MARTINELLI Che coraggio! Altra dichiarazione 'forte' del Presidente che baratterebbe la B dell'HELLAS potendo in cambio debellare il razzismo in Curva

MARTINELLI MI PIACE OGNI GIORNO DI PIU': Sedersi sul trono dell'HELLAS VERONA non è facile per nessuno non tanto e non solo per la quantità di soldi che solitamente si devono sborsare ma perchè il margine di rischio nel calcio, diversamente che in altri tipi di aziende, è molto più alto. In tutto questo si inserisce anche la 'variabile' tifosi, sempre meno incidenti per quanto riguarda le entrate economiche di una moderna società calcistica e sempre più un problema da tenere sotto controllo onde evitare squalifiche del campo, multe e quant'altro. In un ambiente come quello scaligero, piagato da anni da mediocri risultati sportivi, dirigenti incompetenti e affaristi poi smascherati, il tutto è amplificato all'enesima potenza e sarebbe quindi capibile (forse addirittura giustificabile) un presidente che andasse 'leggero' su argomenti quali razzismo e xenofobia che da sempre penalizzano la nostra tifoseria e di riflesso anche la nostra squadra e invece... Invece no, MARTINELLI ha messo in chiaro le cose fin da subito e alla domanda se avesse da scegliere tra la promozione in B o il debellare totalmente il razzismo dallo tifoseria scaligera risponde sicuro: «Senza dubbio la seconda». Beh... Ci vuole coraggioa parlare così! Sopratutto a Verona e sopratutto dopo i cori di sostegno agli 8 ultrà arrestati per l'aggressione in Piazzetta Viviani di Domenica scorsa «Ognuno è libero di pensarla come vuole ma a me ha impressionato la bordata di fischi che si sono sentiti sopra. Segno che qualcosa sta cambiando. Io spero di contribuire in maniera forte, portando avanti un progetto di rilancio a 360°. Non dimentichiamo che è anche un danno economico forte per la società». Che vuole che le dica signor Giovanni... Io l'ammiro molto e per parte mia farò di tutto per aiutarLa a sostenere le Sue idee che sono anche le mie però temo che quei (sacrosanti) fischi non siano segno di cambiamento quanto piuttosto di una 'temporanea indignazione' che verrà meno in occasione di partite meno 'importanti' di quella con la Cremonese, in trasferta dove vanno meno persone e in definitiva finchè lo stadio rimarrà un mondo a parte dove urlare qualunque cosa ben protetti da migliaia di persone senza mai pagare... Spero di sbagliarmi, spero davvero che abbia ragione lei, per il momento proseguirò nel mio esilio volontario e nel frattempo vorrei augurarLe ogni fortuna e dirle che 'se il buongiorno si vede dal mattino' con Lei abbiamo sicuramente imboccato la strada giusta per riportare la gente allo stadio e far si che quest'ultimo torni ad essere esclusivamente un luogo di divertimento e aggregazione per tutti gli appassionati di qualunque colore, fede politica o religiosa essi siano.
STIMO MARTINELLI OGNI GIORNO DI PIU': Sedersi sul trono dell'HELLAS VERONA non è facile per nessuno non tanto e non solo per la quantità di soldi che solitamente si devono sborsare ma perchè il margine di rischio nel calcio, diversamente che in altri tipi di aziende, è molto più alto. In tutto questo si inserisce anche la 'variabile' tifosi, sempre meno incidenti per quanto riguarda le entrate economiche di una moderna società calcistica e sempre più un problema da tenere sotto controllo onde evitare squalifiche del campo, multe e quant'altro. In un ambiente come quello scaligero, piagato da anni da mediocri risultati sportivi, dirigenti incompetenti e affaristi poi smascherati, il tutto è amplificato all'enesima potenza e sarebbe quindi capibile (forse addirittura giustificabile) un presidente che andasse 'leggero' su argomenti quali razzismo e xenofobia che da sempre penalizzano la nostra tifoseria e di riflesso anche la nostra squadra e invece... Invece no, MARTINELLI ha messo in chiaro le cose fin da subito e alla domanda se avesse da scegliere tra la promozione in B o il debellare totalmente il razzismo dallo tifoseria scaligera risponde sicuro: «Senza dubbio la seconda». Beh... Ci vuole coraggioa parlare così! Sopratutto a Verona e sopratutto dopo i cori di sostegno agli 8 ultrà arrestati per l'aggressione in Piazzetta Viviani di Domenica scorsa «Ognuno è libero di pensarla come vuole ma a me ha impressionato la bordata di fischi che si sono sentiti sopra. Segno che qualcosa sta cambiando. Io spero di contribuire in maniera forte, portando avanti un progetto di rilancio a 360°. Non dimentichiamo che è anche un danno economico forte per la società». Che vuole che le dica signor Giovanni... Io l'ammiro molto e per parte mia farò di tutto per aiutarLa a sostenere le Sue idee che sono anche le mie però temo che quei (sacrosanti) fischi non siano segno di cambiamento quanto piuttosto di una 'temporanea indignazione' che verrà meno in occasione di partite meno 'importanti' di quella con la Cremonese, in trasferta dove vanno meno persone e in definitiva finchè lo stadio rimarrà un mondo a parte dove urlare qualunque cosa ben protetti da migliaia di persone senza mai pagare... Spero di sbagliarmi, spero davvero che abbia ragione lei, per il momento proseguirò nel mio esilio volontario e nel frattempo vorrei augurarLe ogni fortuna e dirle che 'se il buongiorno si vede dal mattino' con Lei abbiamo sicuramente imboccato la strada giusta per riportare la gente allo stadio e far si che quest'ultimo torni ad essere esclusivamente un luogo di divertimento e aggregazione per tutti gli appassionati di qualunque colore, fede politica o religiosa essi siano. [COMMENTA]

