LEGNANO 0-5 HELLAS VERONA: Punteggio roboante in trasferta ma i playoff rimangono ancora +5 e mancano solo 3 gare alla fine!


REMONDINA sullo schiacciante 5 a 0 di LEGNANO "Non c'è nessuna ombra di dubbio sulla vittoria, anche prima di andare in vantaggio i ragazzi avuto due-tre occasioni da concretizzare. Si è visto subito che dovevamo centrare il successo, l'abbiamo fatto." e sul prossimo derby casalingo col VENEZIA "Prepariamoci ad una battaglia, mi auguro di vedere la stessa attenzione e la stessa intensità viste oggi. Avere una riconferma di questa prestazione sarebbe molto importante, senza dimenticare che vincere è prioritario." GIRARDI "Siamo venuti in Lombardia decisi, concentrati e determinati per fare la partita perfetta. Sul 3-0 i lilla hanno un pò lasciato andare il corso del match, l'importante per noi era solo vincere."... Peccato che anche la SPAL abbia vinto "Ho sempre detto che la priorità andava al nostro successo, in pratica dobbiamo fare la corsa su noi stessi: solo in questo modo è possibile approfittare dei passi falsi altrui. Mancano tre gare alla fine, ci sono nove punti in palio. Ci crediamo fino all'ultimo." (HellasVerona.it) RESTA (Presidente dei Lilla) "Il Verona oggi ha vinto con merito. Dopo il loro secondo gol abbiamo riposto le armi. Siamo in un momento veramente difficile. Oggi della squadra non parlerà nessuno perché bisogna riflettere su questa prestazione. La situazione della società è nota a tutti: sono rimasto quasi da solo, ma non per questo voglio che la squadra smetta di lottare. La salvezza è ancora possibile". ZOCCHI (diesse del LEGNANO) "Questo gruppo sta lottando da quasi due anni in condizioni molto precarie. A gennaio è stata la società è stata costretta a fare delle scelte coraggiose: ben 7 giocatori della squadra titolare sono stati ceduti. Per questo mi sento di dire che tra il Verona, che è davvero un'ottima squadra, ed il Legnano non ci sono 5 reti di differenza." (TuttoMercatoWeb.com) [COMMENTA]

Legnano 0-5 Hellas Verona (in aggiornamento)


I video del TGGialloblù:
- REMONDINA: NOI NON MOLLIAMO
- CORRENT: NEL GOL TANTA RABBIA
- SCAPINI: VOLEVO IL GOL
- CAMPAGNA: 5 GOL MA ANCORA -5
- GIRARDI: SPERIAMO FINO ALL'ULTIMO
- FLASH SCAPINI: 5-0
- FLASH GOMEZ: 4-0
- FLASH CORRENT: 3-0
- FLASH GIRARDI: 2-0
- FLASH: 1-0 GOL GIRARDI
- LEGNANO-VERONA: SERVIZIO VIGHINI



[LE ALTRE PARTITE]

In vetta al girone A della prima divisione fa scalpore la sconfitta della capolista Pro Patria, che cedendo in casa al Ravenna si è fatta raggiungere a quota 53 sia dal Cesena (fermato sul pareggio dal Lumezzane) che dalla Reggiana (vittoriosa al “Giglio” sul Portogruaro) - DNews.eu [COMMENTA]



[IN BREVE]
SUPERBIKE: SPIES e HAGA fenomeni in Olanda.
NUOTO: La Romena POTEC prende alla FILIPPI il record mondiale dei 1500 stile.
RALLY: LOEB vince anche in Argentina.
FORMULA 1: Anche in Bahrain 'Paracarro' BUTTON termina al primo posto, secondo VETTEL, terzo TRULLI.
MOTOMONDIALE: A Motegi è sfida interna fra YAMAHA e LORENZO precede ROSSI; STONER 'solo' quarto.
TENNIS FED CUP: Le azzurre scatenate si sbarazzano della RUSSIA e vanno in finale contro gli States.
CICLISMO LIEGI-BASTOGNE-LIEGI: Vince SCHLECK, terzo REBELLIN.
SECONDA DIVISIONE: La SAMBO vince e si riavvicina ai playoff.
ADRIANO&LE NOTTI DI RIO: Sembra darsi alla vita mondana il centravanti dell'INTER.
CLAUSURA ARGENTINA: Domina il VELEZ mentre il portiere del GIMNASIA se la prende con i raccattapalle...
BASKET SEMIFINALI SCUDETTO: MACERATA si riprende il pareggio a PIACENZA; si va alla quinta gara.
PREMIER LEAGUE: Il migliore dell'anno è GIGGS!
BASKET NBA: Lebron JAMES stellare e i CAVS proseguono.
CICLISMO GIRO D'ITALIA: CUNEGO inquadra il podio.
TENNIS INTERNAZIONALI D'ITALIA: Subito fuori CIPOLLA e STARACE. [COMMENTA]

Commenta il post:oppure




- Lega Pro, Prima Divisione A Risultati e marcatori 31.a
Cesena-Lumezzane 1-1
Marcatori: 16´ rig. Pintori (Lum); 76´ Motta (Ces)

Lecco-Pro Sesto 3-1
Marcatori: 15´ Montalto (Lec); 44´ Carlini (Lec); 77´ Beretta (Pro); 78´ Mateo (Lec)

Legnano-Verona 0-5
Marcatori: 24´ Girardi (Ver); 61´ Girardi (Ver); 81´ Corrent (Ver); 90´ rig. Gomez (Ver); 91´ Scapini (Ver)

Monza-Cremonese 1-2
Marcatori: 21´ Saverino (Cre); 62´ aut. Apuzzo (Mon); 63´ Bacis (Mon)

Novara-Spal 0-1
Marcatori: 87´ Arma (Spa)

Pergocrema-Padova 0-1
Marcatori: 66´ Varricchio (Pad)

Pro Patria-Ravenna 1-2
Marcatori: 9´ Correa (Pro); 24´ Zizzari (Rav); 65´ Ferrario (Rav)

Reggiana-Portogruaro 1-0
Marcatori: 8´ Stefani (Reg)

Venezia-Sambenedettese 0-0

Classifica
Pro Patria 53; Cesena 53; Reggiana 53; Ravenna 52; Spal 50; Padova 47; Verona 45; Lumezzane 44; Novara 43; Cremonese 39; Pergocrema 38; Portogruaro 37; Monza 35; Lecco 32; Pro Sesto 31; Legnano 30; Venezia 27; Sambenedettese 27

Prossimo turno 03/05/2009
Cremonese-Reggiana; Lumezzane-Pergocrema; Padova-Lecco; Portogruaro-Pro Patria; Pro Sesto-Novara; Ravenna-Monza; Sambenedettese-Legnano; Spal-Cesena; Verona-Venezia

FONTE: CalcioMercato.com


- Hellas, trionfo amaro: play off sempre a 5 punti
Il Verona fa cinque gol a Legnano: doppietta di Girardi, Corrent, Gomez su rigore e Scapini, ma la Spal sbanca Novara
di Mario Padovani
LEGNANO - Missione compiuta, ma il trionfo è amaro per l’Hellas, visto che la Spal sbanca in extremis Novara e sale a quota 50. Il che, tradotto in numeri, significa che i gialloblù restano a cinque lunghezze dai play off a 270’ dal termine della stagione regolare. Il Verona è cinico, spietato ed efficace, liquida il Legnano con un diluvio di cinque gol.

E’ una prestazione di carattere e qualità, quella dell’Hellas, al vecchio “Mari”. Non è mai in dubbio, il successo gialloblù, sul campo c’è un Verona che spinge subito. L’occasione giusta ce l’avrebbe, così, Girardi, al 16’, ma il suo tocco sottomisura è mal calcolato, lo spreco evidente. Ma il perdono, per la torre gialloblù, è questione di minuti: al 23’ è pronta e precisa la sua deviazione dalla corta distanza, dopo un pigia-pigia in area, rete e Verona che vola. Non che l’Hellas possa permettersi di addormentare la partita, perché il Legnano, a caccia di punti per sopravvivere, non cede, e il pari lo sfiora al 33’, con Nizzetto: calcio di punizione calibrato, provvidenziale Rafael. Ecco, allora, un Verona che insiste: non basta per trovare il gol che potrebbe archiviare la pratica, ma all’intervallo, l’Hellas, ci va con buoni auspici.

Eppure lo stillicidio di opportunità mancate prosegue, nel secondo tempo, fin dal 9’ (Rantier scaraventa sul fondo da favorevole posizione). Ma l’esorcismo riesce a Girardi, spettacolare nella giocata aerea, sull’assist di Rantier, che si traduce, al 61’, nel 2-0. Quel che resta è un assolo facile facile, il Legnano finisce in dieci (si fa male Comi e Attilio Lombardo non ha più cambi), l’Hellas che dilaga. Il tris è di Corrent, all’80’. Allo scadere, poi, c’è una traversa centrata da Scapini, Gomez cala il poker su rigore (fallo di Cilona sullo stesso argentino), e subito dopo Scapini chiude il conto. Basterà? (ass)

- Remondina: «Finché la matematica non ci esclude, noi non molleremo»
LEGNANO - Preferisce guardare già al derby di domenica prossima al Bentegodi col Venezia. Gian Marco Remondina non riesce a gustarsi il 5-0 rifilato a domicilio al Legnano. «I risultati altrui (Padova, ma soprattutto il blitz della Spal a Novara, ndr) ci danno torto, ma noi abbiamo il dovere di continuare la nostra corsa ai play off. Finché la matematica non ci taglia fuori, noi lotteremo per centrare questo traguardo». E sulla partita, questo il Remondina-pensiero. «Giocata col piglio giusto. Gli ultimi tre gol arrivati da giocatori appena entrati? E’ il segnale che la mentalità di questo gruppo è davvero ottimale». Ecco Domenico Girardi: la sua doppietta ha spianato il successo dell’Hellas qui a Legnano. «Abbiamo interpretato la gara bene fin dall’inizio. I risultati delle altre concorrenti ci sono sfavorevoli? Noi non molleremo: ce la giocheremo sino alla fine». (M.Pad./ass)

- Ceccarelli granitico, Bergamelli super
RAFAEL 6
Ordinaria amministrazione.
CAMPAGNA 6,5
E’ un pendolino che non si ferma mai.
CECCARELLI 7
Una roccia che non si spezza.
BERGAMELLI 7
Ineccepibile su ogni pallone.
PUGLIESE 6,5
Apporto di valore.
GARZON 6,5
Stantuffo inesauribile.
BELLAVISTA 6,5
Detta i tempi di gioco con determinazione.
CAMPISI 6
Guadagna palloni, anche se è un po’ lezioso (dal 73’ CORRENT nella foto 6,5: onore al merito per il gol e per la dedizione alla causa dell’Hellas).
PAROLO 6,5
Attenta prova dietro le punte.
RANTIER 6,5
Gli manca solo il gol, ma il francese c’è sempre (dall’ 82’ GOMEZ 6,5: si conquista e realizza il rigore del 4-0).
GIRARDI 7
Con la sua doppietta apre la via al trionfo gialloblù (dall’84’ SCAPINI 6,5: una traversa e una rete in 10’). (M.Pad./ass)

FONTE: Leggo.it


- Hellas a valanga, ma non basta
IL POKERISSIMO GIALLOBLÙ A LEGNANO È VANIFICATO DALLA SPAL, CHE RIESCE A VINCERE IN EXTREMIS
Andrea Spiazzi Verona
Un Hellas straripante rifila cinque reti al Legnano e resta in corsa per i playoff che, con le vittorie di Spal e Padova e sole tre gare da giocare, in verità restano un obbiettivo sempre più difficile da cogliere. Contro una formazione in crisi di risultati e di gioco il Verona è spietato non concedendo un millimetro di campo ai lilla per tutti i novanta minuti.

Partono forte i gialloblù sotto l’acqua di Legnano che impietosa flagella il terreno di gioco senza tregua. Si capisce che Girardi è in forma andando vicino alla rete in due occasioni. Rantier parte pimpante per poi rallentare nel corso della gara. Al 23’ il francese si fa rimpallare davanti alla porta una conclusione e l’attaccante campano insacca da pochi passi. Remondina tiene i suoi sulla corda volendo chiudere la gara che tuttavia si ferma sull’1-0 dopo i primi 45 minuti e dopo altre occasioni avute da Rantier e Girardi.

I gialloblù nella ripresa si scatenano a fronte di un avversario che non trova mai il bandolo della matassa affidandosi unicamente all’estro di Nizzetto e alla caparbietà di Chiazzolino a centrocampo. Per il resto tanta generosità per i lombardi non adeguatamente supportata dal tasso tecnico dei singoli. Al 15’ della ripresa Rantier dal fondo pennellai mezzodoveirrompe Girardi insaccando prepotentemente di testa: è per lui la terza doppietta in campionato. Il Legnano prova a non arrendersi ma non riesce ad incidere, l’Hellas prosegue la sua marcia trionfale con un secco tiro di Corrent (entrato al posto di Campisi) imbeccato in area da Parolo al 37’, con un rigore conquistatosi da Gomez da lui stesso realizzato e con Scapini (subentrato a Girardi) che al 45’ approfitta della resa tattica del Legnano per involarsi sulla sinistra e trafiggere Ioime pochi istanti dopo aver centrato un clamoroso incrocio dei pali. Alla fine dei fuochi artificiali gialloblù i 700 tifosi tornano a casa bagnati ma festanti, con una speranza di playoff meno viva ma non ancora perduta.

