CORTE PANCALDO: ARVEDI lascia PREVIDI raddoppia e l'HELLAS VERONA si ritrova con un nuovo presidente. SARRI al PERUGIA.

Il Conte ARVEDI, provato dall'ennesima contestazione subita fra l'altro fra le mura amiche di CORTE PANCALDO, decide di lasciare anche il ruolo di presidente nelle mani di Nardino PREVIDI; cambia poco: il ruolo del proprietario dell'HELLAS era stato comunque fino a questo momento più formale che reale, a parte quando ha deciso di allontanare COLOMBA e poi SARRI... Nel frattempo bella notizia per le casse dell'HELLAS: Maurizio SARRI, arrivato a VERONA in un momento difficile ed esonerato quando ormai la situazione sembrava volgere al peggio, sembra vicinissimo ad un accordo col PERUGIA; appare una questione di ore l'annuncio ufficiale. Il tecnico toscano in questo momento ha un contratto con la società di CORTE PANCALDO per altre due stagioni. CALCIOMERCATO: - Il CHIEVO ha riscattato Marco PAROLO dal FOLIGNO e al contempo dalla squadra umbra stà rientrando anche Mimmo GIRARDI per fine prestito; questi movimenti sembrano rientrare tutti nel 'giro IUNCO' che porterebbe a VERONA, oltre ai due giovani di belle speranze che in questa stagione tanto bene hanno fatto con BISOLI, anche la comproprietà di Stefano GARZON sempre se quest'ultimo deciderà di ridursi l'ingaggio. - Non sembra del tutto chiuso la pista TIBONI, in comproprietà fra UDINESE e ATALANTA e nelle mire dell'HELLAS. Parrebbe che le due società sarebbero d'accordo nel girare il giocatore in prestito a VERONA. Christian a giocato a lungo in tandem d'attacco con Karamoko CISSÈ nelle giovanili dell'ATALANTA ed il loro riunirsi nella squadra scaligera potrebbe formare una coppia di attaccanti pericolosi in Serie C (o LEGA PRO che dir si voglia). - Matteo LANZONI è definitivamente sfumato, lo conferma il procuratore del centrale difensivo della primavera blucerchiata, aggiungendo che i contatti con PRISCIANTELLI erano a buon punto ma alla fine è intervenuta la societa DORIANA e ha deciso la destinazione pugliese. - Per Samuel DI CARMINE stà nascendo un giallo: la Gazzetta e Di Marzio, emissario ufficiale in ITALIA per il QUEENS PARK RANGERS, confermano l'avvenuto acquisto del gioiellino viola mentre Nardino PREVIDI, neo presidente dell'HELLAS VERONA, smentisce; vedremo come finirà ma al momento, come per LANZONI, nulla di ufficiale è stato scritto... - Non è detta l'ultima per GRECO, assicura PREVIDI, e comunque le buste con la ROMA sono ancora evitabili; con DA SILVA ci sarà la risoluzione e sarà venduto, ad ORFEI è stata fatta una proposta che il giocatore stà valutando... LEGA PRO: Nomi a parte, l'ex Lega di C ha ri-battezzato la C1 come Prima Divisione e la C2 come Seconda Divisione, le novità più grosse riguardano: - il nuovo sponsor tecnico (UMBRO) che sarà affiancato da altri due sponsor che daranno il loro nome alle 2 divisioni, - la composizione delle rose che, per la divisione che ci riguarda, dovrà essere formata da massimo 18 giocatori senza limiti di età ai quali affiancare tutti gli under 21 che si vogliono (per incentivare l'utilizzo dei giovani; dalla stagione 2009/2010 i giocatori senza limiti d'età potranno essere al massimo 14) - il meccanismo di distribuzione dei contributi in base al quale più giovane è il giocatore e più tempo viene utilizzato in prima squadra, più contributi verranno versati alla società di appartenenza (secondo delle percentuali cervellotiche e non ancora ufficiali)
Il Conte ARVEDI, provato dall'ennesima contestazione subita fra l'altro fra le mura amiche di CORTE PANCALDO, decide di lasciare anche il ruolo di presidente nelle mani di Nardino PREVIDI; cambia poco: la funzione del proprietario dell'HELLAS era stata comunque fino a questo momento più formale che reale, a parte quando ha deciso di allontanare COLOMBA e poi SARRI... Nel frattempo bella notizia per le casse dell'HELLAS: Maurizio SARRI, arrivato a VERONA in un momento difficile ed esonerato quando ormai la situazione sembrava volgere al peggio, sembra vicinissimo ad un accordo col PERUGIA; appare una questione di ore l'annuncio ufficiale. Il tecnico toscano in questo momento ha un contratto con la società scaligera per altre due stagioni.