Hellas Verona 0-1 Padova 28 Settembre 2008 (foto 640x480 pixel)


'MARETTA' IN CASA PADOVA: I prossimi avversari dell'HELLAS, che all'andata vinsero dopo una partitaccia grazie ad un tiro in porta contro i pressochè zero del VERONA, non stanno attraversando un momento felice. Sono stati sconfitti da Lumezzane e Pro Sesto e nonostante gli investimenti della dirigenza che ha assunto un nuovo allenatore (TESSER ex Triestina, Ascoli e Mantova), un nuovo diesse (TOSI, ex Modena e Torino) e pure nuovi giocatori con 'nomi' di grido (fra tutti CESAR e PATRASCU) la squadra biancoscudata è ancora fuori dai play-off. CESTARO, il patròn dei biancorossi, ovviamente non ci stà e scuote l'ambiente indicando il derby di Domenica prossima come la partita della svolta; o la va o la spacca: «Questa squadra deve farsi perdonare dai suoi tifosi per le ultime prestazioni in trasferta. Domenica vi seguirò da vicino sedendomi in panchina al fianco del mister. Pretendo da tutti l'impegno e l'abnegazione di chi avrà l'onore di indossare la gloriosa maglia del Centenario, per giunta in una sfida così sentita come il derby con il Verona» Per quanto riguarda l'infermeria, Detrassi e Di Nardo hanno recuperato e a breve dovrebbe tornare ad allenarsi con il pallone il portiere Facchin. Per la gara con l'Hellas il giudice sportivo ha squalificato per un turno Filippini e Fiasca. [COMMENTA]

Sondaggio a risposta singola
Come giudichi le frasi di MARTINELLI che sul tema del razzismo invitano la piazza a cambiare registro?
Era ora che i vertici scaligeri prendessero le distanze da un certo modo di fare tifo
Frase coraggiosa da parte del presidente pero' intempestiva: cosi' corre il rischio di inimicarsi una parte importante del tifo scaligero
Il nuovo patron ha perso una buona occasione per stare zitto: che parlino prima i risultati!


I contributi filmati del TGGialloblù
- GIUSEPPE PUGLIESE: IL SERVIZIO
- SINTESI VERONA-CREMONESE 2-3
- COLUCCI: ECCO TUTTA LA VERITA'
- BELLAVISTA: DISPIACE PER I TIFOSI
- BELLAVISTA: OCCASIONE SPRECATA
- GIRARDI: DOPPIETTA INUTILE
- REMONDINA: TROPPI ERRORI
- RANTIER: ESPULSIONE INGIUSTA