- Corrent vuole avere più spazio «Ho aspettato con pazienza»
Nicola Corrent entra e lascia il segno, ma la stoccata finale la riserva a mister Remondina. Il centrocampista veronese ha messo il suo sigillo sul quinto centro dei gialloblù, ed in questo finale di campionato invoca più spazio: «Io mi ritengo un buon professionista, ho sempre lavorato seriamente per guadagnarmi una maglia da titolare e aspettato il mio turno con pazienza, accettando anche la panchina. Finora ho dimostrato di sapermi mettere al servizio della squadra e poter dare il mio contributo quando il mister mi chiama in causa, ma chiunque vorrebbe sempre giocare dall'inizio».

- Le pagelle
7,5_ Domenico Girardi Segna due gol, corre, e prende tante botte: è indiscutibilmente il migliore in campo.
6,5_Rafael Non effettua parate miracolose ma è pronto su un paio di conclusioni insidiose.
6,5_Campagna Si conferma un ottimo terzino abbinando decisione negli interventi difensivi col coraggio nelle discese in avanti.
6,5_Ceccarelli Un paio di sbavature non compromettono una gara nel segno della concentrazione e del tempismo.
7_Bergamelli I tifosi si gustano la sua eleganza. Nel giorno del suo compleanno i compagni vogliono fargli tirare il rigore, lui generosamente declina. 6,5_Pugliese Può rifiatare in fase offensiva perché ci pensano gli altri a creare occasioni.
6,5_Garzon Fisicamente più in condizione rispetto alle precedenti gare, ottimo nello sbrogliare la manovra.
6,5_Bellavista La solita grinta, il solito punto di riferimento in mezzo al campo.
6_Campisi Senza infamia e senza lode, meno brillante del solito.
6_Parolo A tratti fa ottime giocate, in altri momenti si limita a controllare.
6_Rantier Mette lo zampino in un paio di reti, ma sbaglia un gol facile e protesta, inspiegabilmente, per il cambio a 7’ dalla fine sul 3-0.
_A.S.

- SPOGLIATOI
L’ALLENATORE GIALLOBLÙ INVITA I SUOI A NON MOLLARE
Remondina non si rassegna «Speriamo negli errori altrui». Girardi è felice per la sua prestazione: «Abbiamo giocato una gara perfetta, proprio come l’avevamo preparata. Peccato non aver recuperato punti». Le scelte del mister «All’inizio ho preferito Campisi a Corrent perché mi serviva più corsa e copertura»
Adriano Ancona Verona
Sulla ruota di Legnano esce il pokerissimo gialloblù, ma purtroppo la beffa finale è però dietro l'angolo: il successo ottenuto in extremis dalla Spal ha guastato la grande giornata di questo Hellas, che rimane a cinque punti dal treno playoff. «Ma noi continueremo a crederci finché la matematica non ci condanna - assicura Scapini - abbiamo dimostrato la forza di questa squadra, senza fermarci neanche a risultato acquisito contro una squadra che ha cercato di restare in partita il più possibile». Domenico Girardi usa toni trionfalistici. Con i suoi due gol è stato il vero match-winner e sprizza gioia da tutti i pori: «Siamo riusciti ad impostare una gara perfetta, come l'avevamo preparata. Rimane il rammarico per quanto successo sugli altri campi, perché c'era la possibilità di accorciare la classifica, ma restiamo convinti del nostro potenziale e daremo tutto fino all'ultima giornata».

Anche il tecnico Gianmarco Remondina esprime fiducia, è consapevole che agguantare i playoff sarà difficile ma vuole provarci fino all’ultimo: «Abbiamo fatto il massimo per vincere, e i ragazzi sono scesi in campo con un atteggiamento battagliero per conquistare i tre punti fin da subito. A questo punto non dipende più soltanto da noi, speriamo che davanti qualcuno perda terreno in questo finale». La gara di ieri ha riproposto l'alternanza tra Corrent e Campisi: «Io scelgo sempre per il bene della squadra - spiega il mister - e quindi ho preferito schierare un giocatore che garantisse maggior corsa ed una fase di copertura adeguata. Ma devo riconoscere che nell’accettare le mie decisioni c'è sempre una grande professionalità da parte di tutti».

- LE ALTRE PARTITE
COLPO DEL RAVENNA
Pro Patria sconfitta e raggiunta in vetta da Reggiana e Cesena
In vetta al girone A della prima divisione fa scalpore la sconfitta della capolista Pro Patria, che cedendo in casa al Ravenna si è fatta raggiungere a quota 53 sia dal Cesena (fermato sul pareggio dal Lumezzane) che dalla Reggiana (vittoriosa al “Giglio” sul Portogruaro).

FONTE: DNews.eu


- Disfatta Legnano, il Verona fa cinquina
Legnano Gli scaligeri, giunti al Mari con un seguito di oltre settecento tifosi, assaltano letteralmente ciò che rimane della compagine lilla, mai sommessa come in questa domenica. Fin dai primi minuti i gialloblu spaventano la retroguardia locale. Per il ritorno in porta di Iome non ci poteva esser partita più complicata. Dopo alcuni salvataggi dell’estremo difensore legnanese il Verona riesce a passare in vantaggio grazie a Girardi pronto ad insaccare su un perfetto assist di Garzon. La reazione dei padroni di casa è assai sterile e nel secondo tempo giunge la resa incondizionata. Al 60’ Girardi sigla la sua doppietta personale con un bel colpo di testa su azione nata da calcio d’angolo.
Negli ultimi dieci minuti i gialloblu infilano l’incolpevole Ioime per altre tre volte: prima Corrente, poi Gomez (90’) su calcio di rigore ed infine Scapini (92’) in contropiede fissando sullo 0 a 5 il risultato finale.

LEGNANO (4-4-2): Ioime; Simone, Vignati, Marietti, Cilona; Nizzetto, Chiazzolino (34’st Zaninetti), Morandi, Bosio (22’st M. Lombardo); Virdis (32’st Comi), Albanese. A disp. Mandelli, Vanzati, Maglio, Dell’Acqua. All. A. Lombardo
VERONA (4-3-1-2): Rafael; Campagna, Ceccarelli, Bergamelli, Pugliese; Garzon, Bellavista, Campisi (29’st Corrent); Parolo; Rantier (38’st Gomez), Girardi (40’st Scapini). A disp. Franzese, Sibilano, Politti, Vanderhoeght. All. Remondina

FONTE: CittaOggiWeb.it


- TMW A CALDO - Legnano-Verona, la voce dei protagonisti
Un Verona in grande spolvero supera per 5 a 0 un arrendevole Legnano. I gialloblu prendono in mano le redini dell'incontro fin da subito, trovando il meritato vantaggio al 24' del primo tempo, quando una serie di rimpalli favoriscono il liberissimo Girardi per la rete dell' 1-0, parziale con cui le squadre vanno al riposo. Nella ripresa ancora Girardi, sugli sviluppi di un corner, segna di testa la doppietta personale al 61'. Il Legnano assiste impotente allo show degli scaligeri nei minuti finali. All' 81' un diagonale di Corrent regala ai gialloblu la rete del 3-0. Quindi un rigore di Gomez al 90' e, un minuto più tardi, una rete in contropiede di Scapini, mettono in cassaforte tre punti mai in discussione. Il Verona trova così un successo che lascia ancora flebili speranze in chiave play off. Il Legnano, invece, si guarda alle spalle e scopre che lo spauracchio della retrocessione diretta è distante appena tre lunghezze.

LEGNANO
Il presidente del Legnano, Giuseppe Resta: "Il Verona oggi ha vinto con merito. Dopo il loro secondo gol abbiamo riposto le armi. Siamo in un momento veramente difficile. Oggi della squadra non parlerà nessuno perché bisogna riflettere su questa prestazione. La situazione della società è nota a tutti: sono rimasto quasi da solo, ma non per questo voglio che la squadra smetta di lottare. La salvezza è ancora possibile".

Il direttore sportivo del Legnano, Moreno Zocchi: "Questo gruppo sta lottando da quasi due anni in condizioni molto precarie. A gennaio è stata la società è stata costretta a fare delle scelte coraggiose: ben 7 giocatori della squadra titolare sono stati ceduti. Per questo mi sento di dire che tra il Verona, che è davvero un'ottima squadra, ed il Legnano non ci sono 5 reti di differenza. Vedo i ragazzi allenarsi tutti i giorni e resto convinto che la salvezza sia alla portata di questo gruppo. Quello di oggi prò non è certamente l'atteggiamento giusto per farlo. Dobbiamo lasciarci immediatamente alle spalle questo momento difficile. Domenica ci attende un primo spareggio a S.Benedetto. Sarà fondamentale non perdere questa partita, per la quale tenteremo di recuperare qualche titolare".

VERONA
Il mister del Verona, Gianmarco Remondina: "Abbiamo ancora qualche speranza di centrare i play off e l'unica strada percorribile è quella di provare a vincerle tutte. Il successo di oggi è molto importante. Il Legnano forse ha pagato i troppi impegni ravvicinati dell'ultimo periodo. I lilla sono una buona squadra, con dei giovani molto motivati. Lombardo sta facendo un ottimo lavoro".

Il centrocampista del Verona, Nicola Corrent: "Un successo pesante che putroppo mantiene immutati i punti di distacco dal quinto posto, con una partita in meno da giocare. Per non avere rimpianti dobbiamo provare a vincere sempre, a partire dal prossimo impegno cotro il Venezia. Sono molto contento per il gol di oggi: spero di farne altri, magari più importanti, nelle prossime partite".



- Pro 1/A: tre squadre al comando
Pro Patria perde in casa e viene raggiunta da Reggiana e Cesena

FONTE: CorriereDelloSport.it


- Remondina: "Ed ora riconfermiamoci"
"Non c'è nessuna ombra di dubbio sulla vittoria, le nostre intenzioni si sono viste sin dall'inizio"
LEGNANO - Fino all'87' la 31a giornata di campionato vedeva i gialloblù a due punti dai play-off. Poi un gol di Arma ha regalato alla Spal tre punti d'oro, che permettono alla formazione di Dolcetti di mantenere invariata la distanza nei confronti dell'Hellas. A tre giornate dal termine la squadra scaligera ha il dovere di continuare a lottare, in considerazione della prestazione messa in mostra allo stadio "Mari". Dopo il fischio finale della sfida col Legnano, conclusasi col punteggio di 5-0, il tecnico Gian Marco Remondina ha analizzato la prestazione dei suoi. Hellasverona.it vi propone le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù.

Bellavista e compagni hanno dimostrato di volere la vittoria dal primo all'ultimo istante, evidenziando buone trame di gioco.
"Non c'è nessuna ombra di dubbio sulla vittoria, anche prima di andare in vantaggio i ragazzi avuto due-tre occasioni da concretizzare. Si è visto subito che dovevamo centrare il successo, l'abbiamo fatto."
L'intesa tra Rantier e Girardi si perfeziona sempre di più.
"Ritengo sia normale, entrambi hanno potuto allenarsi per recuperare la forma migliore. Ho sostituito il francese sul 3-0 perchè ho cominciato a pensare alla gara col Venezia, so che lui voleva far gol a tutti i costi, ma ho preferito guardare avanti."
Anche la difesa ha retto bene, mostrando grande compattezza di fronte ad un avversario veloce e dinamico.
"Ceccarelli e Bergamelli giocano insieme da un pò di tempo, si intendono nel modo giusto, credo che tutti i giocatori scesi in campo abbiamo dato vita ad una bella partita."
Domenica riceverete la visita del Venezia, si prevede un derby infuocato: voi combattete per i play-off, i lagunari per evitare la retrocessione diretta.
"Prepariamoci ad una battaglia, mi auguro di vedere la stessa attenzione e la stessa intensità viste oggi. Avere una riconferma di questa prestazione sarebbe molto importante, senza dimenticare che vincere è prioritario."
Gli ultimi tre gol segnati al Legnano portano la firma di giocatori subentrati a partita in corso: indice di grande compattezza.
"Ovviamente chi parte dalla panchina è sempre scontento, ma lo ripeto e lo ripeterò sempre: chi entra, spesso è determinante per il risultato. Tutto ciò a testimonianza della considerazione che ho dei ragazzi."

- Girardi: "Ci crediamo fino all'ultimo"
"La priorità andava al nostro successo, in pratica dobbiamo fare la corsa su noi stessi. Solo in questo modo è possibile approfittare dei passi falsi altrui"
LEGNANO - Al termine della sfida disputata allo stadio "Mari", l'attaccante gialloblù Domenico Girardi, autore di una doppietta, ha rilasciato alcune dichiarazioni agli organi d'informazione. Col successo centrato alle spese del Legnano sono sette i risultati utili consecutivi centrati dalla formazione di Remondina, che prosegue nella rincorsa ai play-off. Una prestazione di carattere e determinazione, a testimonianza della forza di volontà del gruppo scaligero. Hellasverona.it vi propone le dichiarazioni dell'attaccante gialloblù.