CALCIOMERCATO:
- Il CHIEVO ha riscattato Marco PAROLO dal FOLIGNO e al contempo dalla squadra umbra stà rientrando anche Mimmo GIRARDI per fine prestito; questi movimenti sembrano rientrare tutti nel 'giro IUNCO' che porterebbe a VERONA, oltre ai due giovani di belle speranze che in questa stagione tanto bene hanno fatto con BISOLI, anche la comproprietà di Stefano GARZON sempre se quest'ultimo deciderà di ridursi l'ingaggio.
- Non sembra del tutto chiusa la pista TIBONI, in comproprietà fra UDINESE e ATALANTA e nelle mire dell'HELLAS. Parrebbe che le due società sarebbero d'accordo nel girare il giocatore in prestito a VERONA. Christian a giocato a lungo in tandem d'attacco con Karamoko CISSÈ nelle giovanili dell'ATALANTA ed il loro riunirsi nella squadra scaligera potrebbe formare una coppia di attaccanti pericolosi in Serie C (o LEGA PRO che dir si voglia).
- Matteo LANZONI è definitivamente sfumato, lo conferma il procuratore del centrale difensivo della primavera blucerchiata, aggiungendo che i contatti con PRISCIANTELLI erano a buon punto ma alla fine è intervenuta la societa DORIANA e ha deciso la destinazione pugliese.
- Per Samuel DI CARMINE stà nascendo un giallo: la Gazzetta e DI MARZIO, emissario ufficiale in ITALIA per il QUEENS PARK RANGERS, confermano l'avvenuto acquisto del gioiellino viola mentre Nardino PREVIDI, neo presidente dell'HELLAS VERONA, smentisce; vedremo come finirà ma al momento, come per LANZONI, nulla di ufficiale è stato scritto...
- Non è detta l'ultima per GRECO, assicura PREVIDI, e comunque le buste con la ROMA sono ancora evitabili; con DA SILVA ci sarà la risoluzione e sarà venduto, ad ORFEI è stata fatta una proposta che il giocatore stà valutando...


LEGA PRO: Nomi a parte, l'ex Lega di C ha ri-battezzato la C1 come Prima Divisione e la C2 come Seconda Divisione, le novità più grosse riguardano:
- il nuovo sponsor tecnico (UMBRO) che sarà affiancato da altri due sponsor che daranno il loro nome alle 2 divisioni,
- la composizione delle rose che, per la divisione che ci riguarda, dovrà essere formata da massimo 18 giocatori senza limiti di età ai quali affiancare tutti gli under 21 che si vogliono (per incentivare l'utilizzo dei giovani; dalla stagione 2009/2010 i giocatori senza limiti d'età potranno essere al massimo 14)
- il meccanismo di distribuzione dei contributi in base al quale più giovane è il giocatore e più tempo viene utilizzato in prima squadra, più contributi verranno versati alla società di appartenenza (secondo delle percentuali cervellotiche e non ancora ufficiali)


