEB-SQUADRA: Il SANTARCANGELO, prima squadra in Italia comprata e gestita via web da 2000 sottoscrittori, è ai blocchi di partenza del campionato! TESSERA DEL TIFOSO: MARONI assicura che si farà e si applicheranno sanzioni alle società calcistiche che creeranno problemi... MONDIALI CICLISMO: Nella gara a cronometro trionfa lo svizzero CANCELLARA, 'solo' 5° PINOTTI il primo degli italiani. Grande la GUDERZO oro fmminile terza è la CANTELE! FORMULA 1: Bernie ECCLESTONE sta con BRIATORE; intanto a Singapore la pole è di HAMILTON, VETTEL sorprende ed è secondo meentre le FERRARI deludono ancora... TRA FIORENTINA E LIVORNO PASSANDO PER... VERONA: I livornesi volevano il gemellaggio coi viola ma chiesero a questi ultimi, per ragioni squisitamente politiche, di rinunciare a quello storico con i gialloblù. Quelli della Fiesole, apolitici (beati loro), risposero picche e tutto finì lì... Io mi chiedo quando arriverà il giorno che si smetterà di far politica e proselitismo all'interno degli stadi! Sarà comunque sempre troppo tardi... CALCIO INGLESE: Primo passo falso del CHELSEA di ANCELOTTI ed il MANCHESTER UNITED aggancia i blues in vetta! VITA DA EX: PRISCIANTELLI torna con la sua ATALANTA al BENTEGODI, per lui quasi un... Derby! TIFOSO FAI VEDERE IL CULO? E io ti deferisco! Ah ah...
BASKET: La TEZENIS VERONA all'esordio contro la FORTITUDO BOLOGNA appena retrocessa in A dilettanti. Le 'cartoline' degli ex giganti gialloblù IUZZOLINO, WILLIAMS e BULLOCK. I 'CUGINETTI' VIOLA senza presidente, ha abbandonato DELLA VALLE ma la famiglia rimarrà comunque nel CdA toscano. L'UOMO CANNONE canna l'atterraggio (ma fortunatamente rimedia solo qualche frattura). CALCIO SPAGNOLO: Gran gol di Cristiano RONALDO al VILLAREAL ed il REAL vola insieme al BARCA con 4 vittorie in altrettante partite... PARTE IN ROMAGNA LA WEB-SQUADRA: Il SANTARCANGELO, prima squadra in Italia comprata e gestita via web da 2000 sottoscrittori, è ai blocchi di partenza del campionato! TESSERA DEL TIFOSO: MARONI assicura che si farà e si applicheranno sanzioni alle società calcistiche che creeranno problemi... MONDIALI CICLISMO: Nella gara a cronometro trionfa lo svizzero CANCELLARA, 'solo' 5° PINOTTI il primo degli italiani. Grande la GUDERZO oro fmminile terza è la CANTELE! FORMULA 1: Bernie ECCLESTONE sta con BRIATORE; intanto a Singapore la pole è di HAMILTON, VETTEL sorprende ed è secondo meentre le FERRARI deludono ancora... TRA FIORENTINA E LIVORNO PASSANDO PER... VERONA: I livornesi volevano il gemellaggio coi viola ma chiesero a questi ultimi, per ragioni squisitamente politiche, di rinunciare a quello storico con i gialloblù. Quelli della Fiesole, apolitici (beati loro), risposero picche e tutto finì lì... Io mi chiedo quando arriverà il giorno che si smetterà di far politica e proselitismo all'interno degli stadi! Sarà comunque sempre troppo tardi... CALCIO INGLESE: Primo passo falso del CHELSEA di ANCELOTTI ed il MANCHESTER UNITED aggancia i blues in vetta! VITA DA EX: PRISCIANTELLI torna con la sua ATALANTA al BENTEGODI, per lui quasi un... Derby! TIFOSO FAI VEDERE IL CULO? E io ti deferisco! Ah ah...

Poteva essere il gemellaggio più irriverente del calcio italiano. Poteva. Se non ci fosse in mezzo la politica. Estate del 2003, Fiorentina e Livorno tornano a giocare nello stesso cam­pionato dopo più di 54 anni, il mo­mento è buono per provarci e così i capi tifosi indicono nella città labro­nica una riunione per sancire ufficial­mente un’affinità che nei fatti c’è sempre stata. Dopo interminabili di­scussioni però salta tutto perché le Bal livornesi, che vanno in curva con le bandiere sovietiche e la giganto­grafia di Che Guevara, chiedono ai viola di rompere lo storico rapporto coi supporter del Verona, schierati a destra. La risposta è no, perché la Fiesole è sempre stata apolitica e tutto finisce lì. Oggi i rapporti sono da guerra fredda, con qualche pericolo­sa e assurda impennata di tensione.

FONTE: ViolaNews.com

A Dil A: Guarda Tezenis c’è posta in arrivo per te
Un esordio comporta sempre attesa, emozioni particolari, ricordi. La Tezenis si appresta ad affrontare una nuova categoria, conquistata sul campo, primo passo nella realizzazione del progetto di Giuseppe Vicenzi di riportare a Verona il grande basket, quello che il popolo di fede gialloblù merita. La A dilettanti è il primo vero campionato italiano, il primo nella scala dei valori a non contemplare giocatori stranieri. È una "vetrina" importante e tre grandi ex hanno colto il momento, spedendo tre "cartoline" che trasmettono quanto Verona, il suo pubblico, la sua società di basket, Vicenzi e Fadini, l’ambiente siano rimasti nel loro cuore...