Contro gli uomini di Lombardo avete dato vita ad una prestazione praticamente perfetta.
"Abbiamo giocato una gara importante, siamo riusciti a portare i tre punti a casa, anche se speravamo di guadagnare terreno in virtù degli scontri diretti odierni."
Giunti a tre giornate dalla fine del campionato non vorrete di certo mollare la presa.
"Siamo venuti in Lombardia decisi, concentrati e determinati per fare la partita perfetta. Sul 3-0 i lilla hanno un pò lasciato andare il corso del match, l'importante per noi era solo vincere."
Nella sfida coi lombardi hai lottato dal primo all'ultimo su tutti i palloni, a testimonianza di un stato di forma sempre migliore.
"L'intesa con Rantier cresce di volta in volta, abbiamo espresso un buon gioco sia in fase offensiva che difensiva. Ho sempre creduto nelle mie qualità, nel contempo cercavo la continuità arrivata ultimamente."
L'1-0 della Spal in casa del Novara ridimensiona le vostre ambizioni?
"Ho sempre detto che la priorità andava al nostro successo, in pratica dobbiamo fare la corsa su noi stessi: solo in questo modo è possibile approfittare dei passi falsi altrui. Mancano tre gare alla fine, ci sono nove punti in palio. Ci crediamo fino all'ultimo."

- Hellas Verona-Venezia, le prescrizioni del Prefetto
Eliminazione del settore ospiti e biglietti disponibili ai soli residenti in provincia di Verona in occasione della prossima gara di campionato

- Hellas Verona-Venezia, info per la stampa
Le richieste per la prossima gara di campionato dovranno pervenire via fax o mail entro le ore 19:00 di giovedì 30/04/2009

- Martedì inizia la preparazione della gara col Venezia
Archiviato il successo ottenuto sul campo del Legnano in occasione della 31a sfida di campionato, gli uomini di Remondina usufruiscono di un giorno di riposo

- Giovanili: cinquine per Berretti e Giovanissimi Regionali
Il bilancio delle sfide affrontate nello scorso weekend dalle formazioni del vivaio parla di quattro vittorie ed un pari

- Legnano-Hellas Verona 0-5
Cinquina scaligera al "Mari": in gol Girardi (doppietta), Corrent, Gomez (rig.) e Scapini, ma i play-off restano a cinque lunghezze
LEGNANO - In occasione della 31a giornata di campionato i gialloblù sono impegnati al "Mari", dove i padroni di casa hanno ottenuto 23 punti sui 30 accumulati finora. Remondina conferma l'undici che ha fermato in casa la Pro Patria, lasciando in tribuna in extremis a Tiboni, infortunatosi nel corso della rifinitura affrontata a Dormelletto (NO): il problema riscontrato al ginocchio destro verrà valutato in seguito ad eventuali accertamenti. Lombardo schiera sugli esterni di centrocampo Nizzetto e Bosio, a sostegno della coppia avanzata Virdis-Albanese.

Al 7' Bellavista, appostato nei pressi del lato corto dell'area di rigore, riceve palla dal calcio d'angolo da Campisi e prova la botta di prima intenzione, conclusione a lato di un metro. Sovrapposizione sulla destra di Garzon al 16', cross preciso per Girardi che impatta di controbalzo senza però inquadrare lo specchio della porta. Sempre l'attaccante di San Giuseppe Vesuviano viene servito di testa da Rantier al 19', il tiro dai sedici metri termina fuori.

Al 23' Girardi porta in vantaggio l'Hellas: doppia conclusione di Rantier da pochi passi respinta da un difensore avversario, il centravanti campano interviene trovando il tap-in vincente. Due minuti dopo punizione dai venticinque metri di Nizzetto, Vignati prova lo stacco di testa controllato da Rafael. Punizione dai venti metri di Nizzetto al 33', respinta coi pugni dal numero uno scaligero. Rantier converge verso il centro al 39' e prova la conclusione a girare verso il secondo palo, deviazione in corner della difesa lilla.

Scambio veloce sulla trequarti al 52' tra Parolo, Girardi e Rantier con quest'ultimo che va al tiro col mancino, parato a terra da Ioime. Ancora il francese riceve dal limite dell'area piccola da Garzon, che mette dentro un rasoterra col destro, il colpo di prima intenzione dal primo palo termina a lato. Su ribaltamento di fronte, al minuto 54, Bosio impegna Rafael che respinge.

Raddoppio degli uomini di Remondina al 61' ancora con Girardi, che incorna alle spalle di Ioime su cross col contagiri dalla destra di Rantier. Corner di Nizzetto che attraversa tutta l'area di rigore al 64', Rafael raccoglie prima che intervengano gli attaccanti di Lombardo. Tris scaligero all'80' col neo-entrato Corrent, che controlla un traversone teso di Parolo dalla linea di fondo e di prima intenzione supera Ioime.

Triangolazione Gomez-Parolo-Scapini all'altezza della linea dell'area col centravanti di Bovolone che colpisce di destro la traversa. Sul proseguimento dell'azione Cilona stende Gomez, che dagli undici metri batte il numero uno lilla e sigla il poker. Un minuto dopo azione di contropiede di Scapini che arriva a tu per tu con Ioime e lo supera nuovamente, l'Hellas centra il 5-0.

Dopo quattro minuti di recupero il direttore di gara sancisce la fine del match: a tre giornate dal termine il distacco dai play-off rimane invariato, cinque lunghezze dalla Spal, ultima candidata a disputare gli spareggi-promozione.

Il tabellino

A.C. LEGNANO - HELLAS VERONA F.C. 0-5 (0-1)

Reti: 23', 61' Girardi, 80' Corrent, 89' rig. Gomez, 91' Scapini

A.C. LEGNANO

Ioime; Simone, Vignati, Marietti, Cilona; Nizzetto, Morandi, Chiazzolino (67' Zaninetti), Bosio (67' Lombardo); Albanese, Virdis (76' Comi). (Mandelli, Vanzati, Maglio, Dell'Acqua). All. Lombardo

HELLAS VERONA F.C.

Rafael; Campagna, Ceccarelli, Bergamelli, Pugliese; Garzon, Bellavista, Campisi (73' Corrent); Parolo; Girardi (84' Scapini), Rantier (82' Gomez). (Franzese, Sibilano, Politti, Vanderhoeght). All. Remondina

Arbitro: Meli di Parma
Assistenti: Gaspari, Del Bianco
Ammoniti: Garzon, Parolo, Bergamelli, Marietti
Espulsi: -
Recupero: 0' - 4'
Spettatori: 1.660

FONTE: HellasVerona.it


Verona nella storia: a Legnano la più larga vittoria esterna di sempre
Anche se la corsa play-off resta durissima, la squadra di Remondina ha stabilito a Legnano un record: il 5-0 conquistato fuori casa è infatti la più larga vittoria di sempre.
Raggiungere i play-off sarà un'impresa. Ma il giovane Verona di Remondina a Legnano è entrato ugualmente nella storia. Il 5-0 contro i lilla è infatti destinato ad entrare negli almanacchi calcistici come la vittoria esterna più larga di sempre.

Per ritrovare un Verona così devastante infatti bisogna risalire al 3 marzo 1991, quando l'Hellas vinse nel campionato si serie B per 5-1 contro il Barletta. Era il Verona di Eugenio Fascetti, appena retrocesso in B dopo l'epopea di Osvaldo Bagnoli, un Verona che era stato dichiarato fallito a febbraio e che aveva trovato la forza di un gruppo eccezionale per tentare l'impresa e arrivare in serie A.

In quella gara giocarono Gregori, Calisti, Polonia, Rossi, Sotomayor, Pusceddu, D.Pellegrini, Magrin, Lunini (dal 71' Cucciari), Prytz, Fanna (dal 75' Lamacchi).

I marcatori di quel match furono al 46' e al 74' Pusceddu, al 55', all'86 e al 90' Davide Pellegrini. La festa, chiamiamola così, fu "rovinata" da una rete di Carrara del Barletta al 70'.

La gara di Barletta segnò una svolta vera e propria nel campionato del Verona che da lì in poi innescò la quarta e arrivò in serie A, piazzandosi secondo in classifica a 45 punti, dietro al Foggia che finì primo con 51 punti.

Ma il Verona di Remondina ha fatto meglio vincendo per 5-0 e quindi non subendo reti.

Anche il Verona di Osvaldo Bagnoli, quello che salì dalla B alla A nel torneo 1981-'82 vinse con un punteggio analogo il 28 febbraio 1982: 5-1 contro la Cremonese.

Le altre vittorie esterne più larghe sono state poi il 14 marzo 1943 (Bassano-Verona 0-4 in serie C) e il 24 marzo 1945 (serie B e C Nord) Panigale-Verona 0-4.

- Remondina: crederci finchè la matematica non ci condanna
Dopo la gara di Legnano, l'allenatore del Verona non si sente ancora fuori dai giochi. "Anche se la Spal ha vinto all'88', noi abbiamo il dovere di crederci fino alla fine" ha spiegato.
Fuori dai giochi? No, in casa del Verona ancora nessuno si sente di abbandonare il sogno play-off. Dopo il 5-0 con il Legnano e la vittoria in extremis della Spal contro il Novara, la classifica resta immutata.

Il Verona è sempre a cinque punti dai ferraresi, ma adesso con una partita in meno da giocare.

Finita? "Assolutamente no" spiega Gian Marco Remondina, tecnico dell'Hellas "noi abbiamo il dovere di crederci fino alla fine, finchè la matematica ci dirà che siamo tagliati fuori. E' chiaro che il nostro campionato non dipende solo da noi, ma anche dai risultati che arrivano dagli altri campi. Però, la cosa importante è che noi facciamo il nostro dovere fino in fondo. Per questo sono concentrato già sulla prossima gara. Dobbiamo battere il Venezia e sperare ancora".

- Garzon devastante, Girardi punto di riferimento: tutti promossi nella cinquina Verona
E' un Verona che corre, difende, attacca per novanta minuti quello che sbanca Legnano. Centrocampo sugli scudi con Garzon devastante a destra e Bellavista ancora una volta strepitoso nelle due fasi. Difesa attenta con Bergamelli che cresce di domenica in domenica. In attacco Girardi (doppietta) è un assoluto punto di riferimento. Parolo e Rantier firmano due assist a testa.
RAFAEL 6. Attento due volte nel primo tempo su altrettanti colpi di testa in area da palla inattiva di Vignati (14' e 24') e ancora al 33' sulla punizione di Nizzetto che è forte ma centrale. Nella ripresa mezzo brivido per un rinvio "scivolato" causa terreno zuppo di pioggia e per un pallone che si vede pericolosamente scorrere in area dalla sinistra un attimo dopo il 2-0. Fa notizia non solo la goleada Verona ma anche la casella intonsa sotto la voce "miracoli del portiere", segno della partita (per i gialloblù) quasi perfetta.

CAMPAGNA 7. All'inizio non sale perchè il 4-4-2 di Lombardo è in realtà un 4-2-4, con gli esterni alti sempre uno contro uno con i difensori gialloblù. Primo tempo di contenimento su Bosio, con chiusura decisiva salva vantaggio alla 44'. Ripresa di forza e personalità con le consuete sgroppate. Al 14' raddoppia una discesa di Garzon ma una volta in area è chiuso da Chiazzolino con il quale si scontra violentemente. Al 35' è bravo a dare l'avvio all'azione che porta al 3-0 di Corrent. Peccato, alla fine, non voglia pronunciarsi su un suo prossimo futuro ancora in gialloblù.

CECCARELLI 6,5. Partita di grande attenzione e concentrazione. Sbaglia pochissimo e sull'unico liscio della partita (24' s.t.) è bravissimo Bergamelli ad uscire palla al piede sull'incredulo Virdis. Più di qualche chiusura, più di qualche fuorigioco procurato nella salita della linea, più di qualche complimento. Protagonista di un siparietto con Remondina nella ripresa: prima manda a scopare il mare il tecnico che gli vuole impartire un ordine per la squadra e non lo fa salire per un calcio d'angolo. Poi si becca accorgimento e rimbrotto tutto insieme. Ma un secondo dopo Girardi segna il 2-0 e tutto finisce in un abbraccio alla panchina. Finisce stringendo i denti per un dolore muscolare.

BERGAMELLI 7. Sbroglia un paio di situazioni delicate con la freddezza del veterano: al 33' arriva per primo sulla punizione di Nizzetto ribattuta da Rafael, anticipando il possibile tap in di Albanese, al 24' della ripresa ferma l'azione di Virdis in area innescata dall'unica sbavatura nella partita di Ceccarelli. Al 39' del p.t. resta in avanti su azione d'angolo e si fa trovare puntuale sul secondo palo per il cross di un inspiratissimo Parolo. Peccato che Ioime capisca tutto con un attimo d'anticopo e gli "scippi" il pallone della testa per quello che sarebbe stato il 2-0. Cresce di domenica in domenica, farselo scappare sarebbe una follia.