Lista dei calciatori svincolati al: 18/01/2008

RuoloNomeStato contrattoIntenzioni della società
ALL.REMONDINADef. 1 anno-
POR.CECCHINIPrimavera-
POR.FRANZESE??
POR.LOSCHIPrestito (LUGANO)Rientra a VERONA?
POR.POMINIIn scadenza (SASSUOLO)?
POR.RAFAELComproprietà (SANTOS)Trattativa
DIF.CASTELLANPrimavera-
DIF.COMAZZIPluriennaleNon si vuole tenere
DIF.DIANDAPrestito (VIBONESE)Rientra a VERONA
DIF.DI BARIPrestito (TARANTO)Rientra alla base
DIF.GERVASONIComproprietà (ALBINOLEFFE)Cedere la metà rimanente
DIF.GONNELLAPrestito (GROSSETO)Rientra alla base
DIF.HURMEPrestito (UDINESE)?
DIF.MORABITO?Non si vuole tenere
DIF.ORFEIIn scadenzaSi vuole tenere
DIF.POLITTIComproprietà (UDINESE)Trattativa
DIF.SIBILANO?Si vuole tenere
DIF.TURATIComproprietà (CESENA)Rientra a VERONA?
DIF.SMANIAPrestito (CANAVESE)Rientra a VERONA
CEN.BELLAVISTA?Si vuole tenere
CEN.COLUCCI G.Comproprietà (CATANIA)Cedere la metà rimanente
CEN.CORRENT?Rimane ma a stipendio ridotto
CEN.GARZONPrestito (CHIEVO)Trattativa per rinnovo
CEN.GIRALDIPrimavera-
CEN.GRECOComproprietà (ROMA)Trattativa
CEN.HERZANPrestito (LA SPEZIA)Rientra a VERONA?
CEN.MANCINELLI?Rimane ma a stipendio ridotto
CEN.MINETTIIn scadenza?Non si vuole tenere
CEN.PIOCELLEPluriennaleNon si vuole tenere
CEN.VIGNAPrestito (AREZZO)Rientra alla base
ATT.ALTINIERPrestito (MANTOVA)Rientra alla base
ATT.CISSÈPrestito (ATALANTA)Trattativa per rinnovo
ATT.DA SILVAPluriennaleNon si vuole tenere
ATT.FODERAROComproprietà (VITERBESE)Rientra a VERONA
ATT.IAKOVLEVSKIPrimavera-
ATT.IUNCOComproprietà (CHIEVO)Trattativa/Buste
ATT.MORANTEPluriennaleNon si vuole tenere
ATT.PASTRELLOIn scadenza?
ATT.STAMILLAPrestito (PIACENZA)Rientra alla base
ATT.VRIZPrimavera-
ATT.ZEYTULAEVPluriennaleNon si vuole tenere

LEGENDA: In grassetto i nomi sicuri del futuro HELLAS VERONA.
                  I ruoli con il link conducono alla scheda relativa al giocatore/tecnico.
                  I nomi depennati sono già rientrati alle società di appartenenza.



- Comunicato Ufficiale Hellas Verona Football Club
Affidati a Nardino Previdi anche i poteri di ordinaria amministrazione e rappresentanza
La proprietà, dato il clima che si era venuto a creare per le reiterate manifestazioni della tifoseria - nell’interesse della società - ha deciso, con delibera odierna dell’Assemblea Ordinaria, di collocare nelle mani del Cav. Nardino Previdi, che si occupava della parte tecnica, anche i poteri di ordinaria amministrazione e rappresentanza della società nei confronti di Lega e della Federazione Italiana Giuoco Calcio.

Augurando che tutto ciò contribuisca ad una generale distensione degli animi, nell’esclusivo interesse del club che tutti amiamo, auguriamo a Nardino Previdi buon lavoro.
Pietro Arvedi d'Emili



- Assemblea di Lega: i punti salienti
Umbro sponsor tecnico del campionato, disciplinate la composizione delle rose e la distribuzione contributi
FIRENZE - Nella giornata di gioverdì si è tenuta l’Assemblea di Lega per la modifica della denominazione. Il consiglio direttivo ha deciso di chiamarsi "Lega Italiana calcio professionistico": il cambiamento è stato verbalizzato dal notaio Marino, Giudice Sportivo della categoria. L’obiettivo principale della nuova lega è di valorizzare l’utilizzo dei giovani. Dalla prossima stagione ci saranno Lega Pro prima divisione divisa nei due gironi A e B, e la Lega Pro seconda divisione organizzata nei tre gironi A, B e C. Non muteranno il numero delle squadre ed il meccanismo promozioni-retrocessioni.

Umbro, che sarà lo sponsor tecnico del nuovo campionato, per la fornitura dei palloni di gioco e di allenamento a tutte le società iscritte. In seguito verrà ufficializzato un ulteriore accordo con un "Main" e un "Title" sponsor che daranno la denominazione ai due campionati della categoria. In tutto si dovrebbero dunque avere 3 partner istituzionali e 5 fornitori ufficiali.

Per quanto riguarda la composizione delle rose, nella prima divisione una squadra potrà tesserare 18 giocatori senza limiti di età, più tutti gli under 21 che vuole. Nella seconda divisione potranno essere tesserati 15 giocatori senza limiti di età per il resto tutto gli under 21 che uno vuole. Per la successiva stagione è previsto un ulteriore abbassamento di età delle squadre con un blocco della rosa a 22 giocatori di cui 14 in C1 e 11 in C2 senza limiti di età.