[ALTRE NEWS]
RANTIER «L’arbitro mi ha espulso per compensare i due rossi mostrati alla Cremonese, questo è sicuro».
BELLAVISTA «Dispiace aver vanificato la ventata d’entusiasmo che si è creata. Ora, di certo, non abbiamo più alibi».
PUGLIESE "Verona è una grande opportunità. Il mio è stato un triplice salto: quella scaligera non è una piazza da Prima Divisione ma da Serie A, una partita mi è bastata per capire il clima che si vive al 'Bentegodi'. Un pubblico spettacolare."
GARZON "Conosciamo il valore del nostro avversario di Domenica, dotato di qualità a sufficienza per vincere il campionato. Noi veniamo da due sconfitte consecutive, le motivazioni devono venire da sole. In modo da dimostrare alla società ed alla gente che non siamo quelli visti domenica."
ALLENAMENTO DI IERI: Al mattino i gialloblù hanno affrontato esercizi sul lavoro di forza in palestra e resistenza alla velocità. Nel pomeriggio seduta caratterizzata da riscaldamento tecnico, possesso palla e partitelle a tema. Differenziato per Luca CECCARELLI, Gabriele PUCCIO, Nicola Corrent e Jarkko Hurme, terapie per Matteo SCAPINI.
OGGI POMERIGGIO AMICHEVOLE COL KAISERSLAUTERN presso gli impianti sportivi del Golf Hotel Paradiso di Peschiera del Garda (VR).
MINI ABBONAMENTI: Dopo la prima giornata sono 232 le tessere sottoscritte. [COMMENTA]



[IN BREVE]
VITA DA EX: TOMMASI il 'Giramondo' alla conquista della Cina, giocherà nel TIANJIN TEDA.
ITALIA 0-2 BRASILE: Gli azzurri troppo brutti per essere veri, difesa scandalosa ma ROBINHO che spettacolo. LIPPI: «Per adesso sono più forti loro. Ne riparliamo tra 18 mesi»
FORMULA 1: FERRARI ancora nei guai per colpa del KERS ma MOSLEY non sente ragioni...
MOTOCICLISMO: Brutta caduta per SCHUMACHER che ha anche perso conoscenza ma BIAGGI l'aveva avvertito...
CICLISMO: Il CONI inchioda VALVERDE per doping.
MOTOCROSS FREESTYLE: Morto LUSK dopo un tragico salto di 10 metri.
IPPICA: Coca ai cavalli? E' permesso ma fino a 20 nanogrammi poi è doping!
COPPA LIBERTADORES: Parte la versione sudamericana della Champions League che si concluderà ad estate inoltrata. BOCA e SAN PAOLO le favorite.
CHELSEA F.C.: Ufficiale l'avvento di HIDDINK sulla panchina lasciata da SCOLARI; si alternerà fra nazionale russa e Premier League in attesa di ANCELOTTI.
SCI: Potrebbe essere l'ultima stagione per Bode MILLER.
GIOCHI MALE? NON TI PAGO! Succede a Perugia dove gli stipendi sono stati bloccati. Chissà come l'ha presa SARRI... [COMMENTA]

Commenta l'articolo:oppure




GIOCO PRONOSTICI:
Campionessa di giornata l'incredibile Bridget che, ve lo assicuro, non capendone 'na mazza butta giù i pronostici totalmente a caso UAUAUA Un punto dietro si fermano Black e Mister Loyal.

Con 2 punti Gabri, MR31032001 e RougeHellas sono invece sfigadoni di oggi.

Nella classifica generale RobRoy rimane sempre in testa inseguito, per ora vanamente, da Bruni. Martino al 3° posto ed un punto sotto troviamo Boro e Gabri. Si infiamma la 'zona retrocessione' dove in 4 punti lottano 4 giocatori oltre a me: Mister Loyal, Ale90HVr, Black e RougeHellas !


Gioco pronostici B/=\S 2008/2009
GiocatorePunti
RobRoy95
Bruni91
Martino85
Boro, Gabri84
Bubu7783
MR31032001, Pose Gialloblu82
Bridget79
Mister Loyal, Smarso76
Ale90HVr, Black74
RougeHellas72


ALBO D'ORO CAMPIONI
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)


Puoi commentare questo articolo sul forum BONDOLA/=\SMARSA oppure in coda a questo post per aprire magari uno scambio di opinioni... Con la prima di campionato è ripartito il gioco pronostici B/=\S: l'anno scorso la spuntò BRUNI per un solo, misero punto! (fra l'altro preso alla rubentina) Brucia ancora ma, anche quest'anno ci sarà da giocarsela! Che aspettate dunque? Si potrà giocare fino all'inizio delle partite!