PUGLIESE 6,5. Nel primo tempo sale di rado per lo stesso motivo che ha tenuto basso Campagna: gli esterni del Legnano alti e la necessità di mantenere la posizione. Nizzetto gli scappa una sola volta (33') ma Bellavista rincorre il 7 lilla per commettere il più utile dei falli tattici ad un passo dal tiro e dall'area di rigore. Nel secondo tempo più sostanza anche in fase offensiva. Una certezza.

GARZON 7,5. Inizia a correre al primo fischio di Meli e finisce 90 minuti dopo (nei 5 di recupero finali, sul 5-0, non si è più giocato). Da il via alla prima azione Verona dopo venti secondi (palla sulla profondità per Parolo e cross di quest'ultimo per Rantier anticipato da Ioime). Al 6' potrebbe andare in gol calciando dal limite in corsa ma Girardi (assist all'indietro) lo cerca con un pallone in contropiede e dalla parte sbagliata. Al 15' altra volata sulla destra e palla perfetta in mezzo all'area che Girardi dovrebbe solo spingere in porta anzichè calciare di rimbalzo sopra la traversa. Al 23' ancora lui, ancora dalla stessa parte, per il pallone che Rantier trasforma nell'assist per il vantaggio importantissimo di Girardi. Finita? Macchè, appena iniziata. Alla mezzora ancora un pallone al bacio in mezzo all'area per Girardi, alto di testa. All'8' della ripresa altra palla d'oro sul primo palo per Rantier con il francese che sciupa incredibilmente il raddoppio. In sintersi de-va-stan-te.

BELLAVISTA 7,5. E' il giocatore chiave del match perchè con i 4 attaccanti del Legnano uno contro uno con la difesa del Verona è l'uomo che da copertura, facendo da schermo davanti ai due centrali difensivi. Modulo, quello di Lombardo, che consente invece la superiorità a centrocampo e libertà d'azione che Bellavista (e Parolo) in fase offensiva sfruttano moltissimo. Al 7' va incontro a Campisi per la battuta di un angolo dalla sinistra, controllo e tiro dai venti metri da posizione angolata con palla che finisce non troppo distante dal primo palo. Al 38' apertura al bacio per Girardi sulla destra, azione che non sarà però concretizzata centralmente da Rantier. Nella ripresa, al 10', è super prezioso quando con uno scatto felino anticipa Albanese pronto a calciare in porta e mette palla in angolo. Corsa (tanta), sostanza (tanta), ma nelle ultime due partite anche piede e fosforo.

CAMPISI 6. Bene per dinamismo e attenzione nella fase difensiva. Ma in attacco commette troppi errori di lettura tattica della partita, anticipando o ritardando troppo (specie nel primo tempo) molti passaggi.

dal 28' s.t. Corrent 6,5. Nel rasoterra con cui buca per la terza volta nella giornata Ioime c'è rabbia, cattiveria agonistica, voglia di stare in un gruppo che un attimo dopo il gol si stringe al suo capitano e lo festeggia come poche altre volte si era visto. Doveva giocare dall'inizio ma ormai è quasi una regola: titolare al venerdì, panchinaro la domenica.

PAROLO 7. Da continuità all'ottima prestazione con la Pro Patria ripetendo una partita ottima sui due fronti: lavorando bene e tanto in copertura ma stando dentro l'azione e scodellando assist in fase offensiva. Non a caso, entra in quasi tutte le azioni decisive della partita. Dopo 20 secondi si inserisce nel cuore dell'area Legnano per mettere sulla testa di Rantier un pallone gentilmente imbucato da Garzon (Ioime salva). Al 19' taglia dalla sinistra e pesca dall'altro lato Rantier, assist per Girardi che strozza la conclusione. Al 39' è ancora a sinistra per crossare sul secondo palo per Bergamelli, anticipato di un soffio dal portiere di casa. Nella ripresa firma l'assist del 3-0 per Corrent e il lancio che manda in porta Scapini per la cinquina finale.

RANTIER 6,5. Con Girardi forma la coppia perfetta. Nel Verona è un giocatore chiave perchè, come dice Remondina, è uno che finalizza ma che sa anche mandare in porta i compagni. Pronti-via e al ventesimo secondo Ioime gli cava dalla testa, davanti alla porta, l'assist dalla destra di Parolo. Al 19' lascia scorrere per Girardi che uno contro uno grazia Ioime perchè il destro non è il suo piede. Quattro minuti dopo, su centro dalla destra di Garzon, s'impappina in mezzo all'area ma ha la rapidità del fulmine nel trasformare un errore nell'assist vincente per Girardi che fa 1-0. Al 36' capolavoro su Cilona al limite, sulla destra, e mezzo lob che senza la deviazione di Marietti sarebbe finito probabilmente in porta. Poi, un attimo dopo, prende il giallo (simulazione) per aver accentuato in area un contatto con Simone. Nella ripresa potrebbe timbrare il 2-0 all'8' quando Garzon gli recapita dalla destra un pallone sul primo palo che andrebbe solo spinto in porta, ma il nostro lo calcia dritto per dritto sbagliando clamorosamente. Si rifà al 19' con l'assist per il 2-0 di Girardi che arriva da schema da angolo finalmente riuscito.

dal 37' s.t. Gomez 6,5. Si procura e calcia il rigore del 4-0 facendo arrabbiare Scapini.

GIRARDI 8. Ne fa due ma potrebbero essere di più. Al 15' su assist dalla destra di Garzon arriva troppo sotto colpendo male davanti al portiere. Quattro minuti dopo altro errore clamoroso questa volte su assist di Rantier che gli "chiama" però la conclusione con il destro che non è proprio il suo piede. Ne esce un diagonale strozzato che va fuori a Ioime immobile. Al 23' sigla il primo gol chiudendo in porta, dall'area piccola, sul tocco di Rantier. Al 38' cerca di ricambiare il favore con uno splendido assist al volo di piede per l'attaccante francese anticipato da Ioime. Nella ripresa è perfetto nello schema da angolo che porta al 2-0. In generale è il punto di riferimento del Verona (che forse si è svegliato troppo tardi) di Remondina.

dal 39' s.t. Scapini 6,5. Ha una voglia di far gol che fa paura, per questo s'inca..a come una iena quando Gomez non gli da il pallone del rigore del 4-0. L'inca..atura era pure doppia perchè un attimo prima (nella stessa azione) aveva mandato lo stesso pallone a stamparsi sul sette. Per fortuna Parolo lo manda in porta poco prima del recupero e lui torna al gol con un diagonale perfetto, festeggiando il 5-0 al Legnano quasi fosse un gol in Champions League.

REMONDINA 6,5. Il Verona dilaga con il Legnano in dieci per l'infortunio di Comi a tre cambi già avvenuti, ma anche prima la squadra gioca bene, corre alla grande, sfrutta le fasce, crea palle gol a ripetizione. Peccato presenti un Verona così quando la rincorsa ai playoff sia qualcosa più di ardua (-5 dalla Spal a 3 partite dalla fine) dopo aver perso qualche punto di troppo per strada. (s.rasu)

Legnano-Verona 0-5 Finisce in goleada. Ma il gol della Spal all'88' gela i gialloblù
26/04/2009 16:25 Verona in vantaggio al 24' del primo tempo su gol di Girardi che sfrutta al meglio un rimpallo in seguito ad un tiro di Rantier. Il secondo gol arriva al 15' della ripresa sempre con Girardi, ma questa volta di testa. L'hellas chiude i conti al 37' del secondo tempo con un gol di Corrent ispirato da una bella azione personale di Parolo che la mette al centro dove bastava appoggiarla in rete. Nel finale finisce in goleada con il rigore di Gomez ed il quinto gol di Scapini

LEGNANO - VERONA

LEGNANO: Ioime, Simone, Cilona, Chiazzolino (Zaninetti 22' st), Vignati, Marietti, Nizzetti, Morandi, Bosio (Lombardo 20' st), Vanzati, Virdis (Comi 33' st). (Mandelli, Zaninetti, Vanzati, Maglio, Dell'Acqua)

All. Lombardo

VERONA: Rafael, Campagna, Ceccarelli, Bergamelli, Pugliese, Garzon, Bellavista, Campisi (Corrent 31' st), Parolo, Girardi (Scapini 39' st), Rantier (Gomez 38' st). (Franzese, Politti, Anaclerio, Gomez, Scapini, Sibilano)

All. Remondina

Note

GOL: Girardi (24' pt), Girardi (15' st), Corrent (37' st), Gomez (rig. 45' st), Scapini (47' st)

AMMONITI: Garzon (26' pt), Bellavista (32' pt), Rantier (36' pt)

ESPULSI:

RECUPERI: 0'

FONTE: TGGialloblu.it



[OFFTOPIC]
SECONDA DIVISIONE: La SAMBO vince e si riavvicina ai playoff. SUPERBIKE: SPIES e HAGA fenomeni in Olanda. NUOTO: La Romena POTEC prende alla FILIPPI il record mondiale dei 1500 stile. RALLY: LOEB vince anche in Argentina. FORMULA 1: Anche in Bahrain 'Paracarro' BUTTON termina al primo posto, secondo VETTEL, terzo TRULLI. MOTOMONDIALE: A Motegi è sfida interna fra YAMAHA e LORENZO precede ROSSI; STONER 'solo' quarto. TENNIS FED CUP: Le azzurre scatenate si sbarazzano della RUSSIA e vanno in finale contro gli States. CICLISMO LIEGI-BASTOGNE-LIEGI: Vince SCHLECK, terzo REBELLIN. ADRIANO&LE NOTTI DI RIO: Sembra darsi alla vita mondana il centravanti dell'INTER. CLAUSURA ARGENTINA: Domina il VELEZ mentre il portiere del GIMNASIA se la prende con i raccattapalle... BASKET SEMIFINALI SCUDETTO: MACERATA si riprende il pareggio a PIACENZA; si va alla quinta gara. PREMIER LEAGUE: Il migliore dell'anno è GIGGS! BASKET NBA: Lebron JAMES stellare e i CAVS proseguono. CICLISMO GIRO D'ITALIA: CUNEGO inquadra il podio. TENNIS INTERNAZIONALI D'ITALIA: Subito fuori CIPOLLA e STARACE.
SUPERBIKE: SPIES e HAGA fenomeni in Olanda. NUOTO: La Romena POTEC prende alla FILIPPI il record mondiale dei 1500 stile. RALLY: LOEB vince anche in Argentina. FORMULA 1: Anche in Bahrain 'Paracarro' BUTTON termina al primo posto, secondo VETTEL, terzo TRULLI. MOTOMONDIALE: A Motegi è sfida interna fra YAMAHA e LORENZO precede ROSSI; STONER 'solo' quarto. TENNIS FED CUP: Le azzurre scatenate si sbarazzano della RUSSIA e vanno in finale contro gli States. CICLISMO LIEGI-BASTOGNE-LIEGI: Vince SCHLECK, terzo REBELLIN.
- Superbike
SPIES E HAGA FANNO IL VUOTO NEL GP OLANDESE
Gp di Assen, dominano Ben Spies e Noriyuki Haga. Lo statunitense ha vinto gara1 dopo un duello appassionante col giapponese, che poi si è rifatto dominando gara2. Per Biaggi (Aprilia) un quinto posto e un ritiro.

- Nuoto
LA ROMENA POTEC INFRANGE IL RECORD DELLA FILIPPI
La romena Camelia Potec ha tolto ad Alessia Filippi il record europeo dei 1.500 stile libero, nuotando in 15’52 ’’37 ai campionati nazionali di Francia,
a Montpellier. Il record della nuotatrice romana, 15'52’’84, era stato stabilito a Treviso.


- Rally
UNO STREPITOSO LOEB DOMINA IN ARGENTINA È LA QUINTA VITTORIA
Il francese Sebastien Loeb ha vinto il Rally d'Argentina, quinto appuntamento del Mondiale 2009. Il campione del mondo, sempre vincente in questo inizio di stagione, con la sua Citroen C4 ha preceduto di 1’13’’1 lo spagnolo Daniel Sordo.