Il meccanismo di distribuzione dei contributi, non ancora ufficiale, è stato illustrato dal vice-presidente della Lega Archimede Pitrolo. Un giocatore farà guadagnare il contributo alla sua società se sarà utilizzato per almeno trenta minuti dal suo allenatore, l’entità del contributo stesso varierà a seconda dell’età. I nati nell’87 faranno guadagnare alla società l’80% del gettone base, quelli dell’88 il 100%, quelli dell’89 il 120%, quelli del ’90 il 140%. Se poi il giocatore in questione proviene dal settore giovanile della stessa società, il gettone sarà aumentato di un altro 20%. L’operazione si esaurirà a 3 giornate dalla fine del campionato: nel periodo clou sarà libero di schierare chi vuole senza guardare l’anno di nascita.

L’inaugurazione della nuova sede della Lega di serie C avverrà il 30 luglio, praticamente a 25 anni dalla morte del prestigioso fondatore della Lega di C, Artemio Franchi. Al taglio del nastro della nuova sede interverrà il presidente della FIFA Blatter insieme ai massimi dirigenti del calcio italiano e internazionale.

FONTE: HellasVerona.it


LANZONIPAROLODI CARMINE

- Parolo: è vero sono vicinissimo al Verona
Intervista di Tggialloblu.it a Marco Parolo, il centrocampista del Foligno che oggi il Chievo ha riscattato per girarlo poi al Verona. "E' vero" ha confermato "siamo in trattative e sono vicinissimo all'Hellas. Girardi? E' un attaccante vero, uno di quelli che la butta dentro".

- Cavalli: Lanzoni al Bari l'ha deciso la Sampdoria
Il procuratore del capitano della Samp Primavera conferma a Tggialloblu.it: "Lanzoni è del Bari, lo ha deciso la Sampdoria. Il Verona? Avevamo dato la nostra disponibilità, ma la società blucerchiata ha scelto la destinazione".
Adesso è ufficiale: Matteo Lanzoni è un colpo sfumato. Il difensore e capitano della Sampdoria Primavera, bloccato dal Verona, giocherà il prossimo campionato nel Bari. A decidere la destinazione finale del giocatore la stessa società blucerchiata: "di Verona ho parlato più volte con Prisciantelli" ha detto a Tggialloblu.it Federico Cavalli, procuratore di Lanzoni. "Noi avevamo dato anche disponibilità al trasferimento, dato che Verona è un'ottima piazza. Ma poi è spuntato il Bari e la società blucerchiata ha deciso per una categoria superiore".

Ma è un affare fatto? Lanzoni ha già firmato per il Bari?
Non ancora, ma firmerà.
Possibilità di un ripensamento dell'ultima ora?
Nessuna. Lanzoni va al Bari al 100%.

- Previdi: non è vero che Di Carmine è del Qpr. Ma Di Marzio (emissario di Briatore) replica a Tggialloblu.it: è nostro
Il nuovo presidente del Verona smentisce che il gioiellino della Fiorentina sia già stato ceduto alla società inglese. Ma nel pomeriggio a Tggialloblu.it Di Marzio, emissario di Briatore in Italia ha confermato: "Di Carmine è nostro, l'abbiamo già preso".
Sta diventando un caso Samuel Di Carmine. Nell'intervista rilasciata questa mattina a Tggialloblu.it, Nardino Previdi smentisce che Samuel Di Carmine sia passato al Qpr di Briatore come riportato ieri dalla Gazzetta dello Sport. "Non è vero" ha detto il nuovo presidente del Verona "e noi siamo ancora in corsa per averlo".

Il giovane attaccante della Fiorentina secondo la Gazzetta andrebbe al Qpr in prestito assieme a Lepiller. Ma forse nella sua scelta influirà anche la parola di Luciano Bruni che dovrebbe essere il secondo di Remondina e che aveva scoperto l'attaccante. Ma la notizia è stata confermata a Tggialloblu.it anche da Gianni Di Marzio, emissario del Qpr di Briatore in Italia. "Di Carmine è nostro, la trattativa è stata già chiusa" ha spiegato.