- Martinelli: "Meglio battere il razzismo che la serie B"
Il dolce arriva alla fine. Provochiamo il neopresidente dell’Hellas Giovanni Martinelli con una domanda diretta. Dovesse scegliere tra la promozione in B e l’aver debellato totalmente il razzismo dallo tifoseria scaligera? «Senza dubbio la seconda». Da scudetto, una risposta da scudetto per il neopatron che ha acquisito il Verona e si è gettato nell’impresa di cambiare la nomea dei tifosi scaligeri. «Il problema del razzismo allo stadio Bentegodi è sempre presente - ci dice - non credo sia stato solo ingigantito dai media. Anzi forse è stato messo in risalto, ma esiste e va combattuto. All’esordio in casa abbiamo cominciato il progetto “Tifo Sportivo”, portando il settore giovanile a sfilare prima del match. Il risultato non ci ha dato la gioia sperata, ma vedere 15mila persone applaudire è stato confortante ». Alcuni cori per gli arresti degli otto presunti colpevoli del pestaggio al Saval si sono uditi: «Ognuno è libero di pensarla come vuole - continua - ma a me ha impressionato la bordata di fischi che si sono sentiti sopra. Segno che qualcosa sta cambiando. Io spero di contribuire in maniera forte, portando avanti un progetto di rilancio a 360°. Non dimentichiamo che è anche un danno economico forte per la società». (Andrea Pistore)

FONTE: MetroNews.it

- HELLAS
Rantier punito con due giornate Corrent si ferma per stiramento
Julien Rantier è stato squalificato per due giornate dal giudice sportivo. L’attaccante gialloblù era stato protagonista di un fallo in corsa sul portiere Paoloni durante la gara con la Cremonese. La pesante sanzione è stata comminata quindi "per aver intenzionalmente colpito con un calcio alla nuca il portiere della squadra avversaria che era in possesso del pallone". Si tratta di un brutto colpo in casa Hellas, che contava sulle doti del francese per poter compiere un salto di qualità, mentre oradovrà farnea menonelle prossime due partite a Padova ed in casa col Pergocrema. I padovani dal canto loro dovranno rinunciare agli squalificati Faisca e Filippini.

La società gialloblù ha intanto deciso di anticipare la riapertura dei mini abbonamenti coi quali si potrà assistere alle ultime sette gare casalinghe. Da oggi fino a venerdì dalle 15 alle 19, poi sabato e lunedì prossimi dalle 10 alle 13 allo sportello 1 del Bentegodi sarà possibile sottoscrivere le tessere a questi prezzi: poltronissime J solo intero 180 euro, poltronissime intero 90 euro, under 16 ed over 60 45 euro, under 14 10 euro, poltrone 80, 35 e 10 euro, tribuna superiore ovest 65, 25 e 10 euro, curva sud 45, 25 e 10 euro. Ieri la squadra si è allenata, differenziato per Ceccarelli e Scapini, terapie per Hurme, Puccio e Corrent: il capitano ha infatti accusato una distrazione muscolare allacosciasinistra.

FONTE: DNews.eu


- E Rantier (due turni) salta il derby
Bellavista: «Hellas, basta con gli alibi»
Una mazzata. Il giudice sportivo ha squalificato Rantier per due giornate. E’ costato salato il “rosso” con la Cremonese. Per l’attaccante dell’Hellas una punizione eccessiva. «L’arbitro mi ha espulso per compensare i due rossi mostrati alla Cremonese, questo è sicuro», ha spiegato il francese appena arrivato in gialloblù. L’arbitro Tasso, tra l’altro, nel referto ha scritto che Rantier ha colpito il portiere Paoloni sulla nuca, mentre le immagini televisive dimostrano che il contatto c’è stato, ma il portiere ha sbattuto la faccia contro il piede del giocatore scaligero, in uno scontro che appare fortuito e non volontario.
Anche per questo la società ha deciso di presentare ricorso. Rantier, comunque, sarà sicuramente assente nel derby di domenica a Padova. Intanto le due sconfitte consecutive hanno allontanato il Verona dalla zona play off. E questo proprio nel momento in cui si è insediata la nuova società che è giunta a risolvere tutti i problemi economici. «E noi non l’abbiamo sicuramente ripagata», dice con la consueta sincerità Antonio Bellavista, che aggiunge «Dispiace aver vanificato la ventata d’entusiasmo che si è creata. Ora, di certo, non abbiamo più alibi».