- Gp del Bahrain>>
BUTTON CONCEDE IL TRIS FERRARI, SEGNI DI RIPRESA
Brawn Gp dominatrice. Anche Vettel e Trulli sul podio, Hamilton giunge quarto
L’inglese vince d’autorità Supera i diretti rivali con una serie di giri veloci in stile Schumacher. Le due rosse al traguardo Raikkonen giunge sesto e conquista i primi punti Massa, sfortunato, è 14°

- MOTOMONDIALE
IL COMPAGNO DI SQUADRA DELL’IRIDATO VINCE IL GP DEL GIAPPONE
Lorenzo fa il Rossi e batte tutti
A Motegi si impone l’iberico davanti al pesarese. Stoner su Ducati è soltanto quarto: «Ho avuto problemi nel giro di riscaldamento e ho perso tempo in partenza». Valentino è sereno «Due secondi posti non sono male ho fatto un bel finale»

- TENNIS FED CUP
Azzurre scatenate umiliano la Russia e volano in finale con gli Stati Uniti

- CICLISMO
IL LUSSEMBURGHESE ATTACCA E CONQUISTA LA CLASSICA CORSA BELGA
Liegi in mano ad Andy Schleck, Rebellin è terzo

FONTE: DNews.eu


ADRIANO&LE NOTTI DI RIO: Sembra darsi alla vita mondana il centravanti dell'INTER. CLAUSURA ARGENTINA: Domina il VELEZ mentre il portiere del GIMNASIA se la prende con i raccattapalle... BASKET SEMIFINALI SCUDETTO: MACERATA si riprende il pareggio a PIACENZA; si va alla quinta gara. PREMIER LEAGUE: Il migliore dell'anno è GIGGS! BASKET NBA: Lebron JAMES stellare e i CAVS proseguono. CICLISMO GIRO D'ITALIA: CUNEGO inquadra il podio. TENNIS INTERNAZIONALI D'ITALIA: Subito fuori CIPOLLA e STARACE.
- Dalla Fragolina al Caviale Adriano, calde notti a Rio
L'Imperatore domina la vita mondana della città carioca, e si consola tra le braccia di una splendida ballerina: "Lui è una delizia, ma non siamo innamorati". L'ex interista intanto è andato a vedere il Flamengo, con cui sogna di tornare a giocare

- Clausura, comanda il Velez. Il River ringrazia Pezzutti
La squadra di Gareca vince 4-2 lo scontro diretto col Colon e tiene dietro il Lanus. Gallardo dopo l'esclusione in Libertadores ispira la vittoria del River, facilitato anche dall'espulsione del portiere del Gimnasia Jujuy, che colpisce un raccattapalle con una pallonata. Esordio in panchina nel San Lorenzo per Simeone

- Macerata sbanca Piacenza. Si va alla quinta partita
In gara 4 della semifinale scudetto la Lube vince 3-0 (25-23, 25-18, 26-24) sul campo della Copra nonostante una partenza difficile: decisivo Martino. Venerdì la sfida che deciderà la rivale di Trento in finale

- Ryan Giggs è il migliore. La Premier lo incorona
A 35 anni il gallese del Manchester United, scoperto più di vent'anni fa da Alex Ferguson, è stato eletto "Player of the Year" dell’Associazione calciatori inglese. E nella squadra dell'anno ci sono ben sei giocatori con la maglia dei Red Devils. Ashley Young dell’Aston Villa il miglior giovane

- Ferrari, occhi sulla Spagna. Obiettivo: tornare in corsa
I tre punti di Raikkonen in Bahrain hanno interrotto il digiuno delle rosse, che ora contano sul nuovo pacchetto aerodinamico per Montmeló. Domenicali: "Il passo in avanti ci sarà, andrà valutato anche rispetto a quello che porteranno gli altri"

- LeBron super, Cavs avanti. Bene Houston, Magic in pari
Cleveland vince a Detroit e passa al secondo turno con un secco 4-0: 32 punti la media di James nella serie. Orlando conquista il pareggio (2-2) andando a battere Philadelphia sul suo campo. I Rockets piegano di misura Portland e vanno sul 3-1

- Giro, Cunego vuole il podio. Guarda Armstrong in altura
Il veronese della Lampre-Ngc a undici giorni dal via del Giro del Centenario: "Basso ha tutto per vincere, io spero di riuscire a tirare fuori qualcosa di buono. Punto a un buon posto sul podio". Il texano appare in buone condizioni dopo gli allenamenti in Colorado. Fatta la Liquigas per il varesino e Pellizotti

- Roma è poco italiana. Fuori Cipolla e Starace
Al primo turno dei 66esimi Internazionali d'Italia escono subito i primi rappresentanti azzurri: Flavio cede con il croato Cilic, Potito con lo spagnolo Montanes. Seppi fermato dalla pioggia

FONTE: Gazzetta.it


SECONDA DIVISIONE: La SAMBO vince e si riavvicina ai playoff
- La Sambonifacese batte 2 a 1 il Mezzocorona e si rituffa nella zona playoff
Grazie alla rete di Altinier ad un quarto d'ora dalla fine, la Sambonifacese agguanta la vittoria con il Mezzocorona (2 a 1) ed ottiene tre punti che rilanciano la squadra nella zona playoff. Il Mezzocorona si era portato in vantaggio con Panizza e Fattori aveva firmato il momentaneo pareggio nel primo tempo

FONTE: TGGialloblu.it

LEGNANO-HELLAS VERONA: I gialloblù, dopo il mezzo passo falso casalingo, hanno a disposizione un solo risultato contro i lilla di LOMBARDO...

LEGNANO-HELLAS VERONA: I gialloblù, dopo il mezzo passo falso casalingo, hanno a disposizione un solo risultato contro i lilla di LOMBARDO... QUI LEGNANO: La squadra di Attilo 'Braccio di Ferro' Lombardo, indimenticata ala di JUVE e DORIA, si trova in piena zona playout 11 punti sotto al VERONA a 5 punti dal fanalino di coda che è al momento la SAMB. L'ex di turno sarà ancora il centrocampista 23enne NIZZETTO, nativo di VERONA, cresciuto nelle giovanili dell'HELLAS e al LEGNANO dalla stagione 2007/2008. Fra i lilla mancheranno il portiere REDAELLI (11 presenze quest'anno), il difensore titolare camerunense ENOW ed il centrocampista AGAZZONE per infortunio mentre il giovane centrocampista monegasco RODRIGUES è stato squalificato dal giudice sportivo. Magro lo 'score' dei lombardi con 7 vittorie e 13 sconfitte su 29 partite. Hanno segnato un solo gol in meno rispetto ai gialloblù ma ne hanno subito ben 11 di più; questo ha pesato molto sulla classifica del LEGNANO che ha al momento la peggiore difesa del campionato con 41 gol al passivo
Segnala il Blog BONDOLA/=\SMARSA su Technorati FavoritesSegnala il Blog BONDOLA/=\SMARSA su Pligg.it - Editoria Sociale a Ricavi Condivisi

QUI LEGNANO: La squadra di Attilo 'Braccio di Ferro' Lombardo, indimenticata ala di JUVE e DORIA, si trova in piena zona playout 11 punti sotto al VERONA a 5 punti dal fanalino di coda che è al momento la SAMB. L'ex di turno sarà ancora il centrocampista 23enne NIZZETTO, nativo di VERONA, cresciuto nelle giovanili dell'HELLAS e al LEGNANO dalla stagione 2007/2008. Fra i lilla mancheranno il portiere REDAELLI (11 presenze quest'anno), il difensore titolare camerunense ENOW ed il centrocampista AGAZZONE per infortunio mentre il giovane centrocampista monegasco RODRIGUES è stato squalificato dal giudice sportivo. Magro lo 'score' dei lombardi con 7 vittorie e 13 sconfitte su 29 partite. Hanno segnato un solo gol in meno rispetto ai gialloblù ma ne hanno subito ben 11 di più; questo ha pesato molto sulla classifica del LEGNANO che ha al momento la peggiore difesa del campionato con 41 gol al passivo.

Hellas Verona 4-1 Legnano (30 Novembre 2008)


QUI VERONA: REMONDINA richiama attenzione su una squadra malmessa in campionato ed apparentemente in crisi «Partite di questo tipo sono sempre difficili. E’ un campionato che è all’insegna dell’equilibrio e dove la differenza la fanno gli episodi e altri pochi particolari». Se non si vuole perdere ulteriore terreno ci si dovrà provare però contro la squadra di 'Popeye' LOMBARDO «Ed è quello che cercheremo di fare perché non ci sentiamo ancora tagliati fuori da questa corsa». Gli fanno eco BELLAVISTA «L’ho detto ai miei compagni nello spogliatoio: abbiamo il dovere di crederci ma per il solo motivo che nulla è ancora deciso. Ora non dobbiamo più perderne. Anzi, bisogna portare a casa quattro pieni. E dopo l’ultima gara con il Cesena al Bentegodi, faremo i conti. Però dico che abbiamo fatto un grande campionato. La squadra è giovane: unire questi ragazzi non è stato semplice. Essere qui a giocarcela è un piccolo-grande miracolo. Ma se vuoi diventare qualcuno nel calcio c’è solo un modo: devi vincere. E’ il solo modo per essere ricordati. E noi ci proviamo»... e MARTINELLI «Io non mollo e non credo che lo farà la squadra. Finché c’è una speranza noi saremo qui a lottare: guai molare. Certo, meritavamo di vincere la partita con la capolista Pro Patria, una gara preparata in maniera meticolosa. Ai ragazzi non posso dire nulla. Ce l’hanno messa tutta. E poi resta anche una piccola speranza legata alla situazione proprio della Pro Patria. Se venisse penalizzata, noi siamo pronti» Leggo.it. Contro i lombardi è ballottaggio fra CORRENT e CAMPISI (con il primo leggermente favorito) ma attenzione perchè SIBILANO ha recuperato e potrebbe essere forse schierato addirittura dall'inizio al fianco di CECCARELLI (auguro tutto il bene possibile allo 'sfortunato' Lorenzo); per il resto nessuna novità rispetto alla gara con la PRO. [COMMENTA]

RISULTATI DEL SONDAGGIO:

I butèi di REMONDINA ci hanno abituato alle montagne russe ma, nonostante i continui saliscendi fino al mezzo passo falso contro la capolista di Domenica scorsa, il Verona ha ancora tutte le possibilità di agganciare i playoff (ricordiamo, anche se non lo speriamo, che la PRO PATRIA potrebbe liberare addirittura un posto), o almeno così pensa il 63% dei votanti. Curioso il fatto che nessuno pensi più ai playout ma rimangano in ogni caso dei 'disfattisti': in 4 credono che la squadra sia allo sbando e abbia bisogno urgente di una nuova guida ma... Nessuno ricorda gli obiettivi stagionali?



I video del TGGialloblù:
- REMONDINA: CONTA SOLO VINCERE
-
PAROLO: GARA D'ATTACCO

- GIRARDI: LA MIA STAGIONE DOUBLE-FACE

[ALTRE NEWS]
HELLAS VERONA-VENEZIA DEL 3 MAGGIO, fermati i tifosi arancioneroverdi come fu per quelli gialloblù nella gara d'andata.
RITIRO ESTIVO: Dal campionato 2009/2010 il VERONA lascia la Val Passiria e sceglie i monti veronesi. Si va a Sant'Anna d'Alfaedo dal 18 Luglio al 2 Agosto.
Lega Pro: La presentazione della 31esima giornata del campionato di Prima Divisione Girone A.
ALLENAMENTO DI VENERDI': Il gruppo, dopo alcuni esercizi di mobilità in palestra, ha affrontato lavoro sulla rapidità, per poi passare ad approfondimenti su tattica difensiva ed offensiva. Al termine, partitella a campo ridotto. Differenziato per Bellavista, Mancinelli, Parolo e Vicentini, terapie per Puccio. HellasVerona.it

[ACCADDE OGGI]
25 Aprile 2008 Intervista a Roberto TRICELLA, capitano e leader carismatico della "BANDA BAGNOLI"





[IN BREVE]
ANCHE I RICCHI PIANGONO: Una giornata a porte chiuse al "Delle Alpi" a causa dei cori razzisti contro BALOTELLI; ogni tanto la legge vale anche per i grandi... Giusto così!
ARBITRI&VIOLENZA: Giacchetta nera schiafeggiata, sospesa la gara, è successo in terza categoria pugliese.
COPPA ITALIA: La SAMP raggiunge in finale la LAZIO.
DOPING: CARROZZIERI del PALERMO positivo al test anti coca.
FORMULA 1: Vita dura anche in Bahrein per le FERRARI; MASSA torna al kers RAIKKONEN no.
CICLISMO: Il campione d'Italia escluso dal Giro! SIMEONI si ribella...
MOTOMONDIALE: STONER teme ROSSI
BASKET SERIE B: La TEZENIS VERONA soffre ma vince a FAENZA. Ora ci sarà la semifinale contro una fra RECANATI e SENIGALLIA
PREMIER LEAGUE: LIVERPOOL e CHELSEA avanti tutta aspettando il MANCHESTER. BUNDESLIGA: Il BAYERN cade in casa contro lo SCHALKE, il WOLFSBURG ha ora la possibilità di portarsi a +6.
SERIE B: Il BARI travolge l'ALBINOLEFFE a BERGAMO e porta un piede e mezzo in Serie A.
FORMULA 1: La pole è di Jarno! Prima fila tutta TOYOTA con GLOCK al suo fianco.
LIGA SPAGNOLA: 10 giornate al difensore merengue PEPE.
SUPERBIKE: SPIES conquista la pole con la YAMAHA ad Assen, 10° BIAGGI con l'APRILIA.

Commenta il post:oppure




News: Mister Attilio Lombardo ha convocato 19 calciatori per Legnano-Verona, gara valida per la 31^ giornata del Campionato di Prima Divisione 2008-2009 in programma domani (ore 15,00) allo stadio "Giovanni Mari” di Legnano.