FONTE: TGGialloblu.it


GIRARDIGIRARDIGIRARDI

- Perugia, sarà Sarri il nuovo allenatore
Il Perugia sembra aver scelto il nuovo allenatore, per la prossima stagione. Dopo tanti sondaggi la scelta è caduta su Maurizio Sarri, quest'anno a Verona dopo aver iniziato il campionato in B con l'Avellino, dimessosi prima dell'esordio di Treviso. Sarri ha allenato in passato anche Pescara, Sangiovannese e Arezzo. Nelle prossime ore ci sarà l'incontro che potrebbe essere seguito dall'annuncio ufficiale.

- UFFICIALE: Girardi e Parolo al Chievo, De Angelis al Foligno
Il Chievo Verona ha riscattato Marco Parolo, centrocampista classe 1985, dal Foligno. A darne l'annuncio è la stessa società scaligera grazie a un comunicato stampa nel quale si informa che Marco De Angelis è stato riscattato dalla società umbra. Torna a casa anche Domenico Girardi, anche lui classe 1985, in prestito al Foligno.

- Atalanta e Udinese alle buste per Tissone
... Le altre due comproprietà fra nerazzurri e friulani che riguardano Michele Rinaldi e Cristian Tiboni sembrano più semplici e probabilmente non si dovrà andare alle buste: per il secondo è probabile un approdo a Verona, sponda Hellas.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


- IL CONTE PASSA LA MANO DOPO LE CONTESTAZIONI
Arvedi fa un passo indietro Previdi è il nuovo presidente. Per ristabilire un clima di serenità in casa gialloblù il patron ha scelto di dare pieni poteri al consulente. Per Iunco si tratta ancora, Di Carmine può arrivare.
Nardino Previdi è il nuovo presidente e amministratore unico dell’HellasVerona. La decisione è stata ufficializzata ieri, ma tutto è nato il giorno della presentazione di Remondina che un gruppo di tifosi ha trasformato in una contestazione a Piero Arvedi. Il conte, deluso, ha deciso di chiedere a Previdi di prendersi anche l’onere, e l’onore, della presidenza, per tentare di svelenire il clima. «Augurando che ciò contribuisca ad unagenerale distensione degli animi, nell’esclusivo interesse del club che tutti amiamo...», recita il comunicato della società gialloblù. «Mi sono preso tutte le responsabilità - commenta Previdi -, perché credo nel progetto che stiamo costruendo». Veniamo ai giocatori per la prossima stagione di C1, anzi della Prima Divisione della Lega Pro, come da ieri si chiama per decisione degli organi ufficiali che hanno anche ratificato il numero di tesserati consentiti: 18 più un numero illimitato di Under 21. «Mi sono visto con Da Silva e Orfei. Col primo riusciamo a risolvere il contratto e a venderlo. Ad Orfei ho fatto una proposta economica che il giocatore non ha ritenuto valida. Si è preso qualche giorno per decidere».

Capitolo Chievo.
«Sabato formalizzeremo gli accordi presi. Noi vogliamo Garzon, Parolo e Girardi come contropartita, altrimenti il Chievo pagherà in contanti l’altra metà di Iunco».
Di Carmine è andato nella squadra di Briatore?
«No. Se la Fiorentina sarà disposta a pagare buona parte dell’oneroso ingaggio del giocatore, potrebbe ancora arrivare a Verona».
Greco alle buste?
«Non è detto».

FONTE: DNews.eu



- VALZER A CORTE PANCALDO.
PIERO ARVEDI SI È DIMESSO. L’ASSEMBLEA ORDINARIA HA PASSATO I POTERI DI AMMINISTRAZIONE E RAPPRESENTANZA A «DON NARDINO»
Hellas, il nuovo presidente è Previdi «Cambia poco rispetto a prima, sicuramente avrò più responsabilità. Sono contento, mi piace la sfida»
Quando arriva l’estate non mancano i temporali nel cielo gialloblù. L’ultima sorpresa in casa Hellas è arrivata ieri (l'altro n.d.S.) pomeriggio, intorno alle sei e mezza. «La proprietà - scrive il il presidente del Verona, Piero Arvedi, sul sito ufficiale del club di Corte Pancaldo - visto il clima che si è venuto a creare dopo le reiterate manifestazioni della tifoseria, nell’interesse della società, ha deciso di collocare nelle mani del cavalier Nardino Previdi, che già si occupava della parte tecnica, anche i poteri di ordinaria amministrazione e rappresentanza della società nei confronti di Lega e FederCalcio. Con l’augurio che tutto ciò possa contribuire a una generale distensione degli animi, nell’esclusivo interesse della squadra che tutti amiamo. Auguro a Nardino Previdi buon lavoro».
La firma è di Piero Arvedi. In poche parole il Conte resta il proprietario del Verona, Previdi è il nuovo presidente esecutivo.