FONTE: Leggo.it


Cestaro alza la voce «Vado io in panchina»
QUI PADOVA. LA SCONFITTA DI SESTO SAN GIOVANNI HA FATTO ARRABBIARE IL PATRON BIANCOSCUDATO CHE HA INCONTRATO I GIOCATORI E LO STAFF TECNICO A BRESSEO
Luna storta sotto i cieli di Padova. La situazione non è certo delle migliori. Perché quando investi sul mercato ma i risultati non arrivano, il boccone amaro rischia di rimanerti in gola. E a Padova fino ad oggi è andata così. Allenatore nuovo: Attilio Tesser, ex Triestina, Ascoli e mantova. Direttore nuovo: Doriano Tosi, ex Modena e Torino. Nomi importanti, gente nuova. Tra gli altri anche gli ex del Chievo Cesar e Patrascu. Eppure non è tutto oro quello che luccica.
Manca ancora l'equilibrio giusto. E i risultati tardano ad arrivare.

Per essere chiari: il derby di domenica contro il Verona diventa per i biancorossi partita della vita. Prendere o lasciare. Dentro o fuori. Dici: i play off sono lì ad un passo. Un solo punto. Vero anche questo. Ma la discontinuità dei padovani non fa bene alle coronarie dei tifosi biancorossi. Per intendersi: nelle quattro partite giocate nel girone di ritorno, la squadra di Tesser ha raccolto quattro punti. Pochi per un club che possiede potenzialità importanti e ambizione. Il Padova ha pareggiato in casa con il Legnano, ha vinto d'orgoglio contro il Novara ma in trasferta ha raccolto solo un pugno di mosche: zero punti contro Lumezzane e ProSesto.

La sconfitta di Sesto San Giovanni brucia ancora e ieri il presidente Marcello Cestaro ha ritenuto opportuno fare visita ai suoi ragazzi al centro sportivo di Bresseo. «Questa squadra deve farsi perdonare dai suoi tifosi per le ultime prestazioni in trasferta - ha detto il patron -. Domenica vi seguirò da vicino sedendomi in panchina al fianco del mister. Pretendo da tutti l'impegno e l'abnegazione di chi avrà l'onore di indossare la gloriosa maglia del Centenario, per giunta in una sfida così sentita come il derby con il Verona». Per quanto riguarda l'infermeria, Detrassi e Di Nardo hanno recuperato. Mentre a breve dovrebbe tornare ad allenarsi con il pallone il portiere Facchin. Per la gara con l'Hellas il giudice sportivo ha squalificato per un turno Filippini e Fiasca, costretti a fare da spettatori nel giorno del derby con i gialloblù di Remondina.

FONTE: LArena.it

- Pugliese: "Verona è una grande opportunità"
"Attraverso il lavoro e con grande impegno cercherò di ripagare la fiducia riposta in me"
A pochi giorni dal suo arrivo in gialloblù, Giuseppe Pugliese ha indossato la maglia da titolare ed è sceso in campo con la Cremonese. Nonostante la buona prestazione personale del terzino, l’Hellas non è riuscito a centrare i tre punti: il prossimo banco di prova, il Padova, avrà un valore ancor più rilevante per gli obiettivi della squadra di Remondina. Hellasverona.it vi propone le dichiarazioni del difensore gialloblù davanti alle telecamere di Telenuovo.

Ad una settimana dal tuo arrivo a Verona, cosa puoi raccontare del tuo trasferimento?
"Il mio è stato un triplice salto: quella scaligera non è una piazza da Prima Divisione ma da Serie A, una partita mi è bastata per capire il clima che si vive al "Bentegodi". Un pubblico spettacolare."
I tifosi del Monopoli non hanno nascosto il loro dispiacere in seguito alla tua cessione.
"Ho indossato quella maglia per quattro anni comportandomi abbastanza bene, la tifoseria ci teneva particolarmente. Quest’anno avevo i gradi di capitano, il loro sconforto è comprensibile. La maggior parte dei sostenitori pugliesi è comunque contenta per me, giocare a Verona è una grandissima opportunità."
Nella squadra gialloblù militano molti altri baresi.
"In effetti l’inserimento nella squadra è stato agevolato da questo fattore, mi sento un pò a casa."
Che gruppo hai trovato qui a Verona?
"I giovani hanno tanta voglia di emergere ed arrivare più in alto possibile. Si tratta di un bell’insieme di giocatori, quelli esperti cercando di essere un esempio per gli altri. Vedo entusiasmo e voglia di portare l’Hellas dove merita. Impegnamoci domenica dopo domenica, ed alla fine tireremo le somme."
La società ha fiducia in te: questo è testimoniato dall’acquisizione a titolo definitivo del tuo cartellino.
"Attraverso il lavoro e con grande impegno cercherò di ripagare la fiducia riposta in me, farò il più possibile per aiutare i compagni e rendermi utile."