PORTIERI Ioime, Mandelli
DIFENSORI Cilona, Grassi, Marietti, Simone, Vanzati, Vignati
CENTROCAMPISTI Bosio, Chiazzolino, Lombardo, Maglio, Morandi, Nizzetto, Zaninetti
ATTACCANTI Albanese, Comi, Dell’Acqua, Virdis

INDISPONIBILI: Redaelli, Enow, Agazzone
SQUALIFICATI: Rodrigurs
DIFFIDATI: Morandi

Ricordiamo che sarà possibile seguire l’andamento della gara in tempo reale a partire dalle ore 14,50 all’indirizzo www.aclegnano.it/direttaweb.asp

FONTE: ACLegnano.it


- L'Hellas si allenerà sotto il Corno
SANT’ANNA D’ALFAEDO. L’amministrazione e le società sportive coinvolte per ottenere quello che il primo cittadino vorrebbe divenisse un «patto quinquennale». Per il canonico ritiro la scelta è caduta sulla Lessinia: il paese per quindici giorni sarà la capitale dei tifosi gialloblù
I tradizionali quindici giorni di ritiro precampionato dell'Hellas Verona saranno quest'anno a Fosse di Sant'Anna d'Alfaedo. La squadra del presidente Giovanni Martinelli abbandona la Val Passiria che era stato «il buon ritiro» degli anni scorsi e sceglie una sistemazione sui monti di casa, alle pendici del Corno d'Aquilio e alle porte del Parco naturale regionale della Lessinia. Dal 18 luglio al 2 agosto una quarantina di persone, fra giocatori, dirigenti e staff tecnico, saranno ospiti in Lessinia, alloggeranno al ristorante pensione «Ombra», sfrutteranno il campo di calcio della frazione e la moderna palestra con i tre campetti di allenamento del capoluogo.

Ci si aspetta l'invasione dei tifosi gialloblù che potranno vedere all'opera gli amati giocatori della squadra del cuore e un ritorno positivo per l'immagine e l'economia del paese. Il sindaco Valentino Marconi avrebbe voluto tenere la notizia ancora un po' sotto le braci ma la visita della squadra al presidente Elio Mosele in Provincia, ente che finanzia in parte il ritiro lessinico, è stata l'occasione per Martinelli per i ringraziamenti e l'annuncio ufficiale. «Ci lavoravamo da un po' ed è merito del gruppo che guida l'amministrazione del paese, oltre ad altre persone, se la scelta è caduta su Fosse», annuncia Marconi, visibilmente soddisfatto di quanto è riuscito a portare a casa. Non se la sente di anticipare nulla del programma: «Stiamo ancora studiando le iniziative più opportune, ma è chiaro che puntiamo a collegare la presenza del Verona con le nostre sagre tradizionali, approfittando di questa occasione per un rilancio in grande stile del paese sia dal punto di vista turistico sia da quello sportivo».

Il Comune mette a disposizione anche i campetti di calcetto, di tennis e di pallacanestro del capoluogo, la palestra e a tutte le strutture necessarie per affiancare campo da calcio e spogliatoi della frazione Fosse: «Senza dimenticare che, se dovessero servire, ci sono altre strutture sportive anche a Ceredo, Cerna, Corrubio e Giare», sottolinea il sindaco. Marconi, sanguigno e concreto, va subito al sodo: «Qui non è una questione da poco, perché noi puntiamo a un accordo quinquennale col Verona», finisce per «spifferare». Ha giocato d'anticipo e mette in fuori gioco i concorrenti: se quest'anno le cose andranno come spera, col Verona a conquistare i «play off» e il salto in serie B, c'è il tempo anche per vedere a Fosse un Verona da massima divisione. Sarebbe il massimo. Per adesso i tifosi si devono accontentare di quello che passa il convento ma arriveranno tempi migliori e comunque la fede non si discute, neanche quando l'ottimismo va sotto i tacchi, «perché il Verona è sempre il Verona», sentenzia Giuliano Sega, già tifoso della curva e oggi con «le chiavi del regno» in mano: è lui il custode del campo sportivo di Fosse e memoria storica dell'Us Sant'Anna d'Alfaedo, la squadra che milita in seconda categoria. «Messa maluccio, per la verità, ma ci sono stati anche tempi migliori con due anni disputati in Promozione».

Felice, comunque, che venga il Verona a tirar su l'animo dei suoi ragazzi. «Contento per il paese, mi spiace per il campo: di sicuro me lo rovinano», dice mostrando il gioiellino di verde smeraldo che cura con passione paterna. Alberto Cona è il vicepresidente della società che con il presidente Raffaello Campostrini tiene in mano il futuro della squadra: «Ci giochiamo i play off sperando di non retrocedere», ammette, «però per il Verona faremo comunque festa grande. È un avvenimento per il paese e per la squadra. Ogni estate organizziamo ad agosto un'amichevole con il Chievo e quest'anno abbiamo un'opportunità in più per confrontarci anche con il Verona. Ci aspettiamo un bell'afflusso di tifosi», confida.

La squadra sarà ospite della Pensione Ombra costruita con le sue mani da Arrigo Morandini e oggi gestita dal figlio Mauro. «Si capisce perché Ombra?», chiede Morandini mostrando la facciata rivolta a tramonto su cui il sole arriva a battere solo nel tardo pomeriggio. Metterà a disposizione le 29 stanze: quelle che serviranno per la squadra e le altre per gli affezionati turisti di ogni estate. In cucina la moglie Anna Lavarini assicura manicaretti da campioni, ma in fatto di bontà anche Arrigo può dire la sua: pare che i gnocchi di patate, come li fa lui non riescano a nessuno nei dintorni, mentre i suoi fratelli sono specialisti per gli gnocchi di malga.

È cittadino di Fosse anche il direttore del Parco Diego Lonardoni: «Sono felice della notizia anche perché da casa mia vedo il campo sportivo e posso godermi gli allenamenti dal balcone», commenta. Anche lui, nativo di Grezzana ha scelto Fosse per viverci: «È il luogo ideale, comodissimo dal punto di vista logistico per raggiungere la città, la Val d'Adige, la Valpantena o la Valpolicella e i suoi 960 metri offrono il clima ideale per ricaricarsi». Augusto Ceradini, allevatore e titolare di Malga Preta di di Sotto è tifoso quanto basta e in quel periodo sarà impegnato con l'alpeggio, ma un'occhiata agli allenamenti del Verona promette di darla. Enrico Pedrini, figlio del titolare della Pizzeria da Icio si sta preparando con le mani in pasta: «Sono contento per il lavoro che ci arriverà con l'estate», commenta, e aggiunge: «Speriamo arrivi con i giocatori anche qualche bella ragazza». Le anime giovani di Fosse sono già in fermento.

FONTE: LArena.it


- CALCIO, CAMS: NUOVI DIVIETI A TIFOSI OSPITI
Nessun tifoso ospite per le partite Siena-Napoli, Palermo-Cagliari e Catania-Milan del prossimo 3 maggio. A quest'ultima gara possono invece assistere i possessori della Tessera del tifoso. Sono queste le decisioni del Comitato di analisi per la sicurezza sulle manifestazioni sportive, il Casms. Anche per Atalanta-Genoa e Lecce-Napoli del 10 maggio resterà chiuso il settore ospiti. Per la prima è previsto anche la vendita di biglietti singoli non cedibili. Per Milan-Juventus e Cagliari-Roma, della stessa data, è prevista la vendita di biglietti singoli non cedibili. Chiusura del settore ospiti per le gare Real Marcianise-Perugia (1a Div) del 26 aprile; Spal-Cesena (1a Div), Sorrento-Paganese (1a Div), Juve Stabia-Benevento (1 Div), Hellas Verona-Venezia (1a Div.), Catanzaro-Cosenza (2a Div), Orione 96-Torres (Dilettanti), Bitonto-Grottaglie (Dilettanti), del 3 maggio; Salernitana-Avellino (serie B) del 9 maggio.

FONTE: Repubblica.it


- Calcio, Lega Pro: La presentazione della 31esima giornata di campionato
Sostanziale novità per il campionato di Lega Pro , infatti, considerato che il torneo si appresta a compiere la volata finale, la Lega ha disposto che da questa settimana le gare vengano disputate in contemporanea con inizio per tutte alle ore 15.00. Contemporaneità che non permetterà alle squadre in campo di giocare conoscendo già il risultato della diretta avversaria, cosa che qualche volta in passato è già successa, in modo così da spingere le compagini a dare il massimo per rendere lo spettacolo più vivo.

MATCH CLOU IN TESTA ED IN CODA - Spettacolo che sicuramente non mancherà nel raggruppamento A di Prima Divisione, infatti, il turno di questa settimana proporrà interessantissimi scontri sia nei piani alti della classifica che in quelli bassi, su tutti spiccano le partite Pro Patria - Ravenna, in zona play-off e Venezia - Sambenedettese in zona play-out. La capolista Pro Patria, come si accennava, in questo turno sarà chiamata al difficile impegno casalingo che la vedrà contrapposta al Ravenna, entrambe le squadre, infatti, militano nei piani alti della classifica distanziate l'una dall'altra da quattro lunghezze di differenza e partita questa dall'esito sicuramente non pronosticabile. Come non sarà pronosticabile lo scontro che andrà in scena al “Dino Manuzzi” di Cesena, dove i bianconeri di casa, che attualmente occupano la seconda piazza della classifica, ospiteranno la compagine del Lumezzane che dal canto suo spera in un risultato positivo per tentare uno degli ultimi assalti alla zona play-off che al momento dista solo quattro lunghezze. Interessante in chiave play-off sarà anche lo scontro che si disputerà al “Piola” di Novara, dove gli azzurro-scudati di casa saranno impegnati contro gli emiliani della Spal e come nel caso del Lumezzane questa partita per i piemontesi sarà l'ultima spiaggia per un avvicinamento alla zona di classifica che conta. Nella zona bassa di classifica la giornata sarà altresì interessante, infatti, questo turno proporrà tre scontri ad alta intensità, su tutti spicca l'autentico scontro salvezza tra Venezia e Sambenedettese, partita che si disputerà in laguna e gara che determinerà sia il nuovo fanalino di coda del girone e sia la maggiore indiziata alla retrocessione diretta. Interessanti in zona play-out saranno anche gli scontri Lecco - Pro Sesto e Monza - Cremonese, mentre il tabellone degli incontri sarà concluso dalle partite Legnano - Verona, Pergocrema - Padova e Reggiana - Portogruaro.

FONTE: SportEVai.it


- Il tecnico e la trasferta lombarda: «Difficile, ma bisogna vincere»
Remondina: «Non mi fido del Legnano»
di Gianluca Vighini
VERONA - In apparenza il Legnano è una squadra in crisi. La formazione di Attilio Lombardo è reduce dalla scoppola rimediata lunedì sera a Ferrara con la Spal (4-1), ha fatto quattro punti nelle ultime sei giornate (vittoria con Cremonese e pareggio con la Reggiana), ha 30 punti in classifica ed è invischiata nella lotta per non retrocedere, staccato di cinque punti dal Monza, in piena bagarre play out.

Dovrebbe in sostanza essere una formalità per l’Hellas, ancora lanciato verso i play off, nonostante il pareggio con la Pro Patria abbia “raffreddato” le speranze. Ma la trasferta di domenica (alle 15) non è semplice. E il perché lo spiega Gian Marco Remondina. «Partite di questo tipo sono sempre difficili. E’ un campionato che è all’insegna dell’equilibrio e dove la differenza la fanno gli episodi e altri pochi particolari». Certo è che se il Verona non vuole gettare via la stagione, c’è solo un risultato possibile a Legnano: la vittoria. «Ed è quello che cercheremo di fare perché non ci sentiamo ancora tagliati fuori da questa corsa», conclude il tecnico veronese. Ieri, intanto, nel test con la Berretti ha giocato pure Tiboni che ha pienamente recuperato dall’influenza. (ass)

- Il capitano: «Proviamo a fare quattro pieni, poi tireremo le somme»
Bellavista spinge l’Hellas verso i play off
di Gianluca Vighini
VERONA - Antonio Bellavista l’ha sempre saputo. «Un giorno avrei vestito la maglia dell’Hellas». Perché? «Non lo so. Ma ogni volta che venivo al Bentegodi mi dicevo: questo un giorno sarà il mio stadio». Tra il centrocampista pugliese e il Verona è stato amore a prima vista. «Un amore forte - racconta Totò - che forse non ho provato nemmeno per Bari, la squadra della mia città. Tanto che mi sembra di aver sempre giocato qui. Sì, è stato davvero un amore immediato. Sono arrivato e la situazione era tragica. Eravamo con un piede e mezzo in C2. E io che mi dicevo: ma com’è possibile che una città come Verona e una squadra come l’Hellas siano ridotti in queste condizioni? Il perché è semplice: il calcio non si fa con il blasone, ma con i programmi seri. E’ inutile dire che sei forte se poi non ci sono le basi. In un modo o nell’altro comunque ci siamo salvati e adesso siamo ancora qui a inseguire un sogno».