FONTE: News.TuttoBasket.net

L'uomo cannone!REAL MADRID 2-0 VILLAREAL


FIORENTINA, DELLA VALLE VIA "PROGETTO NON CONDIVISO"
Il presidente Andrea Della Valle si è dimesso dalla carica di presidente dlla Fiorentina. La decisione è stata presa questa mattina al termine del cda strordinario convicato la scorsa settimana. I fratelli Della Valle hanno comunque confermato di voler mantenere la proprietà della società viola. Ancora da decidere chi sarà il nuovo presidente....

CIRCO, BRUTTO INCIDENTE PER L'UOMO CANNONE -VIDEO
Israel Gasca, uomo-cannone di uno dei più famosi circhi colombiani, è famoso in tutto il mondo per i suoi voli spettacolari. Attrazione numero uno del circo a Calì, ha avuto però un incidente, qualche giorno fa: Israel si è schiantato al suolo rimediando qualche frattura. Nel video, la clamorosa caduta.

CRISTIANO RONALDO E KAKÀ IL REAL AGGUANTA IL BARCA -VIDEO
Grazie a una prodezza di Cristiano Ronaldo e ad un rigore di Kakà, il Real Madrid ha ottenuto la quarta vittoria in quattro partite di Liga imponendosi sul terreno del Villarreal e resta in testa alla classifica, a punteggio pieno, assieme al Barcellona.

FONTE: Leggo.it

IL CASO
IL SANTARCANGELO CALCIO È IL PRIMO CLUB GESTITO DAI SOTTOSCRITTORI ON LINE
La squadra acquistata dal popolo di Internet Parte dalla Romagna la sfida della rete al mondo del pallone: una società sportiva rilevata e portata avanti da oltre 2mila sottoscrittori. E l’allenatore ascolta tutti. Presidente onorario Alberto Zaccheroni, già tecnico di Milan, Inter e Lazio nel ruolo di testimonial.

Il confronto
Non c’è Fantacalcio o fiction che tenga qui in ballo ci sono giocatori, e soldi, veri
I precedenti in Tv hanno fatto flop, ma era un’altra storia

Tessera del tifoso
MARONI: «MISURE CONTRO LE SOCIETÀ CHE NON LA USANO»
Il ministro dell’Interno Roberto Maroni, avverte le società calcistiche sull’adozione della controversa “tessera del tifoso”: «Se troveremo da parte loro un muro, faremo ricorso a strumenti e a misure restrittive».

CICLISMO
CRONO MONDIALE A MENDRISIO
Cancellara trionfa in casa l’azzurro Pinotti chiude 5°

FORMULA UNO
TIENE ANCORA BANCO IL CASO RENAULT
Ecclestone prova a difendere Briatore «Contro di lui decisione troppo dura»

FONTE: DNews.eu

Singapore, pole di Hamilton Vettel 2°, le Ferrari indietro
Nelle qualifiche decisive l'inglese della McLaren precede il tedesco della Red Bull, poi Rosberg e Webber. Male le BrawnGP: Barrichello 5° sostituisce il cambio e domani parte 10°, Button 12° eliminato in Q2. I due del Cavallino: Raikkonen 13°, Fisichella 18°

Chelsea, primo passo falso E il Man Utd lo aggancia
Nella 7ª giornata di Premier League, i Blues perdono 3-1 a Wigan (espulso Cech in occasione del rigore decisivo) e vengono raggiunti in testa dai Red Devils, che passano 2-0 a Stoke-on-Trent. Goleade di Liverpool (tripletta di Torres) e Tottenham (poker di Keane), ora c'è il derby Fulham-Arsenal

Mondiale trionfo azzurro. Oro Guderzo, Cantele terza
Tatiana conquista il Mondiale con uno scatto vincente sulla penultima salita, bravissima Noemi a proteggere la fuga. "Ho coronato un sogno grazie alla squadra che mi ha aiutato tantissimo. Abbiamo dimostrato di essere unite e il gruppo paga". Tra gli Under 23, oro al francese Sicard davanti al colombiano Batancur e al russo Silin

FONTE: Gazzetta.it

Prisciantelli torna al Bentegodi da nemico «Sarà un'emozione»
FONTE: LArena.it

Basket: Fortitudo, tifosi deferiti per atti osceni
VERBANIA - Alcuni tifosi della Fortitudo Bologna sono stati deferiti all'autorita' giudiziaria per atti osceni in luogo pubblico. Sono stati segnalati per il provvedimento di divieto di accesso a strutture in cui si svolgono manifestazioni sportive. Durante la finale di Coppa Italia dilettanti, al Palazzetto dello Sport di Verbania, tra il Tezenis Verona e la Fortitudo Bologna, i tifosi deferiti si erano calati i pantaloni, mostrando il fondoschiena.

FONTE: NapoliMagazine.com
Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#MilanVerona Pecchia

#Setti alla cena di Natale gialloblù


Wallpapers gallery