- Garzon: "Le motivazioni devono venire da sole"
"Dimostriamo alla società ed alla gente che non siamo quelli visti domenica scorsa"
Dopo aver scontato un turno di squalifica in occasione della gara casalinga con la Cremonese, il centrocampista dell’Hellas Verona Stefano Garzon torna a disposizione di Gian Marco Remondina. Al termine della seduta mattutina affrontata mercoledì presso gli impianti di Via Sogare, Garzon ha rilasciato un’intervista al giornalista de L’Arena Luca Mantovani. Hellasverona.it vi propone le dichiarazioni del centrocampista gialloblù.

Si soffre maggiormente assistendo alle partite dagli spalti?
"Sicuramente sì, quella di domenica era una sfida particolare, la prima del nostro nuovo Presidente. Con la maglia grigiorossa ho giocato due anni, mi sono trovato alla grande, viverla da fuori provoca ancora più tensione. Senza dimenticare il valore legato alla situazione di classifica."
Sei stato l’ultimo gialloblù a realizzare una rete da tre punti.
"Ripetersi col Padova sarebbe un sogno, negli ultimi due match siamo riusciti a segnare parecchi gol senza portare a casa nulla. Girardi si è sempre allenato alla grande, meritava un momento fortunato come questo anche se resta il rammarico di non aver raccolto risultati."
Da veronese come vivi quest’avventura con la casacca dell’Hellas?
"Ogni settimana sento emozioni diverse, tutte le partite hanno stimoli particolari. Senza parlare della salvezza dell’anno scorso, posso dire che in ultimamente venivamo da un momento positivo. Sono convinto che la squadra abbia le potenzialità necessarie per superare le difficoltà nel migliore dei modi."
Gli obiettivi iniziali sono stati ridimensionati?
"Siamo partiti frenati perchè mancava la consapevolezza dei nostri mezzi, un organico giovane non sa dove può arrivare. I risultati permettono di acquisire fiducia, bisogna capire che una volta abbassata la guardia diventiamo una formazione come le altre."
Quanto è importante in quest’ottica la partita col Padova?
"Conosciamo il valore del nostro avversario, dotato di qualità a sufficienza per vincere il campionato. Noi veniamo da due sconfitte consecutive, le motivazioni devono venire da sole. In modo da dimostrare alla società ed alla gente che non siamo quelli visti domenica."

- Mercoledì doppia seduta di allenamento
Lavoro di forza in palestra e resistenza alla velocità al mattino, possesso palla e partitelle nel pomeriggio
Mercoledì doppia seduta di allenamento per la squadra scaligera in vista della sfida col Padova. Al mattino i gialloblù hanno affrontato esercizi sul lavoro di forza in palestra e resistenza alla velocità sul campo di Via Sogare. Nel pomeriggio, sempre presso gli impianti di Via Sogare, seduta caratterizzata da riscaldamento tecnico, possesso palla e partitelle a tema. Differenziato per Luca Ceccarelli, Gabriele Puccio, Nicola Corrent e Jarkko Hurme, terapie per Matteo Scapini. Giovedì pomeriggio partitella di allenamento con la formazione tedesca del Kaiserslautern presso gli impianti sportivi del Golf Hotel Paradiso di Peschiera del Garda (VR).

- Mini-abbonamenti, terminata la prima giornata
232 le sottoscrizioni effettuate mercoledì presso lo sportello n. 1 dello stadio "Bentegodi"

- Squalifica Rantier: ricorso dell'Hellas Verona
L'attaccante francese era stato espulso nel finale del match di domenica scorsa con la Cremonese

FONTE: HellasVerona.it


- Pugliese: l'Hellas è l'occasione della vita
L'ex difensore del Monopoli si racconta ai microfoni di Tggialloblu.it. "Essere arrivato in una piazza importante come quella di Verona è un sogno che si realizza. Sono molto contento di questa nuova avventura e della possibilità che mi hanno offerto il presidente Martinelli e il direttore Ficcadenti - ha dichiarato - Darò sempre il massimo per l'Hellas e spero di contribuire a portare il Verona dove gli compete".
Remondina gli ha dato subito fiducia, preferendolo a Moracci, e lui l'ha ripagato con una buona prestazione. Buona la prima per l'ex capitano del Monopoli, Giuseppe Pugliese. "Personalmente sono abbastanza soddisfatto della mia prestazione personale - ha commentato - ma speravo di vincere contro la Cremonese, sia per la nuova società sia per i miei nuovi tifosi"

Pugliese si è vincolato alla società di via Torricelli per altre due stagioni. "Appena sono venuto a conoscenza dell'interessamento dell'Hellas, non ci ho pensato due volte e ho subito accettato l'offerta - ha raccontato - Ho lasciato Monopoli, dove sono stato quattro anni e ho instaurato un bellissimo rapporto con i tifosi, che hanno capito la mia scelta. Questa per me è l'occasione della vita". A Verona ha trovato tanti compaesani come Anaclerio, Bellavista, Loseto e Sibilano. "Questo mi ha aiutato ad inserirmi nel nuovo gruppo, tutti ragazzi che lavorano sempre bene durante la settimana, un gruppo unito, che mi ha accolto molto bene".