PIÙ RESPONSABILITÀ. «Cosa cambia? Poco o nulla - ammette il nuovo presidente dell’Hellas pochi minuti dopo la nomina - continuerò a fare quello che facevo prima, il nostro progetto non è finito. Sicuramente si allargano le responsabilità, avrò nuovi compiti. Ma so di avere accanto collaboratori fidati per l’area tecnica, per quella amministrativa, in segreteria... Dovrò vigilare ma sono tranquillo. Vorrei soprattutto far bella figura».

UNA «GATTA DA PELARE». Il «vecchio leone» aveva detto che sarebbe rimasto fino a settembre per concludere le operazioni di mercato, vedere le prime partite, sorridere per i risultati positivi e poi ritirarsi a Sassuolo. Solo una consulenza, una volta alla settimana... Questa decisione dà continuità al mandato di Previdi. «Conoscete la mia condizione di salute -puntualizza - il mio impegno non può essere duraturo, non faccio promesse a lungo termine ma voglio portare a termine l’impegno che mi sono preso. So che ho una brutta gatta da pelare ma la voglio pelare bene».

UN CAMMINO DIFFICILE. In effetti Previdi conosce le difficoltà che dovrà affrontare. Dovrà risistemare la società, far quadrare i conti, trattenere a Verona i cinque o sei giocatori esperti che potrebbero costituire l’ossatura della squadra di Remondina, incentivare all’uscita quelli con il contratto più oneroso. «Abbiamo fatto i primi colloqui - continua il nuovo presidente - nei prossimi giorni incontreremo i giocatori che potrebbero rimanere qui anche l’anno prossimo. Proporremo un ridimensionamento dell’ingaggio ma anche loro dovranno mandare un messaggio per far capire a tutti che vogliono restare. Ho affrontato questa avventura con grande coraggio, forse con un po’ di incoscienza, ma sono convinto che possiamo fare bene».

I NODI DEL MERCATO. Il mercato non è ancora entrato nel vivo ma un paio di giocatori, vedi Lanzoni e Di Carmine, contattati dal Verona sono finiti in altre piazze. Ci sono un paio di comproprietà importanti da risolvere - Greco con la Roma e Giuseppe Colucci con il Catania senza dimenticare Gervasoni con l’Albinoleffe - che potrebbero portare liquididità nelle casse gialloblù. «Se non troveremo accordi soddisfacenti - spiega Previdi - cercheremo di prenderli tutti alle buste, potrebbero diventare elementi importanti per le trattative e qualcuno potrebbe rimanere».

DALLA PARTE DEL CONTE. Arvedi ha salutato tutti ancora una volta, era già successo in passato. Perchè si è dimesso. «Non voleva più andare avanti - afferma Previdi - la contestazione di sabato mattina l’ha colpito, un’amarezza incredibile. Una protesta fuori luogo, lo ripeto. Il Conte ha fatto degli errori, lo sa e lo ha ammesso. E ha pagato di tasca sua. Non merita degli applausi, per carità, ma non ha il diritto di prendersi delle offese. Ancora una volta per garantire l’iscrizione ha messo mano al portafoglio».

IL RAPPORTO CON EROS. Dodici anni fa Previdi era arrivato da direttore sportivo ed era diventato vicepresidente esecutivo dopo due stagioni con la famiglia Mazzi, adesso in quattro mesi è passato da consulente a presidente. «Vuol dire che ho un po’ di esperienza in più - sorride Previdi - scherzi a parte, ricordo con grande piacere l’esperienza con la famiglia Mazzi. Il commendator Eros mi ha sempre trattato come un figlio, ho avuto un rapporto bellissimo con i figli, soprattutto con Alberto. Grande stima, grande rispetto, l’amicizia che continua ancora. Siamo consapevoli di aver messo in piedi in quegli anni un bel progetto e di aver regalato soddisfazioni a tutta Verona».