Già, il sogno play off, quello che nessuno a Verona vuole mollare, ma quello che ha subìto un duro colpo dopo i risultati di domenica scorsa e il pareggio con la Pro Patria. «L’ho detto ai miei compagni nello spogliatoio: abbiamo il dovere di crederci ma per il solo motivo che nulla è ancora deciso. Ora non dobbiamo più perderne. Anzi, bisogna portare a casa quattro pieni. E dopo l’ultima gara con il Cesena al Bentegodi, faremo i conti. Però dico che abbiamo fatto un grande campionato. La squadra è giovane: unire questi ragazzi non è stato semplice. Essere qui a giocarcela è un piccolo-grande miracolo. Ma se vuoi diventare qualcuno nel calcio c’è solo un modo: devi vincere. E’ il solo modo per essere ricordati. E noi ci proviamo».

L’Osservatorio del Viminale ha disposto la chiusura del settore ospiti del Bentegodi in occasione del derby con il Venezia in programma il 3 maggio. Anche all’andata fu preso analogo provvedimento nei confronti dei veronesi. E ieri la squadra ha sostenuto una doppia seduta all’antistadio. Mancinelli ha lavorato a parte, mentre Tiboni è alle prese con un leggero affaticamento. (ass)

- E sulle voci di fusione preferisce il silenzio: «Ci sono altre cose da fare»
Patròn Martinelli: «Hellas, vietato mollare. Crediamo nei play off»
di Gianluca Vighini
VERONA - Il suo motto, negli affari come nella vita è semplice: poche parole, tanti fatti. Per questo da due mesi a questa parte, da quando cioè ha acquistato l’Hellas, Giovanni Martinelli, ha sempre dribblato abilmente telecamere e taccuini. L’imprenditore di Castelnuovo ha scelto il basso profilo, scatenando però in città una ridda di voci che fino a oggi non sono mai state smentite efficacemente. Come, per esempio, quella della fusione con il Chievo, un argomento su cui soprattutto Campedelli continua a ripetere. «Mai dire mai». Martinelli ha affidato invece il suo pensiero a un comunicato di smentita, ma poi sulla questione è calato il silenzio. E per ora continuerà questo silenzio. Ieri mattina, infatti, il presidente del Verona è stato accolto alla Loggia di Fra’ Giocondo dal presidente della Provincia di Verona Elio Mosele e dall’intera giunta provinciale, ma è stato difficilissimo strappargli qualche battuta sulla questione.

Più semplice, invece farlo parlare sull’attuale momento dell’Hellas, sulle possibilità play off, un sogno ancora possibile nonostante la Spal, nel posticipo di lunedì abbia battuto 4-1 il Legnano portandosi adesso a +5 dagli scaligeri. «Io non mollo e non credo che lo farà la squadra - ha detto Martinelli con piglio deciso -. Finché c’è una speranza noi saremo qui a lottare: guai molare. Certo, meritavamo di vincere la partita con la capolista Pro Patria, una gara preparata in maniera meticolosa. Ai ragazzi non posso dire nulla. Ce l’hanno messa tutta. E poi resta anche una piccola speranza legata alla situazione proprio della Pro Patria. Se venisse penalizzata, noi siamo pronti» Sul futuro, invece Martinelli non si è sbilanciato. «Ne parliamo con serenità a fine campionato. Non c’è nessun problema. Ma ora stiamo concentrati sui nostri obiettivi: i play off sono ancora possibili».

Martinelli ha anche annunciato che il prossimo ritiro del Verona sarà a pochi chilometri dal centro cittadino. L’Hellas infatti andrà a preparare la nuova stagione a Sant’Anna d’Alfaedo, nel cuore della Lessinia. Sintomo che al futuro, il nuovo presidente ci sta pensando eccome. (ass)

FONTE: Leggo.it


- A QUESTO PUNTO AI GIALLOBLÙ DI REMONDINA SERVE SOLTANTO UNA VITTORIA
Hellas, a Legnano l’ultima chiamata per i playoff
Andrea Spiazzi Verona
Tocca vincere. L'Hellas si prepara ad uno dei primi quattro fine settimana di fuoco, partendo oggi per Legnano a cercare la giusta concentrazione. Perchè contro i lilla c'è un solo risultato che conta, la vittoria. I gialloblù hanno l'obbligo di giocare alla morte pur di tornare a casa con tre punti, che permetterebbero di restare agganciati alla speranza playoff. I risultati di Cesena-Lumezzane, Novara-Spal e Pergocrema- Padova, diranno poi se quella speranza sarà qualcosa in più rispetto ad una lotta contro la matematica. Intanto Remondina rimane concentratosulla sfida di domenica contro una formazione che non può mollare se non vuole rischiare l'ultimo posto dopo l'umiliante sconfitta a Ferrara per 4-1. La buona notizia è che il mister gialloblù ha a disposizione tutti gli uomini, eccezion fatta per Mancinelli, Puccio e Vicentini. Rantier ieri in allenamento ha fatto coppia con Girardi: saranno loro a tirare la carretta dal primo minuto, con i subentri, in caso di necessità, di Scapini e Tiboni. Difesa confermata in tronco conCampagna, Ceccarelli, Bergamelli e Pugliese, centrocampo con Garzon, Bellavista (diffidato) e Campisi, salvo ripensamenti in favore di Corrent. Se la grinta sarà quella mostrata con la Pro Patria l'Hellas avrà ottime possibilità di centrare il successo.

FONTE: DNews.eu



- Remondina non fa calcoli «Pensiamo al Legnano»
ALL'INSEGUIMENTO DI UN SOGNO. IL PARI CON LA PRO PATRIA HA FRENATO LA CORSA AI PLAY OFF
«So che dobbiamo andare sempre in campo per fare 3 punti ma solo se vinciamo domani possiamo continuare a sperare»
Il ritornello non cambia. Ancora una volta. «Si va a Legnano per vincere, non possiamo pensare a un altro risultato», attacca Gian Marco Remondina. Quattro partite ancora da giocare, cinque punti da recuperare sulla Spal, tre squadre in mezzo tra i gialloblù e la zona play off.
Bisogna mettere insieme dodici punti e poi guardare i rivali. «Ma in questo momento non voglio fare calcoli - spiega il tecnico dell'Hellas - noi ci crediamo ancora, andiamo avanti su questa strada ma non posso puntare l'obiettivo troppo avanti. Una partita alla volta, solo vincendo a Legnano potremo pensare alle altre partite, quindi in questo momento ho chiesto grande concentrazione ai ragazzi».

Il Legnano è in crisi, lotta per non retrocedere direttamente in Seconda Divisione, nelle ultime settimane sono arrivati ko pesanti, preoccupa la batosta in casa della Spal nel posticipo di lunedì sera, una sconfitta che ha fatto vacillare anche la panchina di Attilio Lombardo. «Ho visto la partita - continua Remondina - non ci stanno tre gol di differenza. Lombardo sta facendo un buon lavoro e la squadra si esprime bene, fa un bel calcio. Sono andati sotto dopo un minuto, contro una squadra sorniona come la Spal ma sono stati bravi a reagire e potevano anche pareggiare, hanno avuto due o tre occasioni importanti. Poi è arrivato il due a zero su punizione e la storia è finita ma ho visto una squadra viva. Tre dei quattro gol sono arrivati su palla inattiva, il portiere ha responsabilità pesanti, il Legnano ha tante giustificazioni. Se qualcuno pensa di fare un solo boccone sbaglia di grosso».

L'Hellas viene dalla bella prestazione con la Pro Patria. La condizione è buona. «Abbiamo fatto una partita gagliarda e meritavamo qualcosa in più - sottolinea Remondina - sono contento di quello che ha fatto vedere la squadra, è mancato solo il risultato. Sicuramente è più facile trovare stimoli giusti quando si gioca con la prima della classe ma noi non possiamo fare differenze». La squadra sta bene, anche i singoli si stanno ritrovando. Ieri pomeriggio hanno lavorato a parte anche Marco Parolo e Antonio Bellavista ma non dovrebbero esserci problemi per domani. «Dobbiamo gestire tutto l'organico - spiega il tecnico - ma in questo momento ho praticamente tutta la squadra a disposizione. Nell'amichevole infrasettimanale è tornato in campo anche Tiboni che ha smaltito l'influenza, può diventare un'alternativa importante durante la partita».

In recupero anche Julien Rantier. «Ha lavorato bene, da solo e in gruppo - aggiunge Remondina - anch'io lo vorrei in campo per 96 minuti». Non ci saranno grandi novità rispetto alla formazione titolare che ha affrontato la sfida con la Pro Patria. Un dubbio a centrocampo dove potrebbe giocare Corrent al posto di Campisi. «Il Legnano ha tanti ragazzi giovani - ammette Remondina senza puntare troppo sui nomi - e il Verona potrebbe presentarsi in campo con una squadra più matura, vorrei premiare l'esperienza per dare più incisività al nostro attacco». Prima la vittoria a Legnano poi radioline accese per sentire i risultati degli scontri diretti. «Ci sono tante squadre in lotta, perderanno qualche punto per strada - conclude - ma prima di tutto dobbiamo fare risultato noi».
Luca Mantovani

FONTE: LArena.it


- Legnano-Hellas Verona: 20 convocati
Due portieri, sette difensori, sei centrocampisti e cinque attaccanti per la 31a giornata di campionato
DORMELETTO - Nella tarda mattinata di sabato, al termine della seduta di rifinitura affrontata presso gli impianti sportivi di Dormeletto (NO), il tecnico Gian Marco Remondina ha reso noti i nomi dei convocati per Legnano-Hellas Verona, in programma domenica 26 aprile alle ore 15:00. Ecco la lista completa in vista della 31a giornata di Prima Divisione (Girone A):

PORTIERI: Franzese, Rafael;
DIFENSORI: Bergamelli, Campagna, Ceccarelli, Moracci, Politti, Pugliese, Sibilano;
CENTROCAMPISTI: Bellavista, Campisi, Corrent, Garzon, Parolo, Vanderhoeght;
ATTACCANTI: Girardi, Gomez, Rantier, Scapini, Tiboni.

- Antistadio, venerdì intenso lavoro tattico per i gialloblù
Grande cura degli aspetti difensivi ed offensivi da parte negli uomini di Remondina nella penultima seduta in vista del Legnano
VERONA - Venerdì pomeriggio, sul campo dell'antistadio, penultima seduta di allenamento della formazione di Remondina in vista di Legnano-Hellas Verona, in programma domenica 26 aprile al "Mari" (fischio d'inizio alle ore 15:00). Il gruppo, dopo alcuni esercizi di mobilità in palestra, ha affrontato lavoro sulla rapidità, per poi passare ad approfondimenti su tattica difensiva ed offensiva. Al termine, partitella a campo ridotto. Differenziato per Bellavista, Mancinelli, Parolo e Vicentini, terapie per Puccio. Sabato la rifinitura (a porte chiuse) presso gli impianti sportivi di Dormeletto (NO).

- Remondina: "Per noi contano solo i tre punti"
"Dobbiamo dare ai nostri giocatori la sensazione di disputare una sfida decisiva come quella con la Pro Patria"
VERONA - A quattro partite dal termine è facile fare tabelle o prevedere ruolini di marcia, ma ogni sfida va affrontata come una finale. L'imperativo dei gialloblù a Legnano è vincere, scongiurando passi falsi che potrebbero rivelarsi fatali nella rincora ai play-off. E' quanto sostenuto dall'allenatore dell'Hellas Gian Marco Remondina, che presso la sala stampa del "Bentegodi" ha incontrato la stampa locale. Hellasverona.it vi propone le dichiarazioni dell'allenatore scaligero.
Come avete trascorso la settimana che potra alla trasferta di Legnano?
"Ritengo che la squadra abbia affrontato dei buoni allenamenti, bisogna trasformare nel corso dei novanta minuti il lavoro svolto in settimana. L'unico obiettivo che abbiamo è quello di vincere."
Per poter ambire ai play-off sono necessarie quattro vittorie.
"Penso alla prima di queste perchè è la più impegnativa, più immediata e determinante per il futuro. Andremo in campo a Legnano consapevoli di dover centrare il successo a tutti i costi."
Cosa teme degli avversari?
"Ho visto la gara con la Spal, in cui hanno perso 4-1 subendo tre reti su calcio da fermo, una su rigore e due su calci piazzati, con qualche responsabilità dell'estremo difensore. Si tratta di una formazione rapida, veloce, frizzante. Magari un pò inesperta, ma lotteranno dal primo all'ultimo minuto perchè hanno bisogno di punti come noi."
Domenica scorsa avete dimostrato di essere in grande condizione.
"C'erano motivazioni importanti, dobbiamo riuscire a dare ai nostri giocatori la sensazione di disputare una sfida decisiva per la stagione come con la Pro Patria."
Sul piano dei singoli ha recuperato Tiboni, che all'andata siglò una tripletta.
"Sì, è rimasto fermo quattro giorni a causa dell'influenza, ora dovrei averlo a disposizione."
E Rantier?
"Julien prosegue nel suo allenamento personalizzato, lavorando con l'obiettivo di restare in campo per tutta la partita."
Fate calcoli in vista del termine della stagione?
"No, pensiamo ad una domenica per volta. Vincere con una squadra che sembra in fase calante non sarà semplice. Dovremo superare le difficoltà per centrare i tre punti, unica cosa fondamentale per le nostre ambizioni."