- Padova in crisi, Cestaro inferocito: vado in panchina e se perdono li prendo a calci nel sedere
Il presidente dei biancoscudati a rapporto dalla squadra dopo la sconfitta con la Pro Sesto. "Domenica indosseremo la maglia del centenario, va onorata". Proprio con il Verona la prima amichevole della squadra padovana un secolo fa.
Scatenato. il presidente del Padova Marcello Cestaro non ne può più della squadra biancoscudata, delle sconfitte, dei cambi d'allenatore senza avere risultati, dei milioni di euro persi. Dopo la sconfitta per 2-0 contro la Pro Sesto, dopo soprattutto la rivoluzione di gennaio con l'arrivo di pezzi da 90 come Patrascu e Cesar, Cestaro riteneva che la sua squadra potesse veleggiare senza problemi verso le zone alte della classifica.

Invece il Padova è ancora un'incompiuta e l'arrivo di Tesser al posto di Sabatini non ha avuto nessun effetto. Ecco perchè il presidente padovano è sbottato. "Domenica" ha detto "vado in panchina. E stavolta in caso di sconfitta prendo tutti a calci nel sedere". Il Padova indosserà contro il Verona la maglia del centenario. Fu proprio contro il Verona, un secolo fa, la prima amichevole dei biancoscudati. "E' un derby importante" ha detto Cestaro e questa maglia va onorata. Non tollero più questa situazione. E non sono più disposto a farmi prendere in giro".

FONTE: TGGialloblu.it



[OFFTOPIC]
VITA DA EX: TOMMASI il 'Giramondo' alla conquista della Cina, giocherà nel TIANJIN TEDA. ITALIA 0-2 BRASILE: Gli azzurri troppo brutti per essere veri, difesa scandalosa ma ROBINHO che spettacolo. LIPPI: «Per adesso sono più forti loro. Ne riparliamo tra 18 mesi» FORMULA 1: FERRARI ancora nei guai per colpa del KERS ma MOSLEY non sente ragioni... MOTOCICLISMO: Brutta caduta per SCHUMACHER che ha anche perso conoscenza ma BIAGGI l'aveva avvertito... CICLISMO: Il CONI inchioda VALVERDE per doping. MOTOCROSS FREESTYLE: Morto LUSK dopo un tragico salto di 10 metri. IPPICA: Coca ai cavalli? E' permesso ma fino a 20 nanogrammi poi è doping! COPPALIBERTADORES: Parte la versione sudamericana della Champions League che si concluderà ad estate inoltrata. BOCA e SAN PAOLO le favorite. CHELSEA: Ufficiale l'avvento di HIDDINK sulla panchina lasciata da SCOLARI; si alternerà fra nazionale russa e Premier League in attesa di ANCELOTTI. SCI: Potrebbe essere l'ultima stagione per Bode MILLER. GIOCHI MALE? NON TI PAGO! Succede a Perugia dove gli stipendi sono stati bloccati. Chissà come l'ha presa SARRI...
VITA DA EX: TOMMASI il 'Giramondo' alla conquista della Cina, giocherà nel TIANJIN TEDA. ITALIA 0-2 BRASILE: Gli azzurri troppo brutti per essere veri, difesa scandalosa ma ROBINHO che spettacolo. LIPPI: «Per adesso sono più forti loro. Ne riparliamo tra 18 mesi» FORMULA 1: FERRARI ancora nei guai per colpa del KERS ma MOSLEY non sente ragioni...
- Cina
L’EX ROMA TOMMASI VA AL TIANJIN TEDA ADESSO È UFFICIALE
L’ex centrocampista della Roma Damiano Tommasi, 34 anni, giocherà in Cina con il Tianjin Teda. La notizia, che si era diffusa già da qualche giorno, è stata ufficializzata ieri dal club. Il giocatore sarà presentato giovedì.