- Su e giù dalla poltrona che conta
Su e giù dalla poltrona presidenziale. Un «giochino» che dura da qualche anno, l’ha inventato il conte Piero Arvedi che in poche stagioni ha cambiato «ruoli e maglia» all’interno dell’Hellas. Tutto iniziò il 20 settembre del 2003. Giambattista Pastorello, allora proprietario e presidente della società, rassegna le dimissioni e passa la carica al Conte di Cavalcaselle. «Sono un ministro senza portafoglio - disse in quell’occasione- ma faccio un favore a un amico e cercherò di traghettare la società nelle mani di un nuovo padrone».

Sette mesi dopo, il 19 aprile del 2004, dopo la sconfitta di Livorno e la squadra con un piede in C1, Arvedi si dimette e Pastorello torna in carica.
Otto mesi dopo, a fine dicembre, il Conte acquista il 20 per cento della società e diventa il presidente onorario dell’Hellas. Resta al suo posto per un paio d’anni poi decide, siamo nel settembre del 2006, di acquisire anche l’80 per cento delle azioni del Verona ancora in mano a Pastorello. Nei primi mesi di gestione è Sergio Puglisi Maraja il presidente, a fine anno il consiglio d’amministrazione dà le dimissioni e Arvedi diventa il presidente unico. È rimasto sulla poltrona fino a ieri pomeriggio, adesso Previdi è il presidente, Arvedi il proprietario dell’Hellas.


- L’ASSEMBLEA A FIRENZE.
LA PROPOSTA DI MARIO MACALLI È STATA ACCOLTA ALL’UNANIMITÀ
La serie C cambia nome Ora si chiamerà Lega Pro. Le squadre potranno avere in organico 18 tesserati senza limiti di età più tutti gli Under 21 che vogliono

FONTE: LArena.it




[OFFTOPIC]
EUROPEI: La TURCHIA supera la CROAZIA ai rigori, se la vedrà con la GERMANIA brutta ma efficace che ha eliminato il PORTOGALLO. Dopo essere uscito con la sua FRANCIA nella fase a gironi il 'povero' DOMENECH dovrà tenere a bada i galletti infuriati: minacce via SMS alla sua futura moglie. CALCIOMERCATO: La ROMA riscatta VUCINIC, KONKO torna a SIVIGLIA
EUROPEI: La TURCHIA supera la CROAZIA ai rigori, se la vedrà con la GERMANIA brutta ma efficace che ha eliminato il PORTOGALLO. Dopo essere uscito con la sua FRANCIA nella fase a gironi il 'povero' DOMENECH dovrà tenere a bada i galletti infuriati: minacce via SMS alla sua futura moglie. CALCIOMERCATO: La ROMA riscatta VUCINIC, KONKO torna a SIVIGLIA...
- La favola Turchia continua. Croazia beffata ai rigori
Gli uomini di Terim in semifinale contro la Germania: 1-1 dopo i supplementari grazie al botta e risposta tra Klasnic (119') e Senturk (122'). Tre errori dal dischetto per i croati che perdono 4-2 e salutano l'Europeo

- Germania in semifinale. Il Portogallo torna a casa
Partita emozionante a Basilea: la nazionale di Loew batte quella di Scolari e Ronaldo 3-2 e la elimina da Euro 2008. Schweinsteiger e Klose danno il doppio vantaggio ai tedeschi, Nuno Gomes accorcia le distanze prima dell'intervallo. Nella ripresa, reti di Ballack e Postiga

- Sms a raffica sul cellulare. Insulti a madame Domenech
Estelle Denis, compagna del c.t. della Francia, in questi giorni ha ricevuto sul suo telefonino numerosi messaggi poco simpatici. La procura di Parigi ha già aperto un'inchiesta

- La Roma riscatta Vucinic. Il Siviglia si prende Konko
I giallorossi si prendono dal Lecce l'altra metà del montenegrino per 12 milioni. L'esterno del Genoa in Spagna per 9 milioni di euro. L'Inter deposita il contratto di Balotelli e aspetta Deco. La Fiorentina smentisce la cessione di Santana

FONTE: Gazzetta.it
Condividi questo articolo:
Vota su WikioFav This With TechnoratiSalva su SegnaloVota su Fai InformazioneVota su DiggitaFurl this pageSegnala su ziczac
Add To Del.icio.usCondividi su MeemiMixx This

0 commenti:

Posta un commento

Libreria HELLAS! La storia gialloblù da leggere (e conservare)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!






#SpalVerona Romulo

#SpalVerona Verde


Wallpapers gallery