- Parolo: "Abbiamo un solo risultato a disposizione"
"Domenica la voglia di vincere ci ha spinto molto, andando avanti così potremo far vedere di poter lottare per i play-off"
VERONA - A meno di quarantotto ore dal match col Legnano, valido per la 31a giornata di campionato, il centrocampista Marco Parolo ha incontrato gli organi d'informazione in occasione del consueto spazio interviste. Le speranze di disputare i play-off restano vive, nonostante l'ambiente gialloblù sia consapevole che la formazione di Lombardo cercherà di vendere cara la pelle. Hellasverona.it vi propone le dichiarazioni del trequartista gialloblù.
Com'è andata la settimana di preparazione alla sfida del "Mari"?
"Sapevamo di doverci impegnare mantenendo alta la concentrazione, il mister ha fatto le cose come sempre perchè abbiamo ancora un obiettivo da raggiungere. Conosciamo le difficoltà che ci aspettano, vincendo ogni partita ed in virtù degli scontri diretti potremmo ambire a qualcosa di importante. I nostri avversari lottano per la salvezza, andremo in casa loro per centrare il successo. Abbiamo a disposizione un solo risultato, giochiamocela fino in fondo."
Cosa temere del Legnano?
"Si tratta di una squadra strana, può fare la partita perfetta oppure compiere qualche errore come successo lunedì con la Spal. Ricordo il match d'andata, pure sull'1-4 non mollarono la presa. Qualche elemento di valore ce l'hanno, in casa vorranno dire la loro. Di contro andremo in Lombardia per fare il nostro dovere."
Con la Pro Patria avete dimostrato una condizione che sembrava persa fino a qualche settimana fa.
"In questo periodo possono verificarsi situazioni in cui la brillantezza viene a mancare, a fine stagione i carichi di lavoro si fanno sentire. Domenica la voglia di fare risultato ci ha spinto molto, sapevamo di dover fare la partita per poter sperare in qualcosa di concreto. Andando avanti così potremo far vedere di poter lottare per i play-off."

- Legnano-Hellas Verona, arbitra Meli di Parma
Il direttore di gara sarà coadiuvato dagli assistenti Gaspari (Ancona) e Del Bianco (Macerata)

- Lunedì 27 marketing meeting della Lega Pro
A rappresentare il club di Via Torricelli ci sarà il Responsabile Marketing Lorenzo Orlandi

FONTE: HellasVerona.it


- E se la sopresa fosse Sibilano?
Dopo la rifinitura sui campi sportivi di Dormeletto (Novara) Remondina ha convocato venti giocatori per la sfida di domani contro il Legnano. Per la prima volta dall'inizio del campionato c'è anche il difensore Lorenzo Sibilano, che ieri ha provato nella partitella accanto a Ceccarelli. Corrent favorito su Campisi.

"Sto pensando che un pizzico d'esperienza in più in partite delicate come questa può servire". Una frase, quella pronunciata da Remondina, che ieri aveva fatto pensare al possibile utilizzo di Corrent dal primo minuto al posto di Campisi. Confermato che il capitano è in vantaggio sul più giovane compagno, la vera sorpresa della trasferta di Legnano è la prima convocazione stagionale di Lorenzo Sibilano.

Il difensore, reduce da mesi di inattività, da qualche settimana ha ripreso confidenza con il campo e con il gruppo. Difficile pensare ad un suo impiego, domani, già dal primo minuto, in una gara tanto delicata. Ma un Sibilano con la testa giusta e appena in condizione, in questa categoria, è un giocatore che sicuramente non può restare in panchina.

Per il resto nessuna sopresa: Campagna sarà confermato a destra (Mancinelli riprenderà la prossima settimana), Bellavista sarà il play basso, Parolo il trequartista, Rantier e Girardi la coppia d'attacco. Fischio d'inizio al "Mari" di Legnano, dove il Verona non vince da una vita, fissato per le 15.

- Remondina stavolta non si nasconde: non m'importa come, ma voglio i tre punti
Contro il Legnano sarà importante soprattutto conquistare la vittoria per continuare a sperare nel sogno play-off. Per questo l'allenatore veronese ha ribadito che in questo momento l'unica cosa importante è il risultato

FONTE: TGGialloblu.it



[OFFTOPIC]
ANCHE I RICCHI PIANGONO: Una giornata a porte chiuse al 'Delle Alpi' a causa dei cori razzisti contro BALOTELLI; ogni tanto la legge vale anche per i grandi... Giusto così! BASKET SERIE B: La TEZENIS VERONA soffre ma vince a FAENZA. Ora ci sarà la semifinale contro una fra RECANATI e SENIGALLIA. ARBITRI&VIOLENZA: Giacchetta nera schiafeggiata, sospesa la gara, è successo in terza categoria pugliese. COPPA ITALIA: La SAMP raggiunge in finale la LAZIO. DOPING: CARROZZIERI del PALERMO positivo al test anti coca. FORMULA 1: Vita dura anche in Bahrein per le FERRARI; MASSA torna al kers RAIKKONEN no. CICLISMO: Il campione d'Italia escluso dal Giro! SIMEONI si ribella... MOTOMONDIALE: STONER teme ROSSI. PREMIER LEAGUE: LIVERPOOL e CHELSEA avanti tutta aspettando il MANCHESTER. BUNDESLIGA: Il BAYERN cade in casa contro lo SCHALKE, il WOLFSBURG ha ora la possibilità di portarsi a +6. SERIE B: Il BARI travolge l'ALBINOLEFFE a BERGAMO e porta un piede e mezzo in Serie A. FORMULA 1: La pole è di Jarno! Prima fila tutta TOYOTA con GLOCK al suo fianco. LIGA SPAGNOLA: 10 giornate al difensore merengue PEPE. SUPERBIKE: SPIES conquista la pole con la YAMAHA ad Assen, 10° BIAGGI con l'APRILIA.
ANCHE I RICCHI PIANGONO: Una giornata a porte chiuse al "Delle Alpi" a causa dei cori razzisti contro BALOTELLI; ogni tanto la legge vale anche per i grandi... Giusto così!
- Cori razzisti, da Leo Junior a Balotelli ecco quando la curva odia il nero
Dopo la "condanna" a giocare il match col Lecce a porte chiuse la città si interroga su odi e intolleranze dei supporter più accaniti. Secondo la Digos i tifosi torinesi non sono particolarmente ostili ai giocatori di colore. Ma già negli anni 80 Junior fu accolto da slogan xenofobi. La risposta granata fu: "Meglio negro che juventino"

FONTE: Repubblica.it


BASKET SERIE B: La TEZENIS VERONA soffre ma vince a FAENZA. Ora ci sarà la semifinale contro una fra RECANATI e SENIGALLIA
- Tezenis al cardiopalmo: passa a Faenza e va in semifinale
I giganti di Pippo Faina chiudono subito il conto nei quarti dei playoff espugnando 76-75 il campo delle Bullonerie Riunite Castrocaro. Decisivo il canestro di Matteo Nobile per l'ultimo sorpasso dopo che quattro liberi di Dennis Accini avevano completato la rimonta, riscatto ai 32 punti subiti nel terzo quarto. In semifinale Verona affronterà la vincente di gara-3 fra Recanati e Senigallia

FONTE: TGGialloblu.it



ARBITRI&VIOLENZA: Giacchetta nera schiafeggiata, sospesa la gara, è successo in terza categoria pugliese. COPPA ITALIA: La SAMP raggiunge in finale la LAZIO. DOPING: CARROZZIERI del PALERMO positivo al test anti coca. FORMULA 1: Vita dura anche in Bahrein per le FERRARI; MASSA torna al kers RAIKKONEN no. CICLISMO: Il campione d'Italia escluso dal Giro! SIMEONI si ribella... MOTOMONDIALE: STONER teme ROSSI
- In terza categoria
ARBITRO COLPITO CON UNO SCHIAFFO: SOSPENDE LA GARA
Ennesimo episodio di violenza tra i dilettanti pugliesi, in terza categoria. Durante la gara tra Cagnano Varano e Alexina Lesina l'arbitro è stato schiaffeggiato da un giocatore della squadra di casa ed è stato costretto a sospendere il match.

- Coppa Italia
IBRACADABRA NON BASTA, IN FINALE CI VA LA SAMPDORIA
L’Inter segna dopo 27’, poi non riesce a completare l’impresa. Per Ibra anche un palo Lo svedese fa magie e sfiora il raddoppio in diverse occasioni.

- DOPING
Un test mirato per Carrozzieri: trovato positivo alla cocaina

- FORMULA 1
IERI HA PRESO IL VIA IL WEEKEND DEL GP DI SAKHIR, PER LA FERRARI SARÀ DURA
Massa torna al Kers, Kimi no. Ieri mattina prove libere in vista del gran premio di domenica. Dopo la Lola anche l’Aston Martin pensa di entrare nel Circus. In Bahrein sono preoccupati per il meteo «Gara a rischio per tempeste di sabbia» Previsti 30 gradi di temperatura e venti forza 4

- CICLISMO
IL CAMPIONE D’ITALIA SI RIBELLA ALLA DECISIONE DEGLI ORGANIZZATORI
Simeoni escluso dal Giro: «È uno scandalo»

- MOTOMONDIALE
IERI PRIME PROVE LIBERE
Stoner ha paura di Valentino «Qui a Motegi va fortissimo». Il weekend giapponese dovrà chiarire quali sono i veri rapporti di forza tra la Ducati dell’australiano e la Yamaha del Dottore. Ma Rossi si nasconde «Non è la mia pista preferita, e dobbiamo fare qualche modifica»

FONTE: DNews.eu



PREMIER LEAGUE: LIVERPOOL e CHELSEA avanti tutta aspettando il MANCHESTER. BUNDESLIGA: Il BAYERN cade in casa contro lo SCHALKE, il WOLFSBURG ha ora la possibilità di portarsi a +6. SERIE B: Il BARI travolge l'ALBINOLEFFE a BERGAMO e porta un piede e mezzo in Serie A. FORMULA 1: La pole è di Jarno! Prima fila tutta TOYOTA con GLOCK al suo fianco. LIGA SPAGNOLA: 10 giornate al difensore merengue PEPE. SUPERBIKE: SPIES conquista la pole con la YAMAHA ad Assen, 10° BIAGGI con l'APRILIA.
- Premier, Reds e Chelsea ok. Germania, Bayern nei guai
In attesa di United-Tottenham, il Liverpool passa 3-1 sul campo dell'Hull. Doppietta di Kuyt e sigillo di Xabi Alonso. La squadra di Hiddink va: un gol di Kalou condanna il West Ham. In Bundesliga brutto k.o interno per la squadra di Klinsmann contro lo Schalke: domani il Wolfsburg può portarsi a +6 a cinque giornate dal termine

- Super Barreto, Bari in volo. Per la A bastano due punti
Nel 37° turno di B continua la cavalcata dei pugliesi, che travolgono 4-1 l'AlbinoLeffe a Bergamo: due gol del brasiliano, poi Parisi e Guberti. Cade il Livorno in casa col Modena, risale il Sassuolo. Pareggiano Brescia ed Empoli, vittorie anche per Grosseto, Avellino e Treviso

- Jarno: "Dedica all'Abruzzo". Felipe: "Cresciuti, ma è dura"
L'italiano esulta per la pole: "Bello per la Toyota e per la gente della mia regione. E dire che avevo problemi alla macchina". In casa Ferrari delusione a metà. Massa: "C'è da lavorare anche se essere tra i primi 10 non è male". Raikkonen: "Conterà la strategia"

- Bahrain, festa tutta Toyota. Trulli in pole, poi c'è Glock
Nelle qualifiche del quarto GP stagionale l'abruzzese precede il compagno di squadra. Poi Vettel e il leader iridato Button. Hamilton quinto. Le Ferrari migliorano: Massa è ottavo, Raikkonen 10°

- Pepe, la follia costa cara. Dieci partite di squalifica
Stagione finita per il difensore del Real Madrid, punito duramente dopo la follia di cui si era reso protagonista nella sfida contro il Getafe, quando aveva scalciato Casquero, preso a pugni Albin e insultato la terna arbitrale. Lunedì le merengues decideranno se fare ricorso

- Spies mette tutti in fila. Aprilia decima con Biaggi
Ad Assen il texano della Yamaha ha sbriciolato il primato della pista che apparteneva a Troy Bayliss della Ducati, che però piazza bene Smrz. Bene anche Haslam, mentre il giapponese Haga è solo quarto

FONTE: Gazzetta.it
Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Maglie HELLAS su eBay

Gadget dell'Hellas Verona su Amazon!



#CesenaVerona Setti

Il Verona è in Serie A

Wallpapers gallery