- LO SPETTACOLO È VERDEORO
ITALIA INERME E POCO INCISIVA
Amichevole >> Nel big match di Londra azzurri in ginocchio già nel primo tempo. Robinho protagonista. L‘attaccante del City serve l’assist a Elano e poi firma il raddoppio

- DOPO GARA
IL TECNICO MARCELLO LIPPI NON CERCA SCUSE PER LA NETTA SCONFITTA
«Per adesso sono più forti loro» Brucia la brutta battuta d’arresto nella gara di ieri contro il Brasile, ma il ct dà l’appuntamento ai mondiali del 2010: «Ne
riparliamo tra 18 mesi». Il ct saluta il record e si ferma a 31 gare senza sconfitte


- FORMULA 1
DISPOSITIVO IN PANNE SULLA ROSSA DI MASSA
Il Kers si rompe sulla Ferrari ma Mosley difende la scelta

FONTE: DNews.eu


MOTOCICLISMO: Brutta caduta per SCHUMACHER che ha anche perso conoscenza ma BIAGGI l'aveva avvertito... CICLISMO: Il CONI inchioda VALVERDE per doping. MOTOCROSS FREESTYLE: Morto LUSK dopo un tragico salto di 10 metri. IPPICA: Coca ai cavalli? E' permesso ma fino a 20 nanogrammi poi è doping! COPPA LIBERTADORES: Parte la versione sudamericana della Champions League che si concluderà ad estate inoltrata. BOCA e SAN PAOLO le favorite. CHELSEA F.C.: Ufficiale l'avvento di HIDDINK sulla panchina lasciata da SCOLARI; si alternerà fra nazionale russa e Premier League in attesa di ANCELOTTI. SCI: Potrebbe essere l'ultima stagione per Bode MILLER.
- Schumi, spavento in moto! Caduta e qualche botta
L'ex ferrarista stava provando in Spagna una Honda 1000 CBR in vista del prossimo campionato Superbike tedesco: portato in ospedale per accertamenti si è poi ripreso. Escluse lesioni gravi

- Il Coni inchioda Valverde "Quel sangue è suo"
Doping: clamorosa riapertura del caso legato al corridore spagnolo. Un controllo del Coni, effettuato in occasione della tappa del Tour 2008 a Prato Nevoso, avrebbe accertato la corrispondenza tra il Dna del ciclista e quello della famosa sacca 18 sequestrata nello studio del dottor Fuentes nell'ambito dell'Operacion Puerto

- Tragico salto in Costa Rica. Muore un pilota di freestyle
Jeremy Lusk, 24enne statunitense, già vincitore di diverse medaglie agli X-Games è morto in seguito ad una caduta da circa 10 metri dopo un salto

- Cocaina ai cavalli? Sì grazie
La struttura antidoping Unirelab, per voce del direttore generale, prende un'inizitiva che fa discutere: "Non considerate positivi i casi fino a 20 nanogrammi"

- Libertadores al via. Tra sette giorni le big
E' iniziata ieri sera la lunga maratona della Champions League latinoamericana, che si concluderà a estate inoltrata, dopo trasferte spesso lunghe e faticose per i cambi di clima o per la turbolenza delle tifoserie. Boca e San Paolo restano le favorite

- Hiddink, part time d'oro in attesa di Ancelotti
L'allenatore si alternerà fra le panchine della Nazionale russa e del Chelsea, incassando circa 2,8 milioni di euro. Il dirigente rossonero Gandini: "Il nostro tecnico potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi Blues, se la panchina fosse libera a luglio". Esonerato Adams, il Portsmouth punta all'attuale c.t. del Messico Eriksson

- Miller stavolta fa sul serio "E' la mia ultima stagione"
L'americano, che già in passato aveva manifestato propositi di ritiro, ha confessato alla NBC che a fine anno potrebbe smettere. "Non ho ancora preso una decisione definitiva, ma non credo che sarò a Vancouver 2010"

FONTE: Gazzetta.it


GIOCHI MALE? NON TI PAGO! Succede a Perugia dove gli stipendi sono stati bloccati. Chissà come l'ha presa SARRI...
- Perugia: Stipendi bloccati ai giocatori
In seguito al pareggio per 0-0 con il Pescara, il presidente Leonardo Covarelli ha deciso di bloccare gli stipendi ai giocatori del Perugia (Lega Pro - Prima divisione girone B).

FONTE: CalcioMercato.com

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#VeronaSampdoria CARACCIOLO

#VeronaSampdoria Highlights


Wallpapers gallery